26.8 C
Rome
sabato, Giugno 22, 2024

Sorprese delle elezioni del Parlamento europeo paura per l’Ucraina: il pericoloso trionfo di Le Pen, l’umiliante sconfitta di Scholz e Macron

Sorprese delle elezioni del Parlamento europeo paura per lUcraina: il pericoloso trionfo di Le Pen, e l’umiliante sconfitta di Scholz e Macron. a tutto questo porta anche una riduzione degli aiuti all’Ucraina e chiede “pace” a livello globale.

Sorprese delle elezioni del Parlamento europeo. I leader dell’UE devono cambiare urgentemente le loro politiche, altrimenti forze di estrema destra e filo-russe potrebbero salire al potere in Europa, il che minaccia non solo l’isolazionismo e una politica migratoria più dura, ma anche una riduzione degli aiuti all’Ucraina e chiede “pace” a livello globale. qualsiasi prezzo.

Il Partito popolare europeo (PPE), di centrodestra e filo-ucraino, che ha nominato la presidente della Commissione europea (CE) Ursula von der Leyen per un secondo mandato, ha vinto le elezioni del Parlamento europeo (PE), ottenendo 186 seggi, un quarto dei 720. -sede EP. Al secondo posto i socialdemocratici con 134 seggi. Al terzo posto c’è il gruppo liberale Renew Europe, 79 seggi. Di conseguenza, hanno più di 400 mandati, il che è abbastanza (il minimo richiesto è 361 voti) per rinominare Ursula von der Leyen per un secondo mandato alla guida della Commissione Europea.

Ciò significa che questa coalizione informale dei tre principali gruppi parlamentari filo-europei avrà abbastanza voti per nominare un nuovo membro della CE, anche se l’ulteriore destino politico di Ursula von der Leyen è ancora oggetto della questione dell’approvazione delle leggi necessarie e del Bilancio dell’UE. Rispetto alle elezioni europee del 2019, il PPE ha perso solo un seggio, a differenza dei socialdemocratici e di Renew Europe – rispettivamente 13 e 19 seggi.

I partiti di estrema destra hanno ottenuto risultati inferiori a quelli forniti dai sondaggi d’opinione. Ad esempio, il partito Fidesz del primo ministro ungherese filo-russo Viktor Orbán, pur occupando il primo posto, ha ottenuto il risultato peggiore nella storia delle elezioni europee – 44,52%, rivendicando 11 seggi. Ma i più indicativi per la politica europea sono i risultati di Francia e Germania, che detengono il maggior numero di mandati nell’Unione europea: al primo posto c’è “l’Unione nazionale” della filorussa Marine Le Pen con il 31,4%, grazie al quale Emmanuel Macron ha compiuto un passo radicale: ha sciolto il Parlamento francese; e il partito filo-Cremlino Alternativa per la Germania in Germania è arrivato secondo con il 15,9%, davanti all’SPD di Olaf Scholz, che aveva il 13,9%.

Cosa indicano allora i risultati delle decime elezioni del Parlamento europeo? A cosa dovrebbero pensare i leader europei prima che sia troppo tardi? Ma cambieranno il sostegno e la politica dell’UE nei confronti dell’Ucraina? Maggiori informazioni nel testo di TSN. u.a.

La destra in marcia: è tutto così brutto?

Le elezioni per il Parlamento Europeo si svolgono ogni 5 anni. Negli ultimi anni, gli ucraini hanno sentito parlare del Parlamento europeo principalmente a causa delle varie risoluzioni adottate a sostegno dell’Ucraina, che hanno una voce forte e un significato politico nell’UE, ma, sfortunatamente, non hanno valore legale. Cioè, non sono obbligatori a livello del blocco o dei paesi membri. Allo stesso tempo, il Parlamento europeo adotta il bilancio dell’UE, le leggi, ad esempio, sulla politica di sicurezza, elegge il presidente della Commissione europea (CE) e i suoi 27 membri. E questo riguarda direttamente l’Ucraina sulla strada verso l’adesione e il sostegno dell’UE nella guerra con la Russia.

I risultati delle elezioni per il decimo anniversario del Parlamento europeo del 6-9 giugno non indicano che l’Ucraina rischia di perdere il sostegno dell’Europa. Allo stesso tempo, se confrontiamo i risultati dei principali partiti di centrodestra nelle elezioni del 2014 e fino ad oggi, la tendenza in questi 10 anni è evidente: si sta verificando uno spostamento politico a destra. Sebbene questa tendenza non sia visibile in tutti i paesi, non tutti gli esponenti della destra sono antieuropei e filorussi, ma molti prestano attenzione ai cambiamenti politici nei principali paesi dell’UE.

Gran parte dell’attenzione è focalizzata sui risultati delle elezioni del Parlamento europeo in Germania, Francia, Italia, Spagna e Polonia. Questi paesi hanno il maggior numero di seggi al Parlamento europeo in termini di popolazione – 367 su 720. Molti esperti, sulla base di sondaggi d’opinione, hanno avvertito che i partiti populisti di estrema destra otterranno ottimi risultati in queste elezioni a causa di un forte aumento nel loro sostegno tra i giovani. Tuttavia, ad esempio, in Spagna, il Partito popolare di centrodestra (34,2%) ha vinto il primo posto alle elezioni europee, leggermente davanti alla forza politica socialdemocratica PSOE del primo ministro Pedro Sánchez (30,2%). Il partito populista di destra spagnolo Vox ha ottenuto solo il 9,6% dei voti.

La Francia abbraccia la Russia come l’Ungheria di Orban. Uno scenario possibile, ma i “ma” sono tanti

La situazione è simile in Italia, dove il partito “Fratelli d’Italia” del primo ministro Georgia Maloney ha vinto le elezioni europee (28,6%). Al secondo posto i socialdemocratici con il 25,6%. E solo il terzo e il quarto posto sono occupati dai populisti e dall’estrema destra del “Movimento Cinque Stelle” (9,7%) e della “Lega” del vicepremier filorusso Matteo Salvini (8,8%), già a capo dell’estrema destra. gruppo politico di destra nell’ultima convocazione del Parlamento europeo “Identità e democrazia”. A proposito, la “Lega” di Matteo Salvini ha ottenuto il 34% dei voti alle elezioni europee del 2019. Quindi, come si vede, il calo è piuttosto significativo, ancor più che nel partito Fidesz del primo ministro filo-russo Viktor Orban.

In Polonia, il partito “Coalizione Civile” dell’attuale primo ministro Donald Tusk ha ottenuto il primo posto alle elezioni europee con il 37,1%. Ma i loro strenui avversari – i conservatori “Legge e Giustizia” (anche se spesso ricorrono al populismo e flirtano con l’elettorato di destra e di estrema destra) di Yaroslav Kaczyński – hanno il fiato sul collo con il 36,2%. Cioè, con il primo e il secondo posto della Polonia alle elezioni europee, l’andamento è più o meno simile ai risultati di Italia e Spagna. Tuttavia, con una differenza molto significativa: la “Confederazione” polacca di estrema destra, filo-russa e anti-ucraina, che è dietro la maggior parte delle azioni di blocco del confine ucraino-polacco, delle proteste dei trasportatori e degli agricoltori, ha ottenuto il 12,1%. Questo è il miglior risultato di questo partito, che rivendica 6 seggi al Parlamento europeo, alle elezioni europee.

Naturalmente, come in ogni elezione, ci sono anche casi curiosi, per così dire. Ad esempio, il sindaco di una delle città dell’Albania è stato eletto al Parlamento europeo dalla Grecia, che sta scontando una pena per corruzione di voti. Ad esempio, a Cipro è stato eletto uno YouTuber di 24 anni che a gennaio aveva dichiarato di non avere alcuna idea di politica. Nonostante ciò, un elettore su cinque ha votato per lui. Sebbene alcuni ucraini abbiano familiarità con una simile scelta. Tuttavia, i risultati delle elezioni in Francia e Germania hanno mostrato le maggiori sorprese.

Domenica 9 giugno, a tarda sera, Emmanuel Macron ha sciolto il parlamento francese. Lo ha annunciato in un discorso televisivo alla nazione subito dopo che si è saputo che l’Unione nazionale della filorussa Marine Le Pen aveva vinto il primo posto alle elezioni del Parlamento europeo in Francia. La coalizione di governo guidata dalla forza politica del presidente Macron, il “Rinascimento”, ha ottenuto solo il 14,6%, ovvero 13 seggi al Parlamento europeo.

Già il 30 giugno nel paese si terrà il primo turno delle elezioni parlamentari e il 7 luglio il secondo, poco prima dell’inizio dei Giochi Olimpici a Parigi il 26 luglio. “Questo risultato non fa bene ai partiti che difendono l’Europa. L’estrema destra sta guadagnando terreno in tutto il continente. Non posso fare come se nulla fosse successo. Per questo, a seguito delle consultazioni previste dall’articolo 12 della nostra Costituzione, ho Abbiamo deciso di darvi ancora una volta la possibilità di scegliere il nostro futuro parlamentare attraverso il voto”, ha affermato Macron.

Molti nell’UE, così come nella stessa Francia, non hanno compreso un passo così spontaneo ed emotivo di Macron. Perché è improbabile che il suo partito vinca le elezioni parlamentari anticipate, anche se alleato con altre forze politiche. Secondo il canale BMFTV, il primo ministro Gabriel Attal, il più giovane capo di governo della storia francese moderna, ha dissuaso Emmanuel Macron dallo sciogliere il parlamento e dall’indire elezioni in cui avrebbe potuto vincere l’Unione nazionale filo-russa Marine Le Pen.

Tuttavia, alcuni esperti di social network hanno aggiunto che forse dietro questo passo si nasconde un piano insidioso di Macron, che non potrà più candidarsi alle elezioni presidenziali del 2027, perché il suo secondo mandato è già in corso: lasciare che Le Pen e il suo partito falliscono in tutto ciò che promettono alla gente. Dopotutto, secondo i sondaggi d’opinione, il 54% dei francesi è favorevole allo scioglimento dell’Assemblea nazionale. Tuttavia, anche se fosse così, il piano di Macron è troppo rischioso, perché in caso di vittoria, Marine Le Pen guiderà il governo.

In Germania, a prima vista, non tutto è così “cattivo” rispetto alla Francia. La vittoria alle elezioni europee è stata ottenuta dal blocco CDU/CSU con il 30%, che ora si oppone al cancelliere della SPD Olaf Scholz, il quale, ad esempio, sostiene costantemente la fornitura di missili Taurus a lungo raggio all’Ucraina, invitando il governo ad aumentare la fornitura di aiuti militari all’Ucraina. Tuttavia, vale la pena ricordare che la CDU è il partito “nativo” di Angela Merkel che, come l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama, persegue da tempo una politica di pacificazione nei confronti della Russia. Pertanto non è noto se il blocco CDU/CSU cambierà la sua retorica riguardo al sostegno all’Ucraina una volta arrivata al potere.

Tuttavia, la cosa più pericolosa in questo momento sia per l’Ucraina che per l’UE è il secondo posto del partito filo-russo e di estrema destra Alternativa per la Germania, che ha ottenuto il 15,9% dei voti. Inoltre, se si guarda la mappa della Germania relativa al voto per la CDU/CSU e per l'”Alternativa per la Germania” per regione, è difficile non notare che quest’ultima è stata votata esclusivamente dai residenti della Germania dell’Est, dividendo così il Paese quasi lungo il confine tra la Germania e l’ex DDR, che era sotto l’occupazione sovietica.

Nella stessa Germania, dopo la pubblicazione dei risultati delle elezioni del Parlamento europeo, le passioni erano alle stelle. Seguendo l’esempio della Francia, il leader della CDU/CSU Markus Söder ha chiesto che si tengano immediatamente elezioni parlamentari anticipate. “Questo governo è praticamente finito. E ora dovrebbe essere come in Francia: ci sono state richieste per nuove elezioni, ci sono nuove elezioni per Macron. Il nostro Paese ha bisogno di un nuovo inizio. Ecco perché dovrebbero tenersi nuove elezioni il prima possibile,” ha detto il primo ministro bavarese.

Il portavoce del governo tedesco, Steffen Gebeshreit, si è affrettato a dichiarare che la coalizione di governo “non ha preso in considerazione neanche per un secondo” la possibilità di elezioni anticipate nel paese, nonostante gli scarsi risultati di tutti e tre i partiti della coalizione. Inoltre, le prossime elezioni del Bundestag si terranno comunque nell’autunno del 2025. Pertanto, il tempo dirà se i risultati delle elezioni europee avranno indebolito le posizioni dell’SPD, dei Verdi e dei Democratici liberi – i tre partiti di coalizione dell’attuale governo tedesco – a più di un anno dalle elezioni federali.

Sostegno all’Ucraina: cosa aspettarsi

È improbabile che dovremmo aspettarci inversioni piuttosto brusche nel sostegno all’Ucraina, sia nella direzione di aumentare che di diminuire gli aiuti. Molto probabilmente la politica di Bruxelles nei confronti di Kiev resterà invariata, anche perché difficilmente i partiti euroscettici, di estrema destra e antiucraini troveranno un linguaggio comune, soprattutto dopo gli scandali attorno al primo e al secondo numero del quotidiano “Alternative”. per la Germania” nella lista alle elezioni europee di Maximilian Kra e Petro bistro Il primo ha affermato in un’intervista a una pubblicazione italiana che chiamare criminali tutti i membri delle SS di Hitler è una “falsa generalizzazione”, e il suo assistente è stato arrestato con l’accusa di spionaggio a favore della Cina. E Petro Bystron è stato perquisito a maggio perché sospettato di ricevere denaro dalla Russia.

“Alternativa per la Germania” ha già espulso Maximilian Kra e Petr Bystron dalla sua fazione al Parlamento europeo. Ma difficilmente anche l'”Unione nazionale” della filorussa Marine Le Pen, sulla quale si susseguono una serie di scandali sul finanziamento russo del suo partito, collaborerà con l'”Alternativa per la Germania”. Un tempo la Le Pen aveva offerto collaborazione ai “Fratelli d’Italia” del primo ministro Maloney, ma lei ha rifiutato. Data la frammentazione e la frammentazione, così come gli scandali che hanno scosso le fila dei partiti di estrema destra, è improbabile che formino un gruppo in grado di bloccare il processo decisionale sia nel Parlamento europeo che nella Commissione europea.

L’unica cosa che a breve termine può influenzare la politica dell’UE nei confronti dell’Ucraina è il processo di formazione di una nuova Commissione europea. Dopotutto, alla fine di giugno, al vertice di Bruxelles, i leader dell’UE dovranno finalmente approvare la decisione di avviare i negoziati ufficiali per l’adesione dell’Ucraina all’UE. Il fatto è che non tutti nel Partito popolare europeo (PPE), tra i socialdemocratici e nel gruppo Renew Europe sono favorevoli alla riconferma di Ursula von der Leyen per un secondo mandato alla guida della Commissione europea. Innanzitutto Emmanuel Macron e Olaf Scholz sono contrari.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles