26.8 C
Rome
sabato, Giugno 22, 2024

La Francia abbraccia la Russia come l’Ungheria di Orban. Uno scenario possibile, ma i “ma” sono tanti

La Francia abbraccia la Russia come l’Ungheria di Orban. Uno scenario possibile, ma i “ma” sono tanti. Marine Le Pen marcerà per il potere, farà una rivoluzione e adotterà una linea filo-russa?

Le turbolenze post-elettorali in Francia sollevano preoccupazioni su ciò che accadrà prossimamente alla politica estera francese. Marine Le Pen marcerà per il potere, farà una rivoluzione e adotterà una linea filo-russa? L’AfD può fare lo stesso in Germania? – La presa del potere da parte del Raggruppamento Nazionale (RN – il partito di Marine Le Pen – ndr) significherebbe probabilmente che la Francia inizierebbe a perseguire una politica che ricorda l’azione dell’Ungheria, che nel caso di una potenza nucleare e del secondo paese più importante al mondo l’UE avrebbe conseguenze molto negative – dice Gazeta.pl Łukasz Maślanka, analista del Centro per gli studi orientali. Tuttavia, afferma che uno scenario del genere per ora è remoto. Soprattutto perché la Francia ha un sistema presidenziale, quindi quando si tratta di politica estera e sicurezza, il presidente ha più da dire. Macron sarà presidente fino al 2027.

È meglio che Donald Tusk non lo veda. Così ha votato il comune più ricco della Polonia

La Francia su un percorso relativamente stabile fino al 2027

– Macron spera probabilmente di interrompere la serie positiva del CS annunciando elezioni anticipate. Con la maggioranza francese e il sistema elettorale a due fasi può contare sul fatto che le tendenze centriste trionferanno e che il risultato del partito di Le Pen non sarà così buono – dice Tomasz Bielecki, corrispondente a Bruxelles di Polityka Insight. Richiama l’attenzione sul fatto che le elezioni del Parlamento europeo hanno un carattere specifico nella maggior parte dei paesi. Mobilitano soprattutto l’elettorato radicale e spesso rappresentano un’occasione per votare in segno di protesta, il che produce risultati diversi rispetto alle elezioni nazionali . – Questo accade soprattutto in Francia – dice Bielecki.

Anche se il partito di Le Pen dovesse ottenere il maggior numero di voti alle prossime elezioni, sarebbe praticamente irrealistico formare un governo indipendente . Ciò richiederebbe una coalizione o almeno una cooperazione con l’ala destra più moderata, il partito repubblicano. – Dopo tutto, uno scenario del genere non è molto probabile – dice Maślanka. Se si assumesse una possibilità quasi improbabile, si avrebbe la cosiddetta coabitazione, cioè il funzionamento di governo e presidente di diverse formazioni politiche. Un parlamento di destra sarebbe in grado di bloccare in gran parte le azioni di Macron. – Avremmo quasi tre anni di stallo e deriva. Il momento chiave del cambiamento sarebbero le elezioni presidenziali del 2027, afferma Bielecki.

Se Le Pen riuscisse a raggiungere il massimo potere in Francia in tre anni, i cambiamenti sarebbero già visibili. – Ci si potrebbe aspettare che le vittime più dirette della politica estera della RN siano le relazioni transatlantiche, le relazioni franco-tedesche e l’Ucraina. La Francia bloccherebbe l’imposizione di nuove sanzioni alla Russia, smetterebbe di fornire armi a Kiev e si opporrebbe a qualsiasi discussione sull’espansione dell’UE e della NATO, ritiene Maślanka. Tuttavia, nota che Le Pen ha leggermente cambiato le sue opinioni dichiarate dopo l’invasione russa dell’Ucraina, e il suo partito ha condannato l’aggressione e ha sostenuto alcune sanzioni contro la Russia. Ha anche chiarito che le garanzie degli alleati nei confronti dell’Europa centrale rimarranno in vigore. – Per la maggioranza della classe politica francese, per usare un eufemismo, tradizionalmente molto comprensiva nei confronti della Russia, l’aggressione del 2022 stava attraversando il Rubicone. Non ci sarà alcun ritorno a ciò che era prima, il cambiamento è permanente, ritiene Bielecki.

Nel frattempo, si prevede che Macron giocherà con forza la carta filo-russa di Le Pen nella campagna elettorale. – Finora ha utilizzato questa carta in modo abbastanza efficace per indebolire l’estrema destra. Possiamo quindi aspettarci che continuerà a farlo anche adesso e che addirittura inasprirà la sua politica nei confronti di Mosca, almeno in modo dichiarativo, per enfatizzare ulteriormente questo contrasto, ritiene Bielecki. Maślanka è d’accordo con questo, anche se sottolinea che la politica di Macron nei confronti di Russia e Ucraina è stata piuttosto imprevedibile anche senza questo fattore, e che il sostegno reale della Francia agli ucraini è molto inferiore a quello di Stati Uniti , Germania e persino Polonia. – Mantenere l’ambiguità sia nei confronti degli avversari che degli alleati è il suo marchio di fabbrica – afferma l’analista di OSW. Sottolinea però che la sua politica dopo le elezioni resterà sconosciuta. – È possibile che, sotto l’influenza di un buon risultato, il CS ritorni ad una politica più conservatrice volta a cercare una “soluzione pacifica al conflitto”, ma se lo farà, sarà perché lo considera più redditizio , e non perché costretto dal partito di Le Pen – descrive Buttermilk.

Le forze armate respingono nove attacchi vicino a Pokrovsk: lo Stato Maggiore ha riferito i dettagli

L’analista di OSW aggiunge che anche l’esito delle elezioni americane sarà di grande importanza: la vittoria di Trump incoraggerebbe Macron a promuovere più intensamente l’agenda di “autonomia strategica dell’UE”, alla quale il partito di Le Pen si oppone. – Indipendentemente dal governo, il bilancio sarà un fattore di grande importanza per l’orientamento della politica di sicurezza francese e per l’ulteriore sostegno all’Ucraina. Con oltre tremila miliardi di euro di debito, la Francia si trova di fronte alla prospettiva di una procedura per disavanzo eccessivo e di una minore solvibilità, dice Maślanka.

In Germania cordone sanitario

Mentre il primo posto dell’RN ha suscitato grandi emozioni, il secondo posto dell’Alternativa tedesca per la Germania (AfD) fa un’impressione leggermente più piccola ma comunque seria. Un partito di estrema destra che dichiara atteggiamenti filo-russi e ha tra le sue fila politici che cercano di minimizzare i crimini tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale. – Il buon risultato dell’AfD è il risultato della mobilitazione dell’elettorato, della delusione per le politiche della coalizione di governo SPD (socialisti – ndr), dei Verdi e FDP (liberali – ndr) e dell’argomento più importante nel elezioni, cioè la politica migratoria – dice Kamil Frymark, analista di OSW, a Gazeta.pl. Come spiega, l’AfD è percepita come la più credibile nel ridurre il numero dei rifugiati in Germania. Tuttavia, gli scandali che coinvolgono i politici dell’AfD non hanno molta importanza per l’elettorato del partito e non li scoraggiano dal votare. – Allo stesso tempo, l’aggressione di un afghano, in cui un poliziotto è stato ucciso a Mannheim poco più di una settimana prima delle elezioni del Parlamento europeo, e gli attacchi contro i rappresentanti dell’AfD hanno provocato la mobilitazione dell’elettorato – aggiunge.

“Kadyrovtsi” acceso nell’oblast di Sumy: c’è la minaccia di una nuova grande offensiva della Federazione Russa

Tuttavia, la strada da percorrere prima che l’estrema destra regni in Germania è ancora molto lunga. Anche se Frymark sottolinea che il calendario politico è favorevole all’AfD. In autunno si terranno le elezioni locali, a seguito delle quali l’estrema destra potrebbe conquistare il potere nei Länder orientali, rafforzandolo ulteriormente prima delle elezioni del Bundestag del 2025. – Questo fatto farà pressione sul governo Scholz affinché limiti gli aiuti all’Ucraina. Sia la campagna elettorale in Sassonia, Turingia e Brandeburgo, sia quella per il Bundestag, si concentreranno, tra l’altro, su questo tema. Inoltre nell’SPD c’è una forte fazione “pacifista” che chiederà la riduzione degli aiuti militari per l’Ucraina, dice Frymark.

In questo contesto, tuttavia, ciò che è più significativo è il buon risultato dei democratici cristiani, cioè CDU/CSU, che hanno ottenuto il 30% dei voti, e questi partiti molto probabilmente guideranno la formazione di un nuovo governo dopo le elezioni del 2025. Non è più lo stesso partito che simpatizzava con la Russia dai tempi di Angela Merkel. – I cristiano-democratici, guidati dal nuovo presidente Friedrich Merz, vedono nella Russia attuale una minaccia fondamentale per l’ordine di sicurezza in Europa. Lo sottolinea anche nel nuovo programma del partito. È favorevole all’aumento degli aiuti, compresi quelli militari, per l’Ucraina e alla sua adesione all’UE a lungo termine. Inoltre è favorevole al rafforzamento della Bundeswehr più che, ad esempio, alla SPD, spiega Frymark. Pertanto, nonostante il buon risultato dell’AfD alle elezioni attuali, la posizione della Germania nei confronti della Russia dovrebbe solo diventare più severa nei prossimi anni. – Inoltre, nella politica tedesca c’è uno stretto cordone sanitario attorno all’estrema destra. Tutti gli altri partiti faranno tutto il possibile per impedirle di governare. Il parlamentarismo tedesco ha però una tradizione di coalizioni anche molto ampie, per cui le possibilità di governo dell’AfD sono molto scarse, aggiunge Bielecki.

Il corrispondente di PI sottolinea che l’estrema destra europea generalmente intesa ha subito una certa evoluzione dopo il 2022. – Non si tratta solo delle correzioni alle opinioni di Le Pen menzionate in precedenza. L’esempio più eclatante è quello del primo ministro italiano Giorgia Meloni, che a Roma si è rivelata la migliore alleata possibile dell’Ucraina, nonostante sia una rappresentante dell’estrema destra, dice Bielecki. La coalizione guidata da Meloni, Fratelli Italiani, ha ottenuto un ottimo risultato elettorale. Ha ottenuto quasi il 29% dei voti, mentre nelle elezioni parlamentari del 2022 era il 22%. Ciò significa che le politiche anti-russe e filo-russe non hanno danneggiato il paese agli occhi dell’elettorato fortemente di destra. Bielecki porta anche l’esempio del politico olandese di estrema destra Geert Wilders, che dopo il 2022 è passato anche lui da ex sostenitore di una stretta cooperazione con la Russia a una posizione più moderata. – Dei più grandi partiti europei di estrema destra, solo l’AfD non ha subito una simile evoluzione, dice Bielecki.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles