1.5 C
Rome
martedì, Febbraio 27, 2024

Fu portato al battesimo su un cuscino d’oro. Nessuno poteva sapere quale fine crudele avrebbe incontrato

Fu portato al battesimo su un cuscino d’oro. Nessuno poteva sapere quale fine crudele avrebbe incontrato.  E’ il suo unico figlio, per cui al momento della nascita divenne automaticamente il suo successore. 

Fu portato al battesimo su un cuscino d’oro.  Alexei Nikolaevich Romanov era il più giovane dei cinque figli dell’ultimo imperatore di Russia. E’ il suo unico figlio, per cui al momento della nascita divenne automaticamente il suo successore. È nato con una grave malattia, quindi sua madre non lo ha mai perso di vista. Quando Alexandra Feodorovna sposò Nicola II nel 1894, era chiaro che uno dei suoi compiti più importanti sarebbe stato quello di dare alla luce un figlio che in futuro avrebbe sostituito suo marito sul trono imperiale. Non ha fatto aspettare a lungo Nicholas o l’intera Russia per il suo primo figlio.

 Nel 1895 nacque il suo primo figlio , ma era una ragazza di nome Olga. Due anni dopo, Aleksandra diede alla luce un’altra bambina, anche lei una femmina, Tatiana. Nel 1899  nacque Maria e nel 1901 la quarta figlia, Anastazja. Il figlio mancava ancora.Aleksandra, infine, credendo di essere sotto una maledizione, si dedicò alle preghiere e si interessò all’occulto e all’ipnosi. Quando si scoprì che era incinta del suo quinto figlio e che nacque il figlio tanto atteso, la donna tirò un sospiro di sollievo. 

L’imperatore era felicissimo

Alexei Nikolaevich Romanov è nato nel 1904 e, secondo la legge di successione, divenne automaticamente l’erede al trono. La sua nascita fu annunciata da 300 colpi sparati dalla Fortezza di Pietro e Paolo, e per il battesimo fu portato su un cuscino d’oro. La nascita dell’erede al trono fu celebrata ad alta voce in tutto il paese, l’imperatore felicissimo divenne molto generoso: concesse molti atti di grazia e amnistia, condanne abbreviate e assegnò premi e titoli. La Russia ha festeggiato.

La famiglia Romanov cinque anni prima dei tragici eventi di Ekaterinburg.  Lo zar Nicola II siede al centro e sopra di lui a destra c'è l'imperatrice Alexandra Feodorovna.  A sinistra di suo padre, le granduchesse?  Olga (seduta) e Maria, a destra Anastasia (in piedi) e Tatiana, e tra loro in uniforme da marinaio, l'erede al trono, il granduca Alessio.  La foto è stata scattata durante un soggiorno nella località di Livadia in Crimea.  Mikołaj sperava che dopo l'abdicazione e la fine della guerra si sarebbe stabilito lì con la sua famiglia.La famiglia Romanov cinque anni prima dei tragici eventi di Ekaterinburg. Lo zar Nicola II siede al centro e sopra di lui a destra c’è l’imperatrice Alexandra Feodorovna. A sinistra di suo padre, le granduchesse? Olga (seduta) e Maria, a destra Anastasia (in piedi) e Tatiana, e tra loro in uniforme da marinaio, l’erede al trono, il granduca Alessio. La foto è stata scattata durante un soggiorno nella località di Livadia in Crimea. Mikołaj sperava che dopo l’abdicazione e la fine della guerra si sarebbe stabilito lì con la sua famiglia.  dominio pubblico

Si è scoperto che lo Tsarevich era malato

Tuttavia, la gioia fuori non durò a lungo. Poche settimane dopo la sua nascita, si scoprì che Aleksy era affetto da emofilia, una malattia emorragica congenita in cui il sangue del paziente non si coagula o lo fa molto lentamente (quindi qualsiasi danno, anche lieve, ai vasi sanguigni può avere conseguenze fatali). per il paziente). Si tratta di una malattia genetica ereditaria portata dalla madre . Alexandra Feodorovna era devastata. Si sentiva in colpa, sapeva che il bambino poteva morire e, anche se fosse riuscita a impedirlo, la qualità della sua vita sarebbe stata lontana da ciò che i genitori desideravano per i loro figli.

L’Imperatrice sapeva che avrebbe dovuto fare di tutto per mantenerlo in vita. Da quel momento in poi, per Alexandra Feodorovna contava solo suo figlio. Si è dimenticata delle sue quattro figlie , la sua attenzione era concentrata solo sulla salute e sulla sicurezza del bambino.

Negli anni successivi, l’atmosfera a corte dipendeva dal benessere e dalla salute del piccolo Aleksy. Sua madre e tutti coloro che lo circondavano lo assecondavano così tanto che iniziò a diventare un ragazzino ribelle e lunatico. Non voleva studiare, preferiva divertirsi, e quando fu abbastanza grande da poter seguire l’etichetta di corte, farla rispettare si rivelò un compito massacrante.

Il comando operativo polacco ha prelevato gli aerei. Questa è una risposta all’attività dei russi

D’altra parte, il piccolo Aleksy ha avuto difficoltà: non poteva praticare sport come le sue sorelle, non gli era nemmeno permesso andare in bicicletta. Della sua incolumità vigilavano personalmente, oltre che la madre, anche due soldati a ciò preposti. Una caduta o un infortunio apparentemente innocenti avrebbero potuto finire male per lui.

Sua madre ha visto la salvezza in Rasputin

Man mano che la salute di Alexei migliorava e peggiorava, sua madre credeva che potesse essere curato o che i sintomi della malattia potessero essere significativamente alleviati. Nel 1905, a questo scopo, portò alla corte un prete siberiano – Grigori Rasputin – un presunto chiaroveggente, mistico ed esorcista, perché era convinta che avrebbe affrontato il difficile compito. Inizialmente lo trattò con distanza e diffidenza, soprattutto perché l’uomo non godeva di una buona reputazione e il suo stile di vita era considerato scandaloso. Alla fine, si è fidata ciecamente di lui quando Rasputin è riuscito a fermare l’emorragia di suo figlio per tre volte. Divenne il suo preferito e acquisì una notevole influenza a corte.

Grigorij Rasputin nel 1910Grigori Rasputin nel 1910.  foto: Karl Bulla / Wikimedia.org / Pubblico dominio

Il ragazzo è stato colpito nel seminterrato

Dopo lo scoppio della Rivoluzione di febbraio nel 1917, l’imperatore Nicola II abdicò. Anche se si sapeva che il destino suo e della sua famiglia nel paese era incerto, non decise di scappare. Di conseguenza, nella notte tra il 16 e il 17 luglio 1918, tutta la sua famiglia fu fucilata. Alessio, in quanto erede al trono, fu il primo dei cinque figli dell’imperatore a morire. I corpi della famiglia imperiale furono squartati, cosparsi di acido e portati nella foresta. Al momento della sua morte, Alessio non aveva ancora quattordici anni.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles