15.5 C
Rome
sabato, Giugno 15, 2024

Marinka, Avdiyivka, Bakhmut… Piccoli passi, ma ovunque i russi vanno avanti

Marinka, Avdiyivka, Bakhmut… Piccoli passi, ma ovunque i russi vanno avanti. La resistenza ucraina in questo luogo è diventata un simbolo, ma ora sta giungendo al termine.

Dopo quasi due anni di combattimenti, i russi occuparono praticamente la cittadina di Marinka vicino a Donetsk. La resistenza ucraina in questo luogo è diventata un simbolo, ma ora sta giungendo al termine. Tuttavia, questo non è un disastro. I russi spingono ovunque e ottengono piccoli successi sulla mappa, ma il loro prezzo è alto.

Tuttavia, non si può negare che le prossime settimane di combattimenti saranno segnate dall’iniziativa e dalla superiorità russa. Gli ucraini restano sulla difensiva e devono risparmiare munizioni. Tuttavia non accade nulla di catastrofico. Il lieve progresso dei russi non significa che il fronte stia crollando. La situazione in una prospettiva più ampia rimane molto statica.

Abbiamo scritto di più sulla natura stessa dei combattimenti in Ucraina una settimana fa. Da allora sono cambiate così tante cose che il clima è ancora più umido, fangoso e freddo. La temperatura su gran parte del fronte oscilla costantemente intorno allo zero, il che provoca la caduta della neve, che si scioglie rapidamente, poi la pioggia, e di notte possono verificarsi gelate. Il risultato è una palude invernale, ghiacciata in alcuni punti e coperta di neve.

Un esempio degli effetti delle difficili condizioni meteorologiche sul fronte. Un soldato ucraino ricoperto da uno strato di ghiaccio che gli rende difficile l’uso del suo equipaggiamento.

Centro di gravità di Donetsk

Nonostante queste condizioni, i combattimenti continuano. La più grande conquista dei russi nelle ultime due settimane è stata Marinka, menzionata all’inizio. Era una piccola città alla periferia occidentale di Donetsk. All’inizio dell’invasione russa era tutto in mano ucraina e la linea dell’armistizio correva proprio accanto ad essa. Fin dai primi giorni di guerra i russi (inizialmente soprattutto sotto forma di cosiddette unità separatiste) tentarono di occuparle, ma gli ucraini le difesero accanitamente. Finora le truppe russe hanno impiegato quattro chilometri per raggiungere il confine occidentale della città. Quasi due anni. Di Marinka sono rimaste solo macerie, schiacciate più volte dalle esplosioni. Gli ucraini formalmente mantengono ancora il suo confine nord-occidentale dietro un piccolo stagno, ma la parte principale dell’ex città è nelle mani dei russi.

Questa non è una tragedia per gli ucraini, perché la città non ha alcuna importanza strategica particolare. Tuttavia, la sua cattura permise ai russi di attaccare più liberamente a sud verso il villaggio di Pobeda e il villaggio di Novomychailivka. Proprio quest’ultimo è stato oggetto di intensi attacchi dalla fine di novembre. Nelle ultime due settimane i russi sono riusciti ad arrivare quasi agli edifici, percorrendo da uno a tre chilometri in linea retta in diverse direzioni. Si può presumere che sia Marinka che Novomychailivka siano elementi di azioni russe volte ad allontanare gli ucraini dalla linea ferroviaria Donetsk-Mariupol, attualmente inutilizzata.

Attivarlo faciliterebbe notevolmente l’approvvigionamento di Zaporozhye, ma le posizioni ucraine sono troppo vicine. Un elemento di queste attività sono i ripetuti attacchi dei russi nella zona di Vuhledar da oltre un anno, ma senza successo significativo. Nel complesso, la situazione degli ucraini su questa tratta si sta deteriorando, ma il ritmo dei progressi russi è tale che potrebbe volerci un altro anno per raggiungere l’obiettivo di mettere in sicurezza la linea ferroviaria.

La situazione nell'area di Marinika (sul bordo settentrionale, superiore della mappa) e Novomychailivka (sul bordo meridionale, inferiore della mappa). Il rosso più brillante è l'ultimo progresso fatto dai russiLa situazione nell’area di Marinika (sul bordo settentrionale, superiore della mappa) e Novomychailivka (sul bordo meridionale, inferiore della mappa). Il rosso più brillante è l’ultimo progresso dei russi Foto. Andrew Perpetua/ukrdailyupdate.com

Mappa ad alta risoluzione

L’esercito russo ha registrato una serie di piccoli successi anche nella zona di Avdiivka, a circa 30 chilometri da Marinka. A nord della città, vicino alla linea ferroviaria, i russi sono riusciti ad avanzare di diverse centinaia di metri e, secondo varie stime, controllano già una parte del villaggio di Stepowe o si trovano proprio accanto ad esso. Dalla fine di ottobre si combattono per queste centinaia di metri. Non si tratta più di grandi attacchi meccanizzati come all’inizio dell’offensiva locale russa, ma semplicemente di piccoli attacchi ripetuti con insistenza da parte di gruppi di fanteria con il supporto di alcuni veicoli corazzati.

E così, passo dopo passo, i russi stanno stremando gli ucraini, spostandoli per diverse centinaia di metri per una settimana o due o più. L’esercito russo registrò simili progressi minori nell’intera sezione circostante Avdiivka. In totale, sono diversi chilometri quadrati in due settimane. C’è ancora molta strada da fare per circondare la città, ma se gli ucraini non riusciranno a invertire la tendenza, i russi potrebbero riuscirci entro la primavera. È importante sottolineare che l’esercito ucraino sta difendendo con successo un’importante cokeria all’estremità settentrionale della città. Per più di un mese i russi non sono riusciti ad avvicinarsi oltre la recinzione.

La situazione nella regione di Avdiivka. Puoi vedere che la città è in gran parte circondata. Le ultime conquiste russe sono di colore più chiaro. La zona gialla è terra di nessunoLa situazione nella regione di Avdiivka. Puoi vedere che la città è in gran parte circondata. Le ultime conquiste russe sono di colore più chiaro. L’area gialla è la terra di nessuno Foto. Andrea Perpetua/X

Rischio di perdere beni costosi

L’esercito russo sta facendo piccoli progressi simili più a nord. Innanzitutto nella regione di Bakhmut, dove in un luogo la situazione sta diventando molto spiacevole per gli ucraini. Queste sono le colline a sud della città, che dominano le rovine del villaggio di Klishchyivka e più in là la zona all’ansa della linea ferroviaria, che gli ucraini hanno ripreso con grande sacrificio in estate. Ora i russi stanno addentando queste colline da nord, da Bakhmut, passo dopo passo.

Se gli ucraini non riusciranno a fermarli, prima della primavera forse dovranno ritirarsi dalla suddetta curva della linea ferroviaria e dal villaggio di Andriivka, perché avranno alle spalle i russi sulle colline. Dopo il mare di sudore, lacrime e sangue versato in quest’area dalla 3a Brigata d’assalto Azov per tutta l’estate (ora ritirata dal fronte per ricostituire le perdite e riposarsi), questo sarebbe un finale disastroso. Anche se ancora una volta di nessuna importanza strategica.

I russi stanno ottenendo successi ancora maggiori a nord di Bakhmut, nella zona del villaggio di Khromowe e dell’antica “strada della vita”. dal periodo dei combattimenti per la città un anno fa. Là stanno avanzando sistematicamente e hanno già occupato praticamente l’intero villaggio e si stanno avvicinando a Bogdaniwka, che si trova a pochi chilometri di distanza. A questo punto sono più avanti di quanto lo fossero mai stati durante la battaglia di Bakhmut.

La situazione nella zona di Bakhmut. I recenti guadagni russi sono mostrati in rosso più chiaroLa situazione nella regione di Bakhmut. I recenti guadagni russi sono contrassegnati in rosso più chiaro Foto. Andrew Perpetua/ukrdailyupdate.com

Gli ultimi punti che attirano l’attenzione sono nel sud: Zaporozhye e il Dnepr. Nel primo caso, durante la fallita offensiva estiva, si svolgono combattimenti limitati nelle aree dei due assi principali dell’avanzata ucraina. Mentre a novembre l’esercito ucraino era riuscito ad espandere leggermente la propria intrusione nelle posizioni difensive russe nella zona di Robotyne, dall’inizio di dicembre la tendenza è stata opposta. Sono stati i russi ad ampliare il loro territorio di meno di 10 chilometri quadrati. Cioè, in due direzioni avanzarono di uno o due campi e boschetti. I russi stanno anche cercando di ridurre l’area conquistata dagli ucraini più a est, nella zona del villaggio di Staromajorskie, ma da novembre non ci riescono.

Sul Dnepr la situazione è unica perché è l’unico posto dove gli ucraini mostrano una certa iniziativa. Questo però non significa conquistare nuovi territori, bensì esercitare pressioni sui russi. In pratica, ciò significa combattere per il villaggio di Krynki, sulla sponda orientale russa del fiume. Gli ucraini non si arrendono e mantengono lì diverse centinaia di soldati della marina, il cui compito principale è rimanere sotto il fuoco e attirare l’attenzione. Grazie a ciò, l’artiglieria e i droni ucraini che operano dalla sponda occidentale del fiume hanno condizioni favorevoli per infliggere perdite ai russi concentrati nel tentativo di riconquistare il villaggio.

Ribaltamento della Mazda MX-5 a Varsavia. Il rollbar ha salvato i passeggeri, ma l’autista ha perso la fiducia

Droni ucraini osservano e attaccano un carro armato russo T-90M sulla strada principale del villaggio di Krynki. Alla fine, viene distrutto.

È ovvio che l’intera operazione è un sabotaggio da parte degli ucraini. Nessuna offensiva dall’altra parte del fiume. Il risultato sono perdite notevoli per i russi e li costringono a portare ulteriori forze nell’area. Tuttavia, la situazione non è rosea per gli ucraini. Rimanere su piccole teste di ponte costantemente bombardate dall’aviazione e dall’artiglieria russa significa perdite inevitabili.

A giudicare dai numerosi piccoli successi dei russi, si può avere un’impressione pessimistica sulla situazione in Ucraina. La cosa però non è così ovvia. Tutti questi piccoli avanzamenti russi sono sparsi su tutta la lunghezza del fronte. Non esiste un attacco singolo, chiaro e forte da parte dei russi che possa rappresentare una minaccia di sfondamento del fronte e di compiere progressi significativi o catturare un punto strategicamente importante. In nessun caso esiste il rischio di una grave sconfitta ucraina, della distruzione delle truppe e di un ritiro affrettato. Dopo l’offensiva estiva, gli ucraini hanno ceduto il campo ai russi perché hanno semplicemente esaurito le loro forze e attualmente si stanno concentrando sulla loro ricostruzione ed espansione. Innanzitutto mancano le munizioni, che d’estate avevano più liberamente.

Ora devono razionarlo, il che limita notevolmente le loro possibilità di azione. D’altro canto la situazione per i russi non è rosea. Tutti questi piccoli progressi comportano perdite di persone e attrezzature. Si dice che i russi abbiano un vantaggio numerico significativo in molti settori e non siano così preoccupati delle perdite come gli ucraini. Tuttavia, dopo diversi mesi di colpi e demolizioni contro il muro, anche l’esercito russo dovrà rallentare per ricostruire le sue forze.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles