15.7 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

Ungheria. Viktor Orbán apre un nuovo fronte di confronto con l’Unione Europea

Ungheria. Viktor Orbán apre un nuovo fronte di confronto con l’Unione Europea. Veto sui negoziati di adesione con l’Ucraina. 

Buoni affari con la Russia invece delle sanzioni. Veto sui negoziati di adesione con l’Ucraina. Rafforzamento dei controlli e atti di arbitrarietà contro i critici del governo. Il primo ministro dell’Ungheria Viktor Orbán apre un nuovo fronte contro l’UE.

Fuori dall’Ungheria, recentemente intorno a Viktor Orbán le cose sono diventate più tranquille. La guerra in Medio Oriente e la guerra della Russia contro l’Ucraina stanno attirando l’attenzione dell’opinione pubblica in Europa . Inoltre, negli ultimi anni l’importanza politica del primo ministro ungherese nel continente è leggermente diminuita. Orbán ha perso alleati nell’Europa centrale e sudorientale e, a causa della recente sconfitta elettorale, il PiS ha perso anche il suo partner più importante in questa regione: la Polonia.

Ma ora il capo del governo ungherese è ancora una volta pienamente all’altezza della sua reputazione di “finanziatore dell’Unione europea” e creatore dello “Stato illiberale”. Questa settimana ( 21 novembre 2023), in una lettera al presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, Orbán ha indirettamente annunciato il suo veto contro l’avvio di colloqui con l’Ucraina per la sua adesione all’UE. Inoltre, pochi giorni fa il governo ungherese ha lanciato un’altra delle cosiddette “consultazioni nazionali”, abbinata ad un’ampia campagna di manifesti a livello nazionale. Questa volta l’azione è diretta principalmente contro l’Ucraina, ma anche contro la politica migratoria dell’UE. Con la cosiddetta “legge sulla sovranità”, Orbán dà un giro di vite alla repressione dell’opposizione politica.

“La piccola Eileen non esisteva.” Come è nata una delle bugie usate nella propaganda bielorussa riguardo al confine polacco

Domande che suggeriscono una risposta

Recentemente il Primo Ministro ungherese ha radicalizzato sempre più la sua retorica. Egli paragona verbalmente il procedimento dell’UE contro l’Ungheria per violazione dello stato di diritto, avviato a causa della corruzione, all’invasione dell’Ungheria da parte dell’esercito sovietico, che represse nel sangue la rivoluzione ungherese nel 1956.

Orbán accusa anche i “burocrati di Bruxelles” di voler imporre all’Ungheria uno “scambio di popolazione” con immigrati islamici e uno “stile di vita LGBTQ”. Anche le nuove “Consultazioni nazionali” contengono una formulazione adeguata. Durante tali campagne, il governo invia questionari a tutte le famiglie ungheresi, in cui le persone possono contrassegnare le risposte alle domande che suggeriscono una risposta specifica.

Nelle attuali consultazioni, il governo afferma, ad esempio: “Ci sono sempre più informazioni sulla propaganda aggressiva LGBTQ diretta ai bambini”. Secondo quanto riferito, l’Unione europea propone di allentare la protezione dei bambini. I cittadini devono decidere se lo vogliono o no.

Ma non esiste affatto una proposta del genere da parte di Bruxelles. In realtà, il punto è che la Commissione europea ha portato l’Ungheria davanti alla Corte di giustizia dell’UE nel 2022 a causa di una legge che praticamente equipara la cosiddetta “propaganda LGBTQ” alla pedofilia e vieta di rendere disponibili qualsiasi contenuto relativo all’omosessualità e alla transessualità. ai minorenni.

In base a tale legge, nel luglio 2023, una libreria di Budapest è stata condannata a una multa di circa 32.000 euro per aver venduto lì un fumetto sull’amore di due ragazzi senza una confezione speciale.

“Sostieni i ghetti degli immigrati?”

Le domande su altri argomenti sono di natura simile. Ad esempio: gli ungheresi vogliono i “ghetti degli immigrati”, presumibilmente pianificati da Bruxelles, e sostengono gli aiuti finanziari dell’UE ai terroristi palestinesi?

Anche la parte delle consultazioni dedicata all’Ucraina assume un tono demagogico. Una delle domande è: gli ungheresi sono favorevoli all’adesione dell’Ucraina all’UE, dal momento che questo paese riceverebbe gran parte dei sussidi dell’UE? I cittadini possono indicare se vogliono la pace o “più soldi Ue sul campo di battaglia”.

Possono anche sostenere la protezione degli agricoltori ungheresi e contro l’importazione di grano ucraino presumibilmente geneticamente modificato. E sono favorevole che l’Ungheria riceva prima i sussidi dell’UE, prima che l’Ucraina riceva ulteriori aiuti.

Buoni affari con la Russia

In quasi ogni discorso settimanale alla radio statale ungherese, Viktor Orbán accusa l’Occidente di essere colpevole della guerra della Russia con l’Ucraina e di non voler porre fine allo spargimento di sangue. Sostiene la normalizzazione delle relazioni con la Russia e la revoca delle sanzioni dell’UE contro Mosca. L’Ungheria è attualmente l’unico paese dell’UE che sta dimostrando come realizzare grandi progetti con la Russia durante la guerra: la settimana scorsa (14 novembre 2023), il ministro degli Affari esteri ungherese Péter Szijjártó e il capo dell’Ufficio russo per l’energia atomica Alexei Likhachev hanno firmato un programma specifico per l’ampliamento, da tempo pianificato, della centrale nucleare ungherese di Paks.

Alla Russia è associato anche un nuovo disegno di legge che offre al sistema Orbán ulteriori opportunità per combattere i suoi critici. Si tratta del cosiddetto Sovereignty Act. La questione sarà discussa in Parlamento la prossima settimana e potrebbe essere adottata. Da un lato la legge criminalizza ogni forma di finanziamento dei partiti politici e delle campagne elettorali dall’estero. Si prevede, invece, l’istituzione di un “Ufficio per la tutela della sovranità”. Il suo scopo è controllare se partiti, organizzazioni sociali e individui violano la sovranità nazionale.

La base per molestare i critici

A questo scopo all’Ufficio verranno concessi diritti di accesso quasi illimitati a tutti i tipi di dati delle organizzazioni e delle persone esaminate. Sulla base dei suoi “rapporti sulla sovranità”, potrebbero essere avviati procedimenti preparatori e penali contro organizzazioni e individui: questa sarebbe un’ampia base per molestare e molestare i critici del sistema di Orbán.

È interessante notare che né l’atto né il testo della giustificazione definiscono il concetto di “sovranità nazionale” o cosa potrebbe essere considerato una violazione della stessa. Il testo del progetto è così vago che, ad esempio, anche i media che ricevono donazioni dall’estero potrebbero essere puniti. Allo stesso modo, in Russia, le attività delle organizzazioni civili sono vietate e i privati ​​sono considerati criminali ai sensi della “Legge sugli agenti stranieri” del 2012. Esisteva anche una legge simile in Ungheria, che obbligava le organizzazioni private a definirsi “finanziate dall’estero” dopo un certo ammontare di sussidi esteri.

Nel giugno 2020, la Corte di giustizia dell’UE ha dichiarato illegale questa legge. L’attuale Sovereignty Act può essere considerata la sua versione nuova, ampliata e rafforzata. C’è già stata una forte protesta contro il disegno di legge in Ungheria. Numerose importanti organizzazioni non governative parlano in una dichiarazione congiunta della “Legge sulla protezione dell’arbitrarietà” e non della sovranità.

Eminenti avvocati ungheresi ritengono che il progetto sia contrario alla Costituzione e al diritto comunitario. Al primo ministro Viktor Orbán non interessa. Recentemente ha annunciato la sua strategia in una conferenza in Svizzera: – L’Ungheria non è la pecora nera d’Europa, ma la prima rondine.

L’articolo proviene da  Deutsche Welle

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles