15.5 C
Rome
sabato, Giugno 15, 2024

Nessuno avrebbe potuto calcolare uno scenario del genere: combattente Azov – sull’assedio di Mariupol (video)

Nessuno avrebbe potuto calcolare uno scenario del genere: combattente Azov – sull’assedio di Mariupol

Svyatoslav Syriy ha raccontato come lui e i suoi fratelli sono riusciti a resistere fino al momento di lasciare l’Azovstal. Nessuno avrebbe potuto prevedere uno scenario come l’assedio di Mariupol . Il combattente “Azov” Svyatoslav Siriy, soprannominato “Horobry”, ne ha parlato in un’intervista con la giornalista di TSN Nataliya Nagornia.

“Penso che nessuno avrebbe potuto calcolare uno scenario del genere. Nessuno avrebbe potuto immaginare nei suoi sogni peggiori che in meno di una settimana di una guerra su vasta scala saremmo stati chiusi in un anello. E dovremmo trattenere un piccolo numero di persone e con un minor numero di armi, tutta la città è completamente circondata… Nessuno avrebbe potuto calcolare una cosa del genere”, ha detto l’ufficiale militare. Il combattente “Azov” ha raccontato come lui e i suoi fratelli sono riusciti a resistere fino all’uscita.

“L’Azovstal è stato preso in considerazione? Forse lo sono stati, forse no. Ma un grande vantaggio è che l’Azovstal, proprio come Ilyich (Ilyich Mariupol Metallurgical Plant – ndr), aveva dei bunker. I bunker erano preparati per accogliere la popolazione civile. Là c’erano molti rifugi per i civili, c’era molta acqua, c’erano materassi qua e là, si creavano condizioni di vita… Questo è stato uno dei punti chiave, grazie al quale siamo riusciti a sostenerci fino al momento dell’uscita,” ha spiegato.

“La piccola Eileen non esisteva.” Come è nata una delle bugie usate nella propaganda bielorussa riguardo al confine polacco

Svyatoslav Siriy ha notato che era sicuro che se il mondo venisse a conoscenza dell’assedio di Mariupol. riguardo ad “Azovstal”, allora la Russia non potrà esistere. “Questo non è un crimine contro il popolo di Mariupol, questo non è un crimine contro l’Ucraina, questo è un crimine contro l’umanità, contro le persone civili, vive, persone reali che vogliono vivere normalmente”, ha concluso il combattente.

▶ Sul canale YouTube di TSN è possibile guardare il video

Ricordiamo che in precedenza il combattente dell’Azov Svyatoslav Syriy ha raccontato di aver scritto messaggi di “addio” a sua moglie .

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles