22.3 C
Rome
sabato, Luglio 20, 2024

“La piccola Eileen non esisteva.” Come è nata una delle bugie usate nella propaganda bielorussa riguardo al confine polacco

“La piccola Eileen non esisteva.” Come è nata una delle bugie usate nella propaganda bielorussa riguardo al confine polacco

All’inizio di dicembre 2021, attivisti e media antigovernativi hanno lanciato l’allarme sul dramma di Eileen, una bambina di 4 anni, i cui genitori dovevano essere deportati in Bielorussia, e la ragazza avrebbe dovuto vagare nella foresta al gelo di diversi gradi. Oggi sappiamo che questo non è vero e lo ha ammesso Magdalena Tomczak, giornalista ed editorialista di “Gazeta Wyborcza”. Nel frattempo i media hanno scritto di Eileen e sul caso è intervenuto anche il difensore civico. Magdalena Tomczak ha scritto sulla “Gazeta Wyborcza” il dietro le quinte dell’enorme manipolazione sulla situazione al confine polacco-bielorusso.

“Gazeta Wyborcza”: La piccola Eileen non esisteva

Jan Rokita, in un testo pubblicato su “Dziennik Polski”, ha osservato che “Małgorzata Tomczak (…) con calma e precisione chirurgica dei fatti racconta la storia di un’inimmaginabile menzogna a più livelli che è stata creata attorno al dramma di confine per il fini di propaganda politica”, si legge . Nel suo testo onesto, Tomczak ha dedicato molto spazio alla storia di una bambina irachena di 4 anni che vagava nella foresta.  Ecco come Tomczak lo descrive dal punto di vista di quasi due anni:

“Che dire della storia della ‘ piccola Eileen ‘ , una bambina di quattro anni la cui scomparsa nella foresta è stata denunciata agli attivisti dai suoi genitori che erano stati spinti in Bielorussia? Tutti i media hanno scritto del caso, è intervenuto il difensore civico e poi l’argomento si è improvvisamente interrotto. Sono tornato ai post e alle decine di articoli di quei giorni: enorme indignazione contro i servizi polacchi – ” assassini ” ; la loro passività e la ricerca insufficiente del bambino; grafica che mette a confronto Eileen con ” La ragazza dal cappotto rosso ” . E anche qualche dubbio: perché l’unica prova dell’esistenza della ragazza è toglierle parte del cappotto e della scarpa e liquidarli con voci altrettanto indignate: ” Amico, stai pignolo sui dettagli?” Dopotutto, il bambino potrebbe essere già morto! « “. 

 Oggi sappiamo che Eileen non esisteva . Questa è stata una delle storie che gli attivisti hanno ascoltato e trasmesso. Ha ricevuto un’ampia copertura ed è stato una parte importante della narrazione sui “ bambini che muoiono al confine ” , che ora è perpetuata da “ Green Border ” ; ad esempio, durante il dibattito elettorale, Joanna Scheuring-Wielgus ha parlato di bambini che muoiono alla frontiera . Non credo che sappiamo di nessun caso documentato di un bambino morto al confine polacco. Ciò non significa, ovviamente, che persone del genere non esistessero, nemmeno dall’altra parte del confine, e che non si debba parlare di un simile rischio – ma per ora stavamo discutendo con grande indignazione di un bambino che non esistono”, ha scritto Tomczak.

Che ha vissuto la storia di una ragazza immaginaria

Il Gruppo Granica ha denunciato la “scomparsa” di Eileen il 7 dicembre 2021. 

“Cammino in tondo per la casa, piangendo per lei”, ha scritto Katarzyna Jagiełło di Greenpeace. 

La storia della donna irachena scomparsa è stata immediatamente ripresa dai media antigovernativi. 

Guardia di frontiera: Non c’era nessun bambino. “Dov’è la piccola Eileen?” – urlava il titolo di “Newsweek”. 

“Eileen indossa una giacca rossa . Non si sa dove sia adesso. Nella notte tra lunedì e martedì (7 dicembre), è stata vista vicino a Nowy Dwór. I suoi genitori sono stati espulsi dalla guardia di frontiera in Bielorussia, la bambina è rimasta dalla parte polacca . La temperatura notturna è scesa nettamente sotto lo zero, per oggi sono previsti meno 11 gradi”, ha avvertito Gazeta Wyborcza.  Sono apparse pubblicazioni in questo senso, tra le altre: in “Super Express”, Polsat News, TVN24, Natemat.pl, wp.pl, wprost.pl. In cerca di sensazioni, nessuno ha nemmeno prestato attenzione alla posizione della guardia di frontiera.

Questa città polacca è assolutamente da vedere. Sono stati inclusi nel prestigioso elenco, tra gli altri: insieme a India e Nepal

– È stato rivelato un gruppo di 6 stranieri, ma non c’era nessun bambino. Abbiamo anche effettuato attività dall’alto, da un drone, con la termografia, così abbiamo potuto vedere se c’erano persone che si erano allontanate da questo gruppo – ha detto Katarzyna Zdanowicz, portavoce della sezione Podlaskie della guardia di frontiera, a proposito della presunta scomparsa della bambina di 4 anni.  Anche… Il difensore civico Adam Bodnar si è unito alla ricerca del bambino scomparso . 

Difensore civico: Abbiamo inviato la foto di Eileen alla polizia

“Secondo le informazioni ricevute dall’ufficio del difensore civico, una coppia sposata irachena ha attraversato il confine tra Bielorussia e Polonia insieme alla figlia. Successivamente sono stati arrestati da ufficiali polacchi e poi trasferiti in Bielorussia. La loro figlia è rimasta nella foresta sul lato polacco. È stata portata in braccio da un altro uomo del gruppo che viaggiava con loro. Il bambino aveva una giacca rossa. I genitori sono dalla parte bielorussa e non sanno dove sia la loro figlia. Inoltre non conoscono i dati personali dell’uomo che la portava tra le braccia. Chiedono aiuto per riunire le loro famiglie”, ha informato l’Ufficio del Commissario per i diritti umani. 

L’allora vice commissario per i diritti umani, Hanna Machińska, chiese aiuto alla polizia nella ricerca. Secondo l’ufficio del difensore civico gli agenti avrebbero dovuto ricevere addirittura… una foto del bambino.  Dopo alcuni giorni, l’argomento della piccola Eileen si spense. La pubblicazione di Tomczak su “Wyborcza” ci ha ora ricordato questa incredibile manipolazione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles