12.1 C
Rome
mercoledì, Febbraio 28, 2024

In Europa non si parla di vittoria, ma di un piano realistico per la sopravvivenza dell’Ucraina – Washington Post

In Europa non si parla di vittoria, ma di un piano realistico per la sopravvivenza dell’Ucraina – Washington Post

L’Europa teme che, se Donald Trump tornasse al potere negli Stati Uniti, l’importo degli aiuti all’Ucraina da parte di Washington sarebbe significativamente ridotto, se non addirittura interrotto. Nei 20 mesi trascorsi dall’inizio dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia, gli alleati di Kiev hanno fornito più di 230 miliardi di dollari in aiuti militari e di altro tipo. Nei prossimi 20 mesi la probabilità che Kiev riceva almeno una parte di questa somma è piccola. Nell’articolo del Washington Post si chiede se l’Occidente smetterà di aiutare l’Ucraina .

La minaccia del ritorno di Trump alla Casa Bianca

L’Europa teme che, in caso di ritorno al potere di Donald Trump negli Stati Uniti, l’importo degli aiuti all’Ucraina da parte di Washington sarà significativamente ridotto, se non addirittura interrotto. “Ora nelle capitali europee sono poche le persone che parlano seriamente della vittoria di Kiev, almeno non nel prossimo futuro. È necessario un piano realistico per la sopravvivenza dell’Ucraina”, si legge nell’articolo. Dato che il sostegno degli elettori di Trump e Biden secondo i risultati di una serie di recenti sondaggi non differisce sostanzialmente, i leader europei hanno finalmente capito che un secondo mandato di Trump è del tutto possibile.

L’antiterrosimo arresta 48enne aggressore della stazione di servizio di Cracovia

Invece, i leader europei sono determinati a non farsi prendere alla sprovvista da tali cambiamenti a Washington, come è avvenuto nel 2016.  Il mese scorso, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Burbock è volato in Texas prima di partecipare all’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York. Ad Austin ha incontrato il governatore del Texas, il repubblicano Greg Abbott.

Come i repubblicani vedono il mondo: meno Ucraina, più Cina

Burbock ha detto ai giornalisti che lo scopo dell’incontro era il desiderio di Berlino di capire “come i repubblicani vedono il mondo” nel caso in cui Trump tornasse alla Casa Bianca. Secondo WP, anche in Europa si sta formando un consenso su come avvicinarsi ai repubblicani al Congresso.

“Per sostenere la continuazione degli aiuti statunitensi all’Ucraina, l’idea è quella di parlare meno dell’Ucraina e più della Cina – e di come non provocare un attacco a Taiwan”, osserva l’articolo. Un alto funzionario della sicurezza europea ha ammesso ai giornalisti che il messaggio era stato inviato ai legislatori repubblicani: “Se volete prendere una posizione seria nei confronti della Cina, dovete avere successo in Ucraina”.

L’Europa senza gli Stati Uniti potrebbe non essere in grado di aiutare l’Ucraina

Nessuno pensa che gli alleati europei saranno in grado di colmare il buco che rimarrebbe in assenza degli aiuti militari statunitensi, che rappresentano quasi la metà di tutti gli aiuti militari all’Ucraina. Ma anche uno scenario ottimistico – se Washington continuasse gli aiuti dopo le elezioni presidenziali del 2024, anche se a un livello molto più basso – potrebbe rappresentare una seria minaccia per l’Ucraina, avverte WP.

“Putin ha esagerato, ma non molto, quando ha recentemente affermato che Kiev sarebbe rimasta senza munizioni in una settimana se l’Occidente avesse tagliato le forniture. Nel frattempo, il Cremlino, che ha messo l’economia russa sul piede di guerra, sta ricostruendo le sue risorse impoverite. forze più velocemente di quanto molti ritenessero possibile.” – si presume nell’edizione.

Il Washington Post ritiene che anche se Biden riuscisse a far passare al Congresso un pacchetto di aiuti da 61,4 miliardi di dollari per l’Ucraina, che sarà legato a un pacchetto di aiuti più piccolo per Israele, ciò non aiuterà in modo significativo. L’indebolimento del sostegno a Kiev da parte del Partito repubblicano ha offuscato le prospettive di future iniezioni, anche se Biden venisse rieletto. Al contrario, i bisogni dell’Ucraina sono immediati.

“L’Europa si trova ad affrontare la questione di come salvare la vita in Ucraina. La risposta rimane poco chiara e il tempo è dalla parte di Putin”, conclude l’articolo. In precedenza abbiamo scritto come l’escalation in Medio Oriente stia già distogliendo l’attenzione dell’Occidente dalla guerra della Russia contro l’Ucraina.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles