24.4 C
Rome
martedì, Maggio 21, 2024

Il filo-russo Fico diventerà premier slovacco in tempo per il vertice del Consiglio europeo

Robert Fico si insedierà come primo ministro della Slovacchia giusto in tempo per il vertice del Consiglio europeo del 26-27 ottobre.

Definito “filorusso” da molti commentatori per la sua posizione negativa sul sostegno dell’Unione Europea all’Ucraina nella sua guerra contro la Russia, Fico guiderà una nuova coalizione di partiti di sinistra e di destra.

Questo sarà il quarto mandato di Fico come Primo Ministro della Slovacchia.

La sua nomina è destinata a suscitare scalpore in seno al Consiglio, poiché la guerra in Ucraina e la migrazione – su cui il premier non riesce a trovare il consenso dell’UE – sono i temi principali dell’agenda provvisoria dell’organismo.

Ciononostante, Anrej Danko, capo del Partito Nazionale Slovacco (SNS) di estrema destra e partner di coalizione di Fico, ha dichiarato: “Credo che Robert Fico possa tranquillamente andare a Bruxelles giovedì”.

Il successo elettorale di Fico ha già suscitato scalpore all’interno della cosiddetta “bolla dell’euro”.

Sebbene il suo partito Smer e l’altro alleato di coalizione, il partito Hlas di Peter Pellegrini, si identifichino entrambi come movimenti socialdemocratici di sinistra, hanno posizioni conservatrici su questioni come l’immigrazione di massa e le questioni LGBT.

Ciò ha portato il gruppo S&D di centro-sinistra del Parlamento europeo a espellere i suoi eurodeputati slovacchi all’inizio di ottobre a causa delle loro divergenze di opinione.

Ciò non ha impedito al gruppo di centro-destra del PPE di prendere di mira i socialisti dell’UE, con il capo del PPE Manfred Weber che ha paragonato l’appartenenza della Slovacchia a S&D alla precedente appartenenza del PPE al partito Fidesz di Viktor Orbán.

Il capo di Stato più longevo dalla caduta del comunismo, Fico è stato costretto a dimettersi dopo un’ondata di proteste di massa nel 2018. Queste sono state causate dall’assassinio del giornalista Ján Kuciak e del suo fidanzato dopo la pubblicazione di un’indagine approfondita sui presunti legami tra il governo di allora e la criminalità organizzata.

Il governo successivo, guidato dal partito centrista-populista OL’aNO e dal suo leader showman Igor Matovič, si è rivelato altamente instabile.

Il caos politico che ne è derivato e le dure circostanze economiche scatenate dalla pandemia di Covid-19, oltre all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, hanno permesso a Fico di tornare in auge.

La questione della stabilità politica è importante per l’attuale regime. “Farò di tutto per garantire un governo stabile nei prossimi quattro anni”, ha dichiarato Danko.

La nuova amministrazione ha avuto un intoppo quando la Presidente slovacca Zuzana Čaputová ha rifiutato di nominare il primo ministro dell’ambiente proposto, Rudolf Huliak. Čaputová, membro di Slovacchia Progressista – il principale partito di opposizione liberale e pro-UE – ha dichiarato di non poter nominare nessuno che considera un negazionista del cambiamento climatico.

Anche se è probabile che il nuovo governo continui a suscitare scalpore nell’UE, alcuni osservatori ritengono che Fico e la sua amministrazione siano in definitiva dei pragmatici.

Con l’imminente vertice del Consiglio dell’UE, la posizione di Fico su diverse questioni resta da vedere.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles