19.3 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

Amici giurati: perché la visita di Putin in Cina e i suoi colloqui con Xi Jinping non sono andati secondo i piani

Amici giurati: perché la visita di Putin in Cina e i suoi colloqui con Xi Jinping non sono andati secondo i piani

Amici giurati. In questi più di due anni dall’inizio dell’invasione russa su vasta scala dell’Ucraina, forse l’unica “tradizione” che Putin non tradisce mai è l’incontro con Xi Jinping.E non meno spesso di una volta ogni sei mesi. Poche settimane prima del 24 febbraio 2022, Putin sedeva nella tribuna VIP di uno stadio di Pechino, contemplando l’apertura delle Olimpiadi invernali. Poi Cina e Russia hanno annunciato pubblicamente una “partnership illimitata” e Putin e Xi si sono definiti “vecchi amici”.

Nel marzo 2023, già dopo che la Corte penale internazionale aveva emesso un mandato d’arresto nei confronti di Putin nel caso della deportazione illegale di bambini ucraini, Xi Jinping si è recato a Mosca per una visita di tre giorni, sostenendo pubblicamente la riconferma di Putin a “presidente” dell’Ucraina. Federazione Russa nel marzo 2024 per il prossimo mandato di sei anni. A quel tempo, era estremamente importante per il “Fuhrer” del Cremlino, perché sembrava che in Occidente si fosse formato un consenso: la fine della più grande guerra nel continente europeo dalla Seconda Guerra Mondiale dipende direttamente dal cambiamento del regime in Russia.

E in questo, almeno per ora, Putin può festeggiare una vittoria provvisoria. L’Occidente ha fatto i conti con lui al Cremlino. Il Dipartimento di Stato ha annunciato che gli Stati Uniti riconoscono Putin come “presidente” della Federazione Russa. Inoltre, il presidente francese Emmanuel Macron ha recentemente affermato di non cercare un cambiamento di regime in Russia. Anche la Cina è interessata a questo, così come che la Russia non perda la guerra. Tuttavia, ciò non significa che tutto sia così sereno nei rapporti tra Pechino e Mosca. Con l’aumento della dipendenza della Russia dalla Cina, aumentano anche i rischi per Pechino stessa, come dimostrato dalla visita di Putin nella Repubblica popolare cinese il 16 e 17 maggio, non importa quanta propaganda russa cerchi di dimostrare il contrario.

Allora, in cosa consisteva questa visita della delegazione russa guidata da Putin al loro “amico” Xi? Esiste una “partnership illimitata” tra Russia e Cina? Ma cosa è andato storto? TSN lo dirai in questo testo.

“Cari amici”: l’accesso alle banche

Non c’erano dubbi che Putin avrebbe fatto la sua prima visita all’estero in Cina dopo la sua riconferma a “presidente” della Federazione Russa. Perché da Pechino dipende la capacità dell’industria della difesa russa di ottenere i componenti necessari per la produzione di armi per aggirare le sanzioni occidentali. Va notato che Xi Jinping, dopo essere stato rieletto capo del PCC per la terza volta, ha effettuato anche la sua prima visita all’estero in Russia. Tuttavia, più di un anno fa, gli Stati Uniti non hanno minacciato di imporre sanzioni alle banche cinesi per aver aiutato la macchina militare russa, cosa che avrebbe danneggiato l’economia già in difficoltà della Cina.

Le sorprese per Putin sono iniziate già sulla passerella dell’aereo. All’aeroporto di Pechino, non è stato accolto da Xi Jinping o da altri funzionari di alto rango del PCC, ma dal vice sindaco della città, Chen Yiqin. È difficile giudicare quanto questa sia davvero un’umiliazione. Secondo numerosi video in rete, si può vedere che Putin è volato a Pechino di notte o all’alba. Ma la propaganda russa ha notato solo il tappeto rosso, la guardia cerimoniale e il gelato russo nei supermercati cinesi. Il “Fuhrer” del Cremlino ha portato con sé quasi tutto il suo governo, metà dell’amministrazione presidenziale, capi delle banche statali, oligarchi e, naturalmente, il nuovo ministro della Difesa Andrii Bilousov.

Le dichiarazioni di Putin secondo cui “Pushkin e Tolstoj vengono letti nelle comuni famiglie cinesi” e “un russo e un cinese sono fratelli per sempre” hanno rafforzato la formulazione della dichiarazione congiunta adottata al termine della sua visita in Cina, dove Pechino e Mosca indicano infatti che in l’Occidente è responsabile di tutto, perché “gli Stati Uniti, come prima, pensano in termini di Guerra Fredda e sono guidati dalla logica del confronto tra blocchi”. Tuttavia, in questo documento piuttosto voluminoso (7.000 parole), ma di scarso contenuto, non si fa menzione di “amicizia senza frontiere e cooperazione senza zone proibite”, come è scritto nella dichiarazione congiunta di Cina e Russia del 4 febbraio 2022.

Il commercio reciproco tra Cina e Russia per il 2023 ha raggiunto i 240 miliardi di dollari, ovvero il 26% in più rispetto al 2022. La Russia è il maggiore fornitore di petrolio greggio della Cina, superando perfino l’Arabia Saudita. A gennaio 2023, la Russia ha guadagnato 87 miliardi di dollari solo dalle esportazioni di petrolio verso la Cina, mentre in media Mosca spende 10 miliardi di dollari al mese per la guerra contro l’Ucraina. Allo stesso tempo, come scritto in precedenza da TSN.ua , il volume degli scambi commerciali della Cina solo con l’UE, per non parlare degli Stati Uniti, nel 2023 ammontava a quasi 738 miliardi di dollari, ovvero tre volte superiore al volume degli scambi con la Russia.

Forse è per questo che il problema principale – l’accesso delle aziende russe alle banche cinesi – non è stato risolto dalla successiva visita di Putin in Cina. A causa della minaccia di cadere sotto le sanzioni statunitensi per aver aiutato Mosca nella guerra contro l’Ucraina, alcune banche cinesi hanno operazioni limitate con società russe. È interessante notare che venerdì 17 maggio, ultimo giorno della visita di Putin in Cina, il capo della Rostec, Sergey Chemezov (che fa parte della cerchia ristretta di Putin – ndr), ha affermato che Mosca dovrebbe limitare il numero di auto cinesi in circolazione il mercato interno russo. Anche se allo stesso tempo Putin, mentre era in Cina, ha affermato che la Russia, al contrario, è interessata alla presenza delle case automobilistiche cinesi nel mercato russo e intende espandere la cooperazione.

Ovviamente, per ora, i mercati occidentali sono davvero più importanti per la Cina dell’amicizia con la Russia, non importa quanto sconfinata sia. Del resto, la stessa industria automobilistica cinese è al primo posto nel mondo, e sta attivamente conquistando la nicchia delle auto elettriche e delle ibride plug-in. Questa settimana, il governo degli Stati Uniti ha aumentato le tariffe sulle importazioni cinesi di 18 miliardi di dollari. Ad esempio, le tariffe sulle auto elettriche sono aumentate dal 25% al ​​100%. L’UE si prepara a fare lo stesso, anche se alcuni Stati membri, come Ungheria e Germania, sono contrari. Inoltre, l’UE ha già avviato un’indagine sui produttori cinesi di laminati di ferro e acciaio che ricevono sovvenzioni dal PCC per proteggere i produttori europei dalla concorrenza sleale.

Ciò colpirà duramente l’economia cinese, che ha un disperato bisogno di denaro. Almeno prendere una decisione sulla Banca Centrale Cinese che fornirà 138 miliardi di dollari al settore immobiliare colpito dalla crisi dopo che un certo numero di sviluppatori hanno dichiarato default. In sostanza, lo Stato si limiterà a riacquistare gli immobili invenduti e inattivi. La Russia non ha le risorse per aiutare in qualche modo Pechino, che da tempo promette a Mosca di firmare un accordo sulla costruzione del gasdotto Power of Siberia-2. Tuttavia, la domanda principale qui è: chi pagherà per questo? Putin deve in qualche modo sostituire il mercato di vendita europeo perduto. Pertanto, durante la visita di Putin e l’incontro con Xi Jinping, chiaramente non hanno stappato lo champagne, celebrando la vittoria sull’“odiato Occidente”.

Per la ventesima volta, la Marcia per l’Uguaglianza marcia per le strade di Cracovia. Per la prima volta con la partecipazione del sindaco della…

Piano “pacifico”: trattative e congelamento

Se si guardano le dichiarazioni pubbliche di Putin durante il suo soggiorno in Cina, si ha l’impressione che sia andato lì solo per giustificare ancora una volta il suo desiderio maniacale di impadronirsi dell’Ucraina. Il “Fuhrer” del Cremlino ha ribadito ancora una volta l’illusione che la Russia non abbia mai rinunciato ai negoziati, che terrebbero conto della “realtà sul campo” e degli “accordi di Istanbul”. Anche nella dichiarazione congiunta sino-russa di 7.000 parole, adottata durante la visita di Putin nella Repubblica popolare cinese, la Russia sottolinea “la disponibilità della parte cinese a svolgere un ruolo costruttivo nella questione della soluzione politica e diplomatica della crisi ucraina. “

È la “crisi ucraina” quella che Pechino chiama la guerra su vasta scala che la Russia ha scatenato contro l’Ucraina. Nel febbraio 2023, la Cina ha pubblicato la sua “posizione” – un piano di “pace” in 12 punti che richiedeva un “cessate il fuoco” incondizionato e una “ripresa dei colloqui di pace” senza garanzie. Un anno dopo, nel febbraio 2024, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi mise pubblicamente in dubbio il Memorandum di Budapest, affermando che Pechino non lo aveva firmato, ma lo aveva semplicemente riconosciuto. E gli esperti cinesi che collaborano con il PCC e trasmettono le politiche del partito, tuttavia, sono più liberi nelle loro dichiarazioni, nelle loro interviste pubbliche e nei commenti hanno messo in dubbio la sovranità dell’Ucraina e hanno attribuito tutta la colpa dell’inizio della guerra all’Occidente. gli USA e la NATO.

Tuttavia, i tentativi di Xi Jinping di creare nel mondo un’immagine di pacificatore che sembra voler riconciliare le “parti ostili”, cioè Russia e Ucraina, sono falliti miseramente. Secondo il segretario di Stato americano Anthony Blinken, la Cina non fornisce sostegno militare diretto alla Russia, ma aiuta l’industria della difesa russa ad ottenere i componenti necessari per la produzione di armi: microchip, macchine utensili e altri beni a duplice scopo. Inoltre, TSN.ua ha già scritto che le aziende cinesi aiutano da tempo Mosca ad assemblare droni direttamente sul territorio russo, fornendo nitrocellulosa per la produzione di munizioni, nonché ottiche utilizzate nei carri armati e nei veicoli da combattimento. La Cina è anche nota per fornire alla Russia immagini satellitari per intraprendere la guerra contro l’Ucraina, e sta lavorando con la Russia per migliorare le sue capacità satellitari e altre capacità spaziali, che potrebbero rappresentare una minaccia più ampia per tutta l’Europa in futuro.

Nell’articolo “Relazioni sino-russe: quanto Xi Jinping è disposto a pagare per la guerra di Putin?”, la BBC scrive che mentre Putin si vanta della sua amicizia con Xi, quest’ultimo può avere buoni motivi di preoccupazione e lo mette in imbarazzo posizione, perché l’economia cinese non può permettere tale pressione da parte degli Stati Uniti e dell’UE per il sostegno di Pechino alla guerra della Russia contro l’Ucraina.

“Pechino vede ancora Mosca come la chiave per cambiare l’ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti. Il commercio tra i due paesi è in forte espansione. Le forniture energetiche russe a basso costo, comprese le forniture costanti di gas attraverso il gasdotto Power of Siberia, sono vantaggi per la Cina. Tuttavia, mentre la guerra si trascinava in poi, l’alleanza (tra Russia e Cina – ndr) non sembrava così “illimitata”. Questo termine è quasi scomparso dai media statali (cinesi – ndr). Ma una chiara neutralità non significa che le simpatie per l’Ucraina siano facili visibile nei media cinesi, che sono sottoposti a una severa censura – nota la BBC.

Nonostante la dichiarazione ufficiale del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica popolare cinese secondo cui Putin, in un incontro informale con Xi a Pechino, avrebbe parlato della disponibilità della Russia a risolvere la “questione ucraina attraverso negoziati politici”, in realtà si tratta dell’ennesimo tentativo palese da parte di La Cina per convincere l’Occidente che al primo vertice costitutivo della formula di pace in Svizzera il 15-16 a giugno dovrebbe essere presente anche la Russia, di cui Pechino ha già parlato pubblicamente. Per quanto riguarda la Cina stessa, ha ricevuto l’invito, ma non ha ancora risposto. È interessante notare che alla vigilia della visita di Putin in Cina, il suo assistente per gli affari internazionali Yuri Ushakov ha affermato che la Cina sicuramente non andrà in Svizzera per il vertice. Tuttavia, già il primo giorno della visita di Putin in Cina, il suo addetto stampa Dmytro Peskov ha affermato che “la partecipazione della Repubblica popolare cinese al vertice sull’Ucraina non lo renderà più efficace”.

Bufera dopo l’ingresso di un ex deputato del PiS. Ha affermato che “i polacchi non hanno conquistato Montecassino”

Naturalmente, questo non aggiungerà nulla, perché la decisione di porre fine alla guerra è nelle mani di Putin e del suo entourage. Perché il Cremlino è così preoccupato per questo vertice in Svizzera? Naturalmente, della presenza personale di Xi Jinping non si è mai parlato. Ma se, ad esempio, Wang Yi o un altro funzionario di alto rango del PCC prendessero parte a questo vertice di pace, sarebbe già un grande risultato. In sostanza, ciò significherebbe che Pechino cerca effettivamente di porre fine alla guerra nel prossimo futuro e scommette sulle relazioni con l’UE e gli Stati Uniti, che possono salvare l’economia cinese, e non sulla Russia, che sta trascinando la RPC al baratro. metter il fondo a.

“La visita di Putin ha anche mostrato i limiti dell’alleanza tra i due paesi. In Cina, Xi ha steso il tappeto rosso per Putin, ma la visita non ha portato a impegni pubblici su nuovi progetti specifici o investimenti tra i due paesi”, scrive The New York Times in un articolo sui risultati della visita di Putin in Cina

Ma non bisogna sperare in una radicale inversione di rotta da parte di Pechino. Venerdì 17 maggio, nel secondo giorno del suo soggiorno in Cina, Putin ha visitato Harbin, una città con lunghi legami storici e culturali con la Russia. Ma il capo del Cremlino si è recato lì non per cultura o storia, ma per visitare il locale istituto politecnico, noto per le sue ricerche sui razzi e sulle tecnologie spaziali, dove hanno studiato anche scienziati nordcoreani che hanno lavorato al programma nucleare della RPDC. Questo è più di un velato segnale all’Occidente che la cooperazione in materia di difesa e militare tra Russia e Cina continuerà.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles