14.6 C
Rome
sabato, Luglio 20, 2024

Il presidente della Georgia pone il veto alla legge sugli “agenti stranieri” mentre i manifestanti attaccavano a Tbilisi

Il presidente della Georgia pone il veto alla legge sugli “agenti stranieri” mentre i manifestanti attaccavano a Tbilisi

TBILISI – Il presidente georgiano Salome Zurabishvili ha posto il veto al cosiddetto disegno di legge sugli agenti stranieri che prende di mira i media e le ONG finanziati da governi stranieri dopo settimane di proteste di massa da parte dei georgiani che vedono il disegno di legge come un pericolo per il percorso del paese verso l’integrazione nell’UE. La legge richiederebbe ai media e alle ONG di registrarsi come “perseguitori degli interessi di una potenza straniera” se ricevono più del 20% dei loro finanziamenti dall’estero.

Zurabishvili aveva dichiarato all’inizio della settimana di considerare la legge “inaccettabile”. Zurabishvili, che è sempre più in conflitto con il partito al potere Georgian Dream da quando ha appoggiato la sua candidatura nel 2018, aveva precedentemente espresso la sua intenzione di porre il veto al disegno di legge, che è stato approvato dal parlamento il 14 maggio.

I manifestanti si radunano davanti all'Università statale di Tbilisi il 17 maggio.
I manifestanti si radunano davanti all’Università statale di Tbilisi il 17 maggio.

All’inizio della settimana aveva affermato di considerare la legge “inaccettabile” e “non coerente” con il percorso del Paese verso l’integrazione nelle istituzioni euro-atlantiche. Ha inoltre avvertito che la legge mette in pericolo l’esistenza stessa dello Stato georgiano. Zurabishvili ha detto che il partito Sogno Georgiano, insieme a diversi membri del parlamento dell’opposizione, hanno votato a favore della legislazione a dispetto dei manifestanti che si oppongono a qualsiasi spostamento da un corso filo-occidentale verso la Russia.

La legge sulla trasparenza dell’influenza straniera è stata condannata dagli Stati Uniti, dall’Unione Europea e dai guardiani dei diritti umani, e ha provocato settimane di proteste che sono state ripetutamente represse violentemente dalle autorità. Gli oppositori hanno sottolineato la somiglianza con la legislazione utilizzata dal presidente Vladimir Putin per reprimere il dissenso in Russia e soffocare le istituzioni indipendenti, spingendo i georgiani a riferirsi alla misura come “la legge russa”. Zurabishvili ha utilizzato questa descrizione in un briefing dopo aver annunciato il suo veto.

“Questa legge è una legge russa nell’essenza e nello spirito, che contraddice la nostra Costituzione e tutte le norme europee. Quindi rappresenta un ostacolo sul nostro cammino europeo”, ha detto. “Questo veto è completamente legale e sarà consegnato al parlamento oggi.” La legge non è soggetta ad alcun cambiamento o miglioramento, ha detto, aggiungendo che la mossa è un semplice veto e indica che il progetto di legge “dovrebbe essere abrogato”. Tuttavia, la maggioranza parlamentare del Sogno Georgiano gli consentirà di scavalcare facilmente il veto presidenziale.

All’inizio del 18 maggio gli oppositori della legge sono stati attaccati dai sostenitori del Sogno georgiano fuori dall’Università statale di Tbilisi, dove stavano aspettando l’arrivo del primo ministro Irakli Kobakhidze, che tiene un corso all’università il sabato.
Uno degli organizzatori della manifestazione, Niko Managadze, ha detto che un gruppo di persone ha affrontato i manifestanti davanti all’università e ha iniziato ad attaccarli fisicamente.

Managadze ha detto a Echo of the Caucasus di RFE/RL che la mossa aveva lo scopo di consentire a Kobakhidze di entrare in sicurezza nell’edificio senza dover affrontare i manifestanti. “Abbiamo deciso di radunarci davanti all’università e protestare, anche se, come avete potuto vedere, gli altri si sono mobilitati e sono entrati in contatto fisico diretto con noi”, ha detto Managadze. “Non c’è stata una reazione adeguata da parte della polizia. Sono rimasti semplicemente accanto a noi.”

Per la ventesima volta, la Marcia per l’Uguaglianza marcia per le strade di Cracovia. Per la prima volta con la partecipazione del sindaco della…

Gli aggressori, che si diceva fossero membri dell’ala giovanile del Georgian Dream, si sono presentati all’edificio dell’università vestiti di nero e con indosso maschere – abbigliamento simile a quello indossato da quella che sembrava essere la polizia antisommossa che ha attaccato violentemente e ripetutamente i manifestanti contro il movimento. legge all’inizio della settimana prima della sua adozione.

L’incidente fuori dall’Università statale di Tbilisi è avvenuto il giorno dopo che alti funzionari del partito al potere si sono uniti ad alti religiosi ortodossi e gruppi religiosi conservatori in manifestazioni in tutto il paese il 17 maggio per celebrare una nuova festività nota come Giornata della purezza della famiglia, inclusa una marcia nel centro di Tbilisi, teatro di settimane di proteste contro il disegno di legge.

Una processione alla quale hanno partecipato migliaia di persone è iniziata presso la Cattedrale della Santissima Trinità alla presenza di Kobakhidze, del sindaco di Tbilisi Kakha Kaladze, che è anche segretario generale di Georgian Dream, e del portavoce del parlamento Shalva Papuashvili.

L’attenzione riservata da Georgian Dream all’evento sembrava essere un tentativo di frenare l’impatto delle settimane di massicce proteste contro il controverso disegno di legge sugli “agenti stranieri” approvato dal parlamento nel mezzo della violenta repressione dei manifestanti. Kobakhidze ha accusato i manifestanti di “seguire l’agenda della minoranza politica” e di aver dimostrato una “grande irresponsabilità” nei confronti del loro Paese. Georgian Dream è stata fondata dal miliardario filorusso ed ex primo ministro Bidzina Ivanishvili.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles