24.4 C
Rome
martedì, Maggio 21, 2024

La Polonia lo dice chiaramente. Una posizione chiara sul patto migratorio

La Polonia lo dice chiaramente. Una posizione chiara sul patto migratorio. L’approvazione definitiva del regolamento è prevista per martedì in una riunione dei capi dei ministeri delle finanze

La Polonia voterà contro l’adozione del patto migratorio dell’UE, ha annunciato a Bruxelles il ministro delle Finanze Andrzej Domański.. L’approvazione definitiva del regolamento è prevista per martedì in una riunione dei capi dei ministeri delle finanze dei paesi dell’Unione Europea . Si tratta solo di una formalità, dopo che il regolamento è stato approvato dal Parlamento europeo meno di un mese fa e il consenso preliminare è stato espresso all’inizio di febbraio dagli ambasciatori dei paesi dell’UE, nonostante l’opposizione della Polonia.

Cosa sta succedendo nella regione di Kharkiv: lo stato maggiore ha presentato un riepilogo notturno

La Polonia si oppone al patto migratorio. Ha parlato il ministro delle Finanze

Il ministro Domański ha affermato che il governo ha valutato negativamente le disposizioni del patto negoziato dalle autorità precedenti. – Ciò non tiene conto della specificità dei paesi confinanti, ad esempio, con la Bielorussia – ha sottolineato Domański. – Paesi che affrontano la crescente pressione della cosiddetta guerra ibrida. Le disposizioni del patto sulla migrazione non tengono sufficientemente conto del rapporto tra responsabilità e solidarietà, ha affermato il ministro delle Finanze. 

Il governo PiS ha praticamente rovinato tutto ciò che poteva essere rovinato in questi negoziati e non ha adempiuto al proprio obbligo di prendersi cura degli interessi della Polonia. Pertanto la posizione del nostro governo è chiara

– ha detto il ministro delle Finanze.

L’elemento chiave e più controverso del patto è il principio di solidarietà obbligatoria, che prevede l’ammissione dei migranti. Il trasferimento può essere sostituito da un contributo di circa 20.000 euro per ogni persona non ammessa. Questa norma entrerà in vigore dal 2026. Esistono disposizioni che consentono l’esenzione dalla ricollocazione in base al numero di migranti o rifugiati accettati da un determinato Paese, ma solo negli ultimi 12 mesi.

Secondo le ipotesi, l’UE dovrebbe accogliere 30.000 persone ogni anno. Quando si divide nei singoli paesi, è necessario tenere conto della popolazione e del PIL di ciascun paese. Nel caso della Polonia si tratterebbe di duemila persone ammesse oppure di una tassa di 40 milioni di euro .

Patto sulla migrazione. Cosa riguarda? 

Tuttavia, il patto sulla migrazione non riguarda solo la ricollocazione. Sono inoltre previste disposizioni per un trattamento più rapido delle domande di asilo, un ritorno più rapido delle persone che non hanno diritto alla protezione internazionale e una migliore identificazione dei migranti alle frontiere, compreso il rilevamento delle impronte digitali di tutti coloro che tentano di entrare illegalmente in Europa.

La riforma in materia di migrazione e asilo è stata proposta per la prima volta dalla Commissione europea nel 2016, ma si è bloccata perché alcuni paesi si sono opposti al trasferimento. La situazione di stallo è stata risolta quando è stato abbandonato il requisito dell’unanimità.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles