24.4 C
Rome
martedì, Maggio 21, 2024

Ci sono i russi dietro i recenti incendi in Polonia? “Promettono grandi somme”

Ci sono i russi dietro i recenti incendi in Polonia? “Promettono grandi somme”. Secondo Marcin Samsel il loro obiettivo avrebbe potuto essere quello di provocare caos e panico.

Recentemente in Polonia sono scoppiati una serie di incendi nei quali potrebbero aver contribuito i servizi di Putin. Secondo Marcin Samsel il loro obiettivo avrebbe potuto essere quello di provocare caos e panico. – Questi sono elementi di guerra ibrida che preparano per una potenziale guerra convenzionale con i paesi della NATO – afferma su tokfm.pl un esperto di sicurezza e gestione delle crisi. Indica anche per mano di chi il Cremlino avrebbe potuto appiccare gli incendi in Polonia.

Venerdì in Polonia sono scoppiati una serie di grandi incendi. Innanzitutto l’incendio è scoppiato in una discarica illegale a Siemianowice Śląskie, dove sono stati bruciati oltre 10.000 rifiuti. tonnellate di sostanze chimiche tossiche e plastica. Due giorni dopo, gli abitanti di Varsavia hanno visto nuvole di fumo nero sopra il centro commerciale Marywilska 44 , dove molti commercianti hanno perso i loro averi. Lunedì un deposito di autobus a Bytom ha preso fuoco. Gli incendi sono scoppiati anche in una discarica di Wilanów, in un deposito di pneumatici a Oświęcim, nel Parco nazionale di Kampinos e nei locali di un’azienda di rifiuti a Varsavia.

Ogni volta molti vigili del fuoco hanno domato l’incendio e le nuvole di fumo hanno disturbato i residenti. Dopo l’incendio scoppiato in via Marywilska, il Centro di sicurezza governativo ha addirittura inviato un avviso ai residenti di Varsavia: “Se potete, restate a casa e chiudete le finestre”. Gli esperti hanno suggerito nei media che qualcuno abbia deliberatamente causato questa tragedia. – 95 per cento lì. dovevano esserci diverse fonti di fuoco e ad una certa distanza l’una dall’altra. Non c’è nessun caso – ha detto in un’intervista a Gazeta.pl Jarosław Dąbrowski, esperto del tribunale nel campo dei vigili del fuoco .

Esplosioni in un deposito di autobus a Bytom. Dieci veicoli bruciati

Pertanto, poiché potrebbero essersi verificati attacchi incendiari intenzionali, gli esperti di sicurezza hanno iniziato a ricordare i recenti avvertimenti dei servizi di intelligence occidentali. Hanno detto che la Russia stava pianificando atti di sabotaggio e sabotaggio in tutta Europa. È questo ciò con cui potremmo avere a che fare ora?

 – C’è sicuramente qualcosa di strano e sconcertante in questi incendi. La loro portata, la violenza e il fatto che alcuni di essi siano esplosi in grandi centri abitati sono sospetti. Se gli esperti ritengono che l’incendio di via Marywilska sia opera di professionisti, allora le spie devono spegnersi. La situazione a Bytom è stata simile : gli autobus non si bruciano, soprattutto dieci alla volta. Non voglio dare per scontato che dietro questi eventi ci siano russi o bielorussi. Ma simili azioni di sabotaggio fanno sicuramente parte del modus operandi dei servizi orientali, afferma Marcin Samsel, esperto in sicurezza e gestione delle crisi, su tokfm.pl.

Anche a Piotr Niemczyk l’“indizio russo” sembra probabile. Tuttavia, avverte di non mettere tutti gli incendi menzionati in un unico sacchetto. Perché – come dice lui – contiene bocconi potenzialmente gustosi per il Cremlino, ma anche alcuni che i servizi di Putin non mangerebbero. E anche se lo fosse, il suo costo sarebbe troppo alto. Il mio interlocutore cita come esempi di quest’ultimo caso gli incendi nei depositi di rifiuti e nei pneumatici. – I russi calcolano: se il rischio di catturare l’autore dell’incendio doloso è troppo alto, e inoltre c’è il rischio che venga associato a loro, ciò non bilancia i benefici che potrebbero trarre dalla confusione causata dall’incendio. E onestamente, non so cosa otterrebbero i russi dando fuoco a tali discariche. Non voglio davvero credere che sarebbe vantaggioso per loro – dice un esperto nel campo della sicurezza e dei servizi segreti.

Aggiunge che l’incendio in un centro commerciale a Varsavia avrebbe potuto essere una bella sorpresa per i russi. Perché rappresentava una minaccia per un gruppo molto ampio di persone, sia commercianti che residenti locali. – E questo è uno degli obiettivi del Cremlino. L’idea è quella di rendere la vita difficile agli europei e di stancarli. Dovrebbero quindi iniziare a fare pressione sui politici al potere: “Smettetela di aiutare l’Ucraina e di scherzare con i russi, perché significa che non possiamo vivere normalmente! Cosa ci importa del destino degli ucraini? Lasciamo perdere”. I russi potrebbero finalmente ottenere questo risultato, spiega Piotr Niemczyk.

Chi ha appiccato gli incendi in Polonia? “I russi promettono grandi somme”

Se dietro i recenti incendi in Polonia c’è il Cremlino, per mano di chi li ha innescati? Secondo Marcin Samsel, la Russia avrebbe potuto trasferire in Polonia i suoi uomini addestrati per le operazioni di sabotaggio. Per non destare sospetti, questi specialisti provengono dall’Europa occidentale o addirittura dalla Georgia. Non preparano azioni né trovano obiettivi adeguati. Ciò viene fatto dalle cellule dell’intelligence russa che operano in Polonia.

– Ci sono anche dei polacchi coinvolti che potrebbero essere stati ispirati o condizionati a intraprendere tali azioni. Come quegli hooligan polacchi che a marzo si recarono in Lituania per uccidere Leonid Volkov, un oppositore russo e socio di Alexei Navalny. Sono contadine così sensibili e muscolose che i russi, tramite un bielorusso, hanno affittato per pochi zloty. Probabilmente questi polacchi non sapevano nemmeno su quale ordine stavano effettivamente lavorando, dice l’esperto.

Secondo Piotr Niemczyk, i russi non usano agenti addestrati per azioni come appiccare incendi perché sono troppo preziosi. – È meglio che prendano un polacco con problemi finanziari e che per pochi zloty farà qualsiasi brutto scherzo. O uno che non è necessariamente sostenibile. Puoi anche giocare su alcune animosità, ad esempio qualcuno è stato derubato in un centro commerciale e poi qualcun altro, inscenato dai russi, lo ha incoraggiato a darsi fuoco. A quanto pare i russi promettono somme piuttosto ingenti a sabotatori dilettanti e poi non le pagano. Se capita una persona del genere è facile liquidarla, spiega il mio interlocutore.

Incendi in Polonia. “Effetto eco”

Secondo Marcin Samsel lo scopo degli incendi avrebbe potuto essere quello di provocare caos, panico e divisioni sociali. – Questi sono elementi di guerra ibrida che preparano una potenziale guerra convenzionale con i paesi della NATO. Non sappiamo se quest’ultimo esploderà, ma il Cremlino sta preparando il terreno per la sua esplosione. Per gestirlo, hai bisogno di quattro cose: esercito, armi, denaro e pace nella tua società. È meglio se non è nel paese dell’avversario. Quindi, se i russi ci causano ansia, ci indeboliscono. Succede tutto il tempo. A questo servono tutti gli atti di sabotaggio, spiega.

Aggiunge che ora gli incendi dovrebbero essere indagati dai servizi polacchi. Hanno già molto lavoro da fare, perché l’intelligence del Cremlino ha intensificato la sua offensiva di spionaggio in Polonia e in Occidente. Recentemente hanno ascoltato anche il caso del giudice Tomasz Szmydt, che è fuggito in Bielorussia e ha chiesto “protezione” al regime locale. Sono in corso analisi su quali segreti avesse accesso e cosa avrebbe potuto trasmettere a Lukashenko e al popolo di Putin. Quindi, se i russi hanno “ispirato” i recenti incendi, hanno solo aggiunto lavoro ai servizi polacchi e la loro capacità di elaborazione è limitata. Concentrandosi su minacce specifiche, rivelano altre aree per ulteriori azioni da parte delle controparti russe. – È un gioco. Se i servizi polacchi non rilevano in tempo ulteriori minacce, sembrerà che abbiano commesso degli errori. Questo può essere giocato politicamente, diffondendo disinformazione, dividendo la società e indebolendo l’autorità dello Stato. Ecco come dovrebbe andare. Si tratta di elementi di guerra ibrida, sottolinea l’esperto.

Quando si verificano atti di sabotaggio, i servizi di Putin mostrano i muscoli. Secondo l’esperto, questo potrebbe essere il caso anche dei recenti incendi. – Questo è un modo per i russi di dimostrare che sono forti qui perché la loro rete di spionaggio funziona bene qui. La stessa cosa è successa con i grandi incendi scoppiati in Russia. Gli ucraini hanno dimostrato la loro efficacia e l’Occidente è stato felice. Questo è un gioco progettato per avere un effetto simile, dice.

Marcin Samsel attira l’attenzione anche sul cosiddetto effetto eco su cui i russi possono contare. Quando in qualche parte della Polonia scoppia un grande incendio, i media ne danno notizia. – Poi vari piromani si svegliano e danno fuoco agli edifici successivi. La spirale inizia e il caos cresce. Non sappiamo se l’effetto eco si verificherà ora. Ma questa potrebbe non essere la fine degli incendi dello scorso fine settimana, avverte il mio interlocutore.

“Ciò potrebbe aprire la strada ad azioni più drastiche.”

Se dovessero scoppiare ulteriori incendi, il senso di minaccia potrebbe aumentare nella società. Secondo Piotr Niemczyk, ciò rischia a sua volta di creare paranoia, di cui avvantaggiano anche i russi. – Le persone in tali situazioni sono propense ad attribuire al Cremlino la paternità di ogni evento, anche accidentale. L’effetto dovrebbe essere quello che ho detto prima: la gente fa pressione sui politici, dicendo che dovrebbero lasciare andare i russi perché non permettono loro di vivere una vita normale – spiega.

Il nemico intensifica i bombardamenti su Vovchansk: si è saputo quanti residenti della comunità sono già stati evacuati

Naturalmente, continua l’esperto, anche i polacchi potrebbero diventare indifferenti e smettere di notare sui media i successivi incendi. Tuttavia, ciò potrebbe anche andare a vantaggio del Cremlino. – Questo è quello che è successo ai norvegesi quando hanno osservato sempre più droni non identificati sopra i loro aeroporti e altre infrastrutture critiche. Si è scoperto che erano interpretati, ad esempio, da turisti russi. I cittadini norvegesi prima si sono preoccupati e si sono chiesti “Cosa sta succedendo?!”, e poi hanno smesso di preoccuparsene. Questa indifferenza potrebbe aprire la strada ad azioni più drastiche. Ciò significa che il drone non solo volerà, ma presto colpirà qualcosa e provocherà un’esplosione. Questo è ciò che mi aspetto e temo, ammette.

Aggiunge che i servizi di Putin utilizzano costantemente il metodo dei piccoli passi per raggiungere il loro obiettivo in un modo o nell’altro. L’idea è destabilizzare la situazione nei paesi occidentali. – Attueranno un attacco hacker, utilizzeranno il ricatto politico o realizzeranno un atto di sabotaggio più o meno grande. Tutto ciò rientra nell’ambito della guerra ibrida, descrive il mio interlocutore.

“Non nascondiamolo: per Putin la Polonia è un obiettivo”

Secondo gli esperti, nel prossimo futuro possiamo aspettarci ulteriori atti di sovversione e sabotaggio. Soprattutto per le infrastrutture critiche, ovvero linee ferroviarie, centrali elettriche e depositi di carburante. – È bene essere consapevoli della direzione in cui tutto ciò potrebbe andare. Questi sono i preparativi per una possibile guerra convenzionale con i paesi della NATO. Non si tratta di un sogno irrealizzabile, ma della visione che Putin ha da anni, sottolinea Marcin Samsel.

Sottolinea che Putin si è ripreso dalle sconfitte subite in Ucraina nel 2022. L’economia russa ha resistito alle sanzioni occidentali e l’esercito locale ha imparato la lezione dalle perdite iniziali e ha cambiato tattica. – E’ un esercito diverso. Inoltre, i capi dell’idra spia russa stanno ricrescendo in Europa. Anche in Polonia, perché siamo onesti: per Putin siamo un bersaglio. Tutto ciò crea l’immagine di una Guerra Fredda 2.0, che è ancora in corso e potrebbe potenzialmente sfociare in una guerra convenzionale. Per prepararsi a ciò, la Russia sta agitando la situazione in Polonia e in altri paesi europei in ogni modo possibile, dice l’esperto.

– I servizi polacchi dovrebbero analizzare ancora di più le minacce. Tuttavia, non possiamo esagerare la paura o cadere nell’isteria. Questa sarebbe la nostra peggiore risposta alle azioni dei russi. La paranoia destabilizza la situazione ed è ciò su cui i russi contano di più, avverte Piotr Niemczyk.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles