13.5 C
Rome
martedì, Marzo 5, 2024

Gli ucraini sono lenti a trincerarsi, imitando i russi. Basta ridere delle piramidi di cemento

Gli ucraini sono lenti a trincerarsi, imitando i russi. Basta ridere delle piramidi di cemento. I russi stanno esercitando pressioni in molti luoghi e, sebbene abbiano perso slancio da dicembre, hanno ottenuto alcuni guadagni. 

Gli ucraini sono lenti a trincerarsi, imitando i russi. I ruoli si sono invertiti e ora sono gli ucraini a mostrare regolarmente come stanno costruendo fortificazioni dietro la linea del fronte. I russi stanno esercitando pressioni in molti luoghi e, sebbene abbiano perso slancio da dicembre, hanno ottenuto alcuni guadagni. Non vi è alcun segno di un cambiamento in questa tendenza.

Un anno fa , la convinzione comune era che l’esercito ucraino si stesse preparando per una grande controffensiva in primavera o in estate. Anche se in inverno i russi erano ancora all’offensiva e gradualmente occuparono Bakhmut. Oggi non si fa alcuna speculazione su una possibile controffensiva ucraina. Al contrario, gli ucraini si stanno apertamente preparando per una difesa a lungo termine e congelando il percorso della linea del fronte, mentre allo stesso tempo cercano di ricostruire ed espandere il potenziale militare.

Sul fronte i russi hanno perso slancio

Osservando gli eventi sul fronte nelle ultime due settimane, era praticamente impossibile notare cambiamenti significativi. Anche se c’è un’area interessante sulla mappa che sembrava relativamente statica all’inizio di dicembre. Questa è un’area a ovest di Donetsk, vicino alle città di Marinka e Novomychailivka. Il primo fu conquistato completamente dai russi alla fine di dicembre, dopo pesanti combattimenti praticamente dall’inizio della guerra. Quest’ultima si trova 9 chilometri a sud ed è ancora sotto il controllo ucraino.

Dopo essersi fatti strada attraverso Marinka, i russi continuarono a premere nell’area e ottennero un certo successo mentre si spostavano più a ovest. Tuttavia, anche se si sono avvicinati a Novomychailivka a dicembre, non sono ancora riusciti a raggiungere gli edifici. Quindi bombardano intensamente il villaggio con il fuoco dell’artiglieria e le bombe aeree. Già il 10 gennaio sarebbero dovuti cadere circa 20 di questi, il che, considerando le condizioni di questa guerra e l’area di combattimento relativamente piccola, rappresenta un’intensità di bombardamento significativa.

È impossibile definire questi eventi un’offensiva ampia e dinamica, ma nell’ultimo mese quest’area ha attirato molta più attenzione russa di prima. Aiuta il fatto che sia vicino a Donetsk con infrastrutture relativamente buone, il che rende la logistica più semplice.

La situazione nella zona di Marinka e Novomychailivka.  Entrambi i villaggi nella parte centrale della mappa.  Donetsk nell'angolo in alto a destraLa situazione nella zona di Marinka e Novomychailivka. Entrambi i villaggi nella parte centrale della mappa. Donetsk nell’angolo in alto a destra  Foto. map.ukrdailyupdate.com

Un numero simile di bombe cade su Avdiivka e dintorni, a 30 chilometri a nord-est. Dall’inizio dell’anno si sono verificati circa 20 carichi al giorno. Vi sono continui e pesanti combattimenti lì, ma i russi non hanno registrato alcun progresso significativo per quasi un mese. La loro offensiva ha chiaramente perso slancio e nelle condizioni attuali non c’è alcuna possibilità che si ripeta Bachmut.

Anche se la situazione degli ucraini rimasti parzialmente accerchiati nella stessa Avdiivka non è facile. Le poche strade percorribili e le vie di rifornimento sono sotto sorveglianza e compaiono sempre più droni FPV russi dotati di telecamere termiche in grado di effettuare attacchi notturni. Finora l’oscurità fungeva da scudo contro le onnipresenti “zanzare” a caccia di camion con rifornimenti e feriti, ma ora le cose stanno cambiando. Inoltre, i russi devono bombardare deliberatamente le vie di rifornimento con bombe pesanti per distruggere le loro superfici e rendere il viaggio più difficile.

La prossima zona di combattimenti più intensi è il nord, nella zona di Kupiańsk. Lì, i russi cercheranno invariabilmente di catturare il villaggio di Synkivka e di avvicinarsi alla città da est e nord-est. Senza successo. Al contrario, le brigate ucraine che combattono in questa zona pubblicano regolarmente online filmati raccapriccianti di attacchi russi, solitamente effettuati da diversi carri armati e veicoli da combattimento di fanteria, nonché da 10-30 fanti, che finiscono miseramente grazie a mine, artiglieria e droni.

Allo stesso modo, diverse decine di chilometri a sud, nella zona di Kreminnaya, dove i russi cercano di continuare i loro successi di dicembre attaccando i villaggi di Terny e Yampolyvka. Nessuna fortuna per due settimane. La situazione è simile diverse decine di chilometri più a sud, nella zona di Bakhmut. A dicembre i russi hanno ottenuto notevoli successi a nord della città, ma le ultime due settimane sono state una pausa. Anche se non mancano le registrazioni di attacchi poco riusciti e di soldati russi che muoiono nei crateri e nelle trincee.

Una situazione simile si registra a diverse centinaia di chilometri di distanza a Zaporozhye, nella regione di Robotyne, nelle zone occupate durante la fallita controffensiva estiva ucraina. I russi hanno avuto notevoli successi qui a dicembre, ma finora nel nuovo anno non hanno avuto la stessa fortuna. Entrambe le parti effettuano piccoli attacchi e contrattacchi, ma senza cambiamenti significativi nel controllo dell’area.

Un esempio di uno di questi attacchi russi. Il carro armato è stato immobilizzato da una mina e ucciso con un drone. Allo stesso modo, due veicoli corazzati da trasporto truppa/veicoli da combattimento di fanteria. Perdite umane sconosciute

L’ultimo luogo di combattimenti notevolmente più intensi fu il Dnepr e la testa di ponte ucraina sulla sponda orientale vicino al villaggio di Krynki. Gli ucraini iniziarono a trasferire lì forze più grandi in ottobre, sorprendendo inizialmente le deboli truppe russe nell’area. Per sostenere i marines ucraini, lì si concentrarono forze significative di unità da guerra con droni, che hanno inflitto e continuano a infliggere dolorose perdite ai russi che cercavano di eliminare la testa di ponte.

Da più di un mese, però, gli stessi ucraini mettono in dubbio il mantenimento della loro posizione sulla sponda orientale. L’esercito russo ha inviato rinforzi in questa zona, che ha limitato l’area operativa dei morpekh ucraini (in breve marines) al confine del villaggio sulla riva del fiume. I russi non riescono a ottenere la vittoria completa e quando prendono d’assalto le posizioni ucraine subiscono delle perdite.

Tuttavia, anche gli ucraini si trovano in una situazione difficile. I russi, utilizzando droni FPV con imaging termico, danno la caccia alle loro barche cercando di trasportare persone e rifornimenti attraverso il Dnepr sotto la copertura dell’oscurità. Trasportare i feriti dalla costa russa e i soldati in rotazione esausti dalla battaglia sarà una grande sfida. L’unica cosa che salva la testa di ponte è la persistenza e il supporto dell’artiglieria e dei droni dall’altra parte. 

Nella regione di Poltava un razzo è caduto nel cortile di una casa privata: i dettagli

Non mancano le voci che ne mettono in dubbio la continuazione. Discussione simile a quella dell’anno scorso sul senso di difendere Bakhmut. E proprio come allora, non ci sono dati sufficienti per giudicarlo in modo obiettivo. Tuttavia, non c’è alcuna possibilità che il risultato finale possa essere diverso dal ritiro degli ucraini verso le proprie coste.

Testa di ponte ucraina a Krynki.  Il colore blu significa controllo da parte degli ucraini.  Puoi vedere quanto è piccola quest'area

Testa di ponte ucraina a Krynki. Il colore blu significa controllo da parte degli ucraini. Puoi vedere quanto è piccola l’area.Foto  . map.ukrdailyupdate.com

Gli ucraini si sono lamentati della mancanza di fortificazioni preparate

L’abbandono della testa di ponte a Krynki sarà necessario se l’Ucraina vorrà davvero attuare la transizione dichiarata verso la difesa strategica e concentrarsi sulla conservazione delle proprie forze. Gli ucraini lo dichiarano dalla fine di novembre. Si parla molto del fatto che le fortificazioni dietro la linea del fronte verranno notevolmente ampliate, in modo simile a quanto hanno fatto i russi nell’ultimo anno. Ciò ha permesso loro di stabilizzare la situazione dopo le sconfitte del 2022 e di fermare l’offensiva ucraina nel 2023. Ora gli ucraini vogliono nascondersi dietro le fortificazioni in modo simile e darsi il tempo di ricostruire le proprie forze, addestrarle meglio, condurre una nuova ondata di mobilitazione e affrontare il problema della mancanza di munizioni.

La necessità di scavare la terra viene ripetuta come un mantra dai veterani in prima linea . Quando non ti muovi, scava se vuoi vivere . Fino a poco tempo fa, tuttavia, l’esercito ucraino non aveva condotto un programma di costruzione di fortificazioni su larga scala. Senza contare ciò che è stato fatto sulla linea del cessate il fuoco a Dobasa nel 2014-2022.

Nella realtà della guerra aperta, l’obbligo di costruire fortificazioni ricadeva sulle truppe che difendevano una determinata sezione. Dovevano costruire le proprie trincee, rifugi e postazioni di fuoco. A causa della carenza di personale, della mancanza di attrezzature specializzate e del coinvolgimento nei combattimenti, di solito veniva fatto il minimo necessario. Ciò significava l’esistenza di fortificazioni sulla prima linea, ma nessuna estesa fortificazione di riserva sulla seconda o terza linea dove ci si potesse ritirare se necessario.

Le lamentele al riguardo erano forti, soprattutto all’inizio dell’offensiva russa su Avdiivka, quando gli ucraini persero parte della prima linea di difesa a nord della città e non avevano posizioni di riserva né campi minati preparati. Ciò contrasta fortemente con le azioni dei russi, che durante l’anno costruirono un sistema di fortificazioni campali a più livelli su gran parte del fronte e minarono l’area come un matto.

Attacco russo nelle foreste di Kremennaya dal punto di vista in prima persona. Un missile a grappolo ucraino l’ha interrotto prima ancora che iniziasse

C’è stata una risata, c’è l’imitazione

Forse la leadership ucraina non ha voluto stanziare fondi per questo scopo, sperando che il fronte potesse muoversi, quindi perché concretizzarlo con notevoli sforzi. Ora apparentemente non ci sono tali speranze. Gli ucraini non forniscono informazioni dettagliate sul loro programma di costruzione delle fortificazioni. Da sparse informazioni ai media è noto che vicino al confine con la Russia, in regioni dove attualmente non sono in corso gravi scontri, si stanno costruendo fortificazioni. Da lì, le foto e le registrazioni sono state mostrate più volte dal comandante delle forze congiunte, il generale Serhiy Nayev. Inoltre, a fine dicembre, un gruppo di giornalisti, anche dell’agenzia Reuters, è stato portato a costruire fortificazioni in una zona imprecisata di Kupiańsk.

Le foto e le registrazioni rivelano opere quasi speculari a quelle eseguite dai russi un anno fa. Prima una barriera composta dai cosiddetti “denti di drago”, cioè piramidi di cemento destinate a impedire la circolazione dei veicoli, poi filo spinato e, qualche centinaio di metri più indietro, trincee, postazioni di tiro e rifugi. In mezzo, i volti. È difficile trovare qualcosa di nuovo in questa materia. Anche se un anno fa non mancavano su Internet commenti ironici sulla qualità e sul senso delle fortificazioni costruite dai russi.

Ora tra gli ucraini ci sono molte opinioni secondo cui la stessa cosa avrebbe dovuto essere fatta molto tempo fa. – Secondo me, la maggior parte di queste barriere avrebbero dovuto essere costruite molto prima. Preferibilmente in primavera. Ci vuole troppo tempo, ha detto a Reuters un ingegnere ucraino con nome in codice “Lizard”. Un altro ha aggiunto che prima si era cercato di non costruire campi minati troppo grandi, per non rendere pericoloso il territorio ucraino per molti anni. Tuttavia, non c’è molta alternativa.

La costruzione delle fortificazioni è la prova che gli ucraini hanno perso la speranza di una vittoria rapida e sono convinti che un conflitto a lungo termine sia inevitabile. Se l’esercito ucraino vuole davvero difendersi con linee di fortificazione estese e ben posizionate, in alcuni punti dovrà ritirarsi da solo. Abbandonare, ad esempio, Avdiivka, le teste di ponte sul Dnepr, l’irruzione a Robotyne o le zone a est del fiume Zherebets (cioè ritirarsi di diverse o diverse decine di chilometri nella zona di Kupiansk-Swatowe-Kreminna).

Si tratterebbe di decisioni politicamente difficili, ma nella pratica non cambierebbero la situazione strategica. Ma prima è necessario costruire queste fortificazioni, e finora non vi è alcuna prova di un programma di costruzione su larga scala dietro il fronte attivo. Dovrebbe essere chiaramente visibile dallo spazio, ma non è stato ancora avvistato.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles