7.2 C
Rome
lunedì, Marzo 4, 2024

Kimskanders è caduto sull’Ucraina. La Corea del Nord ha venduto le sue migliori attrezzature alla Russia

Kimskanders è caduto sull’Ucraina. La Corea del Nord ha venduto le sue migliori attrezzature alla Russia. Uno sarebbe dovuto cadere in un campo, l’altro probabilmente a Kharkov.

I russi iniziarono a usare i missili balistici nordcoreani in combattimento. Uno sarebbe dovuto cadere in un campo, l’altro probabilmente a Kharkov. Questo è probabilmente solo l’inizio. Da un lato, questa è la prova della debolezza dell’industria degli armamenti russa, ma dall’altro è un problema per gli ucraini. La Corea del Sud ha messo in guardia dal trasferimento di missili balistici a corto raggio nordcoreani alla Russia dall’inizio di ottobre e novembre. Solo ora, però, c’è un segnale chiaro che ciò è realmente accaduto e che i missili sono stati utilizzati in combattimento dai russi. Giovedì sera, ora polacca, ne ha scritto prima il New York Times, citando informazioni non ufficiali, e poi lo ha annunciato ufficialmente il portavoce della Casa Bianca John Kirby.

Secondo il funzionario, i russi hanno usato per la prima volta i missili nordcoreani come parte di un massiccio attacco aereo contro l’Ucraina il 30 dicembre . Il missile lanciato dalla regione di Voronezh avrebbe dovuto volare per circa 460 chilometri e atterrare vicino alla città di Zaporozhye. Secondo gli americani, è finito in mezzo al nulla. Un altro missile nordcoreano avrebbe dovuto essere utilizzato il 2 gennaio, ma le informazioni sul suo volo sono ancora da chiarire. Gli ucraini hanno pubblicato le foto dei frammenti del razzo caduto su Kharkov quel giorno. Elementi di controllo caratteristici visibili indicano che potrebbe trattarsi del KN-23 nordcoreano. Uno dei maggiori specialisti in armi nucleari e missilistiche nordcoreane, il dottor Jeffrey Lewis del Middlebury Institute, ha affermato inequivocabilmente che si tratta dei resti di un missile prodotto nella Corea del Nord, e non di quello russo.

Il KN-23 è un missile chiamato Kimskander per la sua significativa somiglianza con gli Iskander russi. Kirby lo ha indicato come uno dei due probabili sistemi dati dalla Corea del Nord alla Russia. Il secondo è il più piccolo KN-25, simile all’ATACMS americano.

Una registrazione che mostra un missile KN-23 che colpisce un punto di rifornimento ucraino. Autenticità non confermata.

Una variazione coreana dell’Iskander russo

L’entità delle consegne di missili balistici nordcoreani sarà piuttosto significativa e, secondo fonti anonime riferite al “NYT”, ammonterà a diverse decine di pezzi. Per questa categoria di armi si tratta di una cifra significativa, considerando che i russi hanno iniziato la guerra con un arsenale composto probabilmente da diverse centinaia di missili Iskander e attualmente, secondo gli ucraini, dovrebbero produrne 30 al mese e mantenere una scorta di missili Iskander. circa 200. Un’improvvisa iniezione a livello di produzione di 1-2 mesi è un cambiamento significativo. La domanda senza risposta è se consegne di queste dimensioni continueranno a lungo termine o se si tratti di un evento una tantum. Non si sa praticamente nulla sulla portata della produzione di queste armi nella Corea del Nord e su quante di esse si trovino negli arsenali del regime di Kim Jong Un.

Il KN-23 (designazione americana, designazione nordcoreana è Hwasong-11Ga) è uno dei più recenti missili balistici a corto raggio della Corea del Nord. Presentato per la prima volta alla sfilata del 2018. Primo tiro di prova nel 2019. Nel 2022, gli osservatori del programma missilistico nordcoreano ritenevano probabile che il KN-23 fosse stato accettato in servizio. A quel punto erano stati lanciati più di una dozzina di razzi, anche da lanciatori mobili su camion e vagoni ferroviari. La portata massima osservata coperta dal KN-23 è di 800 chilometri, anche se la portata standard è probabilmente di circa 400-500 km. Il razzo ha una variante base, simile nelle dimensioni agli Iskander russi (anche se il KN-23 è più grande), una versione ingrandita e una versione più piccola. Il peso della testa è stimato a circa 500 chilogrammi nella versione standard, fino a 1,5 tonnellate nella versione allargata. 

Ci sono solo supposizioni e stime riguardo alla precisione, partendo dal presupposto che il KN-23 è molte volte peggiore della sua controparte russa sotto questo aspetto. Le stime più ottimistiche dicono che il CEP sarà attorno ai 35 metri. Ciò significa che statisticamente un razzo su due colpirà entro un raggio di 35 metri dal bersaglio. Nel caso degli Iskander russi si tratta di diversi metri. Altre stime, tuttavia, collocano il CEP del KN-23 a 100 metri, il che sarebbe un risultato scarso, rendendone impraticabile l’utilizzo per attacchi precisi contro obiettivi militari fortificati o di piccole dimensioni. Anche se per attacchi di superficie contro strutture industriali e civili o gruppi di strutture militari non corazzate, sicuramente.

Nel complesso, il KN-23 somiglia molto agli Iskander russi. Stessa categoria di armi, dimensioni simili, aspetto molto simile. Prestazioni simili. Tuttavia, non è noto fino a che punto KN-23 sia una copia e fino a che punto si tratti di uno sviluppo creativo del concetto.

Per i russi si tratta sicuramente di una preziosa aggiunta al loro potenziale. Altrimenti non comprerebbero questi missili dai coreani, perché Kim Jong Un certamente non vende a buon mercato i suoi sistemi d’arma più nuovi e preziosi ai suoi vicini che ne hanno urgente bisogno. I KN-23 sono intrinsecamente un obiettivo molto più difficile da abbattere rispetto ai droni Shahed o ai missili da crociera iraniani, con cui gli ucraini sono piuttosto bravi ad affrontarli. I missili balistici a corto raggio volano molto più velocemente (di solito 2-7mila km/h a seconda della fase di volo). In pratica solo i sistemi antiaerei più avanzati possono abbatterli. Nel caso degli ucraini, questo significa il Patriot occidentale e il SAMP/T, o forse l’S-300W post-sovietico. L’esercito ucraino ne dispone in piccole quantità, in pratica sufficienti a coprire la regione di Kiev e singoli punti chiave selezionati del paese.

Ulteriori consegne di missili balistici dalla Corea del Nord permetterebbero ai russi di aumentare l’intensità degli attacchi missilistici difficili da fermare. Ora l’esercito russo utilizza i sistemi Iskander per colpire gli obiettivi più preziosi che richiedono un colpo rapido o una grande testata e una relativa precisione allo stesso tempo (anche se in pratica non mancano le registrazioni in cui gli Iskander sembrano colpire diverse decine di metri o più) dal presunto obiettivo, il che mina le affermazioni circa il loro CEP di diversi metri). Con una fornitura aggiuntiva di missili nordcoreani, anche meno accurati dei loro, i russi potrebbero attaccare più obiettivi rilevati che in precedenza avrebbero dovuto ignorare a causa della mancanza di sistemi Iskander disponibili. Il KN-23 non darà alla Russia nuove capacità, ma la possibilità di usarle in modo più intensivo.

Un poliziotto con un gatto e un uomo sotto le macerie: storie incredibili di salvataggio dopo l’attacco missilistico a Kiev

Asse razzo-autoritario

Inoltre, da più di un anno si specula sulla possibilità che la Russia acquisti missili balistici a corto raggio iraniani. Al momento non ci sono prove che questa transazione sia avvenuta. La Russia e l’Iran sembrano concentrarsi sulla cooperazione con i droni. Tuttavia, la televisione americana CNN e il Wall Street Journal hanno dichiarato giovedì, citando interlocutori anonimi dell’amministrazione statunitense, che il processo di acquisto di missili balistici iraniani è in corso. A dicembre gli iraniani li avrebbero presentati al campo di addestramento della delegazione russa. A settembre, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu li ha visti per la prima volta. Doveva essere la prima presentazione del genere per un alto funzionario russo dall’inizio della guerra con l’Ucraina. Non è ancora noto quando i missili iraniani verranno utilizzati in combattimento. Inoltre, non ci sono informazioni specifiche su quali tipi siano più interessanti per i russi.

Il fatto stesso di acquistare missili dalla Corea del Nord e la presunta intenzione di acquistarli dall’Iran la dice lunga sull’industria degli armamenti russa. Prima della guerra con l’Ucraina, la Russia era ampiamente riconosciuta come uno dei principali produttori di missili balistici a corto raggio. Durante il conflitto si scoprì che i sistemi Iskander, circondati da un’aura di straordinaria efficacia, non erano affatto efficaci, talvolta colpivano sorprendentemente lontano dai presunti obiettivi e, soprattutto, venivano utilizzati su scala relativamente piccola . Nonostante siano trascorsi quasi due anni di guerra e la mobilitazione dell’industria russa, la produzione missilistica rimane a un livello tale che probabilmente sarà necessario acquistare equivalenti inferiori dalla Corea del Nord e probabilmente dall’Iran.

Inoltre, una questione importante è il modo in cui la Russia pagherà i suoi fornitori. Molto probabilmente si tratterà di armi e tecnologie legate agli armamenti. Anche se il primo è attualmente molto necessario agli stessi russi, quindi forse le consegne verranno posticipate. La Corea del Nord e l’Iran saranno sicuramente ansiosi di acquisire soluzioni russe nel campo degli aerei da combattimento, della difesa aerea , delle armi anticarro e della guerra elettronica. 

Fino a poco tempo fa, la Russia era piuttosto cauta nel condividere tecnologie avanzate con questi paesi. Adesso è con le spalle al muro, quindi ha sicuramente molte meno restrizioni. Questo costituirà in futuro un problema serio per i nostri vicini Iran e Corea del Nord, e indirettamente per gli Stati Uniti e l’intera NATO. La lunga guerra in Ucraina e la mancanza di importanti forniture di armi da parte dell’Occidente che potrebbero portare a una conclusione più rapida avranno a lungo termine un impatto negativo sull’Occidente.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles