2 C
Rome
lunedì, Febbraio 26, 2024

Un poliziotto con un gatto e un uomo sotto le macerie: storie incredibili di salvataggio dopo l’attacco missilistico a Kiev

Un poliziotto con un gatto e un uomo sotto le macerie: storie incredibili di salvataggio dopo l’attacco missilistico a Kiev

Un poliziotto con un gatto e un uomo sotto le macerie: TSN ha appreso i dettagli del salvataggio dopo l’attacco missilistico. L’esercito terrorista russo ha attaccato ancora una volta Kiev con i missili . Un edificio residenziale nel distretto di Solomyan è stato preso di mira.  Ciò è affermato nella storia della corrispondente di TSN Nataliya Nagornaya. 

La storia del salvataggio di un uomo

Nel distretto di Solomyansk, dopo i bombardamenti del 2 gennaio, un edificio al 9° piano è stato danneggiato. Sulle finestre bruciate e sui balconi distrutti ci sono bandiere blu e gialle: i residenti degli appartamenti colpiti le appendono per dimostrare che tengono duro e non si arrendono. L’appartamento del secondo ingresso, al primo piano, era quello più vicino all’epicentro dell’esplosione. Sui social circolano i filmati ripresi dai servizi di emergenza: una persona viene ritrovata a causa del fumo, delle lastre cadute e di una finestra storta

TSN ha già incontrato Oleg Hontarenko in ospedale. È stato portato qui dopo un incendio causato da avvelenamento da monossido di carbonio. Oleg ha 62 anni, viveva con la madre e il fratello, ma gli unici parenti sono morti poco prima dell’invasione su vasta scala. Oleg è alto un metro e 5 centimetri e usa le stampelle. Ricorda il momento stesso in cui vide il volto del suo salvatore attraverso il fumo. 

Oleg Gontarenko / ©
Oleg Gontarenko

“Un ragazzo giovane”, dice Oleg e ammette che lo riconoscerebbe.  Maksym Khorunzhy, 24 anni, dice che un’intera squadra di persone ha salvato Oleg, ma è stato lui a trovarlo. “Quando ho visto che la persona era disabile ed era quasi impossibile trasportarla su una barella, ho deciso di prenderla in braccio, formare una catena di tre persone e farla passare attraverso la finestra”, dice Maksym. 

Maksym Khorunzhy / ©
Maxim Khorunzhy

Il soccorritore dice di aver lavorato 36 ore quel giorno. Finora, Oleg ha visto il suo appartamento solo in video: non solo è stato distrutto, ma bruciato e allagato dall’acqua. L’auto – per lui unico mezzo di trasporto possibile – era parcheggiata sotto casa e ora è scomparsa anche lei. Dall’appartamento gli hanno portato un barset, dei vestiti e, cosa molto importante, scarpe ortopediche: sono fatte su ordinazione per il marito

Oleg sorride anche quando parla del fatto che ha perso tutto, ma si emoziona molto quando ringrazia il suo salvatore.  Maksym sentirà questa gratitudine per la prima volta nella nostra trasmissione. Definisce questo episodio della sua vita un lavoro ordinario e dice: non è lui, sono tutti loro, la band.

Il luogo del lancio del razzo / ©
Il luogo dell’attacco missilistico

La storia del salvataggio del gatto

Non tutti gli animali nella casa distrutta poterono essere salvati o ritrovati. Al 9° piano si è svolta un’operazione speciale per salvare gli animali.  Lyudmila e suo marito Volodymyr non si sono nemmeno resi conto di cosa fosse successo. Dopo il bombardamento, sono riusciti a catturare il loro gattino Misha, ma Tosha è scappato. Tre poliziotti del reggimento speciale sono venuti nell’appartamento per soccorrere.

Poliziotto con gatto / ©
Poliziotto con un gatto

I proprietari si sono rifiutati di uscire di casa senza il gatto, ma la polizia li ha convinti: Tosha sarebbe stata catturata. Ihor Berezansky è lo stesso poliziotto che trasportava un gatto in un asciugamano.  “L’ho preso e sono sceso, dove stavo aspettando la padrona di casa”, dice il poliziotto. 

Fenomeno meteorologico a Tarnów e nella regione. Le nuvole di bolle sembravano fenomenali. Abbiamo foto

Igor Berezanskij / ©
Ihor Berezanskyi

Quando Igor Berezansky è tornato a casa, ha scoperto di essere diventato una star dei social network. La polizia dice che era importante salvare ogni vita qui I proprietari dei gatti ringraziano la polizia e dicono che gli animali stanno bene, anche se sono ancora spaventati. 

Gatto / ©
Gatto

“Queste sono solo due storie di salvataggio da via Kudryashova. Ma ce n’è un’altra – che unisce un gran numero di persone. Persone di cui forse non conosciamo i nomi. Coloro che sono semplicemente venuti per aiutare. Hanno portato cose, smantellato detriti, pulito il territorio . Le persone che sono diventate una catena e nel freddo si sono scambiate pezzi di mattoni, cemento, resti di alberi – tutto ciò che una volta era un cortile accogliente e una casa. Si chiamavano un formicaio. Ma in realtà è una grande forza potente – il potere delle persone, che ci permette di credere che possiamo resistere a tutto e perseverare”, dice Nataliya Nagorna. 

▶ Sul canale YouTube di TSN, puoi guardare il video

Ricordiamo che la mattina del 2 gennaio i russi hanno lanciato un massiccio attacco missilistico contro l’Ucraina. Di notte i russi hanno attaccato la capitale con i droni, ma al mattino  hanno lanciato “pugnali” e missili da crociera su Kiev . Grattacieli e auto bruciate a Kiev,  molte le vittime . In seguito all’attacco alla capitale  morirono due persone e il numero delle vittime salì a quasi mezzo centinaio.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles