25.6 C
Rome
domenica, Giugno 23, 2024

Le pietre parleranno a Wawel. Un nuovo percorso sotterraneo mostrerà come venne costruito il castello

Le pietre parleranno a Wawel. Un nuovo percorso sotterraneo mostrerà come venne costruito il castello

Wawel è ancora più aperto! I reperti raccolti in oltre 500 mq di spazio espositivo racconteranno la storia di come venne edificata la residenza jagellonica e di come venne mantenuta nel corso dei secoli. Per la prima volta nella storia del castello i visitatori avranno l’opportunità di visitare le antiche cantine reali e di dare un’occhiata al pozzo più antico di Wawel. Il progetto espositivo, archeologico, architettonico e costruttivo “Underground Wawel. Lapidarium” sarà aperto ai visitatori dal 4 gennaio.

– Vivremo la storia racchiusa tra le mura del castello – racconta il prof. Andrzej Betlej, direttore del Castello Reale di Wawel. – Il muro alle mie spalle fa parte di un edificio rinascimentale, ma se guardiamo da vicino, possiamo vedere il profilo di un castello gotico. Nell’ultima sala mostriamo i mattoncini originali del Wawel, ci fanno capire che Wawel non è uno dei musei. È un luogo che da sempre connette, dando un senso di comunità. Stiamo parlando di come è stata trasformata la realtà di Wawel.

Per costruire una meravigliosa e moderna residenza reale rinascimentale, il castello gotico dovette essere demolito. È parzialmente visibile nelle mura di Wawel, ma il materiale del castello di Casimiro il Grande fu riutilizzato per costruire la residenza jagellonica.

Un lapidario – secondo la definizione del dizionario – è una raccolta museale di pietre e statue lapidee, lapidi e frammenti di edifici. Il lapidario del Wawel ha una storia lunga e turbolenta, i cui inizi sono legati al recupero del Wawel dagli austriaci, notevolmente arricchito durante i lavori archeologici effettuati sulla collina prima del 1939. Durante la seconda guerra mondiale, una parte significativa del lapidario, allora raccolto nei locali sopra le scuderie reali, venne distrutta. Sono sopravvissuti solo 164 oggetti. Tuttavia, grazie ai continui lavori di conservazione, oggi la collezione conta oltre 3.000. oggetti.

Un quarantenne di Stare Juchy ha fatto esplodere un petardo pochi giorni prima del nuovo anno. Pagherà caro per questo

La prima sala del Lapidarium è dedicata alla storia della ricostruzione del cortile porticato.

– Quando gli austriaci si ritirarono da Wawel nel 1905, iniziò una grande discussione a livello dottrinale, tradotta poi in pratica conservativa. Si trattava di come restaurare Wawel e altri edifici storici. Alla fine ha vinto la scelta dei rievocatori che hanno deciso di restaurare il carattere rinascimentale di Wawel – dice la curatrice della mostra Beata Kwiatkowska-Kopka.

“Wawel sotterraneo. “Lapidarium” è anche un omaggio a tutti coloro che sono coinvolti nel Castello Reale di Wawel. La sala successiva presenta la figura del prof. Adolf Szyszko-Bohusz, conservatore di Wawel, che, tra gli altri, scoprì la sala romanica e ricostruì la Rotonda della Beata Vergine Maria.

– Anastyloses, cioè portali composti da dettagli architettonici furono rimontati. Non sempre sappiamo da dove vengono. Nella prima sala è presente un portale del XVII secolo, ancora oggetto di ricerche da parte degli storici dell’architettura. Probabilmente proviene dall’ala nord ricostruita nel XVII secolo, ma in realtà qui stiamo ricostruendo la storia. Qui abbiamo l’opportunità di studiare la storia – aggiunge il direttore del castello reale di Wawel.

Oggi l’esposizione dei dettagli architettonici si trova nella parte orientale del castello, riempiendo le cantine rinascimentali: la riserva sotterranea è composta da stanze create nel primo quarto del XVI secolo. Qui sono sopravvissute tracce di edifici precedenti del castello gotico, tra cui: parte della torre Jordanka incorporata nelle mura difensive all’incrocio delle fortificazioni intorno alla metà del XIV secolo. Le cantine del castello furono aperte per la prima volta ai visitatori Nella sala sotto la scalinata del Parlamento potete letteralmente guardare nelle profondità della storia. Qui il pozzo più antico del Wawel è aperto ai visitatori. In estate questa strada porta direttamente ai Giardini Reali.

Insieme al biglietto d’ingresso, ogni visitatore riceverà un’audioguida che gli permetterà di esplorare a fondo la mostra. Utilizzando la tecnologia moderna, tra cui: Ricostruzioni 3D o proiezioni multimediali, i visitatori possono conoscere da soli la storia scritta nella pietra. Il lapidario costituisce il primo tratto del previsto percorso sotterraneo. In futuro verrà collegato alla via dello Zwinger che presenterà la storia delle più antiche fortificazioni del Wawel.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles