22.3 C
Rome
sabato, Luglio 20, 2024

Orban e Putin hanno un’amicizia di lunga data. Qual è la minaccia per il “ponte d’oro”? con la Russia?

Orban e Putin hanno un’amicizia di lunga data. Qual è la minaccia per il “ponte d’oro”? con la Russia? Questo politico è amico del dittatore russo Vladimir Putin dal 2009

Orban e Putin hanno un’amicizia di lunga data. Il primo ministro ungherese Viktor Orban, che rifiuta la maggior parte delle iniziative dell’UE riguardo all’Ucraina, lo fa per una buona ragione. Questo politico è amico del dittatore russo Vladimir Putin dal 2009, con il quale ha costruito con successo il proprio impero. Gli analisti politici hanno deciso di analizzare il rapporto tra Vladimir Putin e Victor Orban su “La Repubblica”. I partner europei sottolineano che l’Ungheria non è più un paese democratico perché il paese con una forma di governo parlamentare è guidato da 13 anni da una persona che, insieme al partito Fidesz, sta espandendo la sua influenza in tutte le sfere della vita pubblica e politica.

Come viene percepita l’Ungheria in Europa?

Il primo ministro permanente ungherese ha replicato a tal punto il modello autoritario di Putin da essere condannato da tutte le istituzioni europee, e il blocco dei fondi pubblici ha portato a violazioni dello Stato di diritto e a una corruzione ormai diffusa.

Gli analisti sottolineano anche quanto sorprendentemente diverse siano state le politiche di Orban da quelle di altri leader europei dall’inizio dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia. L’Europa ha ridotto significativamente la presenza di diplomatici nelle ambasciate russe. Germania, Gran Bretagna e altri partner europei ne hanno rimandati a Mosca a dozzine.

Solo a Budapest il loro numero è aumentato: nel 2021 erano 46 i diplomatici russi accreditati, e nell’anno della guerra il loro numero è salito a 56

– dicono i giornalisti italiani.

Lo stesso vale per la dipendenza dell’Europa dal gas russo. Dal 2022, i paesi dell’UE si sono praticamente tagliati fuori dai giacimenti siberiani. Attualmente ne usano il 10%. invece di 40. Oggi l’Ungheria è all’85%. dipendente dal gas in base ai contratti con il Cremlino. I partecipanti al vertice UE di Bruxelles si sono opposti alla posizione di Orban, noto per le sue simpatie nei confronti del Cremlino. All’inizio dell’incontro, il politico ha rilasciato diverse dure dichiarazioni sull’Ucraina. Lui ha sottolineato tra l’altro che Budapest non sosterrà l’adesione dell’Ucraina all’Unione europea né un ulteriore sostegno finanziario.

Gas a buon mercato in regalo alla Russia?

Una possibile ragione dell’inaspettata simpatia di Orban per Putin potrebbe essere il suo desiderio di fornire una fonte di energia a basso costo per il suo Paese, che in passato è dipeso quasi interamente dalle forniture di gas russo. “Nel 2008 l’Ungheria riceveva l’80% del gas di cui aveva bisogno dalla Russia, ma oggi questa quota è scesa al di sotto del 50%”. – afferma lo storico ed esperto russo Zoltan S. Biro del settimanale HVG.

Relazioni amichevoli tra Russia e Ungheria. Dove hanno iniziato?

L’atteggiamento di Orban nei confronti di Vladimir Putin si è riscaldato solo dopo che Orban ha perso due elezioni consecutive ed è diventato il leader delle “forze patriottiche” ungheresi. La svolta arrivò nel 2009, quando Orban arrivò al congresso “Yedinaya Rosiya”. Ha avviato una politica di “apertura verso Oriente”. Come scrive la BBC, András Rácz ricorda un fatto che molti hanno dimenticato: fu proprio Orban a offrire alle aziende russe un contratto per l’ammodernamento e l’espansione della centrale nucleare di Paks.

Il Ministero della Difesa nazionale si rivolge alle radio degli Stati Uniti, sebbene abbia un’alternativa in Polonia. Che non ordina

La centrale nucleare di Paks è stata nuovamente al centro di uno scandalo politico nel 2014, quando il governo di Orbán ha firmato un contratto con Mosca e ha ricevuto un prestito da parte sua di 10 miliardi di euro, anche se il contratto non era oggetto di una gara d’appalto. Inoltre, i termini del contratto stesso sono stati tenuti segreti dal governo ungherese.

Tutto quello che sappiamo lo abbiamo imparato dai russi

– dice András Rácz.

L’opposizione ungherese era indignata dal fatto che queste informazioni fossero state nascoste. Ha accusato Orban di aver venduto il Paese alla “nuova Unione Sovietica” e ha dichiarato che “anche i nostri nipoti continueranno a ripagare questo debito”. Ma perché Viktor Orban è diventato improvvisamente amico di Vladimir Putin? András Rácz dice che è difficile da spiegare razionalmente. È possibile che la sua visione del mondo sia diventata simile a quella di Putin?

Il suo rispetto per il sistema politico russo, le sue costanti azioni volte a limitare le libertà democratiche in Ungheria… Ci sono dei parallelismi qui. Ha detto che “l’apertura verso Oriente” si riferisce solo al commercio, non alla politica, ma dopo la sua dichiarazione sulla “democrazia illiberale” c’è la sensazione che forse riguardi anche la politica

– dice Rácz.

Flirtare con Mosca

A differenza dei suoi omologhi occidentali, Orban ha evitato di attaccare Putin. Ha detto che voleva “più chiaro, corretto ed equilibrato” rapporti con la Russia e per questo ha ospitato volentieri Vladimir Putin a Budapest.Il dittatore russo Vladimir Putin ha avuto colloqui dir etti con il leader del paese dell’UE, Orban, per la prima volta dopo oltre un anno e mezzo di grande guerra con l’Ucraina. Il presidente della Russia ha incontrato a Pechino il primo ministro ungherese nell’ottobre 2023. Quest’ultimo ha espresso la volontà di continuare la cooperazione con lo Stato aggressore.

L’incontro bilaterale si è svolto in occasione del forum cinese “One Belt, One Road”. martedì 17 ottobre. Tema del colloquio è stata in particolare la cooperazione tra Budapest e Mosca nel settore del trasporto di gas e petrolio. Inoltre, Putin ha parlato con Orban dell’energia nucleare. Lo ha annunciato il portavoce di Orban, Bertalan Havasi, scrive Index. Orban ha anche ringraziato Rosatom e Gazpom per essere rimasti a Budapest e aver mantenuto gli impegni.

Putin ha definito Orban e Fitzo politici filo-nazionali
I primi ministri dell’Ungheria, Viktor Orban, e della Slovacchia, Robert Fitzo, non sono politici filo-russi, ma filo-nazionali. Lo ha affermato giovedì 14 dicembre il presidente russo Vladimir Putin.

Ho detto molte volte che non sono politici filo-russi, sono filo-nazionali, proteggono i loro interessi nazionali. Non esistono più persone del genere, semplicemente non esistono

– ha osservato il leader russo.

Secondo Putin, la mancanza di politici indipendenti in Occidente è dovuta alla forte dipendenza dal “grande fratello, gli Stati Uniti”. Allo stesso tempo, Putin non vede le condizioni per ripristinare le relazioni tra Russia e Stati Uniti.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles