13.5 C
Rome
martedì, Marzo 5, 2024

Il Ministero della Difesa nazionale si rivolge alle radio degli Stati Uniti, sebbene abbia un’alternativa in Polonia. Che non ordina

Il Ministero della Difesa nazionale si rivolge alle radio degli Stati Uniti, sebbene abbia un’alternativa in Polonia. Che non ordina

Le autorità americane hanno dato il consenso preliminare all’esportazione in Polonia di radio militari per un valore di un miliardo di zloty. Non ci sono informazioni da parte del Ministero della Difesa Nazionale e dell’esercito su di cosa si tratta. Tuttavia, anche questa è una situazione in cui vogliamo importare qualcosa che possiamo potenzialmente produrre in Polonia.

Da Washington sono arrivate informazioni sul potenziale acquisto di una stazione radio della società americana Harris. Potenziale, perché per ora si tratta solo di un consenso preliminare per l’esportazione. Non un contratto. Finora il Ministero della Difesa Nazionale e l’esercito non hanno comunicato ufficialmente l’intenzione di effettuare un acquisto così ingente dagli Stati Uniti. Tuttavia, la DSCA americana (Defense Security Cooperazione), responsabile tra l’altro della supervisione delle esportazioni di armi, ha diffuso il suo messaggio di routine informando dell’intenzione di vendere attrezzature militari americane. I membri del Congresso possono ora presentare le loro eventuali riserve, dopodiché viene dato il consenso formale all’esportazione.

Secondo le informazioni della DSCA, la Polonia è interessata all’acquisto di un vasto assortimento di radio militari e ricevitori GPS per un valore massimo di 255 milioni di dollari. Si tratta dell’AN/PRC-117G, AN/PRC-152A, AN/PRC-158, AN/PRC-160, AN/PRC-163 e AN/PRC-167 nonché i sopra citati ricevitori GPS e un modello standard pacchetto di formazione, pezzi di ricambio e supporto nell’uso. I codici delle apparecchiature sopra menzionate riguardano le radio portatili e quelle a zaino, ovvero le apparecchiature destinate all’uso al livello più basso. Tuttavia, ciò non significa semplicità, perché anche le più piccole radio militari moderne devono essere in grado di crittografare automaticamente le comunicazioni e operare nella realtà della guerra elettronica.

La dichiarazione DSCA non contiene informazioni sul numero di stazioni radio e ricevitori che la Polonia desidera acquistare e sulle date di consegna. – A giudicare dalla quantità e dal tipo di apparecchi, si tratta di un ordine pluriennale di circa cinquemila pezzi – dice a Gazeta.pl un anonimo ex funzionario polacco delle comunicazioni che lavora in una delle società produttrici di stazioni radio polacche. Considerando le condizioni del nostro esercito, questo è molto. Le radio Harris sono già presenti al suo interno.

Inizialmente vi entrarono a causa delle Forze Speciali e della necessità di garantire rapidamente la comunicazione con gli alleati in missione. Due decenni fa era difficile trovare alternative polacche. Gli ultimi acquisti importanti noti al pubblico sono un contratto del 2013 per 1.700 radio portatili e da zaino Harris per 61 milioni di dollari e un contratto del 2016 per 2.100 per 123 milioni di dollari. Inoltre, nel 2018, ma per un importo e un numero non specificati. Le stazioni radio degli Stati Uniti furono inviate alle Forze Speciali, ad alcune unità di ricognizione dell’esercito regolare e alle Forze di Difesa Territoriale.

Opzione polacca

L’annuncio di un altro contratto di questo tipo ha suscitato, per usare un eufemismo, scalpore in diverse aziende polacche. Affermano di avere alternative nazionali alle stazioni radio statunitensi. – Si può essere sorpresi che invece di firmare immediatamente accordi quadro e di attuazione per l’acquisto delle più recenti e avanzate apparecchiature di comunicazione radio prodotte in Polonia, ci siano proposte per l’acquisizione di apparecchiature straniere competitive, che oltretutto non soddisfano gli standard NATO – ha scritto il direttore Remigiusz Wilk in risposta alle domande di Gazeta.pl per le comunicazioni del Gruppo WB.

Secondo lui le nuove stazioni radio polacche soddisfano i più recenti standard della NATO, come STANAG 5651, perché alla loro creazione hanno partecipato i polacchi. – Radmor, parte del Gruppo WB, è membro dell’iniziativa a4ESSOR, che nel settembre 2023 ha portato all’adozione da parte dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico di nuovi standard di comunicazione che non sono soddisfatti da nessun dispositivo proveniente dall’estero – ha affermato Wilk.

La già citata azienda Radmor di Gdynia, parte del gruppo WB, offre da anni il sistema radio Comp@n, ma per ora lo fornisce solo a clienti stranieri. L’esercito polacco li ha appena ordinati nell’ambito del programma Wisła come strumento di comunicazione per i logisti che utilizzano le batterie Patriot. – Attualmente si tratta solo di dispositivi portatili, ma, se necessario, trasformarli in dispositivi da zaino è una questione semplice. Il contrario sarebbe più difficile perché dovrebbe essere miniaturizzato. Gli elementi chiave sono già pronti, perché la differenza la fanno soprattutto l’amplificatore e una batteria aggiuntiva.

La cosa più importante in una stazione radio moderna è il software, dice lo specialista. Un’altra opzione è il sistema Perad creato da WB Electronics di Ożarów Mazowiecki, anch’essa parte del gruppo WB. Non si tratta solo di una radio portatile di base, ma secondo quanto dichiarato dal produttore, di un dispositivo in grado di connettersi a una rete e quindi offrire possibilità completamente nuove di comunicazione e scambio di dati. Perad è stato creato sulla base dei presupposti del programma militare Tytan del futuro soldato, in base al quale il Gruppo WB ha sviluppato anche un sistema di comunicazione simile al livello più basso, attualmente in fase di test finale.

– Le nostre stazioni radio nazionali possono fare quasi tutto ciò che possono fare gli americani. Quasi, perché bisogna ammettere onestamente che l’AN/PRC-117G ha la capacità di comunicare via satellite. Solo qui incontriamo il problema della disponibilità dei canali su questi satelliti di comunicazione. Non ne abbiamo di nostri e nessuno ha parlato di piani per acquistarli, quindi in pratica siamo lasciati alla generosità degli americani, e questo non è garantito – dice l’ex militare.

Interoperabilità o indipendenza?

La società Harris, che fa parte del gruppo americano L3Harris Technologies, non ha diffuso alcun annuncio riguardante il contratto per la Polonia. Inizialmente ha espresso la volontà di esprimere la sua opinione, ma non l’ha inviata fino alla pubblicazione di questo testo. Allo stesso modo, abbiamo inviato domande sul potenziale contratto all’Agenzia per gli armamenti, che è responsabile dell’acquisto di attrezzature per conto del Ministero della Difesa Nazionale. Ancora nessuna risposta. Tuttavia, probabilmente puoi immaginare che uno degli argomenti fondamentali per acquistare negli Stati Uniti sarà il concetto di interoperabilità.

Liquidazione del sottocomitato di Smolensk. La Russia è entusiasta della decisione del governo di Tusk

Cioè la capacità di cooperare in modo efficiente con le truppe statunitensi che utilizzano principalmente apparecchiature Harris e con le truppe polacche che già utilizzano radio precedentemente acquistate da questa azienda. Anche i tempi di consegna possono essere un ulteriore argomento. Acquistiamo dagli americani prodotti standard già utilizzati nell’esercito. Dovresti acquistare qualcosa di nuovo dalle aziende polacche, che possibilmente richieda lo sviluppo nella variante zaino, o che sia qualcosa di nuovo concettualmente, al quale le aspettative militari dovrebbero essere adeguate. Ciò significa tempo e denaro extra. L’esercito, tuttavia, è in modalità di riarmo “ieri”. a causa della minaccia della Russia.

– Secondo me, l’interoperabilità viene demonizzata. Sì, se prendiamo in braccio un compagno del genere o Perada e vogliamo parlare con un americano che ha il suo Harris, comunicheremo solo nel modo più semplice, come attraverso un walkie-talkie della Seconda Guerra Mondiale. Il che è decisamente non ottimale, perché un campo di battaglia moderno richiede crittografia e persino rapidi cambiamenti di frequenza per rendere più difficile il rilevamento e il disturbo. Ma siamo realistici. A livello da un singolo soldato a un battaglione (fino a circa 500 soldati – ndr), la comunicazione tramite le più piccole radio portatili e a zaino avviene quasi esclusivamente nell’ecosistema chiuso di una determinata subunità – afferma Gazeta.pl, ex responsabile delle comunicazioni funzionario e impiegato di una delle società polacche. Anche se in teoria la NATO ha standard di comunicazione comuni, la pratica è complicata e le radio dei singoli produttori di diversi eserciti non funzionano bene insieme. Soprattutto perché ogni Paese ha le proprie regole di crittografia gelosamente custodite.

E su questo si basa uno dei due argomenti principali delle aziende polacche del gruppo WB. A parte una perdita finanziaria misurabile per l’industria nazionale. – La situazione in Ucraina ha dimostrato che un destinatario che fa affidamento su dispositivi stranieri non solo è condannato ad attendere molti mesi per la fornitura di pezzi di ricambio e la fornitura di servizi per attrezzature fondamentali per il funzionamento dell’esercito. Inoltre, non ha alcun impatto sulla progettazione dei dispositivi o sui meccanismi crittografici introdotti negli stessi, ovvero su questioni critiche di sicurezza d’uso. Ciò può essere fornito solo da un fornitore nazionale collaudato che da anni collabora strettamente con le forze armate polacche, afferma Wilk.

Del resto, come dice a Gazeta.pl un anonimo interlocutore, per noi la radio Harris proveniente dagli USA è una “scatola chiusa”. – Nell’ambito della compensazione per uno degli acquisti negli Stati Uniti, l’impianto di comunicazioni militari di Czernica ha ricevuto una certa capacità per servire gli aerei Harris, ma solo al livello più elementare. Qualunque cosa complicata verrà spedita negli Stati Uniti. Modifica del software? Lasci perdere. Nel frattempo, in guerra, tutto cambia rapidamente. Potresti scoprire che il tuo avversario ha iniziato a utilizzare nuovi metodi di guerra elettronica e che devi modificare il tuo software per affrontarli. Scommetto che, su richiesta dell’esercito polacco, un produttore polacco lo farebbe e lo implementerebbe più velocemente di un’azienda americana, dice un ex militare. – E non dimentichiamo una cosa. Il mondo sta cambiando. Anche le alleanze. Tuttavia, non vale la pena prendersi cura dell’indipendenza in questioni chiave come la comunicazione e la crittografia? – Aggiunge.

L’acquisto di questo tipo di stazioni radio è molto importante e urgente per l’esercito polacco. Soffre di una grave carenza di moderni sistemi di comunicazione. Al livello più basso che si potrebbe acquistare per le radio descritte in questo testo, l’uso quotidiano include walkie-talkie civili cinesi, colloquialmente chiamati “baofeng”. e telefoni cellulari. Nonostante ciò, da anni gli acquisti sono modesti e l’attuazione del programma Tytan, che potrebbe colmare in modo significativo queste lacune, viene costantemente rinviata.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles