29.8 C
Rome
mercoledì, Giugno 19, 2024

Per la gioia di Putin: l’Ucraina sta perdendo il sostegno finanziario degli Stati Uniti e dell’UE — Financial Times

Per la gioia di Putin: l’Ucraina sta perdendo il sostegno finanziario degli Stati Uniti e dell’UE — Financial Times

Per la gioia di Putin: La settimana è iniziata per il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyi con la speranza di un aiuto finanziario da parte degli Stati Uniti e dell’Unione europea per un importo totale di 115 miliardi di dollari. L’indebolimento del sostegno finanziario all’Ucraina a Washington e Bruxelles ha coinciso con la promessa del presidente russo Vladimir Putin di condurre una guerra fino a quando i suoi obiettivi di “denazificazione” non saranno raggiunti. e la “smilitarizzazione” Paesi. Questo è riportato in un articolo di revisione del Financial Times pubblicato venerdì 15 dicembre.

La pubblicazione sottolinea che questa settimana è iniziata per il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyi con la speranza di ricevere assistenza finanziaria da parte degli Stati Uniti e dell’Unione europea, che sono i maggiori alleati nella resistenza all’aggressione russa, per un importo totale di 115 miliardi di dollari. Comunque, questo non è successo.

Fallimenti finanziari

Mercoledì 13 dicembre il Congresso degli Stati Uniti ancora una volta non è riuscito ad approvare un pacchetto di aiuti da 60 miliardi di dollari. Due giorni dopo, il vertice dei leader europei si è concluso senza un accordo sullo stanziamento di 50 miliardi di euro per l’Ucraina per quattro anni.

L’UE e gli Stati Uniti sono stati i maggiori fornitori di aiuti militari e finanziari all’Ucraina dall’invasione su vasta scala della Russia nel febbraio 2022, sostenendo l’armamento delle sue truppe e il funzionamento delle istituzioni e delle organizzazioni di bilancio. Ora, per ricostituire il proprio bilancio, Kiev potrebbe dover ricorrere all’emissione di valuta nazionale, che metterà a repentaglio la stabilità economica e finanziaria.

Il cattivo Putin

L’incapacità di garantire la stabilità finanziaria a lungo termine di Kiev arriva in un momento particolarmente delicato del conflitto. Mosca riprende le azioni offensive sul fronte e gli attacchi aerei contro le più importanti infrastrutture dell’Ucraina durante il periodo di riscaldamento. Nel frattempo, il presidente russo Putin è sconvolto dalla mancanza di sostegno finanziario all’Ucraina. “L’Ucraina oggi non produce quasi nulla, tutto viene dall’Occidente, ma gli omaggi finiranno un giorno, e sembra che lo siano già”, ha detto il presidente russo in una conferenza stampa trasmessa in tutto il paese giovedì 14 dicembre.

I dettagli del vertice europeo

Funzionari che hanno familiarità con i negoziati al vertice dei leader dell’UE a Bruxelles hanno detto che Zelenskyj ha detto in privato che per lui è più importante ottenere un accordo sui colloqui di adesione all’UE che sui finanziamenti. Mark Rutte, primo ministro dei Paesi Bassi, ha definito un “vantaggio” l’apertura dei negoziati sull’adesione all’UE con l’Ucraina, ma ha sottolineato che “lo svantaggio di questo Consiglio europeo è che non siamo riusciti ad accordarci sui soldi”. Allo stesso tempo Rutte nega che questa sia la vittoria di Putin. “Sa che troveremo un modo per risolvere in qualche modo la questione finanziaria”, ha assicurato.

Il Ministero della Difesa nazionale si rivolge alle radio degli Stati Uniti, sebbene abbia un’alternativa in Polonia. Che non ordina

“Il veto sullo stanziamento di 50 miliardi di euro non parla tanto della instabile determinazione dell’evento, ma di Viktor Orbán”, ha detto Ian Bond, vicedirettore del Centro per le riforme europee, parlando del primo ministro ungherese. “Alla fine, l’Ucraina riceverà i soldi dell’UE. Ma negli Stati Uniti c’è un vero problema”, ha osservato.

Arriveranno aiuti dagli Usa?

A Washington i democratici hanno affermato di essere convinti, dopo l’incontro con Zelenskyj, della necessità di raggiungere urgentemente un accordo sui finanziamenti. “È giunto il momento di agire. Dobbiamo rispettare i nostri impegni e approvare un pacchetto di misure di sicurezza entro la fine dell’anno”, ha affermato Mark Warner, senatore della Virginia e presidente del Senate Intelligence Committee.

I negoziati alla Camera alta per trovare un compromesso sui freni all’immigrazione al confine meridionale con il Messico, che i repubblicani hanno posto come condizione per qualsiasi ulteriore aiuto all’Ucraina, hanno ripreso slancio e i funzionari della Casa Bianca sono stati coinvolti più attivamente. Ma un accordo prima delle vacanze invernali sembra improbabile, e alcuni repubblicani hanno detto che è tempo che Zelenskyj negozi con Putin. Ricordiamo che la Casa Bianca ha invitato il Congresso degli Stati Uniti a non ritardare nell’approvazione di nuovi aiuti al nostro Paese.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles