15.7 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

Per tutelare i minori, gli hotel chiederanno informazioni sulla relazione tra un bambino e un ospite adulto. Questo è il risultato delle nuove normative

Per tutelare i minori, gli hotel chiederanno informazioni sulla relazione tra un bambino e un ospite adulto. Questo è il risultato delle nuove normative

I proprietari di hotel e pensioni dovranno esaminare il rapporto tra i loro clienti. Riguarda le relazioni tra bambini e adulti per tutelare i minori. Ciò per contribuire a contrastare eventuali tentativi di molestia e sfruttamento sessuale dei minori. Tali obblighi sono imposti all’industria del turismo dalle disposizioni modificate del Codice della famiglia e della tutela.

La modifica al codice – comunemente nota come “Lex Kamilek” – è stata adottata dal Parlamento e firmata dal Presidente della Repubblica di Polonia nell’agosto 2023. Le norme sono entrate in vigore con il sostegno quasi unanime del Sejm della Repubblica di Polonia: hanno votato a favore 411 deputati, 11 contrari e uno si è astenuto con forza. Le nuove norme mirano a proteggere i bambini in modo ancora più efficace contro la violenza, compresa la violenza sessuale.

Norme per la tutela dei minori

La normativa modificata introduce, tra l’altro: “Norme per la tutela dei minori” – devono entrare in vigore il 15 febbraio 2024. Tali norme dovranno essere introdotte dagli enti che gestiscono le scuole, ma anche “le strutture educative, assistenziali, educative, di risocializzazione, religiose, artistiche, mediche, ricreative, sportive o di interesse frequentate o nelle quali soggiornano o potrebbero soggiornare minori”. Ciò vale anche per gli organizzatori di attività “educative, assistenziali, educative, di risocializzazione, religiose, artistiche, mediche, ricreative, sportive o legate allo sviluppo degli interessi dei minori”.

Inoltre, nel catalogo delle norme obbligate a introdurre norme sono inclusi anche “gli enti che forniscono servizi alberghieri e turistici, nonché altri luoghi di alloggio collettivo”. Ciò significa di fatto che le procedure previste dal Codice della famiglia dovrebbero essere attuate sia dagli alberghi, dalle pensioni, dalle foresterie, dagli appartamenti e dalle case in affitto.

Formazione e normative

Le nuove norme disciplinano l’obbligo di creare norme “garantenti i rapporti sicuri tra i minori e il personale della struttura o dell’organizzatore”, la procedura di intervento in caso di sospetti comportamenti inappropriati, la designazione dei soggetti incaricati di presentare segnalazioni alle forze dell’ordine, e le regole per la revisione e l’aggiornamento degli standard. Inoltre, il personale dovrà essere formato all’applicazione delle norme ed i genitori dei minori che utilizzano i servizi di un determinato ente dovranno essere effettivamente informati sulle norme di sicurezza adottate.

C’è anche una disposizione dedicata agli albergatori. Saranno obbligati a “identificare la relazione” tra i clienti – un bambino e un adulto che sono venuti in hotel. In altre parole, spetta all’albergatore verificare se il cliente adulto sia o meno il tutore legale del bambino con cui è arrivato.

– Le strutture turistiche sono obbligate a rendere disponibili nelle strutture le Norme che costituiscono la legge, ad esporle in luogo visibile e sui propri siti internet in versione integrale ed abbreviata, in una forma destinata ai bambini. Quello che può essere ricevuto e letto anche da un bambino – spiega l’avvocato Michał Kuźmicz, che insieme alla Fondazione PoWer di Weronika Potaczek di Podhale sviluppa standard e modelli di comportamento per gli hotel. Ammette che i regolamenti potrebbero essere difficili da accettare per molte persone. – Ma il loro ruolo principale è quello di proteggere il bambino prima che si verifichi un crimine – aggiunge.

Gli albergatori sono preoccupati

– La struttura alberghiera deve formare adeguatamente il proprio personale, che deve essere sensibilizzato su alcuni comportamenti quali: verificare l’identità del bambino e del tutore soggiornanti nella struttura, analizzare il comportamento del bambino: se è adeguato all’età e al rapporto con il bambino adulto, e alla fine valutate la possibilità di chiedere direttamente informazioni specifiche: chi è il bambino all’adulto, e anche di avvisare la polizia se sospettate che il bambino possa essere oggetto di un crimine – dice Michał Kuźmicz.

Gli stessi albergatori ammettono che le ragioni per introdurre queste norme sono assolutamente giuste, ma la loro attuazione potrebbe essere problematica. Soprattutto identificare le relazioni con i clienti.

– Gli albergatori non possono chiedere agli ospiti di identificarsi. Non esistono regolamenti di questo tipo. Un ospite può dirci che il bambino che è venuto con lui è un suo discendente. Ma questo non possiamo verificarlo in alcun modo, dice Karol Wagner della Camera di commercio dei Tatra. E ciò indica che anche qui si applicano le norme GDPR, che hanno già fortemente limitato le possibilità degli albergatori quando si tratta di raccogliere dati sensibili dai clienti.

– Succede che una persona effettui una prenotazione, ad esempio, per cinque stanze. Identifichiamo la persona che effettua la prenotazione. Ma non posso chiedere ad altri clienti di identificarsi. Allora come possiamo verificare se il minore è figlio della persona che effettua la prenotazione? – dice Łukasz Filipowicz, che gestisce un centro ricreativo nel centro di Zakopane.

– La portata di queste norme è attualmente oggetto di analisi da parte dei nostri avvocati e delle associazioni del settore alberghiero, che stanno cercando di preparare standard dall’alto per il settore alberghiero in termini di rispetto dei requisiti. L’argomento è difficile perché per ora non sappiamo come potremo esaminare formalmente lo status o i collegamenti dei nostri ospiti. Una situazione simile si è verificata durante la pandemia, quando gli albergatori erano obbligati a verificare se i clienti fossero vaccinati o meno contro il Covid-19. Gli ospiti potevano presentare una dichiarazione relativa alla vaccinazione, ma l’hotel non aveva il diritto di richiedere un certificato di vaccinazione per confermare la conformità della dichiarazione, afferma Wiktor Wróbel, presidente del consiglio di amministrazione di Nosalowy Dwór, proprietario degli hotel a Zakopane.

Attualmente, al momento del check-in in hotel, l’ospite a cui si riferisce la prenotazione deve avere con sé il proprio documento d’identità. Ma non i suoi compagni. – Al momento non abbiamo l’autorità per verificare i rapporti tra il gruppo di persone che si rivolgono a noi. In effetti, solo le forze dell’ordine hanno il potere di controllare tutto questo, dice. Aggiunge che l’hotel, ovviamente, soddisferà tutti i requisiti legali. – Ci auguriamo che ci permettano di avere un controllo reale e la capacità di reagire in situazioni che sollevano ragionevoli dubbi tra il personale. Ci auguriamo che ciò non dipenda dalla buona volontà degli ospiti, i quali potranno rifiutarsi di fornire qualsiasi spiegazione. Questo è uno dei punti che analizzano i nostri avvocati – aggiunge.

42° anniversario della legge marziale. Morawiecki: Prendiamoci cura della Polonia, dell’indipendenza e della democrazia

Wiktor Wróbel sottolinea però che da molti anni i dipendenti degli hotel sono tenuti a vigilare sui comportamenti insoliti o inappropriati degli ospiti, anche nei confronti dei minori. Ciò vale non solo per il personale della reception, ma anche per altri reparti, ad esempio quelli responsabili delle animazioni per bambini. Aggiunge però che finora non si è verificata alcuna situazione che possa indicare abusi su minori.

Si attendono le linee guida del ministero

La Camera di commercio polacca per l’industria alberghiera sta lavorando per implementare le nuove normative nel settore alberghiero. – Collaboriamo con la Empowering Children Foundation e insieme prepariamo standard modello di protezione dei minori richiesti dalla legge. Siamo anche in contatto con il Dipartimento del Turismo del Ministero dello Sport e del Turismo. Attualmente è stata istituita una squadra presso il Ministero della Giustizia per chiarire l’interpretazione statutaria di queste disposizioni. Dopo aver ricevuto l’interpretazione, insieme alla Empowering Children Foundation, svilupperemo standard modello e formeremo gli albergatori in questo settore – afferma Anna Kołtan, direttrice dell’ufficio della Camera di commercio polacca per l’industria alberghiera.

Secondo l’avvocato Michał Kuźmicz sarà molto importante comunicare adeguatamente al cliente il motivo per cui il personale chiede l’identificazione dell’adulto e del bambino. – In questo modo gli hotel e le pensioni possono dimostrare di essere responsabili e prendere sul serio la sicurezza dei loro clienti minorenni – dice l’avvocato.

Ci saranno controlli e sanzioni

Le nuove norme entreranno in vigore il 15 febbraio 2024. Gli standard e le procedure predisposte dagli imprenditori saranno soggetti al controllo da parte dei governi locali, tra cui: i capi dei comuni o i sindaci, che avranno il diritto di entrare nella struttura in determinati orari, visionare i documenti e verificare il corretto funzionamento delle procedure.

– La mancanza di standard e la mancata introduzione di procedure di sicurezza sono soggette a sanzioni imposte dal tribunale, tra cui: finanziario, in alcuni casi fino a 30.000 PLN PLN – dice Michał Kuźmicz.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles