3.2 C
Rome
lunedì, Febbraio 26, 2024

La Russia sta perdendo agenti. Spia del Cremlino espulsa dalla Polonia

La Russia sta perdendo agenti. Spia del Cremlino espulsa dalla Polonia.  Sono stati individuati anche altri due stranieri che potrebbero aver svolto attività di spionaggio per Russia e Bielorussia. 

La Russia sta perdendo agenti. Spia del Cremlino espulsa dalla Polonia. L’Agenzia polacca per la sicurezza interna e la guardia di frontiera hanno espulso un russo che lavorava per i servizi segreti del Cremlino. Sono stati individuati anche altri due stranieri che potrebbero aver svolto attività di spionaggio per Russia e Bielorussia. Negli anni 2016-2023, il controspionaggio polacco ha neutralizzato le attività di oltre 100 spie russe e bielorusse.

Un russo sospettato di collaborare con i servizi segreti russi è stato espulso dalla Polonia. Lo hanno annunciato l’Agenzia per la sicurezza interna e la Guardia di frontiera.

Nel 2023 vicino a Bydgoszcz sono stati individuati anche altri due stranieri che potrebbero aver condotto attività di spionaggio per Russia e Bielorussia. I dati ottenuti indicano il continuo interesse della Russia per questa zona della Polonia

– aggiunge il Dipartimento per la sicurezza nazionale del governo polacco.

Spie russe e bielorusse rilevate in Polonia

Secondo i dati ufficiali, negli anni 2016-2023, il controspionaggio polacco ha neutralizzato le attività di oltre 100 spie russe e bielorusse che hanno condotto operazioni di intelligence contro la Polonia. Recentemente si è conclusa anche l’indagine sulla rete di spionaggio che operava per conto dei servizi segreti russi e contro 16 persone è stato presentato un atto d’accusa.

Nel luglio di quest’anno i servizi di sicurezza polacchi hanno scoperto ancora una volta una spia che lavorava per la Federazione Russa. Questa volta è stata arrestata una persona con passaporto ucraino. In precedenza, l’agenzia polacca per la sicurezza interna aveva arrestato un giocatore di hockey russo, accusandolo di spionaggio a favore della Russia.

In Svizzera sono attive spie russe

La situazione non è migliore negli altri paesi. In Svizzera operano in particolare circa 80 agenti russi, ha riferito un alto funzionario del Servizio delle attività informative della Confederazione ai membri della Commissione per la politica estera del Consiglio nazionale. Secondo lui si tratta di una cifra piuttosto elevata e costituisce un quinto di tutte le spie del Cremlino in tutta Europa.

42° anniversario della legge marziale. Morawiecki: Prendiamoci cura della Polonia, dell’indipendenza e della democrazia

Mentre città svizzere come Ginevra e Berna hanno sempre attirato l’attenzione dei servizi segreti , la questione dei diplomatici russi che lavorano come spie in Svizzera è ormai diventata un tema caldo di dibattito tra i politici svizzeri.

Questi agenti stranieri rappresentano una minaccia per la sicurezza interna ed esterna della Svizzera

– Lo ha dichiarato ai media svizzeri Fabian Molina, membro del Consiglio nazionale e membro del partito socialdemocratico.

Spie russe operanti in Italia

Anche le spie russe raggiunsero Roma. Negli ultimi anni hanno operato in Italia più di 60 agenti russi , il doppio rispetto alla fine della Guerra Fredda. Lo afferma Adriano Soya, dipendente del Dis Information Security Department, che coordina i servizi segreti italiani. 

Secondo lui, quando la Russia ha lanciato una guerra su vasta scala contro l’Ucraina, in conformità con l’accordo con i partner euro-atlantici, Roma ha espulso 30 diplomatici russi dal Paese. Lui ha aggiunto che questo non è molto in confronto al numero dei lavoratori moscoviti espulsi dalla Bulgaria (70) e dalla Repubblica Ceca (60). Secondo il capo dei servizi segreti britannici MI5, Ken McCallum, dal febbraio 2022 Mosca ha perso circa 400 dei suoi agenti illegali in Europa.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles