29.8 C
Rome
mercoledì, Giugno 19, 2024

Tra belle parole, Andrzej Duda e Donald Tusk hanno annunciato un duro scontro

Tra belle parole, Andrzej Duda e Donald Tusk hanno annunciato un duro scontro.  In parole bellissime. Tra loro si sente ciò che è politicamente inevitabile.

Tra belle parole, Andrzej Duda e Donald Tusk hanno annunciato un duro scontro. Sotto un lampadario acceso, il presidente Andrzej Duda e il primo ministro Donald Tusk hanno annunciato uno scontro. In parole bellissime. Tra loro si sente ciò che è politicamente inevitabile. – Confronto? Ci sarà e lo vedremo presto, dice una persona vicina al presidente. È chiaro come il giorno. L’annuncio è avvenuto nel Palazzo presidenziale durante la solenne cerimonia di giuramento del governo di Donald Tusk.

ll presidente Andrzej Duda ha affermato che la Polonia è libera da 34 anni. Il primo ministro Donald Tusk ha affermato che il 15 ottobre i polacchi hanno detto al mondo: “La Polonia non è ancora morta”. Secondo il presidente gli affari polacchi vanno “molto bene”.
Secondo Tusk, il 15 ottobre è come la creazione di “Solidarnosc” nel 1980 e la sconfitta del comunismo nelle elezioni del 1989. Citiamo le parole chiave di Andrzej Duda e Donald Tusk. Andrzej Duda: – Penso che oggi gli affari polacchi siano in ottime condizioni. Naturalmente ci sono aree in cui potrebbero essere migliori. Spero che riuscirete a migliorare la situazione in aree in cui le cose potrebbero andare meglio.

Donald Tusk: – È ovvio: il bene della patria e la prosperità dei suoi cittadini, ma voglio anche dire che la fedeltà alle disposizioni della costituzione sarà il marchio di fabbrica di questa squadra , di questo nuovo governo. In questi giorni abbiamo tutti la sensazione che la parola “costituzione” sia tornata di moda. Il nostro compito comune è farne una moda non solo per le parole, ma per la Costituzione. Questa moda non finirà fino agli ultimi giorni del nostro governo, lo posso promettere al signor Presidente.

Prestiamo attenzione al “ma” poco appariscente della frase detta dal primo ministro. Perché? Ebbene, tornando alla politica nazionale, Donald Tusk ha tenuto un discorso in cui ha affermato: ciò che viene prima del “ma” è irrilevante, e solo ciò che viene dopo il “ma” è importante. La frase di Palazzo di Tusk va letta così: il bene della Patria e la prosperità dei suoi cittadini sono affermazioni generali, e la cosa più importante è rispettare la costituzione, perché la costituzione praticamente indica il bene della Patria e la prosperità dei suoi cittadini.

Per Tusk, Duda è e sarà un ostacolo. Inoltre, per pensare a vincere le elezioni presidenziali, il nuovo campo dirigente dimostrerà che il Palazzo Presidenziale deve essere riconquistato. Lo scontro tra i due schieramenti è inevitabile. Anche se oggi sentiamo parole alte sulla volontà di cooperare a favore dello Stato.

La pratica della convivenza tra Donald Tusk e il presidente Lech Kaczyński è stata uno scontro. Il Primo Ministro è diventato ancora più deciso nella sua volontà di combattere il campo PiS e di regolare i conti. Il presidente ricorda perfettamente com’era la continua battaglia tra Donald Tusk e Lech Kaczyński, quindi si sta preparando per l’inizio. Inoltre, il capo del Ministero degli Affari Esteri è Radosław Sikorski , un politico nei confronti del defunto presidente e anche molto combattivo nei confronti del presidente in carica.

A sua volta, nel Palazzo Presidenziale, la persona numero 2 è il capo del gabinetto del presidente, Marcin Mastalerek, che potrebbe essere chiamato il “vicepresidente”. In via Nowogrodzka si crede che sia meglio avere accanto a Duda un “giocatore duro” – così dicono di Mastalerk nella sede del PiS – pronto allo scontro, rispetto a qualcuno che piaceva in via Nowogrodzka, ma più morbido. L’attuale capo di gabinetto presidenziale è stato un sostenitore della linea dura del presidente nei confronti del PiS, per la quale il presidente del PiS in realtà lo odia e lo incolpa per i veti presidenziali, e ora probabilmente creerà una linea molto più dura nei confronti del governo di Donald Tusk. 

42° anniversario della legge marziale. Morawiecki: Prendiamoci cura della Polonia, dell’indipendenza e della democrazia

Non molto tempo fa Mastalerek ha detto a “Wprost”: – Il presidente Duda ricorda com’era la convivenza tra il presidente Lech Kaczyński e il primo ministro Donald Tusk. All’epoca era ministro presidenziale e sa come si comportò l’allora primo ministro. Il presidente ha recentemente affermato di sperare che Donald Tusk sia cambiato.

Donald Tusk in realtà è un po’ cambiato. Ora seriamente – e non come durante il suo primo governo nel 2007-2014 – vuole ritenere responsabili i governi del PiS. Durante la campagna elettorale Tusk ha promesso di portare Andrzej Duda davanti al Tribunale di Stato: per questo non esiste una maggioranza nell’Assemblea nazionale, ma la sua intenzione è certamente sincera. Duda e Tusk provano una forte antipatia reciproca.

Già durante la campagna elettorale il presidente si stava di fatto preparando alla prospettiva della presa del potere di Donald Tusk. Duda ha costretto Diritto e Giustizia ad adottare una legge che garantisce al capo dello Stato i poteri politici all’interno dell’Unione Europea, compresa la copertura di incarichi nell’UE, lo sviluppo di posizioni ai vertici e la rappresentanza dello Stato in essi. – Questo sarà un campo di confronto. Il presidente si appellerà sicuramente a questo atto per influenzare la politica dell’UE, e Donald Tusk potrebbe semplicemente ignorarlo, prevede il nostro interlocutore della Cancelleria presidenziale.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles