25.6 C
Rome
domenica, Giugno 23, 2024

Le parole apocalittiche sono un segno che Tusk conosce la guerra dietro la porta (COMMENTO DI SROCZYŃSKI)

Le parole apocalittiche sono un segno che Tusk conosce la guerra dietro la porta . La coalizione prende il potere nel momento più difficile,

Le parole apocalittiche sono un segno che Tusk conosce la guerra dietro la porta . Tusk, Leszczyna, Nowacka, Kosiniak-Kamysz, Budka, Bodnar, Sikorski. Ciascun membro del nuovo governo dovrà affrontare sfide nelle quali non avrà alcuna competenza. La coalizione prende il potere nel momento più difficile, quando la geopolitica imperversa e il mondo non sa dove sarà tra un mese o due. Ed è così che queste persone dovrebbero essere giudicate: non se sono liberali o di sinistra, progressiste o conservatrici, ma se sanno fare cose insolite, andando oltre la politica standard, e se, se necessario, stanno ferme o preferiranno fuggire attraverso Zaleszczyki – scrive Grzegorz Sroczyński .

“Non possiamo lasciare che Putin vinca” – ha detto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden al Senato americano qualche giorno fafa. E, cosa più importante, ha aggiunto: “Se Putin prenderà l’Ucraina, il suo prossimo obiettivo saranno gli alleati degli Stati Uniti nella NATO”. Lo dice ancora il presidente degli Stati Uniti. Da qualche tempo gli americani annunciano costantemente al mondo che Putin non si fermerà dopo aver potenzialmente rotto la linea di difesa ucraina, ma continuerà verso i paesi della NATO. Biden non si è limitato a far finta di niente e il suo obiettivo non è solo quello di spaventare i repubblicani e ottenere il loro consenso a un altro pacchetto di aiuti per l’Ucraina. Questa è probabilmente intelligenza. Vi ricordate com’era prima del 24 febbraio 2022? Ebbene, allo stesso modo: Biden continuava a ripetere che sarebbero entrati, e parte della stampa occidentale ha scritto che si trattava di uno spavento e di una specie di gioco per gli scopi interni della politica americana. Finché non sono entrati.

In questa situazione le élite polacche si comportano come sempre, con totale noncuranza e completo diniego psicologico. L’attuale stato d’animo politico è quasi identico a quello degli anni precedenti l’invasione nazista. Una brutta disputa interna consuma il 90% dell’attenzione e dell’energia delle élite polacche, mentre forse il 10% resta per preparare il Paese, che potrebbe trovarsi ad affrontare uno scontro con un vicino potente. I politici polacchi di oggi non si mettono nella prigione di Bereza Kartuska, ma se potessero – cioè se non ci fosse l’UE e tutte queste museruole alla correttezza – allora perché no, Tusk probabilmente sarebbe già in prigione, dato che è un agente tedesco. Kaczyński sale sul podio proprio alla fine del dibattito di lunedì al Sejm per dire: “So una cosa, lei è un agente tedesco”. – questa è un’immagine dello stato della politica polacca. Non solo dal lato del PiS, perché l’ostinazione e il cretinismo non sono solo la specialità del PiS.

Se l’Ucraina cade, siamo quasi certi che la Russia invaderà la NATO. E Biden lo rende assolutamente chiaro. Sarà la Polonia o, come dice Putin, “paesi inesistenti”, cioè Lituania, Lettonia, Estonia – questa è una questione secondaria, perché anche se, anche dopo aver calpestato l’Ucraina e essersi raggruppate in Bielorussia, le truppe russe andassero negli Stati baltici , prenderemo comunque parte a questo. Questo è il contesto più ampio della politica polacca odierna ed è in queste condizioni che il governo di Tusk prende il potere.

La situazione in Ucraina è notevolmente peggiorata, l’America ha crescenti problemi interni, la cui emanazione è l’incapacità di ottenere il consenso del Congresso per un pacchetto di aiuti per coloro che combattono con la Russia, problemi simili con l’UE deve sostenere l’Ucraina a causa dell’opposizione dell’Ungheria e del processo decisionale spietatamente complicato, che la destra polacca difende così brillantemente. Certo, i soldi prima o poi arriveranno – almeno questa volta – ma per quanto tempo? E cosa succederebbe se Trump vincesse negli Stati Uniti, prevedendo un vero Armageddon e guidando i sondaggi? E se, in un’Europa stanca della crisi, le persone eleggessero un altro Wilders e dicessero loro di occuparsi dei propri problemi, non dell’Ucraina?

La denuncia di Tusk, a tratti apocalittica, mostra che il nuovo-vecchio Primo Ministro ne è consapevole. “Il mondo sta diventando davvero pericoloso” – Ha detto Tusk al Sejm. “Una nazione divisa e in conflitto sarà molto più esposta ai conflitti che infuriano nel mondo. Se fossimo divisi in due metà incompatibili, sarebbe come se fossimo il doppio, come se la Polonia fosse due volte più piccola.

E un attimo dopo: “Non possiamo fingere di vivere in un mondo che permette continue discussioni”. “Alcune persone sembrano non capire di cosa si tratta questa guerra.” “Chi scommette geopoliticamente e mette oggi la Polonia a rischio di essere accanto, fuori, sola, non solo mette a rischio gli interessi fondamentali della Repubblica di Polonia, ma mette a rischio anche l’esistenza della nostra Patria.” “Per favore, smettiamola di fingere che i nostri alleati della NATO e dell’Unione Europea siano una minaccia per la Polonia. Questo è un gioco pazzesco. La minaccia è che la Russia attacchi l’Ucraina e penso che tutti sappiamo cosa accadrebbe se la Russia vincesse questo conflitto.

Adesione parziale dell’Ucraina alla NATO: l’espositore dell’Alleanza ha sottolineato la realtà strategica

Tutti coloro che hanno terminato la scuola primaria devono sapere qual è la posta in gioco. E l’ultima citazione del Tusk di martedì, che riflette bene la situazione odierna tra Russia e Occidente: “Non posso più ascoltare gli altri politici occidentali, che sono STANCHI della guerra in Ucraina, che non hanno più la FORZA . Stanno cercando di spiegare al presidente Zelenskyj che sono esausti. Il compito della Polonia, del nuovo governo e di tutti noi è quello di chiedere a voce alta e fermamente la piena determinazione dell’intera comunità occidentale riguardo alla guerra in Ucraina.

Facciamo al più presto tutte le stregonerie necessarie dopo otto anni di PiS, fumighiamo le stanze, esorcizziamo Satana, facciamo sentire le emozioni degli insediamenti, se necessario, ma che avvenga al più presto, che vengano istituite queste sei commissioni , se necessario, a patto che raggiungano un accordo su qualcosa in pochi mesi, hanno annunciato e chiuso il caso. Perché non abbiamo tempo. Lasciamo che questi accordi con la demolizione del PiS abbiano una data di scadenza e non occupino il 90% del tempo del nuovo governo. Devi armarti, armarti e armarti. E dobbiamo anche costruire una centrale nucleare, perché tra un attimo potremmo rimanere senza elettricità e la nostra sicurezza energetica andrà al diavolo.

Nella situazione dell’imminente possibile guerra NATO-Russia, tutto il resto è solo didaskalia. Le pensioni della nonna, l’indicizzazione delle pensioni, l’aumento del bilancio e degli insegnanti, più di 800 – è importante che Tusk abbia detto e promesso tutto questo nel suo intervento, perché un elemento della sicurezza dello Stato è ora anche la pace sociale. Ma in tempi come questi, non c’è bisogno di aspettarsi alcun tipo di integrità e purezza, sia liberale, di sinistra o meno, da questo governo. Dovremmo esigere da questo governo tutto ciò che serve a preparare la Polonia agli shock.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles