15.7 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

“La controffensiva dell’Ucraina non è andata secondo i piani”: perché è avvenuta e quali sono le conseguenze – analisi dei media occidentali

“La controffensiva dell’Ucraina non è andata secondo i piani”: perché è avvenuta e quali sono le conseguenze – analisi dei media occidentali

“La controffensiva dell’Ucraina non è andata secondo i piani”: Cosa scrivono i media occidentali e come spiegano perché la controffensiva è fallita e che tutto non è andato come previsto. La grande controffensiva ucraina a Zaporizhzhia, sulla quale si riponevano grandi speranze sia in Ucraina che in Occidente, non sembra aver raggiunto tutti i suoi obiettivi. Uno dopo l’altro, i mass media occidentali scrivono del “crollo della controffensiva” e del passaggio alla difesa.

Contenuto

  1. Le aspettative esagerano
  2. Prepararsi alla controoffensiva: quale aiuto ha chiesto l’Ucraina e cosa ha ricevuto
  3. L’offensiva è stata costantemente rinviata
  4. Disaccordi e fattore Bakhmut
  5. Zaluzhny “ha dovuto cambiare piano dopo i primi fallimenti”
  6. Brigate inesperte furono gettate in battaglia
  7. Conseguenze

Perché non è stato possibile sfondare la linea di difesa della Federazione Russa nel sud, se la colpa è della leadership militare e cosa aspettarsi dopo, ha analizzato TSN.ua  analizzando i media occidentali.

Aspettative esagerate

Secondo analisti e giornalisti occidentali, Kiev ufficiale e i nostri alleati sono caduti nella trappola delle loro stesse aspettative gonfiate sui risultati della controffensiva estiva, perché la campagna non ha portato risultati significativi visibili sulla mappa. Lo scorso novembre, il consigliere del capo dell’ufficio del presidente, Mykhailo Podolyak, aveva assicurato che entro sei mesi sarebbe andato a Yalta e avrebbe parlato di una Crimea libera. Allo stesso tempo, nel novembre 2022, il capo Kyrylo Budanov ha affermato che la guerra in Ucraina potrebbe finire entro l’estate del 2023. Ha anche previsto che entro la fine della primavera del 2023 le forze armate ucraine entreranno in Crimea.

Come ha notato Yehor Firsov, ex deputato della Repubblica popolare ucraina e ora ufficiale militare della 109a Brigata di difesa territoriale, tali dichiarazioni hanno demotivato i difensori al fronte. “È chiaro: le persone non sono di ferro, si stancano e hanno bisogno di una prospettiva. Quando la Crimea viene prima disegnata come prospettiva e poi “trattenere Avdiivka” è demotivante”, dice Firsov.

Prepararsi alla controffensiva: quale aiuto ha chiesto l’Ucraina e cosa ha ricevuto

Il Washington Post ha pubblicato un’analisi dei preparativi per la controffensiva ucraina. L’articolo è essenzialmente un'”analisi del volo” nello stile di “chi è la colpa” e “cosa fare”.

È stato notato che durante una conferenza telefonica alla fine dell’autunno del 2022, dopo che Kiev aveva riconquistato l’Oblast di Kharkiv e Kherson, il capo del Pentagono Lloyd Austin ha parlato con il generale Valery Zaluzhny. Zaluzhny rispose che aveva bisogno di 1.000 veicoli corazzati e di nove nuove brigate addestrate in Germania e pronte alla battaglia.

“Ho bevuto un bel sorso. È quasi impossibile”, disse in seguito Austin ai suoi colleghi. E nel dicembre 2022, sulla rivista britannica The Economist, il capo delle forze armate ha dichiarato di aver bisogno di 300 carri armati, 600-700 BMP e 500 obici per una controffensiva di successo.

La pubblicazione assicura che l’Ucraina ha ricevuto non 1.000, ma addirittura 1.500 veicoli blindati. Tuttavia, molti di loro erano in condizioni difettose. “Hanno ottenuto tutto ciò che era stato loro promesso in tempo”, ha detto un alto funzionario americano. In alcuni casi, hanno detto i funzionari, l’Ucraina non è riuscita a schierare attrezzature critiche per l’offensiva, mantenendole in riserva o assegnandole a unità non coinvolte nella controffensiva.

Invece, la parte ucraina lamenta la mancanza di aerei ATACMS a lungo raggio , in grado di colpire le retrovie nemiche. Solo a maggio, alla vigilia dell’offensiva, la Gran Bretagna annunciò che avrebbe fornito missili Storm Shadow a lungo raggio . L’esercito ucraino creò nuove brigate, addestrò migliaia, se non decine di migliaia di soldati, mandandone molti ad addestrarsi in Occidente.

Tuttavia, come hanno affermato i nostri combattenti in un commento del WP, il processo di addestramento in Europa non ha tenuto conto di tutte le realtà della guerra. Ad esempio, i soldati ucraini hanno portato con sé i propri droni per affinare le proprie capacità. Gli istruttori europei nelle prime fasi hanno respinto la richiesta di integrare il programma di formazione sul controllo dei droni, in quanto non rientrava nel piano formativo iniziale. Dopo qualche tempo, questo programma è stato ancora aggiunto su richiesta dell’Ucraina.

Addestramento militare ucraino in Gran Bretagna / Foto illustrativa / ©
Addestramento militare ucraino in Gran Bretagna / Foto illustrativa

L’offensiva è stata costantemente rinviata

La controffensiva avrebbe dovuto iniziare al più tardi a maggio. Ma qui ha interferito un altro fattore: il tempo. Le piogge primaverili e l’assenza di strade potevano ostacolare la circolazione delle attrezzature, quindi la controffensiva doveva essere rinviata.

“Nel frattempo, le difese nemiche venivano rafforzate. Gli ufficiali militari americani rimasero sgomenti nello scoprire che le forze russe avevano utilizzato quelle settimane di aprile e maggio per piazzare un numero significativo di mine aggiuntive, che secondo i funzionari alla fine rendevano molto più difficile per le forze ucraine avanzare. .” – scrivono in WP.

Fortificazione dei russi sulla mappa / Foto: analista Twitter di AEI Brady Africa / ©
Fortificazione dei russi sulla mappa / Foto: Twitter dell’analista dell’AEI Brady Africa

La controffensiva delle forze armate è iniziata il 4 giugno, molto più tardi del previsto a Washington.

Disaccordi e fattore Bakhmut

Secondo i media europei e americani, l’Occidente ha consigliato all’Ucraina di concentrare le proprie forze su un obiettivo strategico: un attacco di massa “con un pugno” attraverso i territori occupati fino al Mar d’Azov. Tuttavia, Kiev non avrebbe rinunciato all’est.

La leadership militare ucraina ha deciso che posizionare troppe truppe in un punto nel sud avrebbe lasciato vulnerabili le forze a est e avrebbe consentito ai russi di impadronirsi del territorio lì e, potenzialmente, di Kharkiv. Pertanto, la battaglia per Bakhmut è continuata.

Rovine di Bakhmut / © Associated Press
Rovine di Bakhmut / Foto: Associated Press

Allo stesso tempo, già nel marzo 2023, la rivista tedesca Bild scriveva di una presunta disputa tra Zelenskyi e Zaluzhny riguardo all’opportunità di mantenere Bakhmut. A quel tempo, il presidente ha ripetutamente sottolineato pubblicamente che l’Ucraina avrebbe detenuto la “fortezza di Bakhmut”. Un’idea del genere non fu accolta con favore in Occidente. In Ucraina hanno assicurato che la difesa di Bakhmut è necessaria per schiacciare l’esercito russo. Secondo Sky News , nel giugno 2023, la Russia ha perso più di 60.000 soldati uccisi e feriti negli “attacchi di carne” a Bakhmut. Tuttavia, c’è un altro lato della medaglia.

“La domanda è: a che punto questi rapporti raccontano solo un lato della storia. Stai guardando la qualità relativa delle truppe che erano esauste a Bakhmut e stai contrapponendo persone molto esperte che stanno morendo e sono ferite a Bakhmut da parte ucraina contro coscritti e criminali, soldati relativamente inesperti e relativamente incompetenti da parte russa”, ha detto Franz-Stefan Gadi, ricercatore senior presso l’Istituto internazionale per la ricerca strategica sul cyberpotere e i conflitti futuri, in un commento di Business Insider.

Ciascuna parte ha accusato l’altra di errori o calcoli errati. “Ufficiali militari statunitensi hanno concluso che l’Ucraina non sta seguendo tattiche militari di base, compreso l’uso della ricognizione terrestre per determinare la densità dei campi minati. Gli alti funzionari ucraini hanno affermato che gli americani non capiscono come i mezzi moderni, compresi i droni, abbiano cambiato il campo di battaglia, ” scrivono i giornalisti. WP. 

Zaluzhny “ha dovuto cambiare piano dopo i primi fallimenti”

Secondo WP, il quarto giorno della controffensiva estiva, Zaluzhny ha dovuto abbandonare completamente il piano precedente.

Valery Zaluzhny / © screenshot dal video
Valery Zaluzhny / Foto: screenshot dal video

Invece di tentare di sfondare le difese russe con un massiccio attacco corazzato supportato dall’artiglieria, come consigliato negli Stati Uniti, Zaluzhny decise che l’esercito ucraino sarebbe avanzato a piedi, in piccoli gruppi di 10. I propagandisti russi hanno rapidamente “battezzato” questa tattica già ucraina “attacchi di carne”, sebbene le forze armate e il Ministero della Difesa abbiano assicurato che le perdite erano minime e non erano nemmeno paragonabili a quelle russe.

Un pompiere sullo scandalo della Braun: questa signora potrebbe aver perso la vista. Questo è dannatamente pericoloso

L'inizio della controffensiva / © The Washington Post
L’inizio della controffensiva / Foto: The Washington Post

È stato inoltre osservato che il comandante delle forze statunitensi in Europa, il generale Christopher Cavoli, non ha potuto contattare il comandante in capo dell’Ucraina per settimane all’inizio della campagna a causa delle tensioni. Nell’agosto 2023, anche il collega americano di Zaluzhny, Mark Milley, iniziò a esprimere una certa frustrazione. Cominciò a dire a Zaluzhny:

“Cosa stai facendo”, notano gli interlocutori della pubblicazione. In risposta, Zaluzhny ha delineato chiaramente le sfide: la mancanza di copertura aerea, più mine del previsto e le forze russe che erano straordinariamente trincerate e spostavano efficacemente le loro riserve per colmare le lacune.

Brigate inesperte furono gettate in battaglia

La decisione di trattenere Bakhmut significò che alcune delle migliori truppe ucraine, come la 24a Brigata Meccanizzata e l’80a Brigata d’Assalto Aviotrasportata, furono sconfitte durante le fasi di pianificazione della controffensiva e per tutta l’estate. Truppe molto meno esperte, come la maggior parte della 47a Brigata Meccanizzata, di cui circa il 70% non aveva alcuna esperienza di combattimento precedente, scrive il Washington Post. “Avevamo una brigata appena creata: il 90% delle persone non aveva mai combattuto e, sebbene credessero molto in se stesse, io, avendo esperienza di combattimento, capivo che la metà sarebbe stata inefficace in questo.

Lo dicono le statistiche. Non tutti sono pronti a combattere, non tutti possono combattere. Bisognava sparare sulla gente. E molte brigate che presero parte a questa controffensiva erano di nuova creazione. Le brigate non furono attaccate. E anche per questo si è trattato di un errore di calcolo”, ha detto Oleg Sentsov, direttore ucraino, ex coscritto del Cremlino e comandante della compagnia d’assalto della 47a brigata.

Oleg Sentsov davanti / © Oleg Sentsov / Facebook
Oleg Sentsov davanti / Foto: Oleg Sentsov / Facebook

WR ritiene che il trasferimento della 47a brigata dal fronte Zaporozhye ad Avdiyivka indichi effettivamente che la controffensiva è stata congelata.

Conseguenze

Invece di fare uno sfondamento di 14 chilometri il primo giorno, la ZSU avanzò di 19 km in 6 mesi. Nelle prime 24 ore dell’offensiva, le Forze Armate prevedevano di raggiungere il villaggio di Robotyne.

Robotine sulla mappa / © Deepstatemap
Robotine sulla mappa / Foto: Deepstatemap

Tuttavia, ci sono volute circa 12 settimane per liberare solo questo villaggio. Rispondendo alla domanda di AP sui risultati della controffensiva, Zelenskyj ha ammesso: “Volevamo risultati più rapidi. Da questo punto di vista, purtroppo, non abbiamo ottenuto i risultati desiderati. E questo è un dato di fatto”. Riassumendo gli articoli analitici dei media occidentali e le conclusioni degli esperti ucraini e stranieri, elencheremo le ragioni principali per cui la controffensiva è fallita:

  • Un numero insufficiente di armi, proiettili ed equipaggiamenti per operazioni militari di tale portata.
  • Inizio attività ritardato.
  • Le brigate appena create, che non avevano esperienza militare, furono gettate in battaglia.
  • Potenti fortificazioni e campi minati della Federazione Russa, la cui gravità è stata sottovalutata.

Ora che la controffensiva sta finendo, l’inverno sta iniziando e la Russia sta conducendo nuove operazioni offensive, come l’assalto ad Avdiyivka , l’Occidente sta riflettendo se l’Ucraina potrebbe lanciare un’altra controffensiva su vasta scala la prossima primavera. Invece il presidente Zelenskyj non parla ancora di controffensiva, ma dà istruzioni di costruire fortificazioni e territori minati. 

“Questa è ancora una lotta esistenziale per gli ucraini. L’Ucraina e i suoi partner occidentali non hanno avuto il successo che speravano nella controffensiva, ma se imparassero dai loro fallimenti, ciò potrebbe fare la differenza più avanti in questa guerra, il risultato finale cosa resta da vedere”, ha detto George Barros, analista dell’Institute for the Study of War, in un commento di Business Insider.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles