7.2 C
Rome
lunedì, Marzo 4, 2024

Adesione parziale dell’Ucraina alla NATO: l’espositore dell’Alleanza ha sottolineato la realtà strategica

Adesione parziale dell’Ucraina alla NATO: l’espositore dell’Alleanza ha sottolineato la realtà strategica

Adesione parziale dell’Ucraina alla NATO. In precedenza il segretario generale della NATO, Anders Fogh Rasmussen, ha rilasciato una dichiarazione sull’adesione parziale dell’Ucraina alla NATO.L’idea della cosiddetta adesione parziale dell’Ucraina alla NATO, senza i territori occupati, recentemente espressa da Anders Fogh Rasmussen, ha suscitato un acceso dibattito in Ucraina. L’Ufficio del Presidente ha affermato che questo piano non è adatto al Paese. Tuttavia, tra i funzionari occidentali c’è l’opinione che questa sia una realtà strategica che viene rivelata ai leader dei paesi della NATO e all’Ucraina.

A questo proposito ha detto l’ex direttore della pianificazione politica della NATO, attuale direttore della Rasmussen Global, Fabrice Potier in un’intervista a “Radio Liberty” ; a Bruxelles.m”È importante guardare al quadro più ampio e il punto (e penso che questo sia ciò che Rasmussen ha detto molto chiaramente) è che l’Ucraina dovrebbe aderire alla NATO il prima possibile”. E prima l’Ucraina aderirà alla NATO, prima porremo fine a questa guerra a condizioni favorevoli per l’Ucraina”, ha detto Potier.

Secondo lui, prima l’Ucraina aderirà alla NATO, prima finirà la guerra con la Federazione Russa a condizioni favorevoli per l’Ucraina. “Credo che questa sia una realtà strategica che si apre davanti a noi, ma anche davanti ai leader dei paesi della NATO. Ciò che si è visto per la prima volta prima del vertice di Vilnius è che la maggioranza dei leader seduti nella sala del Consiglio Nord Atlantico erano a favore dell’adesione”, ha aggiunto.

Putin “scava” per il lungo termine

Allo stesso tempo, Potier ha osservato che non tutti i leader dei paesi membri dell’Alleanza sono “per” adesione parziale dell’Ucraina. Questo è il motivo per cui Vilnius non ha invitato l’Ucraina ad aderire, cosa su cui si è insistito.

“C’è un’opinione secondo cui Putin è “trincerato” per il lungo termine. Aspetta finché noi e il nostro supporto “ci disintegreremo”. E attende non solo il sostegno militare, ma anche quello politico ed economico. Credo che il modo migliore per resistere a questo lungo gioco di Putin sia garantire l’Ucraina nella NATO. In un certo senso, questa è l’arma migliore e più grande che abbiamo nel nostro arsenale: coinvolgere l’Ucraina”, – ha spiegato Fabrice Potier.

Paradossalmente, il presidente russo Vladimir Putin rispetta l’articolo 5 dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, secondo cui un attacco contro un membro della NATO è un attacco contro tutti i suoi membri e provoca una risposta da parte di tutti gli Stati membri dell’Unione. La decisione sull’applicazione dell’articolo 5 della NATO viene presa dopo consultazioni tra i membri del blocco.

“Putin prende la cosa molto sul serio, poiché non ha mai oltrepassato questo limite (…). Pertanto, riteniamo che questo sia il modo migliore per porre fine a questa guerra a condizioni favorevoli per l’Ucraina”, ha spiegato Fabrice Potier. Secondo Potier, la leadership ucraina dovrebbe sapere quando arriverà il momento di considerare la questione dell’adesione e poi, forse, della soluzione.

Una situazione sorprendente al Sejm. Degno di nota il gesto di Tusk nei confronti di Nowacka

Non ci sono mai state offerte di adesione parziale

Fabric Pothier ha sottolineato che è molto importante rendersi conto che l’ex segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen non ha avanzato “alcuna proposta di adesione parziale”. /span> 

“Questa è l’adesione completa, cioè tutta l’Ucraina, l’Ucraina sovrana, i confini del 1991. Nel frattempo la domanda è: quando avete ancora territori occupati, dove applicate la clausola di difesa collettiva? Cioè, non si tratta di una soluzione permanente, ma di una soluzione provvisoria finché non si inizierà a portare quasi tutta l’Ucraina nella NATO e a fornire la protezione prevista dall’Articolo 5, in modo che anche le forze ucraine possano combattere e concentrare le proprie risorse dove dovrebbero, cioè sul terreno. linea del fronte e di restituire quanto più territorio possibile”, ha spiegato Pothier.

Secondo lui l’adesione parziale alla NATO è solo “un tentativo di abbreviare il percorso dal momento attuale all’adesione dell’Ucraina”. “Alla fine, più lungo sarà questo percorso, più opportunità, penso, avrà il presidente Putin di sfruttare la guerra e le nostre differenze”, ha aggiunto.

Ricordiamo che la dichiarazione del ministro degli Esteri della NATO Anders Fogh Rasmussen sull’adesione parziale dell’Ucraina all’Alleanza senza i territori occupati dalla Russia è stata precedentemente spiegata anche da il capo della delegazione ucraina all’Assemblea parlamentare della NATO Yehor Chernev. Secondo lui non si tratta di un’offerta ingannevole.

In precedenza, il segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen ha rilasciato una dichiarazione riguardante l’adesione parziale dell’Ucraina alla NATO. Secondo lui, la Russia dovrebbe avere un messaggio chiaro che ci sarà una risposta a qualsiasi violazione del territorio della NATO.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles