29.8 C
Rome
mercoledì, Giugno 19, 2024

Perché l’Occidente ci prevede la sconfitta: dov’è la verità, dov’è la manipolazione, e chi e cosa c’è dietro questo tradimento

Perché l’Occidente ci prevede la sconfitta: dov’è la verità, dov’è la manipolazione, e chi e cosa c’è dietro questo tradimento

Sembra che l’Occidente continui a non capire dove sta andando la Russia di Putin, che si è assicurata il sostegno di Cina, Iran, Corea del Nord e utilizza anche le risorse della Bielorussia. E, prima o poi, Putin mobiliterà anche i bielorussi per la guerra. E anche gli ucraini, se cadiamo. E’ solo questione di tempo se non verrà fermato.

Contenuto

  1. Trovare i colpevoli: l’Occidente ha creduto al miracolo non dandoci le armi
  2. Unità attorno a Putin: la maggior parte dei russi sostiene la guerra
  3. Negoziati e congelamento: l’Occidente è d’accordo su Putin al Cremlino

Il Consiglio mondiale russo, al quale ha recentemente parlato Putin, il divieto di aborto che brilla in Russia, la riscrittura dei libri di testo di storia e l’educazione militare-patriottica nelle scuole: tutto ciò indica che la Russia si sta preparando per una lunga guerra, e non solo contro l’Ucraina . I preparativi sono già in corso in Polonia e nei Paesi baltici, come dicono pubblicamente.

Sembra che dopo il viaggio infruttuoso di Prigozhin a Mosca nel giugno di quest’anno, così come dopo che i russi hanno fatto saltare in aria la diga idroelettrica di Kakhovskaya, le principali capitali occidentali abbiano deciso: lasciare Putin al Cremlino, piuttosto che alcuni pazzi che possono trasformare il mondo in cenere nucleare. Tuttavia, alla fine di marzo 2022, quando Kiev ha resistito, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato che Putin non poteva rimanere al potere in Russia. Sembra che i nostri partner occidentali non siano contrari ai negoziati con Putin sulla soluzione della guerra, alla quale l’Ucraina sarà sempre più propensa in vista di una riduzione degli aiuti militari.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg invita a prepararsi alle cattive notizie dall’Ucraina. Una parte del tradimento si sta diffondendo nei media occidentali: articoli e colonne d’autore secondo cui Putin vincerà questa guerra. Il Washington Post ha pubblicato un ampio articolo sull’analisi della controffensiva estiva dell’Ucraina, che non ha raggiunto l’obiettivo di raggiungere il Mar d’Azov tagliando il corridoio terrestre russo dal Donbass occupato alla Crimea. Tuttavia, diverse decine di funzionari americani ed europei che hanno espresso le loro valutazioni per questo articolo in qualche modo non si incolpano. In particolare, come potrebbero gli ucraini raggiungere il confine amministrativo con la Crimea senza almeno la parità con i russi in termini di aviazione, proiettili di artiglieria, droni ed guerra elettronica?

In questo testo TSN. ua ha raccolto le principali conclusioni tratte dai media e dai funzionari occidentali in riunioni a porte chiuse sul perché l’Occidente probabilmente ci spingerà verso un congelamento della guerra e sui colloqui con Putin, e quali tre fattori chiave hanno portato a ciò.

Trovare i colpevoli: l’Occidente ha creduto al miracolo non dandoci le armi

L’Ucraina e l’Occidente sono caduti nella trappola delle loro stesse aspettative gonfiate sui risultati della controffensiva estiva. Ora, gli analisti e gli esperti militari occidentali affermano direttamente: Kiev non ha ottenuto una svolta significativa a causa della mancanza di armi, che gli alleati hanno consegnato in modo tempestivo e, inoltre, non completamente. Tuttavia, in Occidente, per qualche ragione, credevano che le forze di difesa dell’Ucraina, come nell’autunno del 2022, avrebbero dimostrato un miracolo e, senza l’aviazione, una quantità sufficiente di munizioni e tutto il resto, avrebbero raggiunto la costa di il Mar d’Azov e il confine amministrativo con la Crimea.

Per quanto riguarda la penisola, in Occidente, soprattutto negli Usa, la sua liberazione non è mai stata considerata realistica. Il massimo è la linea di demarcazione il 23 febbraio 2022. Si credeva che l’esercito ucraino stesse raggiungendo la Crimea, fosse sulla difensiva, e questa di per sé rappresenta una forte posizione negoziale tra Kiev e Mosca. Tuttavia, ciò non è avvenuto. Sia l’Occidente che l’Ucraina, a quanto pare, hanno sottovalutato la forza della “Linea Surovikin”, la difesa che la Russia ha costruito sul fronte mentre Kiev si preparava alla controffensiva.

Secondo il Washington Post, Kiev e Washington differivano sostanzialmente sul momento e sul luogo dell’inizio della controffensiva. Il Pentagono ha insistito affinché tutto iniziasse ad aprile per evitare che la Russia trincerasse ulteriormente. L’esercito ucraino ha insistito sul fatto che non se ne sarebbero andati senza armi e addestramento.

“Gli Stati Uniti sostenevano un’offensiva puntuale lungo il fronte meridionale, ma la leadership ucraina credeva che le loro forze avrebbero dovuto attaccare in tre diversi punti lungo il fronte di 600 miglia: a sud verso Melitopol e Berdyansk sul Mar d’Azov, e a est verso Bakhmut ( difesa invernale, che molti analisti occidentali considerano già errata, perché lì l’Ucraina ha subito grandi perdite – ndr)”, scrive WP.

Tuttavia, come ha giustamente scritto il direttore della tedesca Bild Julian Repke nel suo post su X (ex Twitter), come ha potuto l’Ucraina sconfiggere la Russia se gli Stati Uniti hanno fornito a Kiev solo 31 carri armati Abrams sui 6.000 presenti nel bilancio americano? , di cui 2.600 in prontezza al combattimento. La situazione è la stessa con i missili ATACAMS a lungo raggio, di cui l’Ucraina ha ricevuto solo 20 (con testata a grappolo e lontani dai 300 km) degli oltre 3.000 disponibili nei magazzini degli Stati Uniti. 

E in generale, come mostrano le statistiche, gli aiuti militari americani hanno iniziato a diminuire in modo significativo già ad agosto. L’ articolo dal titolo “Putin sembra aver vinto finora la guerra in Ucraina”, che a prima vista sa di tradimento, in realtà contiene il giusto appello all’Occidente, e soprattutto all’Europa, a svegliarsi finalmente.

Innanzitutto, smettiamo di flirtare con la Cina e ammettiamo finalmente che Pechino aiuta molto Putin nella guerra contro l’Ucraina da molto tempo. I governi occidentali sapevano molto bene che la Russia aveva ricevuto attrezzature ingegneristiche cinesi per la costruzione della “Linea Surovikin”. Inoltre, senza il tacito consenso di Pechino, la Russia non avrebbe ricevuto più di un milione di proiettili di artiglieria dalla Corea del Nord. Inoltre, ci sono sempre più prove che i russi utilizzano i missili cinesi in prima linea, mentre l’Occidente continua a ripetere che Pechino non ha ancora oltrepassato la linea rossa, perché la Cina non fornisce aiuti militari diretti alla Russia.  

In secondo luogo, autorizzare finalmente i programmi di doppia esportazione attraverso Armenia, Turchia, Kazakistan, Kirghizistan e altri paesi che aiutano la Russia a ottenere componenti occidentali sanzionati per la sua industria della difesa; e ha anche tagliato la capacità di Mosca di vendere petrolio e gas per eludere le sanzioni. TSN.ua ha già scritto che solo nell’ottobre di quest’anno Mosca ha raddoppiato i suoi profitti dalla vendita di vettori energetici portandoli a 18 miliardi di dollari, e questo solo in un mese. E gli Stati Uniti non riescono ancora ad approvare un pacchetto di aiuti da 61 miliardi di dollari per l’Ucraina per il 2024, che rappresenta poco più di tre mesi di profitti in eccedenza di petrolio e gas della Russia.

nità attorno a Putin: la maggior parte dei russi sostiene la guerra

L’Occidente è caduto nella trappola delle false aspettative riguardo ai possibili cambiamenti in Russia. Sì, anche l’Ucraina nutriva speranze in questo, poiché il numero dei russi morti in una guerra su vasta scala è aumentato. Tuttavia, il regime di Putin si è rivelato più stabile. Verso la fine del secondo anno di guerra su vasta scala continua l’ulteriore consolidamento degli oligarchi russi e della popolazione attorno alla politica del Cremlino, che sostengono la guerra e l’uccisione degli ucraini. Ne hanno scritto in particolare il Washington Post e l’autorevole think tank americano Atlantic Council , riferendosi ai dati di sondaggi e focus group del Carnegie Center russo e del Levada Center, secondo cui il 68% dei russi è favorevole alla continuazione della guerra, perché, secondo loro, adempiono la missione messianica.

Stiamo massacrando uno dei più grandi successi della Polonia nel campo degli armamenti. Ci saranno più armi direttamente dalla Corea

Possiamo fidarci di questi dati, soprattutto quando si tratta di Levada, che è completamente subordinata al Cremlino? Difficilmente. Ma se la percentuale dei russi contrari alla guerra fosse stata molto più alta, in qualche modo ce ne saremmo già accorti, soprattutto al fronte. Nel suo articolo per il Consiglio Atlantico, Peter Dickinson, redattore del servizio UkraineAlert presso questo think tank, osserva giustamente che più di un milione di russi (anche se il numero reale è molto più alto – ndr) sono fuggiti dalla Russia dopo l’invasione su vasta scala e l’annuncio di Putin della prima grande ondata di mobilitazione nel settembre 2022, non vogliono esprimersi pubblicamente contro la guerra.

“Nonostante non siano soggetti a nessuna delle restrizioni in vigore nella stessa Russia. Sebbene ci siano grandi diaspore russe in molte città europee, ci sono state pochissime manifestazioni contro la guerra o altri tentativi da parte di cittadini russi di protestare contro l’invasione dal febbraio 2022. Quando recentemente i russi in Finlandia si sono mobilitati per protestare, è stato per lamentarsi della chiusura temporanea di alcuni valichi di frontiera con la Russia”, scrive Peter Dickinson.

Gli “esperti” russi parlano del messianismo in cui il Cremlino ha costretto i russi a credere. Tuttavia, in realtà, c’è stato un altro risultato ottenuto dal regime sulla scena internazionale. Putin è riuscito a convincere l’Occidente che al Cremlino sta meglio di pazzi come Girkin o Prigozhin. Questo non è un buon segnale per l’Ucraina, perché in un bel momento i nostri alleati, riducendo gli aiuti militari e finanziari, potrebbero fare pressione sull’Ucraina affinché avvii i negoziati con Putin.

Negoziati e congelamento: l’Occidente è d’accordo su Putin al Cremlino

L’amara verità sia per l’Ucraina che per l’Occidente è che la Russia si è adattata a condurre una lunga guerra. Inoltre, e le pubblicazioni americane ne scrivono già abbastanza apertamente, i missili guidati Excalibur occidentali, le bombe guidate JDAM o persino i missili GMLRS prima di HIMARS non sono così efficaci ora a causa delle potenti apparecchiature di guerra elettronica russe. Per non parlare dei droni FPV relativamente economici che distruggono i costosi veicoli corazzati occidentali.

“I cieli sopra il campo di battaglia sono ora pieni di droni russi. Intorno a Bakhmut, secondo l’esercito ucraino, la Russia ne sta schierando il doppio. Il crescente successo della Russia nella guerra con i droni è in parte dovuto alla densità di sistemi EW che è in grado di utilizzare grazie ad anni di investimenti in questo settore”, scrive The Economist.

L’Ucraina ha il proprio sviluppo di sistemi EW. Tuttavia, è sempre una questione di investimenti, volontà politica e persone responsabili. Perché alla fine del secondo anno di guerra su vasta scala, in qualche modo non disponiamo di sistemi EW in quantità sufficiente. Anche qui l’Occidente ci aiuterà poco, almeno per ora, perché è una questione di trasferimento di tecnologia e di controllo delle esportazioni, cosa che molto probabilmente gli alleati non accetteranno, temendo di cadere nelle mani dei russi, e poi il cinese.

Quest’estate, quando è diventato chiaro che la controffensiva dell’Ucraina stava vacillando, Kiev ha chiesto all’Occidente, in particolare agli Stati Uniti, contromisure antimine e mezzi di guerra elettronica, tra cui grandi attrezzature ingegneristiche per lo sminamento, missili a lungo raggio e altri F-16. Tuttavia, politicamente a quel tempo, a Washington si stava già formando una spaccatura e da agosto gli aiuti militari statunitensi furono notevolmente ridotti. L’UE, pur aiutando l’Ucraina, ha sempre guardato all’America. Un chiaro esempio è la decisione del Cancelliere Scholz di fornirci i carri armati Leopard solo dopo la decisione del Presidente Biden sui carri armati Abrams. Non è quindi necessario sperare che l’UE copra la mancanza di aiuti statunitensi.

Da allora, il divario politico negli Stati Uniti si è trasformato in una vera e propria crisi. Da quattro mesi ormai il Congresso non è riuscito ad approvare il bilancio federale per il 2024, che prevede più di 60 miliardi di dollari destinati all’Ucraina. L’amministrazione Biden voleva collegare il pacchetto di aiuti all’Ucraina con soldi per Israele e Taiwan. Tuttavia, i repubblicani si sono opposti al confine con il Messico e hanno aumentato la spesa per la sicurezza in quel paese. E per i democratici questa è una questione fondamentale: non la vedono come un problema. Pertanto, mercoledì 6 dicembre, il Senato molto probabilmente non voterà un pacchetto di aiuti congiunti per Ucraina, Israele e Taiwan. Ed entro la fine di dicembre, è improbabile che il Congresso voti se il bilancio federale per il 2024 sarà troppo separato o se sarà un pacchetto di aiuti congiunto per l’Ucraina con altri paesi.

La Casa Bianca ha inviato una lettera ai leader del Congresso affermando che i soldi per gli aiuti militari all’Ucraina sono quasi esauriti, il che “minaccia di mettere l’Ucraina in ginocchio sul campo di battaglia”. Non è un segreto per nessuno, e i militari dicono direttamente che nella parte anteriore c’è già carenza di munizioni, soprattutto di calibro 155 mm. Entro marzo 2024 l’UE non sarà in grado di fornirci il milione di proiettili di artiglieria promessi. E senza il sostegno americano non ci saranno abbastanza missili per la difesa aerea.

Mentre cresce la stanchezza bellica e, cosa ancora più spaventosa, lo sconforto, sia in Occidente che in Ucraina, anche nelle file delle Forze Armate, in questo contesto, le voci degli Stati Uniti, della Gran Bretagna e dell’Unione Europea si fanno sempre più forti riguardo al È necessario avviare negoziati con la Russia e congelare la guerra, perché, secondo loro, c’è una situazione di stallo sul campo di battaglia. Queste voci sono diventate ancora più convincenti dopo l’inizio del conflitto tra il presidente Zelenskyi e il generale Zaluzhny, attivamente seguito dai media ucraini. Alcuni in Occidente sono addirittura sicuri che sia possibile concordare con Putin (e loro, a differenza dell’Ucraina, non lo cancellano e sono pronti a negoziare con lui) per ritirarsi dalla posizione il 23 febbraio 2022.

Questa è una totale assurdità: Putin non sarà mai d’accordo. La commissione per il profilo della Duma di Stato ha già approvato in prima lettura il progetto di legge che cancella il confine terrestre della Crimea con l’Ucraina e garantisce lo status del Mar d’Azov come interno. Cioè, prima delle “elezioni” di Putin del 17 marzo 2024, la Russia vuole ufficialmente annettere il Mar d’Azov e lo Stretto di Kerch. Tuttavia, non c’è nulla di nuovo in questo. Esattamente un anno fa, Putin aveva già menzionato Pietro I, che avrebbe combattuto affinché il Mar d’Azov diventasse il mare interno della Russia, attribuendo a se stesso questi risultati.

In una forma o nell’altra, il Congresso degli Stati Uniti voterà sugli aiuti all’Ucraina nel periodo gennaio-febbraio del prossimo anno. Tuttavia, come sottolinea la CNN, ciò non significa affatto che dopo le elezioni presidenziali negli Stati Uniti nel novembre 2024 (e Putin le attende con impazienza), dove Donald Trump o qualcun altro dei repubblicani potrà vincere, militari e gli aiuti finanziari all’Ucraina rimarranno al livello attuale. In questo contesto, gli analisti occidentali consigliano già di pensare ad una strategia di deterrenza a lungo termine per la Russia. Tuttavia, dimenticano di aggiungere: con le mani e la vita degli ucraini.

“Prima che l’Ucraina lanciasse la sua controffensiva nel giugno 2023, Washington aveva espresso ottimismo sul fatto che l’esercito ucraino potesse rapidamente ottenere importanti guadagni militari e fornire a Kiev una posizione negoziale più forte per costringere Mosca a fare concessioni. Ciò non è accaduto e le grandi speranze sono state sostituite da tristi storie senza via d’uscita”, si legge nell’articolo degli Affari Esteri “Strategia di deterrenza per l’Ucraina”.

Questa è una strategia sbagliata. Così come lo slogan dell’amministrazione americana di sostenere l’Ucraina “finché sarà necessario”. In un lungo articolo di quattro autori, sempre su Foreign Affairs, uno dei quali è l’ex comandante delle forze americane in Europa, Ben Hodges, si osserva che l’Occidente dovrebbe fare di tutto per aiutare l’Ucraina a sconfiggere la Russia il prima possibile. Un segnale forte in tal senso sarà la fornitura di mezzi a lungo raggio per distruggere o danneggiare il ponte di Kerch alle forze di difesa ucraine prima delle “elezioni” presidenziali di Putin, che cadono proprio nel decimo anniversario dell’occupazione della Crimea.

“I missili ATACMS potrebbero consentire all’Ucraina di colpire regolarmente le campate più vulnerabili del ponte, costringendo le guardie e gli equipaggi di riparazione a essere presenti e vigili e aumentando il carico logistico per la Russia. Sebbene non taglieranno permanentemente questa linea di rifornimento critica, tali attacchi potrebbero indebolire il vantaggio strategico che la macchina militare russa ottiene dall’occupazione della penisola. Più missili verranno forniti all’Ucraina, più velocemente potrà distruggere le difese russe e creare le condizioni per futuri guadagni offensivi,” si legge nell’articolo.

Ma qui sorge una semplice domanda: gli Stati Uniti sono interessati a questo, se decidono di mantenere Putin al Cremlino e lasciarlo passare in pace le sue “elezioni”? Sembra che la risposta sia ovvia, perché l’Ucraina non ha ancora né ATACAMS a 300 km né missili tedeschi TAURUS.

ZELENSKYJ HA ANNULLATO L’APPELLO AL CONGRESSO AMERICANO: REPUBBLICANI E DEMOCRATICI NON HANNO TROVATO UN’INTESA

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles