28.4 C
Rome
venerdì, Luglio 12, 2024

Stiamo massacrando uno dei più grandi successi della Polonia nel campo degli armamenti. Ci saranno più armi direttamente dalla Corea

Stiamo massacrando uno dei più grandi successi della Polonia nel campo degli armamenti. Ci saranno più armi direttamente dalla Corea

Stiamo massacrando uno dei più grandi successi della Polonia nel campo degli armamenti.  Doveva essere prodotto in Polonia, dovevano esserci nuove versioni polacco-coreane… C’è un ordine per 152 pezzi di obici da cannone K9 sudcoreani prodotti in Corea del Sud con modifiche limitate. L’industria bellica polacca è impegnata in una ribellione difficile da nascondere, e il futuro di uno dei più grandi successi della Polonia nel settore degli armamenti, l’obice Krab, sta diventando sempre più oscuro.

Il contratto K9 è stato firmato venerdì. Su questo argomento è stato diffuso un annuncio eccezionalmente parsimonioso. Prima delle elezioni, la firma di questo tipo di accordi veniva accompagnata da una cerimonia, alla quale di solito partecipava lo stesso ministro Mariusz Błaszczak, i media e le attrezzature pesanti portate per l’occasione e i soldati in piedi dietro il muro sullo sfondo. Ora non ci sono informazioni sulla firma del contratto sul sito web del Ministero della Difesa Nazionale. È stato inserito sul sito web dell’Agenzia del Ministero degli Armamenti.

I coltelli lampeggiarono

Alla base della firma dell’accordo con i coreani c’erano le straordinarie emozioni tra l’Agenzia per gli armamenti e l’industria polacca, in particolare lo stabilimento Huta Stalowa Wola. Quelli che producono gli obici Krab concorrenti del K9. Venerdì mattina, l’azienda ha pubblicato su LinkedIn una dichiarazione del suo presidente, Jan Szwedo:

A causa delle false informazioni sull’insufficiente capacità produttiva della Huta Stalowa Wola SA (PGZ SA), vorrei negare fermamente queste informazioni. Huta Stalowa Wola SA ha recentemente investito ingenti somme di fondi propri per sviluppare il proprio potenziale produttivo e la prima tranche di sussidi statali per un importo di 600 milioni di PLN (la seconda tranche è di 640 milioni di PLN) in infrastrutture, macchine di produzione, nonché come in un aumento significativo dell’occupazione. Investendo nell’ammodernamento dell’impianto, nell’acquisto e nella costruzione di nuovi capannoni di produzione, si è preparata ad attuare enormi contratti di armi, superando allo stesso tempo la capacità produttiva di altri offerenti.

La dichiarazione non diceva esattamente a cosa si riferisse. Di seguito c’era un articolo su “Dziennik Gazeta Prawna” che descriveva l’intenzione di firmare un contratto per il K9 e, tra le altre cose, presentava gli argomenti a sostegno di tale scelta. L’argomento fondamentale presentato pubblicamente dal Ministero della Difesa Nazionale e dall’esercito è la presunta capacità produttiva limitata di HSW.

 Ciò giustifica la necessità di acquistare i K9 in Corea del Sud “pronti all’uso” invece dei Krabs prodotti in Polonia. La priorità è aumentare il più rapidamente possibile le capacità di combattimento dell’esercito di fronte al rischio proveniente dall’Est. Di questo si è parlato, tra l’altro, in un’intervista pubblicata due giorni prima sul profilo YouTube di Jarosław Wolski, il capo dell’UA, generale Artur Kuptel. L’annuncio di HSW ha chiaramente colpito un punto delicato, perché l’Agenzia per gli armamenti si è sentita chiamata nel consiglio e ha risposto con una dichiarazione a X:

[…] onorando le dichiarazioni del contraente e la preoccupazione comune del contraente per la sicurezza del nostro paese, siamo pronti a rinegoziare i contratti conclusi per accelerarne l’attuazione, nonché a contrattare maggiori quantità di obici prodotti da HSW SA

Come dicono gli interlocutori di Gazeta.pl nel settore degli armamenti, in quel momento la situazione tra il Ministero della Difesa Nazionale, l’esercito e il Gruppo polacco per gli armamenti si è fatta molto accesa. Le emozioni che ribollivano nascoste da molto tempo hanno trovato uno sbocco per un momento. Si dice che lo stesso Błaszczak sia intervenuto e abbia “rafforzato” sia il direttore Szwedo che il generale Kuptel, ordinando loro di dimostrare pubblicamente l’unità. Il capo dell’HSW si è recato a Varsavia in caso di emergenza e si è tenuto un incontro presso la sede dell’UA, al termine del quale l’agenzia ha pubblicato un messaggio molto insolito su X. Entrambi gli uomini assicurano che la loro relazione è fantastica, la cooperazione sta andando bene e qualsiasi affermazione contraria è falsa. A ciò si aggiunge la vaga assicurazione del generale che “ci attendono altre sfide comuni, di cui sarò felice di informarvi presto <popcorn>”.

Vale la pena ricordare che il precedente capo della HSW, Bartłomiej Zając, ha perso il suo incarico un anno fa in una situazione simile. Se n’è andato formalmente su sua richiesta dopo aver espresso pubblicamente la frustrazione per aver appreso dai media i vasti piani del Ministero della Difesa Nazionale e dell’Esercito riguardo all’acquisto di K9.

Sarà diverso da come avrebbe dovuto essere

Poche ore dopo l’annuncio su X, è stato annunciato che era stato concluso un contratto per un altro K9 sudcoreano. Per 152 veicoli provenienti dalla Corea del Sud pagheremo 2,6 miliardi di dollari, ovvero circa 13 miliardi di PLN. Le consegne avranno luogo nel 2025-27 e includeranno inizialmente sei K9 nella variante A1 attualmente prodotta, e dal 2026 il resto nella variante K9PL. In pratica si intende portare la variante A1 allo standard Krabs. Cioè, l’installazione del sistema polacco Obra-3 (rileva l’illuminazione dal raggio laser di guida e spara automaticamente granate fumogene), un sistema automatico di estinzione incendi, un sistema di filtraggio e ventilazione, aria condizionata e il trasferimento del motore ausiliario al scafo. Tutto questo manca ai 212 K9A1 attualmente consegnati, acquistati nel 2022. Tutti ricevono il sistema di comando Polish Topaz.

Quando, più di un anno fa, nel luglio 2022, fu firmato il primo accordo quadro (espressione di volontà e schema di cooperazione) per gli obici da fuoco sudcoreani, esso prevedeva l’intenzione di avviare la produzione del K9PL in Polonia a partire dal 2026, parallelamente alla produzione in Polonia. Corea del Sud. Doveva essere una versione creata congiuntamente dalle industrie polacca e sudcoreana sulla base dell’esperienza della creazione del Krab e della nuova versione sudcoreana del K9A2 (che doveva avere, tra le altre cose, un sistema di caricamento automatico).

 Questo è stato, tra l’altro, il modo per disinnescare la prima esplosione di critiche contro il Ministero della Difesa Nazionale e l’Esercito Polacco per aver acquistato K9 dalla Corea del Sud, invece di fare di tutto per produrre più Krabs in Polonia. L’accordo ora concluso mostra quale fosse la narrativa in quel momento. Non si tratta della produzione del K9 in Polonia. La versione PL risulta essere solo un entry-level sudcoreano A1 potenziato con i sistemi che gli mancano per essere al livello Krab.

Dal punto di vista dell’industria polacca la situazione è doppiamente negativa. Innanzitutto stiamo ancora parlando dell’acquisto di un numero significativo di K9, che sono concorrenti diretti di Krabs. Il Ministero della Difesa Nazionale e l’esercito sostengono che ciò è necessario perché dobbiamo aumentare rapidamente il potenziale delle nostre forze missilistiche e dell’artiglieria, senza riguardo agli interessi dell’industria nazionale. In modo da raggiungere entro pochi anni il potenziale fondamentale per una guerra con la Russia. 

Attualmente HSW è impegnata nella produzione di 54 Krab acquistati dall’Ucraina. La conclusione è prevista per la fine del 2024, ma come sostengono gli interlocutori di Gazeta.pl di PGZ, ciò avverrà molto prima. Successivamente la produzione sarà destinata all’esercito polacco. Ci sono 40 pezzi in sospeso del contratto prebellico e 48 del contratto aggiuntivo del 2022. Secondo AU, ciò dovrebbe esaurire la capacità produttiva di HSW entro il 2027. La stessa PGZ ne ha scritto ad aprile, quando Donald Tusk ha criticato PiS per aver acquistato K9 in Corea del Sud.

– Un inserto politico che già allora aveva poco a che fare con la verità, e molto è cambiato negli ultimi otto mesi. AU sa perfettamente quanti ulteriori Krabs HSW potrebbero consegnare, a partire dal 2026. Ne sono stati informati verbalmente durante le riunioni e per iscritto. La capacità produttiva è stata discussa molte volte. Per ragioni note solo a lei stessa, l’agenzia l’ha ignorata – dice un informatore anonimo a Gazeta.pl. Secondo lui, dall’inizio della guerra nel 2022, la capacità produttiva della HSW è stata notevolmente aumentata. Ciò è il risultato degli investimenti menzionati nella dichiarazione del presidente Szwedo citata all’inizio. Secondo l’industria, l’esercito potrebbe quindi ordinare altri Krab, ma non lo fa.

Allo stesso tempo, è una perdita per l’industria che altri K9 vengano ordinati dalle fabbriche della Corea del Sud e non si parla nemmeno di una coproduzione in Polonia. Proprio a questo scopo, nel febbraio 2023, è stato costituito il consorzio PGZ – ​​Hanwha (produttore sudcoreano del K9). Tuttavia, secondo le informazioni di Tomasz Dmitruk del sito web Dziennik Zbrojny e del mensile “Nowa Technika Wojskowa”, il consorzio non ha ricevuto l’invito da parte dell’AU a negoziare le forniture almeno fino a luglio. Inoltre, la cooperazione tra le aziende polacche e coreane sarebbe difficile a causa degli interessi contrastanti di entrambe le parti. PGZ preferirebbe vendere quanti più Krab possibile piuttosto che partecipare alla produzione del competitivo K9 in Polonia. Tuttavia, non vi è alcuna indicazione che ci sarà anche questa coproduzione, perché non si hanno informazioni ufficiali al riguardo da più di un anno.

L’esercito fa il suo lavoro, i politici dormono

È difficile non notare la discrepanza tra il Ministero della Difesa Nazionale, l’esercito e l’industria. Il pensiero del primo si riflette chiaramente nella già citata intervista al generale Kuptel (video alla fine dell’articolo). I soldati, sulla base delle loro analisi e degli ordini dei politici, si dichiarano disposti ad acquistare quanto più rapidamente e possibile per compensare le perdite derivanti dalla consegna di armi all’Ucraina entro il 2028 e raggiungere una relativa preparazione per un possibile guerra con la Russia. Come ha spiegato il generale, questo era il compito che gli era stato assegnato e di questo era ritenuto responsabile. Che l’arma acquistata sia di produzione nazionale o importata è secondario.

Tuttavia, come nota Dmitruk nel suo articolo sul nuovo acquisto di K9 sul sito web Dziennik Zbrojny, questa straordinaria corsa da parte dei militari è sorprendentemente selettiva. Per qualche motivo si tratta dell’acquisto di armi dalla Corea del Sud, ma non, ad esempio, dei lavori sul veicolo da combattimento della fanteria polacca Borsuk. Le sue ricerche e sperimentazioni sono in corso dal 2020 e potrebbero concludersi entro gennaio 2024. Nel 2023 è stato concluso un accordo quadro per la produzione di mille unità, ma si tratta solo di una manifestazione di volontà non vincolante, che non comprende i soldi per anche la preparazione della produzione in serie. Tuttavia, i nuovi veicoli da combattimento della fanteria sembrano cruciali. Tuttavia, non c’è fretta.

Inoltre, da parte dell’industria c’è il timore che gli attuali ordini di obici da fuoco siano gli ultimi, e le dichiarazioni del Ministero della Difesa Nazionale sulla disponibilità ad acquistarne altri, un migliaio in totale, scrivono sull’acqua con un bastone. Circa 500 K9 e Krab attualmente posseduti e ordinati sono sufficienti per le forze terrestri con quattro divisioni. Acquistarne di più richiederebbe l’effettiva realizzazione della costruzione di altre due divisioni dichiarate da Błaszczak. Tuttavia, per ragioni finanziarie e di personale, questa è un’idea controversa. Non è sicuro se verrà attuato dal nuovo governo. Allora non ci sarà spazio per ulteriori ordini di Krabs o rimarranno dichiarazioni infondate per un lontano futuro.

L’attacco invernale costoso a Cracovia oltre 10 milioni di PLN. “Erano anni che non nevicava così”

Gli interessi dell’esercito e dell’industria sono intrinsecamente contrastanti. I soldati vogliono avere attrezzature buone ed economiche. L’industria vuole fare soldi. Ci sono politici e funzionari che conciliano questi interessi. Dovrebbero creare un tale sistema e controllarlo in modo tale che l’esercito, nell’interesse generale dello Stato, sostenga lo sviluppo di un ramo così importante dell’economia come l’industria delle armi. Occorre tuttavia garantire che non cerchi di ottenere vantaggi finanziari a spese dell’esercito e che fornisca un prodotto di buona qualità a prezzi ragionevoli. È possibile. Basta guardare alla Corea del Sud. 

Lì, già negli anni ’80, lo Stato ordinò lo sviluppo dell’industria nazionale delle armi e la graduale coreanizzazione delle armi precedentemente prevalentemente americane. Il processo è stato lento e non privo di problemi. Per migliorarlo, nel 2006 è stata creata la DAPA, che è qualcosa di simile alla nostra AU, ma con poteri ancora più ampi. L’agenzia coreana definisce i suoi compiti come “migliorare le capacità di difesa del Paese, fornire attrezzature militari e sviluppare l’industria degli armamenti”. In Polonia, l’UA dichiara ufficialmente che l’industria degli armamenti polacca non è di sua competenza.

Oggi la Corea del Sud produce autonomamente la maggior parte delle sue armi e si trova al nono posto nella classifica dei paesi esportatori di armi. Le persone più importanti del paese sono coinvolte nella promozione dell’industria delle armi. In ottobre, alla fiera delle armi ADEX a Seul, l’ospite d’onore che ha aperto l’evento è stato il presidente del paese Yoon Suk-yeol, che ha dichiarato la determinazione del paese a diventare il quarto maggiore esportatore di armi al mondo entro il 2027. Dietro Usa, Cina e Russia. Gli acquisti polacchi giocheranno un ruolo importante in questo.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles