23.6 C
Rome
giovedì, Luglio 18, 2024

Neve, pioggia e fango, e i russi strisciano in avanti. Non solo Avdiivka, ora anche Bakhmut e Kupyansk

Neve, pioggia e fango, e i russi strisciano in avanti. Non solo Avdiivka, ora anche Bakhmut e Kupyansk

Neve, pioggia e fango, e i russi strisciano in avanti.  I russi ottengono piccoli successi sul fronte. Alcuni sono più evidenti (ad esempio vicino a Bachmut). La situazione non è ottimistica. La maggior parte dei combattimenti attuali coinvolge piccoli gruppi di fanteria, occasionalmente supportati da veicoli pesanti. I massicci attacchi meccanizzati russi ad Avdiivka in ottobre sono ormai dimenticati. Insieme a centinaia di veicoli perduti. Invece, la fanteria lotta nel freddo e nel fango, il cui peggior nemico è tradizionalmente l’artiglieria, ma a loro si aggiungono rapidamente sempre più droni FPV.

Lento esaurimento di Avdiivka

I combattimenti più intensi si svolgono invariabilmente intorno ad Avdiivka. Anche se il loro carattere è cambiato. Dopo le pesanti perdite di carri armati e veicoli da combattimento di fanteria in ottobre, i russi stanno utilizzando piccoli gruppi d’assalto di fanteria su scala più ampia. Naturalmente si verificano ancora attacchi meccanizzati, anche se ora principalmente nella parte meridionale dei combattimenti, nell’area dei villaggi di Pervomaiskie, Vodziane e Opytne. Tuttavia gli ucraini tengono duro e dall’ultimo rapporto i russi non hanno fatto alcun progresso. In effetti, persero anche parte del territorio a nord di Wodziany. Utilizzando l’esempio di questo leggero cambiamento nel controllo dell’area, possiamo vedere chiaramente come viene determinato l’andamento del fronte.

In questo caso, ciò è stato ottenuto con l’aiuto di una registrazione pubblicata online il 29 novembre dagli stessi russi, che mostrava un carro armato T-80 che sparava contro posizioni ucraine. Per tutta risposta, viene colpito da qualcosa mentre si ritira, ma a quanto pare non ha subito danni gravi mentre si allontanava. Osservando la disposizione delle strade, i filari degli alberi e le caratteristiche caratteristiche del terreno, è stato subito identificato come i campi tra Pierwomaiskie e Wodziane. Il carro armato ha sparato contro una striscia di alberi che in precedenza era considerata sotto il controllo russo o terra di nessuno. A quanto pare ora ci sono degli ucraini lì, quindi le mappe sono state corrette di conseguenza.

Questo è il modo in cui funziona più spesso. La principale fonte di informazioni sul percorso della linea del fronte sono le registrazioni dei droni. Non sempre si sa quando i fatti sono cambiati. Le registrazioni potrebbero essere caricate con un ritardo e mostrare qualcosa che è cambiato molto prima che venissero scattate.

Purtroppo la situazione descritta è l’unico esempio di uno spostamento del fronte a vantaggio degli ucraini nella zona di Avdiivka. A sud della città, nell’area della cosiddetta zona industriale nei pressi della tangenziale di Donetsk, dopo quasi due anni di tentativi, i russi sono riusciti a sfondare il sistema di fortificazioni ucraino lì costruito dal 2015. I risultati sul campo non sono eccezionali. Circa un chilometro in linea d’aria da metà novembre. Tuttavia sono simbolici perché in questa zona, a sud e sud-est di Avdiivka, gli ucraini si sono difesi con successo dall’inizio della guerra.

A nord della città, i russi stanno facendo piccoli progressi anche nella zona del villaggio di Stepowe. Probabilmente, anche se non tutti gli autori delle mappe sono d’accordo su questo. Il dubbio è se siano riusciti davvero a impadronirsi dell’area tra la massicciata ferroviaria e le rovine, o se l’abbiano semplicemente trasformata in una terra di nessuno respingendo gli ucraini. In ogni caso, si tratta di qualche progresso dopo alcune settimane di stagnazione qui. I russi hanno registrato anche piccoli successi circa un chilometro a nord, dall’altra parte dei binari. Stiamo parlando della classica cattura di un campo e di un boschetto. Pochi chilometri a sud, nell’area della cokeria stessa, situata alla periferia di Avdiivka, non si sono registrati successi russi. Non sono in grado di oltrepassare il recinto della pianta.

La situazione nella regione di Avdiivka.  L'avanzata russa a nord e sud-est della città è contrassegnata in rosso.  A sud-ovest si può vedere l'area che è stata restituita agli ucraini in seguito al video sopra descrittoLa situazione nella regione di Avdiivka. L’avanzata russa a nord e sud-est della città è contrassegnata in rosso. A sud-ovest si vede l’area che in seguito alla registrazione sopra descritta fu nuovamente concessa agli ucraini  . @Pouletvolant3/X

Mappa ad alta risoluzione

In una prospettiva più ampia, ciò significa che non esiste ancora il rischio di un collasso della difesa ucraina, anche se i russi stanno lentamente esaurendo i loro progressi. Subiscono pesanti perdite, poiché vi sono numerose prove sotto forma di registrazioni di campi letteralmente disseminati di corpi. L’entità delle perdite ucraine non è nota. Probabilmente sono più piccoli, ma secondo gli stessi ucraini è difficile.

Piccoli aggiustamenti in entrambe le direzioni

Anche la situazione nella regione di Bakhmut è cambiata nelle ultime due settimane. Nel rapporto precedente avevo segnalato un aumento della pressione russa nell’area delle rovine della città e notevoli progressi. Da allora ce ne sono stati altri. Nell’ala settentrionale della città, dove i russi dominavano gli ucraini dalla fine dell’estate, riuscirono a catturare gran parte del villaggio di Khromowe, che era la porta ucraina alla città durante i combattimenti per Bakhmut. Hanno catturato una serie di punti fortificati. A sud della città, quasi due settimane fa, i russi hanno occupato diverse altre posizioni ucraine e si sono avvicinati leggermente alle rovine di Klishchivka. I combattimenti saranno feroci e comporteranno attacchi e contrattacchi quasi costanti, concentrandosi sui singoli punti di resistenza.

Zona Bachmut.  Le ultime conquiste russe e le principali direzioni di attacco sono chiaramente contrassegnate in rossoZona Bachmut. Le ultime conquiste russe e le principali direzioni di attacco chiaramente contrassegnate in rosso  . @Pouletvolant3/X

Mappa ad alta risoluzione

Notevoli successi russi furono registrati anche molto più a nord, vicino alla città di Kupyansk. Dopo mesi di tentativi infruttuosi, avrebbero dovuto avvicinarsi o addirittura raggiungere la periferia del villaggio di Synkivka. Ciò non crea problemi agli ucraini, ma si registrano alcuni progressi nello spingere la linea del fronte in un’area in cui è rimasta per lo più statica per oltre un anno.

Gli ucraini non sono del tutto statici. In tre posti hanno registrato successi, anche se nelle categorie locali e minori. Uno di questi è molto esotico. Questa è la zona di Horlivka, occupata dal 2014, tra Bakhmut e Avdiivka. Su una distanza di circa 10 chilometri il fronte non si è mosso da quando era ghiacciato nel 2015. Dalla primavera del 2022 regna una relativa pace. Tuttavia, da metà novembre sono apparse registrazioni che indicano che gli ucraini hanno attraversato la linea del cessate il fuoco e sono avanzati per diverse centinaia di metri verso Gorółówka, entrando nel cumulo di rifiuti minerari che sovrasta la zona. Simili piccoli progressi da parte degli ucraini furono registrati a Zaporozhye, nella zona della loro irruzione nelle linee di difesa russe a Robotyne e Verbowe. In ricordo dell’offensiva estiva. Gli ucraini hanno prolungato un po’ l’irruzione, ma sarà di diverse centinaia di metri in linea retta.

Il terzo luogo delle operazioni offensive degli ucraini è il villaggio di Krynki, occupato dai russi, sulla riva del fiume Dnepr. Si suppone che vi operino ancora l’equivalente di diverse compagnie di marines (nella migliore delle ipotesi diverse centinaia di soldati), rifornite da veicoli anfibi e piccoli motoscafi attraverso il fiume. A causa della scarsità delle loro forze nella zona, la maggior parte delle quali sono di ordine inferiore, i russi non sono in grado di eliminare questa testa di ponte ucraina, vulnerabile al contrattacco. D’altro canto, gli ucraini, trovandosi su un terreno così instabile e senza una logistica efficiente al di là del fiume, non possono fare altro che molestare i russi dentro e intorno al villaggio, cercando di attirare la loro attenzione e possibili rinforzi.

Morawiecki ha introdotto il secondo e il terzo stato di allarme. Entreranno in vigore dal 1° dicembre

Ammorbidimento e congelamento del fronte

In generale, le attività di entrambe le parti nella seconda metà di novembre si sono leggermente attenuate a causa del maltempo. C’è stata un’ondata di nevicata e leggero gelo. Poi vennero i disgeli e le piogge che continuano ancora oggi. Non mancano le riprese da entrambi i lati del fronte, che mostrano condizioni difficili sotto forma di terreno molto umido, fango e acqua nelle trincee. I veicoli da combattimento pesanti, ma anche la logistica, resistono peggio in tali condizioni. Resta una guerra a piedi e in aria.

Gli ucraini non nascondono che nei prossimi mesi combatteranno una guerra di posizione e si stanno preparando. Il presidente Volodymyr Zelenskyj ne ha parlato, tra l’altro, durante la sua visita nella zona del fronte l’ultimo giorno di novembre. Dichiarò, tra le altre cose, la sua intenzione di espandere significativamente le fortificazioni campali lungo tutta la linea del fronte. Questa è un’ovvia espressione di accettazione del congelamento effettivo e dell’incapacità dell’esercito ucraino di intraprendere azioni offensive nei prossimi mesi.

Da parte loro, i russi effettueranno movimenti di disturbo lungo i confini nordoccidentali dell’Ucraina, dove il fronte si trova al confine di stato dal 2022. Ancora una volta, analisti e osservatori di guerra sostengono che da ottobre vi sia stata una potenziale concentrazione di truppe di riserva russe. Tuttavia di ciò non esistono prove, a parte resoconti frammentari sui movimenti delle truppe, sul funzionamento dei sistemi di guerra elettronica e sull’aumento dell’attività dei gruppi di sabotaggio e ricognizione. Questa non è la prima ondata di voci secondo cui i russi potrebbero aprire una nuova direzione di combattimento. Finora, non tutti si sono concretizzati.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles