3.2 C
Rome
lunedì, Febbraio 26, 2024

Putinizzazione della politica ungherese: il fanatico del Cremlino Orban bloccherà gli aiuti militari e l’adesione dell’Ucraina all’UE

Putinizzazione della politica ungherese: il fanatico del Cremlino Orban bloccherà gli aiuti militari e l’adesione dell’Ucraina all’UE

Putinizzazione della politica ungherese: Lo scandaloso e filo-russo primo ministro ungherese, Viktor Orban, sta ancora una volta mettendo un bastone tra le ruote dell’Ucraina e della nostra integrazione europea. La Commissione Europea (CE) non ha avuto il tempo, nella sua relazione annuale sull’allargamento, di dare il via libera all’Ucraina e alla Moldavia per avviare i negoziati ufficiali di adesione, e ci aspettiamo la decisione finale al vertice UE del 14 e 15 dicembre, come ha inviato Orbán una lettera al capo del Consiglio europeo, Charles Michel, in cui minaccia di bloccare tutti gli aiuti all’Ucraina e la nostra futura adesione all’UE. 

Contenuto

  1. Vero ricatto: cosa menaccia esattamente di blockcare Orbán
  2. Non solo soldi: chi metterà Orbán al suo posto 
  3. Gli amici di Orban nell’UE: perché non si tratta solo dell’Ucraina 

La lettera di cui parla Politico è apparsa subito dopo la visita di Charles Michel a Kiev nel decimo anniversario di Euromaidan e della Rivoluzione della Dignità, dopo la quale la Russia ha iniziato una guerra contro di noi. E prima ancora, il governo di Orbán ha bloccato le decisioni dell’UE riguardo all’Ucraina per sottrarre miliardi dal bilancio dell’UE. In realtà, anche adesso Budapest sta ricattando Bruxelles per ottenere 13 miliardi di euro. Ma questa lettera di Orban a Charles Michel è già una partita aperta contro l’Ucraina da parte di Putin. 

Cosa vuole veramente Orban? Perché questo dovrebbe essere un grattacapo soprattutto per l’intera UE e non per l’Ucraina? E come l’impossibilità di mettere Orbán al suo posto possa giocare un brutto scherzo a Bruxelles. Leggi il materiale di TSN.ua. 

Vero ricatto: cosa minaccia esattamente di bloccare Orbán

Innanzitutto si tratta di circa 50 miliardi di euro (vogliono prendere parte del denaro proveniente dai beni russi congelati), che l’UE invierà al Fondo ucraino per la ripresa, la ricostruzione e la modernizzazione del nostro Paese per il periodo 2024-2027. 

In secondo luogo, l’ottava tranche di 500 milioni di euro come parte degli aiuti militari all’Ucraina da parte del Fondo europeo per la pace (è stato costituito l’anno scorso per la prima volta nella storia dell’UE in risposta all’aggressione russa su vasta scala, e si estende non solo all’Ucraina, ma risarcisce anche i soldi degli Stati membri dell’UE per le armi fornite all’Ucraina – ndr), che l’Ungheria blocca da diversi mesi. 

In precedenza il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijártó aveva dichiarato che il blocco di questi 500 milioni di euro per le armi destinate all’Ucraina continuerà fino a quando Kiev non escluderà la banca OTP e altre società ungheresi dalla lista internazionale degli sponsor di guerra. E abbiamo fatto delle concessioni: a settembre la NAZK ha temporaneamente escluso da questa lista la Banca ungherese OTP, dove è stata inclusa a maggio per aver continuato a lavorare in Russia. Ma questo non ha soddisfatto la Budapest ufficiale. 

“Non ci sono stati cambiamenti significativi. La posizione dell’Ungheria è chiara: finché l’OTP non sarà esclusa da questa lista, l’Ungheria non parteciperà ad ulteriori finanziamenti per la fornitura di armi da parte dell’UE all’Ucraina”, ha detto il portavoce del Ministero degli Esteri ungherese. Affari, Mate Pátsolaj.

In terzo luogo, 20 miliardi di euro per aiuti militari all’Ucraina nel quadro del Fondo europeo per la pace nei prossimi quattro anni (ovvero 5 miliardi di euro all’anno). Tuttavia, è interessante notare che non solo l’Ungheria, ma anche la Germania si è opposta alla formazione di un simile pacchetto. 

In quarto luogo, Orban minaccia di bloccare non solo la decisione di aprire negoziati ufficiali per l’adesione dell’Ucraina all’UE, che dovrebbe essere adottata al vertice del 14-15 dicembre a Bruxelles, ma l’integrazione europea dell’Ucraina nel suo insieme. 

Nella sua lettera al capo dell’Euroconsiglio, Viktor Orban motiva ciò con il fatto che l’UE dovrebbe, in linea di principio, rivedere la propria politica nei confronti dell’Ucraina, compresi vari programmi di aiuto, perché gli Stati Uniti, alla vigilia, sono immersi in un periodo di turbolenze politiche. delle elezioni presidenziali, potrebbe ridurre gli aiuti all’Ucraina. 

“Il Consiglio europeo dovrebbe tenere una discussione franca e aperta sulla fattibilità degli obiettivi strategici dell’UE in Ucraina. Consideriamo ancora questi obiettivi realisticamente realizzabili? Questa strategia è fattibile senza un forte sostegno da parte degli Stati Uniti? Il Consiglio europeo non è nella posizione di fare decisioni chiave riguardanti le garanzie di sicurezza proposte o il sostegno finanziario aggiuntivo per l’Ucraina, l’ulteriore rafforzamento delle sanzioni (contro la Russia – ndr) o il futuro del processo di allargamento (UE – ndr), se non c’è consenso sulla nostra futura strategia per L’Ucraina sarà ritrovata”, si legge anche nella lettera di Orban. 

“Breve ma conciso.” Gli ucraini hanno vendicato i soldati durante una cerimonia militare

Non solo soldi: chi metterà Orbán al suo posto 

Come possiamo vedere, si tratta di un’aperta manipolazione e di un gioco sugli interessi di Putin, cosa che Orban non sta facendo la prima volta, perché tutte queste condizioni non possono essere soddisfatte. Molti media europei e americani continuano a scrivere, in particolare con riferimento a diplomatici e alti funzionari, che questa potrebbe essere la continuazione della politica di ricatto di Bruxelles da parte di Budapest per “scongelare” le decine di miliardi di euro che l’UE è stato bloccato a causa della limitazione dello stato di diritto, della libertà di parola e dell’indipendenza della magistratura in Ungheria. 

Già nell’ottobre i media avevano riferito che la CE avrebbe potuto “scongelare” circa 13 miliardi di euro da vari fondi strutturali per l’Ungheria in cambio dell’accordo di Orban nel continuare a sostenere l’Ucraina. All’epoca il primo ministro ungherese aveva dichiarato che avrebbe bloccato lo stanziamento di 50 miliardi di euro a favore dell’Ucraina finché la Kiev ufficiale non abrogherà la legge del 2017 che garantisce il funzionamento della lingua ucraina come lingua di Stato, legge che, secondo Orbán, viola in modo significativo i diritti della minoranza nazionale ungherese in Ucraina, impedendo ai bambini di ricevere l’istruzione nelle scuole ucraine in ungherese. 

Si tratta di un argomento piuttosto vecchio che Orbán e il suo partito Fidesz usano non solo contro l’Ucraina, ma anche contro altri paesi, come la Romania, dove vive una numerosa comunità ungherese. E alla vigilia di ogni elezione regolare, Orbán portava costantemente in primo piano la questione della “protezione degli ungheresi all’estero”. Quanto vale lo scandalo del 2018, quando i mass media “diffondono” un video del consolato ungherese a Berehove che rilascia illegalmente passaporti ungheresi sotto giuramento, champagne e l’ordine di non denunciarlo alle autorità ucraine. 

Tuttavia, come possiamo vedere ora, l’elenco delle richieste di Orbán diventa ogni giorno più lungo e non si riferisce più esclusivamente alla “protezione dei diritti della minoranza nazionale ungherese” in Ucraina o in altri paesi. “Fidesz” utilizza da tempo il tema della “cattiva Bruxelles” come nemico esterno dell’Ungheria. E l’altro giorno sono apparsi nel Paese cartelloni pubblicitari con l’appello “Non balliamo secondo la loro melodia”, in cui sono raffigurati la presidente della CE Ursula von der Leyen insieme ad Alex Soros, figlio del finanziere americano ebraico-ungherese origine George Soros, sulla “guerra” contro la quale Orbán ha costruito un intero odio sociale in Ungheria. 

Il portavoce della CE Eric Mamer ha detto che Ursula von der Leyen “non ha battuto ciglio” quando ha visto le foto con questi cartelloni pubblicitari. Tuttavia, questo non è il primo scherzo del genere di Orbán. Nel 2019 c’erano già cartelloni simili in Ungheria con l’allora capo della CE Jean-Claude Juncker e Soros Sr. La Commissione europea ha reagito duramente e il gruppo del Partito popolare europeo al Parlamento europeo ha addirittura minacciato di escludere Fidesz dalle sue fila. Ma in due anni il partito di Orbán se ne è uscito da solo. 

Gli amici di Orban nell’UE: perché non si tratta solo dell’Ucraina 

In precedenza, Reuters, citando rappresentanti anonimi dell’UE, aveva riferito che Bruxelles potrebbe trovare un modo per aggirare il veto dell’Ungheria sulla continuazione degli aiuti finanziari e militari all’Ucraina. Tuttavia, ciò non si applica alla decisione dell’UE di avviare negoziati ufficiali sull’adesione dell’Ucraina all’UE, che dovrebbe essere adottata al vertice del 14-15 dicembre. Gli Stati membri dell’UE semplicemente non sanno come aggirare il veto di Budapest su questo tema. 

“I negoziati per l’adesione non dovrebbero iniziare. Questa è la posizione chiara dell’Ungheria. Vorrei affermare chiaramente che il rifiuto dell’Ungheria di avviare negoziati con l’Ucraina per l’adesione all’UE non è oggetto di un accordo commerciale. Non può essere collegato alla questione dei fondi che l’Ungheria ha diritto a ricevere (stiamo parlando di miliardi congelati dall’Ue, ndr)”, aveva detto Orbán qualche settimana fa. 

Inoltre, Orban ha lanciato un sondaggio nazionale in Ungheria (una sorta di referendum che non ha valore legale), che durerà fino all’inizio di gennaio, e in una delle domande collega direttamente l’ulteriore sostegno finanziario e militare all’Ucraina con la “scongelamento” dei miliardi Ue: “Bruxelles vuole ancora più soldi per sostenere l’Ucraina”. Ebbene, una delle risposte suggerisce: “Non dovremmo pagare di più per sostenere l’Ucraina finché non avremo i soldi che ci sono dovuti”. 

La lettera di Viktor Orbán a Charles Michel non era qualcosa di nuovo o inaspettato. Già in ottobre lo scandaloso primo ministro ungherese aveva dichiarato che la strategia dell’UE nei confronti dell’Ucraina, che non avrebbe vinto la guerra con la Russia, era fallita e che gli Stati membri avrebbero dovuto sviluppare un “piano B”. In realtà, questo concorda molto bene con le ultime dichiarazioni di Putin secondo cui la Russia, a quanto pare, non ha mai rinunciato ai negoziati con l’Ucraina. Tuttavia, tutti capiscono bene: in questo momento il Cremlino ha bisogno di negoziati affinché tutti, compresi l’Ucraina e l’Occidente, riconoscano le “realtà territoriali” di cui Putin ama parlare e accettino il “congelamento” della guerra, quindi che la Russia ha tempo per prepararsi a un’invasione ancora più su larga scala. 

Ma Orban è “scivolato” non solo nei confronti dell’Ucraina. Alla fine di ottobre, ha paragonato l’adesione dell’Ungheria all’UE all’occupazione sovietica, facendo l’annuncio nell’anniversario della repressione sovietica della rivoluzione del 1956. Il capo della diplomazia europea Josep Borrell ha risposto molto bene : “Nessuno obbliga l’Ungheria ad essere membro dell’UE”. 

Ecco perché l’attuale politica antieuropea e francamente filorussa del governo ungherese di Orbán dovrebbe essere soprattutto un grattacapo per gli Stati membri dell’UE. È Bruxelles che deve pensare a come rimettere Orbán al suo posto. Inoltre, ha già nuovi amici. 

Innanzitutto, stiamo parlando del nuovo primo ministro slovacco apertamente filo-russo, Robert Fico. 

In secondo luogo, nelle elezioni parlamentari nei Paesi Bassi, tenutesi mercoledì 22 novembre, il “Partito della Libertà” antieuropeo di estrema destra guidato da Geert Wilders, che non sostiene un ulteriore sostegno militare all’Ucraina, ha vinto con un ampio margine dal suo partito. avversari. E Orban si è già congratulato con Wildors con un post su X (ex Twitter): “Il vento del cambiamento è qui”. 

Ricordiamo che i Paesi Bassi sono uno dei leader della cosiddetta coalizione aeronautica, avendo accettato di trasferire 42 caccia F-16 in Ucraina. Inoltre, è nei Paesi Bassi che si trova la Corte penale internazionale, che a marzo, ricordiamo, ha emesso un mandato di arresto nei confronti di Putin nel caso della deportazione illegale di bambini ucraini. Questo è il motivo per cui l’Ucraina, da parte sua, deve adempiere coscienziosamente ai propri obblighi in materia di riforme, in particolare nel campo della lotta alla corruzione, in modo che i nostri detrattori non possano speculare su questo. 

Del resto, anche se nel vertice del 14-15 dicembre l’UE decidesse di aprire ufficialmente i negoziati di adesione con l’Ucraina, trovando un meccanismo per superare il veto dell’Ungheria (cosa che al momento non sembra possibile), di fatto questi negoziati si apriranno solo in Marzo dopo che l’Ucraina ha implementato un certo elenco di riforme riguardanti NACP, NABU, ecc. 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles