13.5 C
Rome
martedì, Marzo 5, 2024

Avete paura di uno sputo polacco-russo sulla Vistola? State tranquilli, non sarà così

Avete paura di uno sputo polacco-russo sulla Vistola? State tranquilli, non sarà così. Credo che questo sia uno spavento ingiustificato per i lettori.

Avete paura di uno sputo polacco-russo sulla Vistola? La guerra della Russia con la NATO è una conclusione scontata, e il fronte attraverserà metà della Polonia, con realtà simili a quelle conosciute dall’Ucraina: così afferma il maggiore della riserva Michał Fiszer in un’intervista a Grzegorz Sroczyński. Credo che questo sia uno spavento ingiustificato per i lettori. Non dobbiamo temere un’imminente ripetizione dell’Ucraina sulla Vistola e la NATO è una potenza militare.

Prima di tutto vale la pena realizzare una cosa. La Russia non dà un forum all’Ucraina. Combatte come meglio può. Con un paese che non ha quasi nessuna aviazione, nessuna marina e nessuna capacità di attaccare efficacemente obiettivi sul territorio russo. Un Paese che, secondo la stragrande maggioranza degli analisti, non avrebbe alcuna possibilità contro la potenza delle armi russe nel febbraio 2022.

Allora, come sta la Russia? Il suo successo è che è riuscito a congelare il fronte e a mantenere l’occupazione di una buona percentuale del territorio ucraino. Naturalmente, ciò non significa che la Russia possa essere minimizzata o che la guerra finirà bene per gli ucraini. Tuttavia, dobbiamo ricordare che molto probabilmente la Russia resterà invischiata in Ucraina negli anni a venire, e la NATO sarebbe un avversario di livello completamente diverso.

In breve:

  • Le dichiarazioni rilasciate alla televisione russa non rientrano nei piani del Cremlino
  • Gli Stati Uniti non parlano dell’inevitabilità della guerra con la Russia
  • La NATO non è così debole e la Russia non è così forte da rendere inevitabile una guerra devastante in Polonia
  • Non si può sperare che la Russia si ammorbidisca improvvisamente da sola. Putin non si ritirerà da solo dal percorso dell’imperialismo belligerante
  • Dobbiamo prendere sul serio la sicurezza, perché il nostro obiettivo non dovrebbe essere quello di vincere la guerra con la Russia, ma di dissuadere il Cremlino dall’avviarla.

Link all’intervista con il maggiore di riserva Michał Fiszer

La guerra non è certa, gli Usa non ne sono convinti

Dopo tale introduzione si possono dare uno sguardo alle argomentazioni del Magg. Fiszer. La prima è: “neghiamo il fatto che sia iniziata la Terza Guerra Mondiale”. Secondo lui gli americani sono già convinti che la guerra con la Russia sia inevitabile e i russi hanno già preso la decisione. Argomenti per questa tesi? La prima è una dichiarazione del generale russo Andrei Mordvichev alla televisione di stato. Sì, ha detto che “l’Ucraina è solo un palcoscenico”. Tuttavia, questa non è una novità. Secondo la televisione russa, la Russia è in guerra con l’Occidente da oltre un anno. Ci sono letteralmente dichiarazioni sulla Terza Guerra Mondiale in corso e sulla necessità di trattare con la NATO. 

In effetti, puoi guardare regolarmente le discussioni degli esperti sugli attacchi nucleari contro le città occidentali. Lo stesso maggiore Fiszer lo ammette in seguito. Nel luglio di quest’anno, il capo del comitato di difesa della Duma, l’ex generale Andrei Kartapolov, in occasione dell’adozione di modifiche ai regolamenti di mobilitazione, ha dichiarato: “Questi cambiamenti sono stati preparati per le esigenze di una grande guerra e di mobilitazione generale. Il suo odore è già sospeso nell’aria.” Poiché la guerra con l’Ucraina è ufficialmente una “operazione speciale” e non una guerra, non ci sono dubbi su cosa avesse in mente il politico.

Tuttavia, tali dichiarazioni non dovrebbero essere trattate come divulgazione di un piano in corso. Si tratta di dichiarazioni generali di desideri imperiali profondamente nascosti, intese a mobilitare la società russa e intimidire le società dei paesi occidentali. Il regime di Vladimir Putin è già dedito a mantenere i suoi cittadini in un senso di guerra. Non con l’Ucraina insignificante, che è solo una pedina, ma con la demoniaca NATO che vuole dominare la Russia e distruggere la sua eterna grandezza. In quale altro modo spiegare al cittadino medio che vive in povertà che il governo sta facendo la cosa giusta? Il buon zar Putin migliorerebbe sicuramente il loro destino, se solo questa disgustosa NATO non lo costringesse a spendere ingenti somme per la guerra.

“Breve ma conciso.” Gli ucraini hanno vendicato i soldati durante una cerimonia militare

Abbiamo invece quello citato dal Magg. Dichiarazione di Fiszera del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sulle guerre in Israele e Ucraina del 20 ottobre (pronunciata alla Casa Bianca, non a Israele). Non lo cita direttamente, ma secondo lui è di particolare valore per l’enorme potenziale dei servizi diplomatici e di intelligence statunitensi. Biden ha detto, tra le altre cose: “Se non fermiamo la brama di potere e controllo di Putin in Ucraina, non si limiterà all’Ucraina. Ha già minacciato di ‘ricordare’ alla Polonia che le sue terre occidentali sono un dono della Russia”. Ciò può essere interpretato come la convinzione che la Russia abbia già deciso di invadere la Polonia? Secondo me no. Ciò significa che la Russia ha già un piano di guerra con l’Alleanza? Nelle casseforti dello Stato Maggiore certamente sì. È stata già presa la decisione di aprirli? Ne dubito sinceramente. Quando gli americani, alla fine del 2021, furono sicuri che la Russia avrebbe invaso l’Ucraina, lo gridarono forte e chiaro al mondo intero. Non hanno giocato a mezze parole.

Proprio come le dichiarazioni dei russi sulla guerra con la NATO hanno uno scopo specifico, anche la retorica americana ha il suo. Da un lato, scoraggiare la Russia e, dall’altro, garantire l’unità dell’Alleanza e rendere le società consapevoli che i tempi della pace felice sono finiti. Anche prima dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, Biden sottolineava praticamente in ogni discorso che qualsiasi atto di aggressione contro un membro della NATO avrebbe ricevuto una risposta decisiva. Lo fa ancora oggi. Ciò significa che sa già dell’inevitabilità di questa aggressione? NO. È deterrenza. D’altro canto, gli americani parlano altrettanto regolarmente della necessità di fermare Putin in Ucraina, perché altrimenti si sentirà incoraggiato e continuerà a provarci.

 Importanti politici americani lo dicevano già prima dell’invasione dell’Ucraina. Pochi giorni prima, il deputato repubblicano Michael Turner, membro del Congressional Intelligence Committee degli Stati Uniti, aveva dichiarato: “Se i russi invadono l’Ucraina, Putin non si fermerà. Lui stesso ha detto che non lo farà. Ciò significa che i restanti paesi dell’ex Unione Sovietica e del Patto di Varsavia sono in pericolo. Ha indicato principalmente gli Stati baltici. – Se Putin prendesse il controllo dell’Ucraina, potrebbe rivoltarsi contro di loro – ha detto il politico durante un dibattito all’Hudson Institute.

Quale sia il piano finale di Putin non è un segreto. Anche prima dell’invasione, il Cremlino aveva apertamente posto le condizioni per la NATO: ricostruzione del sistema di sicurezza in Europa, ritiro del confine dell’Alleanza verso l’Oder, acquisizione della Russia di una sfera di influenza ufficiale e permanenza della Polonia, nella migliore delle ipotesi, come cuscinetto neutrale. Solo questo non è un presagio del passato. Questa è una giocata di poker alta. Ai tempi in cui si credeva sinceramente che le forze militari russe fossero in grado di spazzare via l’Ucraina in tre giorni.

Tuttavia, il maggiore Fiszer sostiene che “vogliono farlo immediatamente in Ucraina e puntano a questa marcia verso l’Occidente nel 2026 o 2027”. Ciò significherebbe che il Cremlino vorrebbe in qualche modo porre fine alla guerra attuale e prepararsi per la prossima, molto più seria, tra poco più di 2-3 anni. Innanzitutto, come finirebbe con l’Ucraina? Per ora, l’unica vera opzione è congelare il conflitto, magari nel 2024. Non c’è prospettiva di vittoria per nessuna delle due parti. Il congelamento, tuttavia, implica la necessità di lasciare forze significative sulla linea del cessate il fuoco per proteggerla. Se la Russia entrasse in guerra con la NATO e concentrasse su di essa il suo intero esercito, l’Ucraina starebbe tranquillamente da parte ad aspettare? A parte questo, la visione di ricostruire le forze armate russe in 2-3 anni sembra controversa. 

Possiamo ricordare ancora una volta quelli molto stimati dallo stesso Magg. Fisher americani. – Le nostre stime vanno dai 5 ai 10 anni, a seconda dell’efficacia delle sanzioni e della misura in cui saranno in grado di saturare nuovamente i militari con la tecnologia – ha affermato al Congresso a maggio il capo dell’intelligence militare della DIA, il generale Scott Berrier. quest’anno. – L’esercito che i russi hanno creato nei primi due decenni di questo secolo, che avrebbe dovuto essere migliore, più veloce e più piccolo rispetto ai tempi dell’URSS, è in gran parte una cosa del passato – ha descritto. Di seguito è riportata la valutazione di uno dei migliori analisti polacchi che si occupano di esercito russo, Konrad Muzyka. “Almeno un decennio.”

La Russia non soprafface la NATO, qui siamo noi il potere

Un altro argomento del Magg. Fiszer può essere riassunto nel fatto che la Russia è almeno un avversario equivalente per la NATO. Se non più forte. Dice tra l’altro: “Gli americani hanno la metà dell’esercito che ha la Russia. E se vince Trump, non so se manderanno qualcosa qui”. Lasciamo la seconda frase perché è una speculazione. Al contrario, le forze armate statunitensi contano circa 1,3 milioni di uomini in tempo di pace. Le forze armate russe contavano meno di un milione. Ora, secondo i dati ufficiali russi, il numero dei lavoratori a tempo pieno è di 1,15 milioni. Allora da dove viene l’affermazione secondo cui gli americani hanno “metà dell’esercito russo”? 

Dove sono le forze armate degli altri paesi della NATO in tutto questo? Il Magg. Fiszer ne minimizza l’importanza e afferma: “È stato calcolato. Insieme all’America possiamo sopportare più o meno quanto ci offre la Russia”. Forse il punto è che i russi dichiarano un significativo ampliamento delle loro forze armate nei prossimi anni, come descrive brevemente l’ex ufficiale militare. Tuttavia, secondo lo stesso ministro della Difesa Sergei Shoigu, dopo questa espansione, l’intero esercito russo conterà… 1,5 milioni di persone. Se questi piani di espansione bellica verranno attuati, cosa che, come sappiamo, non può essere considerata certa nella realtà russa. D’altro canto la Nato conta già sulla carta 3,3 milioni di soldati. Anche se per qualche ragione (Cina?) la metà di questi entrasse in guerra con la Russia, sarebbero comunque di più. Stiamo parlando di uno scenario molto pessimistico.

In ogni caso, è difficile prendere sul serio il confronto tra il potenziale militare della Russia e della NATO in base al numero di soldati, divisioni o corpi. Soprattutto se su questa base si traggono conclusioni di vasta portata e al lettore viene presentata la visione di un assalto rosso da est. Dov’è la qualità? Dov’è l’aviazione? Ciò che sorprende è la completa omissione di quest’ultimo da parte di un ex pilota militare. Nel frattempo, possiamo parlare dello schiacciante vantaggio dell’aviazione NATO e dei mezzi per condurre attacchi a lungo raggio. Lo stesso vale per le flotte alleate. Due confronti: la NATO ha già in produzione oltre mille aerei da combattimento di quinta generazione. Dozzina di Russia. La NATO dispone di 14 portaerei a pieno titolo. La Russia è in continuo rinnovamento.

 Questi sono paragoni molto semplici, ma potrebbero essere moltiplicati. Per non parlare del livello di addestramento, che nel caso dell’aviazione russa, ad esempio, si è rivelato sorprendentemente basso. Nonostante siano passati quasi due anni, i russi non sono riusciti a conquistare il cielo ucraino, anche se sulla carta avrebbero dovuto farlo in pochi giorni. Il fatto che la Russia avrà formalmente più divisioni della NATO in Europa non significa che avrà un vantaggio nella guerra.

Possiamo citare qui la dichiarazione dell’ex capo di stato maggiore, generale Rajmund Andrzejczak, dal libro “Polish Strength” di Igor Janke:

È importante non considerare le forze armate solo in base alla quantità di equipaggiamenti e al numero di soldati. Le forze armate devono avere la capacità di influenzare la sensibilità del nemico. Sono contrario a tale simmetria secondo cui se i russi hanno un esercito di un milione, noi dobbiamo avere un esercito di mezzo milione, e se loro hanno armi nucleari, dovremmo averle anche noi. Non è così che funziona nella strategia.

Conclusioni errate dalla guerra in Ucraina

Un altro argomento controverso del Magg. Il punto di Fiszera è che la guerra in Ucraina ha mostrato il vantaggio della quantità rispetto alla qualità. Ciò dovrebbe significare che le masse di soldati russi (anche se, come ho mostrato prima, anche i piani ufficiali russi non mostrano queste masse schiaccianti) costituiranno una seria minaccia per le truppe NATO più piccole, anche se meglio armate. Nel frattempo, non è così ovvio. Ad esempio, l’affermazione secondo cui le moderne armi occidentali consegnate all’Ucraina non ha aiutato. Questa è una conclusione sorprendente, per non dire altro. I sistemi missilistici HIMARS e M270, di cui l’Ucraina ne ha ricevuti 61 e fino ad oggi non ne ha perso nemmeno uno, si sono rivelati armi estremamente efficaci che distruggono quasi impunemente la base russa da oltre un anno e hanno avuto un impatto notevole su operazioni che coinvolgono un milione di persone.

 Una combinazione di piccoli missili da crociera, esche e missili anti-radiazioni, provvisoriamente montati su vecchi aerei sovietici, permise agli ucraini di attaccare le più preziose strutture russe in Crimea e limitò le operazioni della flotta del Mar Nero e la difesa antiaerea mitizzata prima. la guerra. Circa un centinaio di carri armati occidentali e mezzo migliaio di veicoli da combattimento di fanteria/veicoli corazzati? Una goccia nell’oceano dei bisogni e ovviamente nessuna arma miracolosa, ma comunque molto apprezzata dagli ucraini per essere molto più efficace delle soluzioni sovietiche. In effetti, l’Ucraina ha ricevuto piccole quantità di moderne armi occidentali, che si sono rivelate molto efficaci.

 E se ne avesse uno in quantità paragonabili a quelle della NATO e impiegasse altrettanto tempo per imparare a usarlo? Oserei dire che la guerra sarebbe già finita. Sembra così, tra le altre cose, perché l’Ucraina ha molte persone armate, ma poche armi di buona qualità che, insieme ad un buon addestramento, consentirebbero operazioni diverse da quelle nello stile della Prima Guerra Mondiale con i droni. In effetti, sono i droni moderni ampiamente disponibili (qualità) a far sì che ogni movimento di un gruppo militare più grande (quantità) vicino al fronte venga immediatamente contrastato e si trasformi in un massacro.

In un’intervista di ottobre per il settimanale “The Economist”, il capo di stato maggiore dell’Ucraina, generale Valery Zaluzhny, ha sottolineato in vari modi che ciò che serve per rompere l’attuale impasse nella guerra è la tecnologia. Qualità. Non un’altra brigata. – Per rompere l’attuale impasse, abbiamo bisogno di qualcosa di nuovo. Qualcosa di simile all’invenzione della polvere da sparo da parte dei cinesi, che ancora oggi usiamo per ucciderci a vicenda, ha detto il comandante in capo dell’esercito ucraino. Ha aggiunto che non deve trattarsi di un’unica grande scoperta, ma piuttosto della capacità di combinare una serie di scoperte più piccole in un sistema che funzioni in modo efficiente sul campo di battaglia. Quindi non più massa, non più quantità, ma più qualità e idea.

La NATO non vuole combattere una guerra come quella che devono combattere gli ucraini a causa delle loro scarse risorse. Non voglio entrare in ciò che ha detto il Maggiore. Fiszera macina persone e attrezzature sul fronte statico sul fiume Vistola. Pertanto, fin dal culmine della Guerra Fredda, si è concentrato, tra le altre cose, sull’aviazione, su sistemi di combattimento completi a lungo raggio e su ricognizione e comando efficienti. Gli ucraini non hanno tali lussi. Devono combattere nello stile della povera URSS, supportati da un numero limitato di soluzioni moderne. Pertanto, trarre conclusioni uno a uno da questa guerra e tradurle in una potenziale guerra della NATO con la Russia è un errore.

Tuttavia, non sarebbe certamente una guerra facile per l’Occidente e con perdite minime alla quale potrebbero abituarsi tutti gli interventi del dopo Guerra Fredda. Pertanto, una conclusione estremamente importante del conflitto in Ucraina non è che la quantità prevalga sulla qualità, ma l’importanza di avere riserve e la capacità di riprodurre le perdite. Dopo la Guerra Fredda, queste capacità furono drasticamente ridotte in tutto il mondo come parte del risparmio militare e dell’attenzione a guerre locali limitate.

 Ora si scopre quanto mancano centinaia di migliaia di persone pre-addestrate, migliaia di carri armati più vecchi e altri veicoli blindati inviati alle acciaierie o linee di produzione chiuse per esplosivi e munizioni. Quanto costa la mancanza di forniture di pezzi di ricambio e di cura per l’alta efficienza delle apparecchiature. Ciò vale anche per la Russia, che, nonostante la sua enorme eredità dall’esercito dell’URSS, ora ha problemi con l’addestramento, la produzione di munizioni (corretta con forniture dall’Iran e dalla Corea del Nord) e l’equipaggiamento corazzato.

Abbiamo tempo che non possiamo sprecare

Per quanto riguarda alcuni degli argomenti del Magg. Fiszera, impossibile non essere d’accordo. Non c’è dubbio che la Russia non si ammorbidirà da sola. Indipendentemente dal fatto che vinca, pareggi o perda in Ucraina. Putin non si ritirerà da solo dal percorso dell’imperialismo militante. Ha trasformato il paese in una fortezza assediata in guerra con l’Occidente perché permette a lui e ai suoi compagni di tenere sotto controllo la società. In Polonia non è necessario che nessuno si renda conto che la Russia rappresenta una minaccia. Il problema sono le società e i politici dei paesi occidentali, dove non è così evidente. Soprattutto quando si tratta degli Stati Uniti, dove Donald Trump, che ha opinioni inquietanti sulla guerra in Ucraina, NATO e Russia, ha la possibilità di vincere le elezioni presidenziali previste per la fine del 2024.

Non c’è dubbio che i tempi di pace felice nella nostra parte del mondo siano finiti e dobbiamo prepararci al peggio. Ciò non significa, tuttavia, che sia già scontato che tra 2-3 anni ci sarà un fronte che attraverserà il centro della Polonia, sul quale continuerà una guerra di logoramento nello stile conosciuto dall’attuale guerra in Ucraina . Tuttavia, non si può escludere che entro la fine di questo decennio la Russia tenterà di provocare una sorta di conflitto con la NATO. Forse rafforzato da quello che considera un esito positivo della guerra in Ucraina e da un maggiore sostegno da parte della più belligerante Cina. 

Probabilmente però non sarà la Polonia il primo obiettivo del Cremlino, bensì i Paesi baltici. Politici e generali dei paesi della NATO ne parlano in gran numero e apertamente. Fortunatamente per noi, gli ucraini pagano con il sangue il forte segnale d’allarme e ci fanno guadagnare tempo. Dipende da noi come usarlo e se rafforzarci abbastanza affinché il Cremlino non oserà andare oltre. Perché l’obiettivo finale della NATO non è fare la guerra alla Russia, ma dissuaderla. Possiamo farlo solo con forza, unità e calma di fronte alle minacce russe. Niente panico.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles