7.1 C
Rome
lunedì, Aprile 15, 2024

I cechi si lamentano degli acquisti di altri cechi in Polonia. “Mi dispiace per loro. Mi vergogno di loro.”

I cechi si lamentano degli acquisti di altri cechi in Polonia. “Mi dispiace per loro. Mi vergogno di loro.”

I cechi fanno regolarmente acquisti da noi. Non si parla più di eccezioni, ma di prassi comune. Abbiamo chiesto ai cechi cosa li irrita di più quando fanno la spesa. Senza dubbio hanno indicato i propri connazionali. – Mi dispiace per i polacchi. Mi vergogno dei cechi – ci dice una delle donne ceche.

Un ceco su cinque fa la spesa in Polonia – si legge sulla prima pagina del quotidiano ceco ” Mladá Fronta Dnes “. Il giornale si riferisce allo studio condotto dal portale AkčníCeny.cz. Da questo risulta che il 21 % dei cechi si reca in Polonia per fare acquisti, e addirittura il 10%. lo fa ogni settimana. Innanzitutto questo è il risultato dei prezzi più bassi. 68 per cento gli intervistati ammettono che questo è il motivo principale di questi giri di shopping . Dal confronto riportato nel giornale emerge che un paniere di determinati prodotti alimentari di base acquistati in Polonia costa quasi il 30% in meno che nella Repubblica ceca . 

I cechi adorano fare shopping in Polonia

Fare shopping in Polonia è un fenomeno comune per i cechi. Si scambiano regolarmente esperienze e consigli su dove risparmiare di più in Polonia. Servono a questo scopo, tra gli altri: Gruppi Facebook . Uno di questi, POLSKO – nákupy, consigli a doporučení (ovvero: POLONIA – acquisti, consigli e raccomandazioni), riunisce oltre 200.000 persone. Lì uno degli utenti ha recentemente chiesto in modo perverso: “cosa dà più fastidio ai cechi quando fanno shopping in Polonia?”. La risposta “altri cechi” ha dominato la discussione. Allora abbiamo chiesto ai cechi che fanno acquisti da noi se davvero i loro connazionali danno loro più fastidio. 

“Mi dispiace per i polacchi e mi vergogno per la nostra nazione”

– Mi piace fare shopping in Polonia, ma quello che fanno i cechi lì è terribile. Mi dispiace per i polacchi e mi vergogno della nostra nazione. Spero che col tempo la situazione cambierà e che la nostra gente sarà amichevole e gentile come i polacchi , dice Pavla in un’intervista a next.gazeta.pl. – Ammiro le commesse polacche. Se fossi in loro, manderei educatamente i cechi dove vanno in letargo i gamberi – aggiunge Marek, che ci dice che fa regolarmente la spesa dalla parte polacca del confine .

– Compro solo le cose di cui ho attualmente bisogno per due settimane. Qui è circa il 25-30%. più economico. Quello che mi dà davvero fastidio sono le orde di cechi che fanno acquisti fino a scoppiare i cestini, dice Marek. Pavel vede un problema simile con i cechi. – I cechi acquistano grandi quantità di cibo o carburante e poi, ad esempio, un polacco va a fare la spesa e non riesce a procurarsi nulla perché lo compreranno i cechi. Vado spesso a fare la spesa e vorrei, ad esempio, solo un chilo di petti di pollo , e poi non ci sono più, perché il ceco davanti a noi ha il carrello pieno – racconta le sue avventure di shopping in Polonia. Tomas, che fa la spesa più volte alla settimana dalla parte polacca del confine, dice che quando i cechi vanno a fare la spesa, all’improvviso “hanno bisogno di tutto, preferibilmente cinque volte”. 

Il signor Witold di Varsavia ha creduto all’annuncio su Facebook. Ha perso 75.000 PLN con l’acquisto di azioni Orlen. zloty

“Si comportano in modo arrogante”

Oltre ad acquistare quantità eccessive di cibo, ai cechi non piace il modo in cui i loro connazionali si comportano nei negozi. – Quando vedo i cechi fare shopping, si comportano malissimo. Buttano via la merce quando cercano qualcosa e la lasciano lì. Sono ceca, ma non mi piace il modo in cui si comportano i miei connazionali, ci dice Pavla. Anche Tomas richiama l’attenzione su questo caos, lamentandosi dei carrelli della spesa che, secondo lui, i cechi lasciano nel parcheggio. – Si comportano con arroganza, come se fossero i proprietari del negozio – aggiunge. Tutti i nostri interlocutori lamentano che i cechi entrano nei negozi “come se fossero i propri”. Non si dice ” buongiorno “, “grazie”, ecc. 

I cechi con cui parliamo non si lamentano dei polacchi, anche se ammettono che possiamo essere accusati di peccati simili, ma secondo loro ce ne sono meno. Tomas, però, si lamenta che ogni volta che viene in Polonia, la strada stessa gli causa il massimo disagio. Si lamenta di “guidatori aggressivi”. Tuttavia, alla domanda sui problemi con i polacchi , Pavla risponde subito che “non c’è nulla di cui accusarci”. 

Il turismo dello shopping sta finendo?

Negli ultimi tempi il turismo degli acquisti dalla Repubblica Ceca alla Polonia si è intensificato perché le differenze di prezzo diventano sempre più significative. L’economista Petr Dufek ha spiegato in un’intervista a “Mladá Fronta Dnes” che ciò è dovuto principalmente all’aliquota IVA pari a zero . Con l’aumento del tasso di cambio dello zloty rispetto alla corona e probabilmente con la reintroduzione dell’IVA sui prodotti alimentari a partire dal prossimo anno, le differenze di prezzo si ridurranno, motivo per cui probabilmente diminuirà l’interesse dei cechi per lo shopping in Polonia. “Solo i prezzi dei prodotti selezionati rimarranno più vantaggiosi”, scrive il quotidiano ceco citando come esempio le sigarette. Allo stesso tempo, si è notato che i cechi si recavano in Polonia per fare acquisti più economici anche prima dell’introduzione dell’IVA zero, quindi si può presumere che il turismo degli acquisti non scomparirà del tutto.  

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles