0.5 C
Rome
martedì, Aprile 16, 2024

Il signor Witold di Varsavia ha creduto all’annuncio su Facebook. Ha perso 75.000 PLN con l’acquisto di azioni Orlen. zloty

Il signor Witold di Varsavia ha creduto all’annuncio su Facebook. Ha perso 75.000 PLN con l’acquisto di azioni Orlen. zloty

Non tutti si allarmano quando un perfetto sconosciuto offre un accordo redditizio online. Secondo la procura, il gruppo criminale polacco-ucraino reclutava tramite Facebook persone che venivano incoraggiate a investire nel mercato delle criptovalute. Alle vittime che volevano guadagnare denaro extra sono state rubate le password e l’accesso al conto, che sono stati poi ripuliti, lasciando molte di loro indebitate. Gli imputati nel caso includevano: La violoncellista 21enne Flavia M. e suo marito. Entrambi affermano di essere le vittime.

Nel febbraio di quest’anno la signora Barbara (nome cambiato) stava navigando su Facebook e si è interessata ad un annuncio di lavoro apparso sul sito. Era un video in ucraino, con sottotitoli in polacco. “Vuoi saperne di più? Lascia i tuoi recapiti e ti richiameremo!” – lo lesse e inviò immediatamente il messaggio. Dopo qualche giorno squillò il telefono. Il prefisso indicava una chiamata dalla Gran Bretagna, ma l’interlocutore si è presentato come “Ewa Woźniak”, in rappresentanza di PixPal (oggi già sulla lista di avviso dell’Autorità polacca di vigilanza finanziaria). Una donna dalla bella voce e dall’accento orientale ha incoraggiato la parte lesa a indossare il cosiddetto portafoglio di investimenti sul sito web Trader’s Room. La signora Basia era titubante, aveva paura di non riuscire a imparare a investire nel mercato azionario online, ma il suo mentore ha chiamato più volte, offrendole un bonus iniziale di 50 dollari e promettendo un supporto costante.

Alla fine “Ewa” ha smesso di persuadere. “Artur Kowalski” ci ha contattato con una grande notizia. Ebbene, i 50 dollari che la vittima ha ricevuto per la sua prima bravata in borsa sono stati automaticamente investiti in bitcoin. La signora Basia sapeva poco di criptovalute, ma sapeva che erano preziose. All’improvviso ha sentito che i 50 dollari erano stati investiti così bene che presto si moltiplicarono fino a raggiungere i 16.000 euro . – Vuoi ritirarlo o continuare a investire? – ha chiesto “Artur”, introducendo la tensione come il conduttore di “Millionaires”. –

Sarebbe un peccato perdere tali fondi – ha sottolineato. La parte lesa è rimasta sorpresa e ha voluto pagare tale importo. Le è stato detto che doveva configurare due applicazioni: Binance, ovvero l’accesso allo scambio di criptovalute, e AnyDesk, ovvero il cosiddetto desktop remoto, che consente di controllare il dispositivo associato tramite Internet. AnyDesk avrebbe dovuto aiutare “Artur” a guidare la signora Basia attraverso il mercato azionario sconosciuto, ma in realtà era un mezzo con cui i criminali potevano ottenere tutti i dati e le password della donna e poi impossessarsi dei suoi conti bancari.

Schema di funzionamento dei truffatori di criptovalutaSchema di funzionamento dei truffatori di criptovaluta  Foto. Gazeta.pl

Gli autori del reato hanno chiesto un prestito di 63.000 PLN a spese della signora Barbara. zloty. In un’altra banca per 89.000 PLN. zloty

“Kowalski” ha convinto la signora Basia che doveva chiedere un prestito per prelevare criptovalute. Dichiarava che il prestito sarebbe scomparso e non avrebbe dovuto essere restituito, doveva essere solo una forma di verifica del nuovo utente. La persona lesa ha dettato all’interlocutore i codici che la banca le ha inviato via sms per confermare la transazione. L’autore o gli autori del reato hanno chiesto a spese della signora Barbara un prestito di 63.000 PLN al Credit Agricole, altri 89.000, 79.000 PLN e infine 5,7 mila PLN alla Santander Bank Polska, per un totale di oltre 237.000 PLN. Il denaro dei prestiti è stato trasferito su altri 8 conti all’insaputa della vittima.

 La Procura elenca tra i destinatari: Flavia M. e il marito Andrei M. e diverse persone identificate dagli inquirenti. Da loro il denaro è andato oltre. Si è tentato di trasferire parte dell’importo su un conto aperto a nome della signora Barbara presso una banca maltese. Quando la donna si rese conto che al posto dei soldi aveva enormi debiti, si rivolse alla procura. È così che è iniziata l’indagine, supervisionata dalla Procura regionale di Varsavia.

Gli investigatori hanno analizzato i casi segnalati in un periodo simile del 2023 in altre unità del Paese. Si cercavano i nomi di Flavia M. e del marito Andrey, recidivi in ​​delitti simili, nonché di diverse altre persone risultate nel primo procedimento come destinatari di bonifici. Così si è unito alla persona lesa di Varsavia anche il romano di Grudziądz. All’inizio di marzo “Marek Kowal” lo ha chiamato e lo ha informato che la persona lesa aveva accettato online la normativa riguardante le criptovalute, che all’epoca avrebbero dovuto generare un profitto di 0,26 bitcoin.

 A quel tempo erano circa 5.000 dollari USA. Per ritirare la sua ricchezza virtuale, Roman avrebbe dovuto, proprio come la ferita Barbara, installare le applicazioni Binance e Anydesk. Successivamente, ha dovuto solo effettuare trasferimenti dal suo conto bancario per autenticarsi sullo scambio di criptovalute. Nel giro di due giorni Roman perse 33.000 PLN, di cui 25.000 PLN da prestiti. La banca ha chiamato la vittima, le ha chiesto se andava tutto bene e lei, secondo le istruzioni impartitegli dai truffatori, ha assicurato che la situazione era sotto controllo e che stava effettuando bonifici e transazioni da solo. 

Witold ha perso 75.000 PLN. Il denaro è stato trasferito sul conto di Andriy M..

Nell’estate del 2022, il signor Witold di Varsavia ha visto un annuncio su Facebook relativo all’acquisto di azioni Orlen . Un presunto analista di borsa lo ha chiamato e si è offerto di pagare 9.000 PLN e poi altri importi. Su richiesta del truffatore, ha aperto un nuovo conto bancario e ha installato l’applicazione AnyDesk. La parte lesa non sapeva nemmeno quando e quali somme aveva perso. Lo ha scoperto solo quando la banca ha bloccato il suo conto perché sospettato di riciclaggio di denaro. Witold ha perso 75.000 PLN. Il denaro è stato trasferito sul conto di Andriy M.

Anche il denaro della signora Kamila è stato trasferito sul suo conto. Alla donna è stata presentata telefonicamente un’offerta per investire nel mercato delle criptovalute. Dopo aver effettuato l’accesso alla Borsa dopo aver installato il programma AnyDesk, ha visto solo il cursore sullo schermo muoversi automaticamente e ha cliccato sul sito web della banca per ordinare un bonifico di 6.400 PLN. 

Un uomo di Varsavia ha trasferito 13.000 PLN sul conto indicato (di proprietà di Flavia M.), credendo di investire in criptovaluta in borsa. Il signor Gabriel di Tarnobrzeg voleva iniziare a giocare in borsa e ha risposto ad un annuncio su Internet. “Laura Lis” da MyTradingTools. Nel febbraio 2023 la persona lesa ha “investito” 1.300 PLN effettuando un bonifico e poi acquistando dollari sull’exchange Binance. Quando ha voluto recedere, ha ricevuto prima una “ricompensa” di 150 euro, e poi minacce di sanzioni pecuniarie. In totale, ha perso 29.000 PLN trasferendoli sui conti dei truffatori.

Ad aprile, la procura aveva prove che le consentivano di presentare accuse di partecipazione a un gruppo criminale che riciclava denaro proveniente da crimini, che avrebbe dovuto essere la loro “fonte permanente di reddito”. Sono stati emessi ordini di detenzione. Flavia M. e suo marito sono stati detenuti in un appartamento in affitto a Danzica , sull’Isola dei Granai. La donna in quel momento era al terzo trimestre di gravidanza.

Pioggia, neve e freddo: i meteorologi prevedono un peggioramento del tempo in Ucraina

Innanzitutto, erano accusati di partecipazione ad un gruppo criminale organizzato, perché – come sostiene il Pubblico Ministero – si organizzavano letteralmente per commettere delitti insieme, e questo gruppo aveva una struttura specifica in cui Flavia e suo marito erano i “principali riciclatori”. ” di denaro, anche se non è escluso che il loro ruolo fosse molto maggiore.

Flavia M. non si è dichiarata colpevole delle accuse, ma ha confermato che Binance opera sull’exchange ed è disposta a investire. Ha confermato di aver riconosciuto alcune delle vittime della transazione, ma di non aver rubato i loro soldi né di averli riciclati, ha effettuato solo trasferimenti perché ha continuato a investire in criptovaluta. L’accusato ha spiegato al pubblico ministero che, ad esempio, la signora Basia di Varsavia deve essere stata ingannata da una società di investimenti di sinistra che le ha estorto login e password promettendole un rapido profitto. Flavia ha assicurato che non avrebbe preso parte all’operazione se avesse saputo che qualcuno veniva truffato.

Andriy M. ha fornito spiegazioni simili nel contenuto a quelle di sua moglie. Ha ammesso che si guadagna da vivere con il trading di criptovalute. – Non scelgo i miei clienti, sono loro che mi trovano in Borsa. Non ho truffato nessuno, nemmeno per un soldo, ha sottolineato. Ha investito immediatamente il denaro derivante dalle transazioni in criptovaluta perché aveva paura di essere truffato o che la banca bloccasse il suo conto e perdesse l’accesso ai fondi.

– I miei clienti operavano sull’exchange Binance, che è legale e i suoi utenti sono soggetti a verifiche molto approfondite. Flavia e Andriy avevano conti a proprio nome, effettuavano transazioni con il proprio nome e scambiavano criptovaluta con utenti verificati. Tutti questi dati sono pubblici, nessuno ha nascosto nulla – ha sottolineato in un’intervista a Gazeta.pl l’avvocato Paweł Osiński, che difende il matrimonio di M. – I miei clienti sono feriti quanto le persone descritte come tali dalla procura – ha aggiunto l’avvocato.

La Procura proroga l’arresto. Paura di tradire 

Flavia e Andriy sono stati temporaneamente arrestati ad aprile su richiesta della procura. A causa della sua gravidanza avanzata, la donna è stata rinchiusa nel centro di detenzione femminile a Grudziądz. Successivamente, sui media sono apparse informazioni secondo cui il sospettato era detenuto in condizioni terribili, non aveva ricevuto cure mediche adeguate, era minacciato e sovraccaricato, il che ha portato a complicazioni durante il parto. A causa della data imminente del parto, è stata rilasciata alla fine di maggio e le è stato vietato di lasciare il Paese e posta sotto sorveglianza. Suo marito è ancora in custodia.

– L’ufficio del pubblico ministero prolunga la detenzione del mio cliente, adducendo il timore di interferire con le indagini. Ecco perché da sei mesi non ha contatti con la sua famiglia e non vede il suo bambino appena nato. Nei casi che coinvolgono crimini finanziari dovrebbe essere applicata la cauzione, ma la procura e i tribunali preferiscono privare le persone della libertà con leggerezza e con indifferenza nei casi in cui non ce n’è bisogno, perché tutto è documentato. Con Flavia è stato lo stesso. La detenzione di una donna incinta dovrebbe essere utilizzata solo per i reati più gravi, sottolinea l’avvocato della coppia M.

C’è un atto d’accusa contro Flavia e suo marito 

Mercoledì la Procura regionale di Varsavia ha presentato un atto d’accusa al Tribunale distrettuale di Varsavia contro Flavia, suo marito e un compagno, ma, come ho sentito in procura, “c’è ancora tutto un guardaroba di materiali da analizzare e casi che sono stati allegati.” Nella motivazione, il pubblico ministero sottolinea che non esiste alcuna possibilità che tra i 150 milioni di utenti attivi dell’exchange Binance, le stesse persone siano risultate destinatarie di trasferimenti in diversi reati simili. La difesa è di diverso parere.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles