22 C
Rome
domenica, Giugno 23, 2024

I cinghiali hanno attaccato i sabotatori russi in Ucraina. Ci sono vittime

I cinghiali hanno attaccato i sabotatori russi in Ucraina. Ci sono vittime. Tuttavia, i sabotatori non sono andati molto lontano, perché in una foresta ucraina hanno incontrato un branco di cinghiali. 

I sabotatori russi sono riusciti a passare dalla Bielorussia all’Ucraina nel territorio della zona di esclusione di Chernobyl. Tuttavia, i sabotatori non sono andati molto lontano, perché in una foresta ucraina hanno incontrato un branco di cinghiali. I cinghiali attaccarono i russi, provocando vittime. Il piano di sabotaggio doveva essere cambiato. I canali Telegram russi riferiscono che uno dei gruppi di sabotaggio entrati in Ucraina dalla Bielorussia non è riuscito a completare i compiti loro assegnati. Il motivo sono i cinghiali che hanno attaccato i sabotatori nella foresta ucraina. 

I cinghiali hanno attaccato i russi in Ucraina. Ci sono vittime

I sabotatori russi sono entrati nella zona di esclusione intorno a Chernobyl dalla Bielorussia. In qualche modo sono riusciti a bypassare i checkpoint e i punti di osservazione ucraini. Tuttavia non riuscirono ad andare lontano, perché lungo la strada nel bosco incontrarono un branco di cinghiali. Lo scrive il canale russo Telegram ” Tabacchiera del Cremlino “. Secondo l’emittente i russi non potevano difendersi dai cinghiali perché il rumore degli spari nella foresta avrebbe potuto tradire la loro presenza. Dopo l’incontro con i cinghiali, ci sono vittime tra i sabotatori russi. 

A Vinnytsia, i poliziotti hanno aiutato un militare a confessare il suo amore (video toccante)

“Non è stato possibile sparare agli animali perché il rumore degli spari avrebbe potuto rivelare la presenza di sabotatori. I cinghiali sono riusciti a raggiungere uno dei soldati russi. Dopo essersi scontrati con uno dei cinghiali, il soldato è caduto e ha battuto la testa contro una pietra ed è morto sul colpo”, riferisce il canale Telegram. Secondo le informazioni fornite dal canale russo, il corpo del defunto russo non è stato evacuato. È anche noto che il gruppo di sabotaggio, probabilmente al servizio del Cremlino, ha dovuto modificare il piano dell’operazione.

Siamo riusciti a scoprire che inizialmente il gruppo di sabotaggio aveva pianificato il sabotaggio nella zona intorno a Chernobyl. Non è ancora chiaro se ciò sia legato al funzionamento della centrale nucleare di Chernobyl, chiusa oltre 20 anni fa

– trasmesso dal canale “Tabacchiera del Cremlino”.

I sabotatori russi non abbandonano i tentativi di infiltrarsi in Ucraina 

La settimana scorsa, il comandante delle Forze Armate Unite dell’Ucraina, generale Serhiy Nayev , ha affermato che i sabotatori russi rimangono attivi vicino al confine settentrionale dell’Ucraina. Questi sono soldati professionisti, quindi i soldati e gli ufficiali ucraini devono essere sempre pronti, dice Nayev. 

Lo scopo dei gruppi di sabotaggio è la ricognizione delle posizioni ucraine e il danneggiamento delle strutture militari e persino civili. 9-10 volte al mese gruppi ostili tentano di entrare nel territorio di confine delle regioni di Chernihiv e Sumy con la Russia

– ha detto Serhiy Nayev.

A ottobre, un gruppo di otto persone ha tentato di entrare in Ucraina al confine dell’oblast di Sumy e di raggiungere una delle principali infrastrutture civili. Questi tentativi sono stati respinti dall’esercito ucraino, riferisce la televisione TSN . “Dopo aver subito perdite in combattimento, il gruppo di sabotaggio se ne è andato. Non ci sono state vittime tra i soldati ucraini”, ha detto Serhiy Nayev.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles