25.6 C
Rome
domenica, Giugno 23, 2024

Dov’è la fine: cosa dicono delle condizioni della guerra in Ucraina e in Occidente e se si può credere a queste previsioni

Dov’è la fine: cosa dicono delle condizioni della guerra in Ucraina e in Occidente e se si può credere a queste previsioni

Dov’è la fine: Quanto durerà la guerra con la Russia, cosa si dice al riguardo in Ucraina e nel mondo – leggi su TSN.ua. Il fatto che la guerra non finirà prima della fine del 2023 è diventato evidente, probabilmente, a tutti gli ucraini. I politici europei e gli esperti militari hanno cominciato a esprimere nuove ipotesi: un’altra controffensiva delle Forze Armate e la fine della guerra nel 2024, o addirittura nel 2025 o 2026.Quanto durerà la guerra con la Russia, cosa si dice al riguardo in Ucraina e nel mondo – leggi su TSN.ua.

Contenuto

  1. Quello che dicono nell’ufficio del presidente
  2. Le previsioni di Budanov
  3. Cosa dicono in Occidente
  4. Altri 5 anni?
  5. L’importanza dell’uscita verso Azov
  6. Altre opinioni di esperti
  7. Quello che dicono nello stesso stato aggressore
  8. Perché non dovresti prevedere la durata della guerra in Ucraina

Quello che dicono nell’ufficio del presidente

In un’intervista con Natalia Moseychuk sul suo canale YouTube “Moseychuk +”, il capo dell’ufficio del presidente Andriy Yermak ha accennato a quando finirà la guerra. Non ha indicato la data esatta, però ha detto che il 70% dell’Ucraina l’ha già superata . Ma la distanza rimanente sarà la più difficile.

Andriy Yermak / ©
Andriy Yermak

Durante la sua visita negli Stati Uniti, Yermak ha espresso la fiducia che il 2024 dovrebbe rappresentare un punto di svolta . Il consigliere di Yermak, Mykhailo Podolyak, credeva che la guerra della Russia contro l’Ucraina sarebbe finita prima del 2024. Ora, però, il consigliere del capo dell’OP ha cambiato idea. Secondo lui la guerra in Ucraina è attualmente a un punto di non ritorno .

“La guerra è a un punto di non ritorno. Pertanto, per il 2024 e la fine del 2023, abbiamo una comprensione assolutamente chiara di ciò che è necessario”, ha detto Podolyak, affermando addirittura che la guerra continuerà anche l’anno prossimo. Lui ha sottolineato che la Federazione Russa cerca di indurre l’Ucraina a negoziare per prendersi una pausa operativa, raccogliere le forze e attaccare nuovamente il nostro Paese.

Mykhailo Podolyak / © Getty Images
Mykhailo Podolyak / Foto: Getty Images

Le previsioni di Budanov

Il capo della GUR Kyrylo Budanov è una delle poche personalità ucraine che ha apertamente avvertito di un’invasione su vasta scala della Federazione Russa entro il 24 febbraio. Tuttavia, alcune delle sue previsioni non si sono avverate. Ad esempio, nel settembre 2022 Budanov aveva previsto che le truppe ucraine sarebbero potute entrare in Crimea entro la fine della primavera del 2023. Nell’estate del 2023, il GUR ha spiegato cosa era andato storto. In ottobre Kyrylo Budanov aveva affermato che la guerra non finirà nel 2023. Secondo le sue stime, la Russia è in grado di fare una guerra al massimo fino al 2026.

L’altro giorno, il capo della GUR del Ministero della Difesa dell’Ucraina ha nuovamente rilasciato un’intervista in cui ha avvertito: la guerra potrebbe continuare per molto tempo . Una delle opzioni è che la Russia continui a bombardare caoticamente il territorio dell’Ucraina, ma senza condurre ostilità potenti.

Kyrylo Budanov / Schermata dal video / ©
Kyrylo Budanov / Schermata dal video

Cosa dicono in Occidente. Dichiarazioni inaspettate dei tedeschi

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha ammesso che al momento non ci sono segnali che la Russia possa fermare la guerra contro l’Ucraina e ritirare le sue truppe.

“Dobbiamo essere preparati al fatto che la guerra può durare molto a lungo”, ha detto in una conferenza della Bundeswehr a Berlino. In un recente articolo sul quotidiano Tagesspiel, il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha chiesto “cambiamenti fondamentali” nell’esercito tedesco. A suo avviso, sullo sfondo dell’escalation degli eventi in Medio Oriente e della guerra russo-ucraina in Europa, potrebbe iniziare la terza guerra mondiale.

Posizione della NATO

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che l’Ucraina deciderà da sola la fattibilità dei colloqui di pace con la Russia. Secondo lui, attualmente i paesi dell’Alleanza non vedono il desiderio di negoziare con il dittatore russo Vladimir Putin una soluzione accettabile per l’Ucraina. Secondo il Segretario generale, l’unico modo per porre fine alla guerra con la Russia è rafforzare le capacità militari dell’Ucraina.

Jens Stoltenberg / © Associated Press
Jens Stoltenberg / Foto: Associated Press

Altri 5 anni?

L’Economist ha pubblicato un articolo secondo cui la guerra della Russia contro l’Ucraina potrebbe protrarsi per altri cinque anni . Si presume che i funzionari occidentali ne parlino. L’ufficiale di riserva dell’esercito britannico Omar Ashour non ha specificato i termini, ma ha avvertito: la guerra con la Russia sarà davvero di lunga durata.

L’importanza dell’uscita verso Azov

All’inizio di ottobre, l’esperto militare israeliano David Handelman ha affermato che se le forze armate non andassero nel Mar d’Azov durante questa controffensiva, l’ Ucraina potrebbe affrontare una lunga guerra di logoramento. Tuttavia, a giudicare dallo svolgimento dei combattimenti in direzione di Zaporozhye, l’esercito ucraino, nella migliore delle ipotesi, prenderà Tokmak entro il nuovo anno. Anche Yevhen Dyky, ex comandante della compagnia del battaglione “Aidar”, ha ammesso che se non andiamo nel Mar d’Azov, il nostro problema potrebbe essere un cambiamento di atteggiamento tra gli alleati.

Altre opinioni di esperti

L’analista militare americano Michael Kofman della Fondazione Carnegie ha dichiarato che i paesi occidentali sono giunti alla conclusione che la guerra della Federazione Russa contro l’Ucraina sarà lunga e non sarà possibile finirla con una sola controffensiva. Il volontario ucraino ed ex ospite Serhiy Prytula ha affermato che la sua fondazione è orientata al fatto che la guerra non finirà nel 2024. “Non voglio assumermi la responsabilità aggiuntiva di occupare un posto non necessario. Tuttavia, il lavoro del nostro fondo è pianificato con l’orientamento che la guerra non finirà l’anno prossimo”, ha detto Prytula.

Volontario Serhii Prytula / Screenshot / ©
Volontario Serhii Prytula / Screenshot

L’esperto militare Serhii Grabsky ritiene che la guerra potrà durare fino al 2025 e anche di più. “Anche all’inizio di questa aggressione, nel marzo 2022, avevo già detto che questa guerra, nella migliore delle ipotesi, non sarebbe potuta finire prima della fine del 2024. Oggi è molto difficile fare previsioni”, ha osservato l’esperto.

Quello che dicono nello stesso stato aggressore

A settembre, il capo del Ministero della Difesa della Federazione Russa Serhiy Shoigu ha dichiarato che il paese aggressore avrebbe combattuto contro l’Ucraina fino al 2025. “Continuiamo ad aumentare la potenza di combattimento, in particolare fornendo armi moderne e migliorando l’addestramento delle truppe, tenendo conto dell’esperienza dell'”operazione militare speciale”. L’attuazione coerente delle misure del piano di attività fino al 2025 renderà possibile possibile raggiungere gli obiettivi prefissati”, Shoigu ha espresso la sua convinzione.

Tuttavia, il mese successivo, durante una visita a Pechino, Shoigu ha affermato che il suo paese è pronto per i negoziati sulla “soluzione postbellica della crisi in Ucraina”. Lo stesso dittatore Putin ha assicurato che Mosca sarebbe “aperta al dialogo” se l’Ucraina tenesse conto delle “nuove realtà”. In questo modo il dittatore ha lasciato intendere che gli ucraini devono fare i conti con la perdita dei territori occupati. Quindi TSN.ua ha esaminato il motivo per cui il Cremlino ha parlato di negoziati e cosa vuole veramente la Federazione Russa.

Perché non dovresti prevedere la durata della guerra in Ucraina

Oleksandr Musienko, capo del Centro per la ricerca militare e giuridica , in un articolo sul sito ” Facts ” ha spiegato perché non vale la pena prevedere la durata della guerra in Ucraina. A suo avviso, tutte le ipotesi, soprattutto nei media occidentali, sono soggettive. “Quando vedo tali rapporti sui media occidentali, sorge immediatamente la domanda: su cosa si basano tali affermazioni?

La risposta, in effetti, può essere solo una: quanto l’Occidente è pronto a sostenerci, fornirci e aiutarci in resistere all’aggressione russa”, dice Musienko. Ha citato analogie storiche, come la prima guerra mondiale, quando i tedeschi, dopo aver firmato una pace separata con la Russia, speravano di sopravvivere, ma fallirono. L’esperto sottolinea: il nemico non può essere sottovalutato, ma nemmeno sopravvalutato.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles