0.5 C
Rome
martedì, Aprile 16, 2024

Non c’è bisogno di affrettarsi con il nuovo governo? Senza senso. Ci sono enormi soldi in gioco

Non c’è bisogno di affrettarsi con il nuovo governo? Senza senso. Ci sono enormi soldi in gioco. Mateusz Morawiecki sarà il primo a ricevere questa missione, ma quasi sicuramente gli sarà fatale.

Probabilmente bisognerà attendere almeno un mese per avere un nuovo governo che ottenga la maggioranza al Sejm. Mateusz Morawiecki sarà il primo a ricevere questa missione, ma quasi sicuramente gli sarà fatale. In sostanza, fin dalle elezioni, dal Palazzo Presidenziale arriva il messaggio che non sta accadendo nulla che possa giustificare la fretta nella formazione di un nuovo governo. D’altro canto, alcune questioni importanti è meglio risolverle il prima possibile.

Anche se la Coalizione Civica, la Terza Strada e la Sinistra hanno già ufficialmente un accordo di coalizione, il primo compito di formare un governo spetterà all’attuale primo ministro Mateusz Morawiecki (il cui attuale governo si dimetterà lunedì). Secondo i termini costituzionali, manca quasi un mese prima che Morawiecki venga a sapere ufficialmente che il suo nuovo governo non riceverà il voto di fiducia del Sejm . Solo allora il governo di Donald Tusk riceverà il “consenso” a lavorare dal Sejm. 

Formalmente, anche dopo le dimissioni del governo, il presidente gli affida il compito di continuare a svolgere le sue funzioni fino alla nomina di un nuovo Consiglio dei ministri, ma si tratta più di un’amministrazione tecnica dello Stato che di prendere decisioni chiave. Nel frattempo, alcuni di questi dovrebbero essere presi il prima possibile. È improbabile che la squadra di Morawiecki lo faccia di nuovo, anche se anche la “gente di Tusk” evita per ora dichiarazioni chiare su molte questioni.

1. Che dire degli scudi anti-inflazione?

Solo fino alla fine dell’anno è prevista un’aliquota IVA pari a zero sui prodotti alimentari e sui prezzi congelati di energia e gas per le famiglie e alcuni enti. Il governo PiS li ha prorogati solo fino al 2024, prima delle elezioni . Ha annunciato decisioni su questi temi dopo le elezioni, ma – beh – adesso non sarà un suo problema. E si tratta di denaro serio: questi due elementi dello scudo anti-inflazione ammontano a migliaia di zloty all’anno nei bilanci familiari delle famiglie polacche.

Con l’IVA la questione è più semplice, perché basta un regolamento del ministro delle Finanze per prolungare la situazione attuale. Le dichiarazioni finora rilasciate dai rappresentanti della Coalizione Civica non forniscono alcuna dichiarazione chiara riguardo alla possibilità che ciò accada. Vale la pena notare che il progetto di legge finanziaria preparato dal governo Morawiecki non prevedeva l’estensione di questo elemento dello scudo. Se il nuovo governo volesse continuare comunque, dovrebbe includere fin dall’inizio circa 10 miliardi di PLN all’anno nelle entrate statali.

La situazione con il congelamento dei prezzi dell’energia e del gas è più complicata, perché è necessario un emendamento alla legge, il che significa passare attraverso il Sejm, il Senato e la Cancelleria presidenziale. D’altronde, in questo caso, i piani del futuro governo di Tusk sono alquanto noti, cosa rara. Dalle parole di Andrzej Domański – coideatore del programma economico della Coalizione Civica e in generale una persona che vale la pena ascoltare riguardo ai piani del nuovo governo (forse il futuro ministro delle Finanze) ha detto pochi giorni fa che KO prevede di congelare i prezzi dell’energia a “un livello simile a quello di quest’anno ” per la prima metà del 2024, e quelli del gas per l’intero anno successivo. Solo allora i prezzi raggiungeranno gradualmente i prezzi di mercato. Non si sa cosa succede al calore del sistema. 

2. E il budget?

Il tempo scorre forte per la nuova squadra per quanto riguarda il disegno di legge di bilancio. Dovrà passare al Sejm e al Senato ed essere consegnato al presidente entro la fine di gennaio 2024. Se ciò – teoricamente – non avvenisse, Duda avrebbe il diritto di abbreviare la durata del mandato del Sejm. Ovviamente nessuno ne tiene conto. Lo scenario più probabile è che la nuova squadra approvi il progetto di legge finanziaria preparato dal governo PiS attraverso il Parlamento (con forse solo piccole modifiche), e nel 2024 modificherà questo documento con più calma.

3. E il credito sicuro al 2%?

Prestito Sicuro 2 per cento – un successo degli ultimi mesi (oltre la metà dei mutui concessi per la casa sono prestiti con sussidi statali) – ha un difetto. Ebbene, il bacino dei fondi per i sussidi è illimitato solo per il 2023. O, più precisamente, quest’anno viene stanziata una montagna di soldi per… il 2024. Inoltre, sta diminuendo rapidamente, ne rimane meno della metà (e ammontava a più di 940 milioni di zloty).

Questo, a sua volta, significa che i soldi per i sussidi potrebbero letteralmente esaurirsi nelle prime settimane del 2024. Infatti, l’ansia tra i potenziali beneficiari e i consulenti finanziari è così grande che si potrebbe registrare un aumento delle richieste di prestito a dicembre, prima della fine del 2024. fine anno. Poi i fondi potrebbero esaurirsi anche nei primi giorni del 2024.

Pochi giorni fa il ministro dello Sviluppo e della Tecnologia del governo Morawiecki, Waldemar Buda, ha detto chiaramente che secondo lui ci saranno abbastanza soldi fino a febbraio 2024, e il prestito allo zero per cento promesso da Donald Tusk potrebbe entrare in vigore da marzo. In altre parole, lasciamo che se ne preoccupi la nuova squadra. Sapere con almeno qualche mese di anticipo quale sarà il destino del Prestito Sicuro del 2% e se ci saranno soldi per i sussidi o meno porterebbe molta pace ai mercati del credito e degli immobili.

4. E le ferie di credito?

Un altro argomento relativo al credito sono le ferie creditizie. Anche qui le norme valgono solo fino alla fine del 2023. Anche se il governo Morawiecki ha adottato un disegno di legge che le proroga fino al 2024 (a determinate condizioni), il documento dovrà essere trattato dal nuovo Sejm. La domanda è se se ne occuperà lui. I mercati non credono davvero in uno scenario del genere. Si suppone che la nuova coalizione debba ancora parlarne. In altre parole, qui non si sa ancora nulla, a un mese e mezzo dall’inizio del 2024.

5. E che dire dell’indennità gratuita e degli aumenti?

Anche gli insegnanti attendono le decisioni del nuovo governo, al quale sono stati promessi – e questa è una priorità – aumenti del 30%

Naturalmente, prima Donald Tusk avrà l’opportunità di formare un governo, più facilmente potremo attuarlo

– ha detto recentemente Andrzej Domański della Coalizione civica a Polsat News. Anche il resto del settore del bilancio riceverà aumenti – del 20% – ma, come ha spiegato Domański, “dobbiamo prima contattare il Ministero delle finanze, perché l’intero aumento del settore del bilancio è un processo più complesso”.

Aerei polacchi sono arrivati ​​per i polacchi evacuati dalla Striscia di Gaza. Non andavano a vuoto

Gli ultimi resoconti dei media indicano inoltre, comprensibilmente a causa del calendario, che non ci sarà alcun aumento dell’importo esentasse promesso dalla Coalizione civica da 30.000 PLN a 60.000 PLN. PLN dall’inizio del 2024. Questi piani – a condizione, ovviamente, che ci sia il sostegno della coalizione – dovrebbero essere rinviati di un anno.

Ci sono altre promesse di questo tipo, la cui attuazione attende grandi gruppi di elettori (e restano aperte le domande sul budget e sulle possibilità di prestito). Si tratta anche del ritorno al contributo forfettario dell’assicurazione sanitaria annunciato dalla Coalizione Civica e dalla Terza Via. L’accordo di coalizione prevedeva anche l’annuncio del congedo per malattia dei dipendenti pagato dalla ZUS a partire dal primo giorno, il metodo in contanti per il pagamento dell’imposta sul reddito personale e la possibilità di un’esenzione temporanea per gli imprenditori dal pagamento dei contributi previdenziali per conto proprio (probabilmente solo in caso di problemi finanziari). i problemi).

6. Che dire del capo dell’Autorità polacca di vigilanza finanziaria?

Il mandato dell’attuale presidente dell’Autorità polacca di vigilanza finanziaria, Jacek Jastrzębski, scade il 23 novembre. Il primo ministro ha il diritto di nominare un successore (o, ovviamente, di mantenere Jastrzębski al suo posto), così come lo hanno i vicepresidenti dell’Autorità polacca di vigilanza finanziaria. Tutto fa pensare che Mateusz Morawiecki ce la farà ancora.

Il Primo Ministro non ha ancora deciso se nominerà il capo dell’Autorità polacca di vigilanza finanziaria per un nuovo mandato, ma ha il diritto di farlo e non ci vedo nulla di sbagliato se nominasse

– ha detto lunedì Piotr Müller, portavoce del governo Morawiecki.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles