19.6 C
Rome
giovedì, Maggio 30, 2024

Voivodato di Cieszyn-Cracovia con Cracovia e Bielsko-Biała, ma senza Tarnów? In Polonia esiste il concetto di correzione dei confini amministrativi

Voivodato di Cieszyn-Cracovia con Cracovia e Bielsko-Biała, ma senza Tarnów? In Polonia esiste il concetto di correzione dei confini amministrativi

L’Istituto Sobieski ha pubblicato il rapporto “Correzione del sistema dei voivodati – verso uno sviluppo equilibrato”. L’autore dello studio, il dottor Łukasz Zaborowski, valuta la divisione dei voivodati nel 1999 come un “ibrido accidentale”. Propone 4 varianti per correggere gli attuali confini del voivodato. Uno di questi, il più radicale, prevede la riduzione del numero dei voivodati da 16 a 12, con la creazione del Voivodato di Cieszyn-Cracovia con due centri principali: Cracovia e Bielsko-Biała, ma senza Tarnów. Vai alla GALLERIA per vedere tutte e quattro le proposte per modificare i confini del voivodato.

L’autore della relazione dal titolo “Correzione del sistema dei voivodati – verso uno sviluppo equilibrato” è scritto dal dott. Łukasz Zaborowski, esperto dell’Istituto Sobieski per lo sviluppo regionale e la politica territoriale.

Egli sostiene che l’attuale ordinamento dei voivodati non è il risultato di un concetto coerente, ma di un ibrido accidentale: “È stato creato come risultato dell’estensione del modello dei voivodati “grandi” con diversi voivodati “medi”. -sulla scena della contrattazione politica, alcuni centri mantennero l’indipendenza regionale, mentre altri la persero. Nei voivodati “aggiuntivi”, Kielce e Opole, Gorzów e Zielona Góra mantennero il rango di città voivodate. Częstochowa, Kalisz, Koszalin, Radom e Tarnów, tra gli altri, l’hanno perso, sebbene non siano meno importanti nella rete insediativa del Paese. Tale disparità di trattamento suscita un sentimento di ingiustizia in diversi centri omessi”. Secondo l’autore del rapporto, eliminare queste incoerenze è un requisito di giustizia, e centri e regioni reciprocamente simili dovrebbero avere pari status nella struttura statale.

L’autore del rapporto ha proposto 4 varianti del concetto di riforma amministrativa. La variante I “minima” presuppone la limitazione delle dimensioni dei voivodati più grandi a favore di quelli più piccoli: in questo caso la Małopolska verrebbe parzialmente ridotta per includere Tarnów, che insieme all’area circostante rientrerebbe nel Voivodato di Przemyśl-Tarnów (Podkarpackie Un grande cambiamento avverrebbe entro i confini del Voivodato della Pomerania Occidentale, al quale si aggiungerebbe Słupsk.

La variante II “moderata” presuppone la creazione di voivodati “chiaramente mancanti”. Verrebbero creati altri quattro voivodati, portando il totale a 20. Cracovia sarebbe la capitale del Voivodato di Cracovia. L’attuale regione della Małopolska verrebbe ridotta. Il voivodato di Nowy Sącz-Tarnów verrebbe separato (centri principali: Nowy Sącz, Tarnów), così come il voivodato di Cieszyn-Cracovia (Bielsko-Biała) in alcune parti della Małopolska e della Slesia. Questa variante presuppone anche la creazione del Voivodato di Kalisz (Kalisz, Ostrów Wielkopolski) e la divisione della Bassa Slesia nel Voivodato di Breslavia (Wrocław) e un nuovo, più piccolo, Voivodato della Bassa Slesia (Legnica, Świdnica, Wałbrzych).

Un diciassettenne che ha brutalmente picchiato e umiliato un dodicenne è stato accusato. La polizia svela cosa è successo dietro le quinte

La variante III “bilanciamento” è una divisione ancora più ampia – in 22 voivodati. In questo caso Częstochowa verrebbe separato dalla Slesia e Piotrków Trybunalski dal Voivodato di Łódź e la creazione del Voivodato Piotrków-Częstochowa. Questa variante presuppone anche la creazione del Voivodato di Piotrków-Częstochowa. Voivodato di Cuiavia-Pomerania nelle terre con le città centrali Płock e Włocławek.

La variante IV “macroregionale” presuppone la creazione di grandi voivodati e la limitazione del loro numero da 16 a 12. In questo caso verrebbe creato un grande voivodato di Cieszyn-Cracovia con il centro metropolitano di Cracovia e i centri voivodati: Bielsko-Biała e Nowy Sącz Tarnów e l’area circostante verranno inclusi nel Voivodato di Przemyśl-Tarnów (Podkarpackie) con sede a Rzeszów.Il secondo centro del voivodato sarà Przemyśl.

L’autore del rapporto conclude: “L’opzione più equilibrata è sicuramente la quarta variante macroregionale, con il numero di unità limitato a 12. Il voivodato di Slesia-Częstochowa diventa il voivodato più popolato, mentre il voivodato di Varsavia scende al secondo posto. Entrambi, Tuttavia, sono significativamente più piccoli dell’attuale voivodato masoviano. D’altra parte, tutti i voivodati superano la popolazione di due milioni, e quindi quasi la mediana del sistema attuale. Il rapporto tra le unità estreme è 2,3 e il rapporto deviazione standard/media è solo 0,24. Naturalmente, il grado di equilibrio dimensionale in sé non è l’unico fattore nel valutare la “bontà” del sistema.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles