24.4 C
Rome
martedì, Maggio 21, 2024

Evacuazione dei polacchi dalla Striscia di Gaza. Capo dell’Ufficio per la Sicurezza Nazionale: I primi cittadini sono già dalla parte egiziana

Evacuazione dei polacchi dalla Striscia di Gaza. Capo dell’Ufficio per la Sicurezza Nazionale: I primi cittadini sono già dalla parte egiziana

Evacuazione dei polacchi dalla Striscia di Gaza. “I primi cittadini polacchi rimasti nella Striscia di Gaza hanno attraversato il confine di Rafah e si trovano sul lato egiziano”, ha detto domenica mattina Jacek Siewiera, capo dell’Ufficio per la sicurezza nazionale. Il capo dell’Ufficio per la sicurezza nazionale, Jacek Siewiera, ha annunciato domenica 12 novembre che i primi polacchi sono stati evacuati dalla Striscia di Gaza. 

Evacuazione dei polacchi dalla Striscia di Gaza. “Il processo è iniziato”

Gli sfollati hanno attraversato il valico di frontiera di Rafah e si trovano sul versante egiziano. “Il processo è iniziato. L’aeronautica militare, in conformità con la decisione del presidente della Repubblica di Polonia, Andrzej Duda, è pronta ad effettuare il trasporto”, ha detto sui social media il capo dell’Ufficio per la sicurezza nazionale.

Il Ministero degli Affari Esteri ha sottolineato che si tratta di un enorme successo dei dipendenti delle ambasciate polacche a Tel Aviv, Ramallah e Il Cairo, nonché dello stesso Ministero degli Affari Esteri , che continuano a impegnarsi per garantire che i nostri connazionali lascino il paese. zona di guerra il più rapidamente possibile.

In Israele sono in corso trattative sull’evacuazione dei polacchi

Sabato è stato riferito che il capo dell’Ufficio per la sicurezza nazionale, Jacek Siewiera, e il ministro Wojciech Kolarski stanno conducendo colloqui in Israele riguardanti, tra gli altri, evacuazione dei cittadini polacchi dalla Striscia di Gaza e situazione nella regione. Giovedì 9 novembre il presidente Andrzej Duda ha deciso di utilizzare mezzi militari per evacuare i polacchi che lasceranno la Striscia di Gaza.

Venerdì Jacek Siewiera ha incontrato a Tel Aviv il consigliere per la sicurezza nazionale e capo del Consiglio di sicurezza israeliano, Tzachi Hanegbi. “Grazie Tzachi Hanegbi per l’invito e per questo importante incontro. È estremamente importante che possiamo collaborare per proteggere i nostri cittadini in questa guerra contro il terrorismo. I cittadini polacchi , in qualunque situazione si trovino, devono sapere che lo Stato polacco si prende cura di loro”, ha scritto sul portale X, capo dell’Ufficio per la sicurezza nazionale. 

La bandiera arcobaleno e il simbolo dell’UE hanno calpestato la Marcia dell’Indipendenza. “Questi sono simboli di ideologie antiumane”

Dopo l’incontro, il capo dell’Ufficio per la sicurezza nazionale, Jacek Siewiera, ha informato i giornalisti che nella Striscia di Gaza si trovavano più di 25 cittadini polacchi. Queste persone si trovavano a Gaza al momento dell’attacco terroristico di Hamas in Israele e sono ancora lì. Un cittadino polacco, Alexander Danzig, è tra gli ostaggi tenuti da Hamas . – Abbiamo parlato della situazione dei polacchi, ma è una conseguenza naturale dell’attività diplomatica portata avanti dalla diplomazia polacca. Abbiamo fondati motivi per ritenere che nelle prossime ore o giorni – speriamo – lasceranno la Striscia di Gaza, ha affermato Jacek Siewiera.

Egli ha inoltre informato che venerdì un folto gruppo di cittadini polacchi si trovava proprio accanto al valico di Rafah con l’Egitto. Al personale consolare è stato consentito l’accesso alle strutture per il trattamento dei passaporti a Rafah. Hanno avuto un contatto visivo con loro, ma oggi non c’è stato alcun movimento attraverso il valico di Rafah, che era chiuso, come lo era da due giorni. Jacek Siewiera ha sottolineato che l’attività diplomatica si svolge sia a livello del Ministero degli Affari Esteri che a livello dei servizi.

Il capo dell’Ufficio per la sicurezza nazionale è in Israele su ordine del presidente Andrzej Duda. Lo accompagnano, tra gli altri, il presidente dell’Agenzia governativa per le riserve strategiche, Michał Kuczmierowski, e il capo del gruppo governativo di assistenza umanitaria e medica, Artur Zaczyński.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles