19.6 C
Rome
mercoledì, Maggio 29, 2024

Capo del Ministero degli Affari Esteri: polacchi tra gli ostaggi tenuti da Hamas nella Striscia di Gaza

Capo del Ministero degli Affari Esteri: polacchi tra gli ostaggi tenuti da Hamas nella Striscia di Gaza. Il capo del ministero non ha rivelato dettagli e non ha fornito il numero delle persone detenute. 

Capo del Ministero degli Affari Esteri: Il ministro degli Esteri Zbigniew Rau ha dichiarato ai giornalisti dopo la conferenza di giovedì a Parigi che tra gli ostaggi tenuti da Hamas nella Striscia di Gaza figurano anche cittadini polacchi. Il capo del ministero non ha rivelato dettagli e non ha fornito il numero delle persone detenute. Egli ha osservato che si stanno compiendo “sforzi diplomatici” per rilasciarli.

Il capo della diplomazia polacca ha partecipato giovedì a una conferenza convocata su iniziativa del presidente francese Emmanuel Macron. I temi principali sono stati gli aiuti umanitari e l’attuale situazione nella Striscia di Gaza. Secondo il Ministero degli Affari Esteri, Zbigniew Rau ha presentato ricorso, tra gli altri, o “consentire immediatamente agli stranieri, tra cui quasi 30 cittadini polacchi, di lasciare la Striscia di Gaza”.

“Durante la conferenza, il Ministro Rau ha condannato gli atti di terrorismo di Hamas contro la popolazione civile di Israele   e ha sottolineato il diritto di ogni Stato a difendersi in conformità con il diritto internazionale. Ha anche chiesto il rilascio immediato di tutti gli ostaggi detenuti nella Striscia di Gaza, ” noi leggiamo. Successivamente, secondo la PAP, Rau ha fornito ai giornalisti informazioni sui polacchi detenuti da Hamas.

Secondo le informazioni precedentemente fornite dal Ministero degli Affari Esteri , attualmente nella Striscia di Gaza vivono 29 polacchi. Secondo il Ministero, la lista dei polacchi è stata trasmessa alle parti egiziana e israeliana il 9 ottobre , insieme a note diplomatiche contenenti l’aspettativa che sarebbero stati evacuati in modo sicuro. RMF FM riferisce che Zbigniew Rau non ha commentato la dichiarazione dell’ambasciatore israeliano Yaakov Liwny, il quale ha affermato che il governo polacco dovrebbe negoziare la questione dell’evacuazione dei polacchi dalla Striscia di Gaza non con Israele, ma con Hamas. 

“Tassa dell’orrore” sulle auto a combustione interna. Spieghiamo come stanno realmente le cose

Gaza: Israele ha catturato un’altra roccaforte di Hamas

Il 7 ottobre i terroristi dell’organizzazione Hamas hanno attaccato Israele . 1.400 persone furono uccise e quasi 230 rapite. Da allora, Israele ha bombardato la Striscia di Gaza e l’ha attaccata con forze di terra. L’obiettivo è distruggere l’infrastruttura militare di Hamas e ucciderne i leader. L’esercito israeliano ha detto giovedì che le truppe hanno catturato un’altra roccaforte di Hamas nel nord di Gaza. È qui che si svolgono i combattimenti più pesanti contro i palestinesi. I militari hanno riferito che ieri sera c’è stato uno scontro durato 10 ore tra soldati e fanatici di Hamas e della Jihad islamica.

L’esercito afferma che i combattimenti hanno avuto luogo sia sul terreno che nei tunnel sotterranei a Jabaliya, nel nord di Gaza. Decine di estremisti di Hamas dovevano essere uccisi, depositi di armi e tunnel, alcuni dei quali si trovavano vicino all’asilo, dovevano essere distrutti. In precedenza, il portavoce militare, il contrammiraglio Daniel Hagari, aveva affermato che i leader di Hamas erano ormai tagliati fuori dal mondo. L’esercito ha inoltre annunciato che finora nell’operazione di terra a Gaza sono stati uccisi 34 soldati israeliani. Allo stesso tempo, Israele conduce da un mese pesanti bombardamenti aerei su Gaza. Lì morirono 10.500 palestinesi. Secondo la parte palestinese tra le vittime ci sarebbero 4.000 bambini .

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles