24.4 C
Rome
martedì, Maggio 21, 2024

“Tassa dell’orrore” sulle auto a combustione interna. Spieghiamo come stanno realmente le cose

“Tassa dell’orrore” sulle auto a combustione interna. Spieghiamo come stanno realmente le cose. Gli importi scandalosi si applicano principalmente ai modelli di auto più vecchi

“Tassa dell’orrore” sulle auto a combustione interna. Da qualche tempo ci sono visioni apocalittiche su quale nuova tassa sulle auto a combustione dovranno presto pagare gli automobilisti polacchi. Gli importi scandalosi si applicano principalmente ai modelli di auto più vecchi. Abbiamo chiesto ad un esperto come sarà effettivamente. – Non vedo il motivo per cui le auto elettriche dovrebbero essere completamente esentate da tale tassa – osserva Bartłomiej Derski in un’intervista a Next.gazeta.pl.

“Un piccolo riassunto della tassa sulle vecchie auto che si vedono spesso sulle strade polacche. Kia Picanto 1.1 tassa PLN 779 – valore circa PLN 7.000. Passat B5 1.9 TDI tassa PLN 3.159 – valore circa PLN 8.000 Audi A6 2.5 TDI tassa PLN 7.469 – valore di circa 12.000 PLN”, ha avvertito uno degli internauti sulla piattaforma X. Ha effettuato i calcoli utilizzando un calcolatore di motori recentemente popolare, che calcola la tariffa basata, tra gli altri, su cilindrata del motore, norma sulle emissioni di scarico e data della prima immatricolazione. Un altro, a sua volta, ha avvertito che, ad esempio, un “classico” americano del 1960 con un motore da 6,4 litri costerebbe… oltre 245.000 PLN. zloty. Si scopre, tuttavia, che tutti questi “calcoli” sono adatti solo alla spazzatura.

Tassa sulle auto a combustione interna. Cosa accadrà nel 2024?

I creatori del motocalcolatore ammettono sul loro sito web di aver creato l’algoritmo di calcolo sulla base del progetto di legge del… 2006. Puoi trovarlo QUI . Queste disposizioni non entrarono mai in vigore e il progetto stesso fallì un anno dopo. Gli stessi ideatori del calcolatore scrivono che l’obiettivo era quello di “attirare l’attenzione del pubblico sul problema dell’imminente tassa sulle auto a combustione interna. Il disegno di legge sarà preparato nel 2024 ed sarà attuato entro la fine di quell’anno. Se la tassa base è ridotta al minimo dal nostro calcolatore, ne varrà la pena.”

Nel frattempo, la nuova tassa insieme alla tassa di registrazione vengono registrate nel KPO come il cosiddetto “pietre miliari”. Infatti, se contiamo sui soldi del Piano Nazionale di Ricostruzione, la Polonia deve attuare attività pro-ecologiche, come una tassa sulle auto a combustione interna . Qual è il piano? Entro la fine del 2024 arriverà la nuova tassa di immatricolazione e insieme ad essa una tassa una tantum, il cui ammontare dipenderà dallo standard di consumo di carburante ( EURO ) di una determinata auto. Nel 2026, questa tassa sarebbe pagabile ogni anno. Coloro che possiedono auto con gli standard di emissione più vecchi pagherebbero di più. Ricordiamo che il Consiglio UE ha adottato il divieto di immatricolazione delle auto a combustione dopo il 2035.

– Non prevediamo di aumentare le tasse di immatricolazione per le auto a combustione. Vogliamo ridurre le tasse e creare incentivi per le auto elettriche e a basse emissioni, ha dichiarato il portavoce del governo Piotr Müller nel giugno dello scorso anno. Il governo, una formazione che molto probabilmente lascerà presto il potere. 

Cosa sappiamo a questo punto?

Sappiamo per certo che la Polonia è praticamente l’ultimo paese dell’Unione Europea a non avere una tassa del genere. Sappiamo che quando versiamo liquami in un fiume paghiamo multe o dobbiamo pagare una tassa ambientale. Se gettiamo rifiuti nella foresta paghiamo anche una multa e trattiamo l’aria come un liquame in cui chiunque può scaricare sostanze inquinanti senza pagare nulla. Ed è per questo che questo dovrebbe cambiare. Anche questo è incluso nel KPO: se vogliamo ottenere questi soldi, la Polonia dovrebbe introdurre una tassa del genere. Tuttavia, non ci sono dettagli: dipenderà dal nostro Paese quale sarà la forma di questo tributo. Non c’è alcuna visione nel governo di oggi, o per quanto ne so tra i politici dell’opposizione, su come potrebbe essere una tassa del genere.

– dice Next.gazeta.pl Bartłomiej Derski di WysokieNapiecie.pl.

Duda ha nominato Morawiecki primo ministro e l’Ufficio per la sicurezza nazionale si sta già preparando alla coabitazione. Consultazioni con ex capi

Di cosa bisogna tenere conto nel determinare l’importo dell’imposta?

L’esperto aggiunge che i think tank che si occupano di questi temi stanno pianificando di “provare in qualche modo a rispondere al governo” su quale forma potrebbe assumere un simile tributo. E, cosa interessante, osserva che anche le auto elettriche potrebbero essere soggette alla nuova tassa. 

Dal mio punto di vista, prenderei sicuramente in considerazione le emissioni dell’auto. Ricordiamo che si tratta di sostanze cancerogene che fuoriescono dal tubo di scarico di un’auto a combustibile liquido. E questo è un problema reale, perché tutti ne sosteniamo i costi sotto forma di vite più brevi, malattie, tumori e cure. Penso anche che valga non solo i costi di queste emissioni dirette, ma anche i costi delle emissioni di anidride carbonica durante tutto il ciclo di vita dell’auto. Pertanto, non vedo alcun motivo per cui le auto elettriche dovrebbero essere completamente esentate da tale tassa. Perché in fase di produzione un veicolo del genere emette dal 50 al 100%. più CO2. Fortunatamente la situazione sta cambiando, perché la produzione di batterie per auto elettriche sta diventando sempre più ecologica: circa la metà delle emissioni proviene dalla batteria.

– aggiunge Derski. Secondo l’esperto il fattore da tenere in considerazione quando si parla della nuova tassa è il peso dell’auto. A suo parere oggi siamo di fronte ad una “moda assurda” di auto grandi e pesanti che “occupano spazio nelle città”, e la nuova tassa dovrebbe includere, tra gli altri: un elemento che ci incoraggerà ad acquistare auto più piccole e leggere.

Com’è la situazione negli altri paesi? –

Recentemente ho parlato con un amico dalla Bulgaria e le tariffe sono davvero simboliche. Nei paesi più poveri dell’UE, queste tasse sono basse, mentre nei paesi più ricchi è vero il contrario. In Norvegia, ad esempio, le tasse sulle auto a combustione interna sono così elevate che è praticamente due volte più economico acquistare una Tesla Model S rispetto a qualsiasi delle sue equivalenti a combustione interna. Presumo che in Polonia questa tassa sarà inizialmente simbolica, ma aumenterà nel corso degli anni, perché come società diamo sempre più valore alla nostra salute e alla nostra vita.

Auto a combustione interna contro “elettriche” in Polonia

Nel frattempo, secondo i dati Eurostat, il maggior numero di auto con più di 20 anni si trova in Polonia – ben il 41,3%. 37,1%. si tratta di veicoli di 10-20 anni e solo il 5%. le auto hanno al massimo due anni. Secondo i dati di fine settembre 2023, in Polonia sono state immatricolate un totale di 50.386 autovetture e auto commerciali (BEV). Nei primi tre trimestri di quest’anno il loro numero è aumentato di 16.971 unità, ovvero del 57%. più che nello stesso periodo del 2022 – secondo lo sportello della mobilità elettrica , lanciato dall’Associazione polacca dell’industria automobilistica e dall’Associazione polacca per i combustibili alternativi.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles