22.3 C
Rome
sabato, Luglio 20, 2024

Solo 5 milioni lavorano: chi sostiene i pensionati, i bambini e i beneficiari in Ucraina e perché diventeremo più poveri dopo la guerra

Solo 5 milioni lavorano: chi sostiene i pensionati, i bambini e i beneficiari in Ucraina e perché diventeremo più poveri dopo la guerra

Solo 5 milioni lavorano: Il Ministero delle Finanze ha spiegato la situazione delle entrate fiscali durante la guerra. L’Ucraina continua a sopravvivere in condizioni di guerra. Mentre le ostilità continuano nell’est e nel sud, le regioni posteriori cercano di lavorare in condizioni di guerra e sviluppare l’economia. Non è facile farlo, perché con l’inizio della guerra la crisi demografica nel paese è peggiorata: parte della popolazione economicamente attiva dell’Ucraina è andata all’estero, in fuga dalla guerra, e una parte si è unita ai ranghi delle forze armate. Il sito TSN.ua ha scoperto come sono cambiate le detrazioni fiscali al bilancio dall’inizio della guerra e come ciò è legato alla partenza delle persone all’estero.

Solo 5 milioni di ucraini lavorano

Gli esperti notano che le entrate fiscali nel bilancio non sono diminuite a causa della guerra, ma al contrario sono aumentate. Anche se lo ammettono, la situazione demografica nel paese è critica. “Secondo i miei calcoli, oggi in Ucraina vivono circa 25 milioni di persone . Di queste, 10 milioni sono pensionati e 5 milioni sono bambini . Il nucleo economicamente attivo degli ucraini può essere stimato in 10 milioni .

Se togliamo i disoccupati e i disabili “, allora avremo non più di 5 milioni di dipendenti a tempo pieno reali . Cioè, un dipendente a tempo pieno che paga le tasse è responsabile del mantenimento di 2 pensionati, un figlio e un beneficiario “, ha detto Oleksiy Kush , economista e analista finanziario il sito TSN.ua. L’esperto aggiunge che ora la situazione economica in Ucraina è più o meno stabile e le entrate fiscali, nonostante la guerra, stanno addirittura crescendo. 

Tasse militari / © TSN.ua
Tasse militari / Foto: TSN.ua

La guerra riequilibra gli squilibri

Secondo Oleksiy Kush, tale contraddizione risiede nel fatto che, attualmente, i principali contribuenti dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) e del contributo sociale unico (Uss) sono in realtà il settore statale e quello del bilancio, compreso il settore della difesa. .

“Nessuno ti dirà il numero esatto adesso, ma se sommi le forze armate, la polizia, le forze di sicurezza, i funzionari, i dipendenti delle imprese statali e altri, fino a 2 milioni di persone ricevono effettivamente salari a spese dello Stato . Cioè, il settore della difesa ha dato un impulso speciale al calcolo dell’imposta sul reddito delle persone fisiche. Per questo motivo abbiamo anche un surplus di bilanci locali . Anche le entrate dell’ESU sono a un livello piuttosto elevato. Pertanto, finora, per quanto paradossale per quanto possa sembrare, la guerra in un certo senso riequilibra questo squilibrio a scapito delle spese statali estremamente elevate, che a loro volta si formano grazie agli aiuti finanziari internazionali pari a 40 miliardi di dollari all’anno,” Oleksiy Kushch dice il sito web TSN.ua.

Quando aspettarsi un calo delle entrate fiscali

L’economista sottolinea che questo squilibrio scomparirà definitivamente dopo la fine della guerra . Dopotutto, il sostegno finanziario internazionale sarà notevolmente ridotto.  Oleksiy Kush osserva che dopo la fine della guerra nessuno ci darà 40 miliardi di dollari all’anno e il settore della difesa sarà ridotto .

“Cioè, non manterremo un esercito di un milione di uomini dopo la guerra. E nessuno pagherà nemmeno 100.000 grivnie  di stipendio ai militari. Pertanto, avrà luogo la smobilitazione, di conseguenza, gli stipendi saranno ridotti. Forse anche l’importo di “I salari nelle retrovie diminuiranno. Ora ammontano a 25.30 mila grivnie . Ciò causerà immediatamente un enorme gettito negativo, anche per i bilanci locali, le entrate della Cassa pensione. Pertanto, sentiremo immediatamente questo negativo, che attualmente è compensato da spese statali estremamente elevate. Poiché dopo la guerra le spese statali diminuiranno, il sostegno finanziario internazionale , di conseguenza, anche tutte le entrate fiscali diminuiranno automaticamente”, spiega Oleksiy Kush.

Dopo la fine della guerra nessuno ci darà 40 miliardi di dollari all’anno e il settore della difesa sarà ridotto.  /©
Dopo la fine della guerra nessuno ci darà 40 miliardi di dollari all’anno e il settore della difesa sarà ridotto.

Esperienza del dopoguerra

Per evitare che ciò accada, il Paese deve essere pronto a passare da una situazione militare a quella pacifica, e la cosa più importante è che gli ucraini che sono andati all’estero tornino a casa per ripristinare l’economia .

“La maggior parte delle persone pensa che la guerra significhi sempre il crollo dell’economia, ma non è sempre così. Se si guarda all’esperienza di altri paesi, diventa chiaro che i paesi che hanno vinto sono cresciuti economicamente durante la guerra . Dopo la seconda guerra mondiale Guerra mondiale, la stessa Unione Sovietica lasciò quasi lo zero dopo un enorme calo del PIL all’inizio della guerra. E gli Stati Uniti e la Gran Bretagna crebbero durante la guerra, ma dopo la sua fine, la crisi economica in quei paesi peggiorò a causa del fatto “Le spese in tempo di guerra sono diminuite. Quindi dobbiamo davvero prepararci per questa situazione, per far ritornare le persone. Ma ancora una volta, le persone non torneranno proprio così . Dobbiamo risolvere il fattore sicurezza, ma anche questo non farà tornare tutti gli ucraini”, ha affermato l’economista. Appunti.

Chi sono gli ucraini all’estero?

Oleksiy Kush afferma che gli ucraini che attualmente si trovano all’estero possono essere divisi in tre gruppi condizionali .

I primi – relativamente parlando, paternalisti – persone che ricevono qualche tipo di beneficio sociale, che hanno bambini piccoli in braccio. Confronteranno l’assistenza sociale pagata in Europa e quella in Ucraina. 

Altri sono professionisti. Confronteranno il livello dei salari in Ucraina e in Europa. Nemmeno la loro dimensione in sé, ma il reddito netto che rimane a una persona dopo aver speso per un mese. Cioè, quanta parte del saldo rimane a disposizione dallo stipendio ricevuto. 

I terzi sono imprenditori. Confronteranno le condizioni commerciali, la disponibilità di credito, i livelli di reddito e altro ancora. Se il tasso di sconto in Ucraina sarà lo stesso di adesso, e i prestiti verranno emessi al 30-40% e in Europa potranno essere presi al 5%, allora ovviamente queste persone penseranno dove è meglio per loro stare.

Gli ucraini all'estero possono essere suddivisi condizionatamente in tre gruppi / ©
Gli ucraini all’estero possono essere suddivisi condizionatamente in tre gruppi

È necessaria la “Aliya ucraina”.

Oleksiy Kush sottolinea che sarà molto importante anche la prospettiva positiva a lungo termine delle persone che vivono in questo o quel paese . Ciò riguarda soprattutto le questioni istituzionali. Le persone guarderanno al livello di istruzione, medicina, sistema pensionistico. Ad esempio, dove puoi risparmiare per una pensione dignitosa dopo aver lavorato per 20 anni : in Europa o in Ucraina. Tali cose giocheranno un ruolo chiave nella scelta: tornare o meno.

“In Ucraina, dobbiamo avviare la nostra “Aliya ucraina” . Questo è qualcosa di simile al programma di rimpatrio in Israele, quando gli ebrei furono riportati in patria. Aliya si traduce come “scalare la montagna”. Pertanto, abbiamo bisogno della nostra Aliya , ma è possibile solo nel caso di modelli economici di sviluppo efficaci. Ora siamo in una sorta di “circolo vizioso”. Lo sviluppo dinamico richiede persone. E per attrarre persone, è necessario uno sviluppo dinamico. Come risolvere questo dilemma Ma finora non abbiamo nemmeno le bozze di questo piano di sviluppo efficace, abbiamo solo una “fantasia economica”, conclude Oleksiy Kush.

Cosa provano gli imprenditori nella realtà

Gli imprenditori hanno già annunciato la ripresa dei controlli , con i quali i rappresentanti dei vari dipartimenti hanno cominciato a recarsi nelle imprese, cosa che non accadeva dall’inizio della guerra. 

“Venerdì hanno visitato la nostra azienda due ispettori: un pompiere e un ispettore del lavoro. Avevano appena avuto accesso ed erano già andati a “guadagnare soldi”. E questo avvenne durante la guerra, quando la popolazione del paese diminuì di 10- 12 milioni, e il numero dei funzionari è rimasto invariato”, dice al sito TSN.ua Pavlo Sebastianovych , esperto fiscale e imprenditore. L’esperto nota che la pressione fiscale è presente anche durante la guerra . E lui, di conseguenza, riduce il numero delle piccole imprese in Ucraina.

“Se prima avevamo 300.000 contribuenti Iva, ora sono 85.000 . Cioè, ci sono quasi quattro volte meno imprese. Restano a galla i grandi contribuenti. Si tratta dei produttori di tabacco, di bevande alcoliche, dei grandi importatori, dei produttori di elettricità, di energia, dei corporazioni, banche. Formano il corpo dei grandi contribuenti. Grazie a loro, il bilancio riceve il 90% delle entrate fiscali. E le piccole imprese stanno scomparendo, non possono sopportare la pressione fiscale esistente”, dice Pavlo Sebastianovych.

Le imprese affermano che i servizi di controllo hanno ripreso le ispezioni durante la guerra. / © Pexels
Gli imprenditori affermano che i servizi di controllo hanno ripreso i controlli durante la guerra. / Foto: Pexels

Il numero di FOP è diminuito in modo significativo

L’esperto aggiunge che durante la guerra le entrate fiscali delle piccole imprese diminuiscono costantemente.

“Recentemente ho ricevuto una risposta a una richiesta del servizio fiscale. Se Danylo Hetmantsev (presidente della commissione VRU per le finanze, le tasse e la politica doganale) afferma che abbiamo 2 milioni di lavoratori autonomi che lavorano e pagano le tasse, allora le tasse servizio informa che attualmente “in Ucraina operano secondo il sistema fiscale semplificato solo imprese850.000 – si tratta di imprese individuali e società a responsabilità limitata che lavorano con un’unica imposta”, osserva l’esperto.

Reporting e cocktail eccessivi

Racconta una storia accaduta in uno dei bar, dove il barista, preparando un cocktail, non ha aggiunto al registratore di cassa il numero di bollo della bottiglia della bevanda da cui ha preparato il cocktail. Di conseguenza, il proprietario del bar ha ricevuto una multa durante l’ispezione.

“Immaginate quanto sia diventato “divertente” lavorare per un barista che ha bisogno di inserire tutti gli ingredienti di un cocktail nel registratore di cassa . Secondo me questa è una specie di sciocchezza. Naturalmente, gli imprenditori non vogliono farsi carico di resoconti inutili , e cercano di imporre l’uso dei registratori di cassa sui dispositivi delle persone,” dice l’esperto.  Secondo l’esperto, in tutto il mondo non vi è alcuna registrazione né tassazione sul reddito minimo percepito da una persona. 

“Se una persona coltiva patate nell’orto e le vende ai vicini. O un parrucchiere che lavora a casa e sta in piedi 8 ore, un corriere che pedala tutto il giorno e consegna ordini. Quali tasse o registratori di cassa possono esserci? In tali condizioni gli imprenditori resteranno sempre più nell’ombra per non interferire in alcun modo con lo Stato”, afferma Pavlo Sebastianovych.

Non ci sono ancora le condizioni per il reso

L’esperto è convinto che affinché le persone desiderino tornare a casa da altri paesi dopo la fine della guerra, sia necessario creare condizioni adeguate per loro . “Certo, la gente vuole tornare a casa, ma dal punto di vista economico e di attrattiva nessuno tornerà ancora, sapendo quali “sorprese” li attendono. Finora le autorità non stanno facendo nulla per far tornare nessuno.

Ci sono parla già che abbiamo bisogno di milioni di lavoratori migranti … Ha detto che lavoreranno e le loro tasse saranno sufficienti per tutti, compresi i pensionati. Per me questa è una posizione strana, perché anche per i lavoratori migranti, a cui non è stato vietato da nessuno Per venire in Ucraina bisogna creare le condizioni”, conclude Pavlo Sebastianovich

Collage: TSN.ua / ©
Collage: TSN.ua

Quello che dicono al Ministero delle Finanze

Abbiamo chiesto al Ministero delle Finanze ucraino come sono cambiate le entrate fiscali in Ucraina durante la guerra. “Per il periodo gennaio-settembre 2023, il fondo generale del bilancio statale dell’Ucraina ha ricevuto 1.274,9 miliardi di UAH , ovvero 180,1 miliardi di UAH  o il 16,5% in più rispetto al corrispondente periodo del 2022″, ha riferito il sito web TSN.ua nel servizio stampa del Ministero delle Finanze dell’Ucraina .

Duda “ha legato i lacci delle scarpe a Kaczyński” e ora vuole “risollevare il PiS dalle ceneri”. A proposito del “piano Mastalerek”

Allo stesso tempo, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, le entrate fiscali sono aumentate di 10,4 miliardi di grivnie , ovvero dell’1,9%, e le entrate doganali sono aumentate del 53,6% , ovvero di 99,3 miliardi di grivnie . Le sovvenzioni dei partner internazionali al fondo generale del bilancio statale per il periodo gennaio-settembre 2023 ammontano a 363,0 miliardi di UAH, ovvero 42,5 miliardi di UAH o il 13,2% in più rispetto al corrispondente periodo del 2022.

Il Ministero delle Finanze parla di un aumento delle entrate fiscali sul reddito delle persone fisiche pagate dai militari / collage TSN.ua / ©
Il Ministero delle Finanze parla di un aumento delle entrate fiscali sul reddito delle persone fisiche pagate dai militari / collage TSN.ua

“Le ragioni principali dell’aumento delle entrate fiscali nel 2022 rispetto al 2021 sono la sospensione temporanea dei rimborsi IVA nei primi mesi di un’invasione su vasta scala, un aumento dell’imposta sul reddito dei privati ​​pagata dai militari, a causa all’aumento del numero delle Forze Armate dell’Ucraina e dell’importo del loro sostegno finanziario,” – ha spiegato al Ministero delle Finanze. 

Il Dipartimento aggiunge che allo stesso tempo sono diminuite le entrate di alcune imposte, come l’imposta sul reddito delle società, il che si spiega con le azioni militari, anche nelle regioni industrialmente sviluppate.

Il Ministero delle Finanze sta sviluppando la Strategia nazionale delle entrate / ©
Il Ministero delle Finanze sta sviluppando la strategia nazionale delle entrate

Quali cambiamenti dobbiamo aspettarci?

Per quanto riguarda possibili modifiche fiscali, il servizio stampa del Ministero delle finanze dell’Ucraina rileva che, in conformità con gli accordi del governo ucraino con il FMI, sanciti nel Memorandum sulla politica economica e finanziaria tra l’Ucraina e il FMI del 24 marzo 2023, proseguono i lavori sulla strategia nazionale delle entrate .

Il Ministero delle Finanze ha il compito di sviluppare e presentare al Gabinetto dei Ministri dell’Ucraina un progetto di Strategia nazionale delle entrate per il periodo 2024-2030, in conformità con i seguenti principi di base:

  • garantire il raggiungimento del principio di giustizia nel periodo successivo alla cessazione o all’abolizione della legge marziale attraverso l’utilizzo del ruolo distributivo delle imposte;
  • garantire l’integrità della base imponibile e la sua graduale espansione nel periodo successivo alla cessazione o all’abolizione della legge marziale;
  • massimo ravvicinamento della legislazione fiscale e doganale ai requisiti delle norme internazionali e garanzia dell’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Ucraina alle organizzazioni internazionali;
  • garantire il rispetto del principio di integrità negli organi di controllo attraverso il miglioramento delle procedure amministrative fiscali e doganali;
  • impedire l’attuazione di condoni fiscali e l’introduzione di benefici fiscali economicamente irragionevoli, che in futuro non prevedono la garanzia della giustizia sociale o della crescita economica e dell’espansione della base imponibile.

“Si prevede che i lavori per la preparazione della strategia fiscale nazionale saranno completati entro la fine del 2023. Ulteriori modifiche alla legislazione fiscale saranno apportate in conformità con le misure definite dalla strategia fiscale nazionale”, ha dichiarato il Ministero delle Finanze. Conclusione della finanza dell’Ucraina. In precedenza il sito TSN.ua aveva riferito che dopo la guerra l’Ucraina rischia di trasformarsi in Mongolia: lo scienziato ha spiegato le minacce demografiche .

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles