0.5 C
Rome
martedì, Aprile 16, 2024

Tempesta in Russia dopo la decisione sul Medio Oriente. Parole scioccanti: è nazismo

Tempesta in Russia dopo la decisione sul Medio Oriente. Parole scioccanti: è nazismo. Questa volta per la posizione assunta dalla commissione riguardo al conflitto in Medio Oriente.

Tempesta in Russia dopo la decisione sul Medio Oriente.  I media russi, ex atleti e politici hanno ancora una volta criticato il Comitato Olimpico Internazionale. Questa volta per la posizione assunta dalla commissione riguardo al conflitto in Medio Oriente. Il CIO ha sottolineato che gli atleti non devono soffrire a causa delle azioni dei loro governi. – Se è così, riportiamo i nostri atleti alle competizioni. Se non lo faranno, sarà nazismo nella sua forma più pura, ha affermato la portavoce del Ministero degli Esteri russo Marija Zakharova.

Da diversi giorni è in corso un altro episodio del conflitto israelo-palestinese. Le vittime su entrambi i lati del conflitto ammontano a decine di migliaia, quasi la metà dei quali sono donne e bambini. Tuttavia, non c’è ancora fine al conflitto.

Le ostilità in Medio Oriente sono state criticate dal Comitato Olimpico Internazionale. Allo stesso tempo, ha sottolineato che non intende discriminare o punire gli atleti per le azioni dei loro governi. “I concorrenti non possono essere ritenuti responsabili per questo. Inoltre, il CIO aderisce alla filosofia della responsabilità individuale per le infrazioni”, ha detto recentemente un portavoce del CIO.

“Non possiamo permettere che la politica divisiva in tutto il mondo determini chi può e chi non può competere nelle competizioni sportive. Se la politica prende il controllo, garantiremo che nelle competizioni sportive competano solo gli atleti che la pensano allo stesso modo e hanno convinzioni simili”, ha aggiunto.

Queste parole hanno avuto ampia risonanza in Russia . Ricordiamo che gli atleti russi e bielorussi sono stati esclusi dalle competizioni internazionali dall’inizio della guerra in Ucraina, cioè dal febbraio dello scorso anno. Anche se il CIO ha raccomandato il ritorno degli atleti da questi paesi a marzo , la situazione per ora non è cambiata e tutto indica che russi e bielorussi non saranno presenti alle Olimpiadi di Parigi del prossimo anno. 

I russi hanno messo le mani su un’arma pericolosa? Bombe a vela per colpire l’Ucraina

I russi criticano pesantemente il CIO

– Questa è ipocrisia e bugia nella sua forma più pura. Si tratta di una doppiezza così imbarazzante che è difficile commentarla. Russi e bielorussi devono soffrire, ma tali regole non valgono per tutti. È ridicolo, ha detto il famoso commentatore russo Dmitry Guberniev.

 Il CIO sostiene solo gli atleti provenienti da paesi che sono sotto la protezione degli Stati Uniti. Il CIO ha espresso il timore che le idee del movimento olimpico falliscano, ma posso rassicurarli. Sono caduti molto tempo fa a causa della loro ipocrisia. Questo è uno scandalo, ha aggiunto il vice primo ministro russo Dmitry Chernyshenko.

– Gli atleti israeliani non possono soffrire per ciò che sta facendo il loro governo. Hanno trattato i giocatori russi in modo completamente diverso. Grandi doppi standard, ha commentato l’ex pattinatrice Svetlana Zhurova. – Mi chiedo come ce lo spiegheranno i capi del CIO. Nessuna persona ragionevole lo capirà. Questa è pura russofobia. A loro semplicemente non piace ciò che è russo e bielorusso, ha aggiunto Dmitry Svishchev, presidente del comitato per la cultura fisica e lo sport della Duma russa.

– La posizione assunta dal CIO lo obbliga a riportare alle competizioni gli atleti russi e bielorussi. Gli standard scelti dal CIO non possono applicarsi solo ai paesi selezionati dal comitato. Se non saremo reintegrati, sarà il nazismo nella sua forma più pura, ha concluso la portavoce del Ministero degli affari esteri russo, Marija Zakharova.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles