-7.5 C
Rome
mercoledì, Novembre 29, 2023

Il numero di bambini che vivono sotto il fuoco costante dell’esercito di Putin è scioccante: ciò che mantiene gli ucraini nelle città distrutte

Il numero di bambini che vivono sotto il fuoco costante dell’esercito di Putin è scioccante: ciò che mantiene gli ucraini nelle città distrutte

Lo psicologo ha spiegato perché gli adulti si rifiutano di partire e come convincerli. Centinaia di civili rimangono nelle zone di guerra e nelle città in prima linea nonostante il pericolo costante. A causa del gran numero di bambini che vivono sotto i bombardamenti, le autorità locali di alcune regioni sono state costrette a dichiarare un’evacuazione forzata nell’ottobre 2023. 

Perché le persone hanno paura di recarsi in un territorio più o meno sicuro e come convincerle a lasciare la zona di combattimento, ha detto in un commento al TSN Olha Litvinova, candidata in scienze psicologiche, psicologa della ONG “Confidence Psychological Assistance Center” . sito web.ua

Quanti bambini vivono nella zona di guerra

L’esercito russo bombarda le città di tutta l’Ucraina da oltre un anno e mezzo. Tuttavia, in alcune zone vicine alla linea del fronte, si sentono esplosioni quasi 24 ore al giorno. Inoltre, le città e i villaggi in prima linea spesso mancano di acqua, elettricità e gas, e in inverno non c’è nemmeno il riscaldamento.

Regione di Cherson

I piccoli residenti di Kherson soffrono a causa della guerra. Secondo gli ultimi dati, 5.500 bambini vivono sotto continui bombardamenti . Il 24 ottobre, il governo ha annunciato l’allontanamento forzato dei bambini da tre distretti della regione di Kherson a causa di un aumento significativo dei bombardamenti di artiglieria e degli attacchi aerei. 

L’evacuazione forzata non significa che i bambini vengano portati via. Dovranno essere accompagnati da almeno un genitore o tutore legale. I volontari dicono che la cosa più difficile è convincerli ad accettare e portare con sé i bambini.

Figlia

All’inizio di ottobre , nella regione di Donetsk erano rimasti 40.576 bambini . La maggior parte di loro vive in insediamenti relativamente lontani dal fronte. L’evacuazione forzata è iniziata il 7 aprile. Durante questo periodo si sono verificati casi di bambini nascosti . In particolare, a Bakhmut, gli adulti che non volevano uscire hanno nascosto i propri figli ad altri indirizzi in modo che le autorità non potessero evacuarli.

Foto: Polizia nazionale nella regione di Donetsk / ©
Foto: Polizia nazionale nella regione di Donetsk

Regione di Charkiv

Nelle città e nei villaggi della regione di Kharkiv, che si trovano più vicini alla linea del fronte, sta diventando sempre più pericoloso. I bombardamenti non si fermano. Inoltre permane un elevato pericolo di mine. A ottobre, le autorità locali hanno annunciato l’evacuazione forzata dei bambini da 10 insediamenti delle comunità di Kupyanska, Kindrashivska e Kurylivska. Ci sono un totale di 275 bambini .

Zaporizhzhia

L’evacuazione forzata a Zaporizhzhia è terminata in ottobre. Erano rimasti 59 bambini negli insediamenti in prima linea dei distretti di Pologiv e Vasyliv, che gli occupanti bombardano ogni giorno . Tutti i minorenni sono stati portati via. Tuttavia, alcune famiglie hanno dovuto essere portate via più volte perché continuavano a tornare . Molto spesso, per sorvegliare l’ambiente circostante e raccogliere in giardino.

Il numero di adulti che rimangono nella zona di combattimento e nei territori del fronte è molto maggiore. Ad esempio, circa 1.600 civili vivono solo ad Avdiivka, nella regione di Donetsk, per la quale sono in corso i combattimenti . A causa dei continui bombardamenti, la fornitura di cibo e aiuti umanitari è stata interrotta.

Perché le persone rimangono nella zona di guerra

Candidata in scienze psicologiche, psicologa della ONG “Centro di assistenza psicologica della fiducia” Olga Litvinova ha detto in un commento sul sito TSN.ua che lasciare la propria casa, dove sei nato, dove hai costruito la tua vita e i tuoi progetti, è un passo molto difficile . tutte le persone possono farlo, lui immediatamente.

“A chi ha investito molto sembra che, se lo lasciano, non avranno più nulla . Queste sono persone per le quali l’attaccamento ai valori materiali è più importante. E c’è chi capisce: la guerra è un pericolo per la vita e l’importante è salvare te stesso e i tuoi figli, perché questi sono i valori principali. Ma per questo bisogna avere un certo coraggio”, dice Olga Litvinova.

Chi resta in zona di guerra e vive in pericolo ha sicuramente paura, spiega lo psicologo. Allo stesso tempo, hanno paura di ciò che accadrà dopo.

” Chi ha bisogno di me? Cosa mi aspetta al di fuori della mia solita vita, anche se così pericolosa? Le persone che se ne vanno dovrebbero capire che nella maggior parte dei casi dobbiamo fare affidamento su noi stessi, sulla nostra esperienza, capacità e conoscenza. Naturalmente ci aspettiamo che saremo aiutati, che qualcuno ci dia una mano. Ma comunque non sarà più una vita normale”, ha detto Olga Litvinova.

Perché hai bisogno di lasciare la zona di guerra?

La psicologa dice che lei stessa è diventata migrante nel 2014, quindi sa quanto sia difficile prendere la decisione di partire. Tuttavia, esorta le persone che sono ancora in pericolo a considerare che sono in costante pericolo di vita e di salute per se stesse e per i loro figli.

“Quando l’aereo perde il controllo, dobbiamo mettere la maschera di salvataggio prima su noi stessi, e poi sul bambino: se ti succede qualcosa, tuo figlio non sopravviverà. È importante ricordare questa metafora per gli adulti che si aggrappano alle cose materiali”, dice Olga Litvinova.

Secondo lo psicologo, la psiche umana è molto adattiva. Pertanto, presumibilmente, le esplosioni continue stanno diventando comuni . Tuttavia, la vigilanza è persa. 

Vladimir Putin ha reagito alle rivolte in Daghestan. “Stanno cercando di incitare ai pogrom in Russia”

“La gente pensa che sia già passato un anno e che non sia successo niente del genere. Esauriscono il loro sistema nervoso, il che rappresenta una minaccia per la loro salute fisica e mentale. Anche se oggi non se ne accorgono, dopo un po’ compaiono reazioni ritardate allo stress cronico . La salute può peggiorare, le malattie croniche possono peggiorare. Ci saranno segni di aggressività, passività, pensieri ossessivi, cattivo sonno. In altre parole, la situazione potrebbe peggiorare”, dice Olga Litvinova.

Lo psicologo ha aggiunto che in condizioni così pericolose i bambini vedono case distrutte, sentono esplosioni costanti, non possono vivere e studiare pienamente.

“Non hanno il tipo di infanzia che si può avere in territori più o meno sicuri. Quindi gli adulti devono pensarci. La prima cosa che dicono le persone che vengono: non riesco ad abituarmi al silenzio, perché qui non ci sono esplosioni tutti i giorni. Questo è una sorta di stress per loro, ascoltano anche ogni volta. Dovrebbe esserci un sostegno psicologico immediato che permetta di adattarsi a una nuova situazione di vita”, ha detto Olga Litvinova.

Evacuazione / © Associated Press
Evacuazione / Foto: Associated Press

Come convincere a lasciare la zona di guerra

Lo psicologo dice che se lo Stato annuncia l’evacuazione forzata delle famiglie con bambini, e i genitori o i tutori continuano a rifiutarsi, dovrebbero capire che stanno infrangendo la legge . Cioè, si rifiutano di prendersi cura della sicurezza del proprio figlio.

“Se non ci sarà un’evacuazione forzata, dobbiamo comunque dire che hai il diritto di scegliere e di restare qui. Darei a una persona l’opportunità di pensare, raccogliere argomenti . Cosa ti darà se rimani qui? E cosa perderai se rimani qui? E se vai? Pensiamo”, dice Olga Litvinova.

Tuttavia, ci sono situazioni in cui le decisioni devono essere prese molto rapidamente. Allora vale la pena dire che lo spostamento è temporaneo e necessario per la vostra sicurezza, spiega lo psicologo.

“Dovreste prendervi cura dei vostri figli e della vostra salute. Questa è una storia molto difficile. Dobbiamo vedere cosa è importante per ogni persona , ogni persona è individuale. Nel momento della paura “dove vivrò?” dobbiamo invece dare qualcosa alla persona”, dice Olga Litvinova.

Lo psicologo dice che l’uscita degli anziani dalle loro case può essere paragonata a un albero sradicato: non è chiaro se metterà radici e dove verrà piantato. 

“Se hanno dei figli, dei nipoti che potranno prendersi cura di loro, bisogna chiedere, persuadere, convincere. È più difficile con le persone sole, possono dire: sarà, come sarà, ho già vissuto la mia vita e voglio morire a casa mia. E anche loro non hanno paura delle esplosioni, perché ci sono abituati. È strano, ma se non avviene l’evacuazione forzata, è una loro scelta “, dice Olga Litvinova.

Zona di combattimento: elenco dei territori

L’elenco dei territori della zona di combattimento è stato approvato nel dicembre 2022 e viene periodicamente aggiornato . Le modifiche vengono apportate in accordo con il Ministero della Difesa sulla base delle proposte delle competenti amministrazioni militari regionali e della città di Kiev.

I territori nell’elenco sono suddivisi in diverse categorie:

  • territori occupati dalla Russia;
  • territori su cui sono (sono state) condotte le ostilità.

Il secondo punto è suddiviso in aree di ostilità possibili e attive .

Le ultime modifiche all’elenco sono state apportate il 17 agosto 2023 con ordinanza del Ministero della Reintegrazione n. 224. I territori di possibili ostilità includono i seguenti insediamenti:

  • Regione di Dnipropetrovsk: 6 comunità del distretto di Nikopol, 1 comunità del distretto di Kryvorizka, 4 comunità del distretto di Synelnykiv.
  • Regione di Donetsk: 11 comunità del distretto di Pokrovsk, 13 comunità del distretto di Volnova e 12 comunità del distretto di Kramatorsk.
  • Regione di Mykolaiv: 8 comunità del distretto di Bashtan, 5 comunità del distretto di Voznesen, 12 comunità del distretto di Mykolaiv.
  • Regione di Sumy: 2 comunità del distretto di Okhtyr, 8 comunità del distretto di Sumy, 5 comunità del distretto di Shostky e 1 comunità del distretto di Konotop.
  • Regione di Kherson: 32 comunità del distretto di Beryslav, 12 comunità del distretto di Kherson, 2 comunità del distretto di Kakhovsky.

L’elenco completo dei territori può essere trovato qui .

Sul canale YouTube di TSN, puoi guardare il video

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles