Scene drammatiche in un aeroporto in Russia. La folla ha cercato i passeggeri del volo proveniente da Israele, più di 20 feriti

Scene drammatiche in un aeroporto in Russia. La folla ha cercato i passeggeri del volo proveniente da Israele, più di 20 feriti

Scene drammatiche in un aeroporto in Russia. 20 persone sono rimaste ferite negli scontri all’aeroporto di Makhachkala, capitale del Daghestan russo. Domenica sera una folla ha preso d’assalto l’asfalto e gli edifici alla ricerca dei passeggeri di un volo proveniente da Israele. Gli Stati Uniti hanno condannato la tempesta, definendola una “protesta antisemita”.

“La situazione è sotto controllo, i servizi sono sul posto”, hanno detto le autorità del Daghestan nella notte tra domenica e lunedì. Le registrazioni pubblicate sui social media mostrano un folto gruppo di uomini che ha preso il controllo dell’aeroporto della capitale della repubblica russa, Makhachkala, e ha circondato uno degli aerei. Alcuni di loro portavano bandiere palestinesi.”Chiediamo a tutti di fermare le attività illegali”,  ha lanciato un appello il governo del Daghestan . Il Daghestan è una repubblica autonoma che fa parte della Federazione Russa. La maggioranza dei suoi abitanti sono musulmani.

A seguito degli scontri, circa 20 persone sono rimaste ferite e i servizi hanno arrestato 60 partecipanti alla ” caccia “. Sul posto era presente la guardia nazionale russa. L’aeroporto è stato chiuso e gli aerei previsti per atterrare in Daghestan sono stati dirottati. L’agenzia russa per il trasporto aereo ha affermato che “persone non autorizzate” erano già state allontanate dall’aeroporto. Reuters riferisce che i passeggeri dell’aereo erano salvi.

Il governo del Daghestan ha annunciato lunedì mattina il rafforzamento delle misure di sicurezza in tutta la repubblica, abitata da circa 3 milioni di persone. Sergei Melikov, leader del Daghestan, ha affermato che l’incidente costituisce una grave violazione della legge, anche se il popolo del Daghestan “simpatizza con la sofferenza delle vittime delle azioni di persone e politici ingiusti e prega per la pace in Palestina”. 

La ricerca di Grzegorz Borys. Ci sono accuse a carico del 19enne autore della segnalazione sospetta

Il governo israeliano ha dichiarato che sta monitorando da vicino i tentativi di attacchi contro cittadini israeliani ed ebrei in tutto il mondo. “Israele si aspetta che le autorità russe garantiscano la sicurezza dei cittadini israeliani e degli ebrei ovunque si trovino e intraprendano un’azione decisiva contro i rivoltosi”, ha affermato il governo in una nota .

Gli Stati Uniti hanno condannato l’incidente antisemita in Daghestan

Adrienne Watson, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha commentato gli scontri all’aeroporto del Daghestan. “Gli Stati Uniti condannano fermamente le proteste antisemite in Daghestan, in Russia. Gli Stati Uniti sostengono inequivocabilmente l’intera comunità ebraica di fronte all’aumento mondiale dell’antisemitismo. Non c’è mai una scusa per l’antisemitismo”, Watson ha scritto su Twitter [ora su Platform X].

L’aviazione e l’artiglieria israeliane bombardano costantemente la Striscia di Gaza. I soldati stanno combattendo contro i membri dell’organizzazione Hamas a est della città di Khan Yunis, nella parte meridionale della Striscia. Secondo i media palestinesi, le forze aeree israeliane attaccano l’area intorno agli ospedali Shifa e Al-Quds a Gaza City. La Mezzaluna Rossa palestinese ha riferito che le autorità israeliane hanno chiesto l’immediata evacuazione dell’ospedale Al-Quds, dove hanno trovato rifugio circa 14.000 persone. La parte israeliana accusa Hamas di collocare centri di comando e infrastrutture militari negli ospedali. Hamas lo nega. 

Né l’esercito israeliano né Hamas forniscono informazioni sull’andamento dei combattimenti. I telefoni e Internet hanno ripreso a funzionare domenica nella Striscia di Gaza, dopo essere stati spenti venerdì sera. Tuttavia, la società di telecomunicazioni Paltel ha riferito che, a seguito degli attacchi israeliani, Internet e i telefoni hanno smesso di funzionare nella parte settentrionale della Striscia, dove dovrebbero essere ubicati i centri di comando di Hamas . La mancanza di comunicazione ostacola il funzionamento dei servizi di soccorso.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles