22.3 C
Rome
sabato, Luglio 20, 2024

Rzeszów. I medici hanno svegliato Nadia, una bambina di quattro mesi, dal coma. Stanno parlando di trattative

Rzeszów. I medici hanno svegliato Nadia, una bambina di quattro mesi, dal coma. Stanno parlando di trattative

Nadia, di quattro mesi, è stata portata all’ospedale di Rzeszów con segni di violenza. Secondo le ultime informazioni fornite dal portale Rzeszów News, la ragazza si è svegliata da un coma farmacologico. Tomasz Warchoł, portavoce dell’Ospedale Clinico Provinciale n. 2 di Rzeszów , ha informato i giornalisti del risveglio della ragazza . – Nadia intraprende attività della vita e risponde agli stimoli esterni – ha detto ai giornalisti. Ha anche detto che la prognosi per ulteriori cure era buona e che Nadia sarebbe stata trasferita nel reparto di neurologia.

I medici hanno svegliato Nadia, una bambina di quattro mesi, dal coma. La bimba è stata portata in ospedale in gravi condizioni

A causa delle gravi condizioni in cui la ragazza era stata portata in ospedale, i medici hanno deciso di metterla in coma farmacologico. Secondo le ultime informazioni fornite dal portale Rzeszów News  , la ragazza si è svegliata lunedì ( 30 ottobre ) mattina.

Come abbiamo informato, giovedì 19 ottobre Nadia è stata ricoverata nell’ospedale di Rzeszów . È stata trasportata lì da un ospedale specializzato a Jasło, dove sua madre l’ha denunciata. I medici hanno diagnosticato alla ragazza la sindrome del bambino maltrattato. – Aveva braccia e gambe rotte. Ha subito un intervento chirurgico ed è stata poi portata al reparto neurologico a causa di ferite alla testa. Attualmente si trova nel reparto di terapia intensiva. – disse allora il portavoce dell’ospedale. Ha inoltre affermato che la ragazza era “iperattiva e ansiosa”.

Il trattamento di Nadia, di quattro mesi, è in corso. Denunciati i genitori della bimba

Le condizioni in cui la ragazza è stata portata all’ospedale di Jasło hanno spinto i medici ad allertare immediatamente la polizia. I genitori di Nadia, Magdalena K. e Artur K., sono stati arrestati e portati in custodia, dove sono stati accusati di aver usato violenza contro la bambina e di avergli causato lesioni. Entrambi hanno fornito spiegazioni durante l’udienza in Procura. – L’uomo non ha confessato il presunto atto, la madre ha parzialmente confessato – ha informato i media Katarzyna Skrudlik-Rączka, sostituto procuratore distrettuale di Jasło.

Collaboratore polacco di tre papi con gravi accuse. Presumibilmente avrebbe abusato sessualmente di bambini

Pochi giorni prima del ricovero della ragazza in ospedale , la famiglia ha attivato la procedura della Carta Blu. Magdalena K. ha poi denunciato le violenze che il suo compagno avrebbe commesso contro di lei. Lei però ha negato quando le è stato chiesto se anche Nadia fosse una vittima. Il 13 ottobre la donna e il bambino si sono trasferiti dalla madre.

Magdalena K. e Artur K. furono imprigionati per tre mesi. L’ufficio del pubblico ministero ha affermato che la modifica delle accuse contro di loro dipenderà dalle ulteriori condizioni di salute della ragazza e dai progressi delle cure. Secondo il codice penale, gli accusati di abusi sui minori rischiano da sei mesi a otto anni di carcere.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles