25.6 C
Rome
domenica, Giugno 23, 2024

Russia fascista: i pogrom all’aeroporto di Makhachkala sono solo l’inizio, e perché non si tratta solo della guerra di Israele contro Hamas

Russia fascista: i pogrom all’aeroporto di Makhachkala sono solo l’inizio, e perché non si tratta solo della guerra di Israele contro Hamas

Russia fascista: Finché continuerà la fase accesa dell’operazione militare israeliana contro Hamas, Makhachkala nel Daghestan musulmano sarà un esempio dell’antisemitismo russo. Domenica sera, 29 ottobre, fino a 1.500 cittadini daghestani infuriati, alcuni dei quali portavano bandiere palestinesi, hanno sequestrato l’aeroporto di Makhachkala alla ricerca di ebrei che presumibilmente erano arrivati ​​in aereo da Israele. I manifestanti hanno fatto irruzione nella zona di frontiera doganale dell’aeroporto e sono addirittura corsi sulla pista.

Naturalmente, la folla inferocita non ha trovato gli ebrei all’aeroporto, e il filmato di uno degli uomini che guardava addirittura nel motore dell’aereo, come se qualcuno potesse nascondersi lì, è circolato sui media, diventando occasione per numerosi meme. I passeggeri del volo arrivato da Dubai hanno dovuto rimanere sull’aereo per più di 5 ore finché l’aeroporto non è stato sgomberato dai manifestanti. I passeggeri di un autobus in partenza dall’aeroporto di Makhachkala hanno mostrato alla folla anche i loro passaporti, e una donna ha detto di essere stata in Israele con i suoi figli per cure, apparentemente grazie all'”eccellente” medicina russa. E nel “vero” aereo da Tel Aviv c’erano ben quattro cittadini israeliani, tutti gli altri erano russi.

La mattina di lunedì 30 ottobre sono state arrestate 60 persone, 9 agenti delle forze dell’ordine sono rimasti feriti, due di loro sono ricoverati in ospedale. Più di 20 persone sono rimaste ferite. Il resort riprenderà pienamente la sua attività tra pochi giorni. Il capo del Daghestan, Serhii Melikov, ha affermato che “il perdono non sarà concesso a nessuno”, incolpando di tutto “i traditori e il popolo di Bandera”. Il ministero degli Esteri israeliano e Benjamin Netanyahu hanno personalmente invitato Mosca a garantire la sicurezza degli ebrei in Russia. Tuttavia, il problema, come si è scoperto, è molto più profondo.

Ciò che effettivamente segnalano gli eventi di Makhachkala, leggi nell’articolo di TSN.ua.

L’antisemitismo non è un fenomeno nuovo per la Russia. Fu coltivato attivamente nell’URSS dopo la seconda guerra mondiale insieme allo sciovinismo. Dopo il crollo dello “scoop”, Mosca non ha mai aderito alla Giornata internazionale della memoria dell’Olocausto, e la propaganda russa ha utilizzato questo argomento piuttosto per rafforzare la narrativa sull'”eroismo” dell’Armata Rossa. Non si può dire che politici israeliani esperti come Benjamin Netanyahu non ne fossero consapevoli. Tuttavia, durante la campagna per le elezioni parlamentari in Israele lo scorso autunno, Bibi ha addirittura messo i suoi consigli con Putin in tutto il paese, perché credeva che il Cremlino avesse influenza sulla Siria e sui rimpatriati dalla Russia.

Tuttavia, il 7 ottobre, quando i militanti di Hamas hanno effettuato il loro sanguinoso attacco contro Israele, e la Russia si era già apertamente schierata con questi terroristi, la maschera è stata parzialmente rimossa. Soprattutto dopo la prima visita straniera dei membri del Politburo di Hamas a Mosca la settimana scorsa. Ufficialmente – per un incontro con diplomatici russi. Tuttavia, potrebbero incontrarsi in modo non ufficiale con la massima leadership politica e militare russa. Israele ha fortemente protestato e ha addirittura convocato sul tappeto l’ambasciatore russo. Tuttavia, ciò non ha cambiato la posizione ufficiale di Mosca: il Cremlino ha dichiarato che dovrebbe mantenere i contatti con tutte le parti in conflitto.

Per gli ucraini non c’è nulla di sorprendente nel fatto che uno stato terrorista sostenga i terroristi di Hamas. Tuttavia, per la stessa Russia, il suo radicato antisemitismo e sciovinismo potrebbe essere solo una bomba a orologeria. Forse l’ulteriore sviluppo degli eventi intorno a Makhachkala dimostrerà il contrario, ma per ora possiamo dire che il 29 ottobre la verticale e la propaganda russa si sono comportate in modo piuttosto confuso. Le loro azioni assomigliavano al loro stesso stupore durante la “marcia” di Prigozhin nel giugno di quest’anno, quando i “Wagneriani” si fermarono a 200 km da Mosca.

Chi va nella foresta, chi prende la legna da ardere. Così si può descrivere l’azione delle autorità centrali russe la sera del 29 ottobre. Alcune pubblicazioni russe hanno scritto che la folla che ha preso d’assalto l’aeroporto di Makhachkala sarebbe stata coordinata da un canale Telegram collegato all’Ucraina. Altri hanno attribuito l’accaduto direttamente a Volodymyr Zelenskyi, che molto giustamente ha aggiunto sulla piattaforma X che “questo fa parte della cultura dell’odio verso gli altri popoli diffusa in Russia, promossa dalla televisione statale, dagli esperti e dalle autorità”.

In effetti, il presidente dell’Ucraina ha ragione. Solo nell’ultimo anno la leadership russa ha rilasciato una serie di dichiarazioni offensive contro gli ebrei. Ad esempio, il ministro degli Esteri Serhiy Lavrov nel gennaio di quest’anno ha paragonato gli alleati statunitensi ed europei che sostengono l’Ucraina alle azioni di Hitler contro gli ebrei, equiparando questi ultimi ai russi. E nel giugno di quest’anno, Putin ha definito personalmente Zelenskyj “una vergogna per il popolo ebraico”, facendo appello ai “neo-nazisti – seguaci di Hitler” in Ucraina.

I neonazisti o i fascisti spettrali in Ucraina non sono qualcosa di nuovo per la propaganda russa. Mosca utilizza attivamente questa tesi per confrontare le azioni aggressive del suo esercito con gli anni della Seconda Guerra Mondiale, facendo appello alla tesi “alzatevi, un grande paese”. Tuttavia, qualcos’altro è interessante nel caso di Makhachkala.

Prima di tutto, la maggior parte dei morti nella guerra contro l’Ucraina provenivano dalle repubbliche nazionali russe: Buriazia, Daghestan, Tyva (patria del ministro degli Esteri russo Sergei Shoigu) e altre. Ma questo non è un motivo di protesta da parte della popolazione locale. La regione musulmana è più preoccupata per gli ebrei fittizi che presumibilmente volarono da Israele alla repubblica.

In secondo luogo, gli eventi di Makhachkala hanno dimostrato che una folla disarmata può facilmente impadronirsi di un aeroporto – un oggetto strategico – al grido di “Allahu Akbar”. Sebbene la propaganda russa promuova la tesi secondo cui quella sera non c’era la leadership della repubblica, di cui hanno approfittato i nemici esterni della Russia, l’amara verità per Mosca è che, a differenza dei “wagneriani” di giugno, non avevano nemmeno armi leggere , già per non parlare dei veicoli corazzati, ecc.

Solo verso mezzogiorno di lunedì 30 ottobre il Cremlino si è svegliato. L’addetto stampa di Putin, Dmytro Peskov, ha affermato che “gli eventi di Makhachkala sono il risultato di un intervento esterno, tenendo conto dell’influenza informativa”. Inoltre, lunedì sera, 30 ottobre, Putin dovrebbe ascoltare il primo ministro Mishustin, Lavrov, il vicesegretario Rabeza Medvedev e i capi di tutte le agenzie di sicurezza. 

Tuttavia, già a livello centrale, tutto ciò viene presentato come un tentativo da parte dei servizi speciali stranieri di destabilizzare la situazione all’interno del Paese, utilizzando il fattore religioso. Naturalmente, da un punto di vista informativo, è più facile che ammettere onestamente che tutto ciò è diventato possibile grazie alla coltivazione di lunga data dell’antisemitismo in Russia e alla solidarietà con il terrorista Hamas.

È anche interessante notare che il capo della Cecenia, Ramzan Kadyrov, che si posiziona come il principale musulmano della Russia, tace ancora. Il fatto è che le ultime decisioni di Putin, come il trasferimento a Kadyrov di armi pesanti e attrezzature di difesa aerea precedentemente di proprietà di “Wagner”, testimoniano l’ulteriore rafforzamento dei legami di Putin con Kadyrov. Soprattutto alla luce dello scandaloso incidente con il figlio quindicenne di Kadyrov, Adam. 

Antoni Macierewicz: Se cade il governo del PiS, ci sarà il rischio di una guerra mondiale

TSN.ua ha scritto che lo stesso capo della Cecenia ha pubblicato un video in cui Adam picchia Mykyta Zhuravel, una diciannovenne originaria della Crimea occupata accusata di aver bruciato il Corano. “Don-don” ha detto di essere orgoglioso del gesto di suo figlio, anche se non tutti a Mosca l’hanno presa bene, così come il fatto che i capi del Tatarstan e della Karachay-Circassia hanno successivamente premiato Adam Kadyrov per lo sviluppo dell’interetnia e unità interregionale e rafforzamento dei valori islamici tradizionali.

Tuttavia, secondo l’Istituto statunitense per lo studio della guerra (ISW), lo stesso Kadyrov trova sempre più difficile trovare un equilibrio tra l’appello agli elettori musulmani e il mantenimento del favore del Cremlino. Inoltre, secondo l’ISW, la decisione di Kadyrov di formare il battaglione di volontari “Sheikh Mansur” ha suscitato l’indignazione degli ultranazionalisti russi. Il fatto è che Sheikh Mansur era un combattente ceceno del XVIII secolo che si oppose all’occupazione della Cecenia da parte dell’Impero russo.

Come possiamo vedere, gli eventi nel Caucaso sono lungi dall’essere finiti e non si limiteranno ai pogrom all’aeroporto di Makhachkala finché continuerà l’attiva operazione militare di Israele contro il terrorista Hamas. Ciò è particolarmente pericoloso per Putin alla vigilia delle sue “elezioni” presidenziali del 17 marzo 2024. I disordini inutili nelle repubbliche nazionali non sono affatto nel suo interesse. Ecco perché il Cremlino stringerà ancora di più le viti utilizzando l’unità di potenza.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles