8.7 C
Rome
domenica, Dicembre 10, 2023

“Pogrom” ebraici in Russia: tutto quello che si sa sulle rivolte di massa nel Paese (foto, video)

“Pogrom” ebraici in Russia: tutto quello che si sa sulle rivolte di massa nel Paese. Domenica 29 ottobre si sono svolte azioni anti-israeliane nel territorio

“Pogrom” ebraici in Russia: La Russia ha ingiustamente accusato l’Ucraina delle rivolte di massa in Daghestan. Domenica 29 ottobre si sono svolte azioni anti-israeliane nel territorio del Distretto Federale del Caucaso settentrionale della Federazione Russa, dove vivono molti musulmani. I russi iniziarono a chiedere lo sfratto degli ebrei dal paese e il divieto di ingresso ai cittadini israeliani.  Cosa sta succedendo nella Federazione Russa dalla mattina del 30 ottobre, qual è la situazione in Daghestan e chi è responsabile delle proteste da parte del governo russo.

Contenuto

  1. Dove hanno avuto luogo le proteste antisemite
  2. I manifestanti hanno sequestrato l’aeroporto di Makhachkala
  3. A seguito di rivolte di massa all’aeroporto della capitale del Daghestan, le persone sono rimaste ferite
  4. In Russia, l’Ucraina è accusata delle rivolte anti-israeliane

“Pogrom” ebraici in Russia: Dove hanno avuto luogo le proteste antisemite Azioni radicali furono registrate in Daghestan, Cabardino-Balcaria e Karachay-Circassia. Secondo la comunità di intelligence internazionale InformNapalm, nella città di Nalchik, capitale della Cabardino-Balcaria, sconosciuti hanno appiccato il fuoco a un centro culturale ebraico incompiuto e hanno scritto “morte agli ebrei” (“yahud” in arabo “ebreo” ) sul muro.

E a Karachay-Circassia si è tenuto un incontro di massa con gli appelli per espellere tutti gli ebrei dalla regione. Circa 500 persone si sono radunate davanti al palazzo del governo. Hanno lanciato un appello alle autorità affinché non permettano ai profughi israeliani che fuggono dalla guerra di entrare nelle loro case. E poi iniziarono a chiedere l’espulsione di tutti gli ebrei dalla repubblica.

La situazione più difficile è in Daghestan. Lì, persone dalla mentalità radicale presero l’aeroporto internazionale, organizzarono pogrom alla ricerca di ebrei. Di conseguenza, le persone sono rimaste ferite: civili e agenti delle forze dell’ordine.

Rivolte anti-israeliane nel Daghestan russo / ©
Rivolte anti-israeliane nel Daghestan russo

I manifestanti hanno sequestrato l’aeroporto di Makhachkala

Domenica 29 ottobre, persone aggressive hanno rotto la recinzione dell’aeroporto della capitale del Daghestan, Makhachkala, e hanno fatto irruzione nel terminal. Là stavano aspettando il volo da Tel Aviv, sul quale sarebbero dovuti arrivare i rifugiati. Sventolavano bandiere palestinesi e gridavano slogan antisemiti.

Grzegorz Borys è vivo? Un famoso profiler disegna uno scenario e presta attenzione a “una parola”

Più tardi, persone aggressive corsero all’aerodromo e iniziarono a controllare tutti gli aerei. Hanno scosso le auto della polizia e si sono comportati in modo estremamente provocatorio. Dopo qualche tempo, all’aeroporto furono chiamate le forze speciali. La folla inferocita è stata spinta fuori pista. Sono anche riusciti a far uscire quasi tutti dall’edificio dell’aeroporto e portarli nella piazza, dove hanno tenuto una manifestazione anti-israeliana. A causa dei disordini, Rosaviatsia ha annunciato la chiusura temporanea dell’aeroporto di Makhachkala per “infiltrazione di sconosciuti”.

A seguito di rivolte di massa all’aeroporto della capitale del Daghestan, le persone sono rimaste ferite

Secondo i propagandisti, più di 20 persone sono rimaste ferite all’aeroporto del Daghestan durante le azioni contro gli israeliani Come riferito dal Ministero della Salute della repubblica, le vittime sono rimaste ferite, si sta determinando la loro gravità. Il dipartimento ha chiarito che  a seguito degli scontri all’aeroporto di Makhachkala ci sono vittime tra poliziotti e civili, 10 persone sono ricoverate in ospedale, 2 sono in condizioni estremamente gravi. 

Durante le proteste, l’aeroporto di Makhachkala ha sofferto parecchio: i magazzini sono stati distrutti, i negozi sono stati saccheggiati. Vengono rotti o rubati gli apparecchi d’ufficio e quelli dei padiglioni commerciali e delle gallerie, nonché i computer e i registratori di cassa. Il capo della regione Melikov ha affermato che l’intera funzionalità dell’aeroporto di Makhachkala sarà ripristinata entro 2-3 giorni. Dalla mattina del 30 ottobre l’aeroporto è sotto il controllo delle forze dell’ordine. 

In Russia, l’Ucraina è accusata delle rivolte anti-israeliane

La Russia ha ingiustamente accusato l’Ucraina delle rivolte di massa in Daghestan. Il capo della regione Melikov ha affermato che le azioni di protesta all’aeroporto di Makhachkala sarebbero state “controllate” dal territorio dell’Ucraina. Quali fatti potrebbero testimoniarlo, ovviamente non lo ha fornito.I propagandisti russi, citando il Ministero degli Interni, hanno riferito che più di 150 manifestanti hanno preso parte agli scontri, 60 dei quali sono già stati arrestati dalla polizia. La direzione del comitato investigativo della Federazione Russa in Daghestan ha avviato un procedimento penale ai sensi dell’articolo sulle rivolte di massa. 

“Il capo del comitato investigativo della Russia ha incaricato il capo del servizio di sicurezza statale della Russia nella Repubblica del Daghestan, D. V. Belyaev, di stabilire tutte le circostanze del crimine, i suoi partecipanti e organizzatori, fornendo una valutazione giuridica completa delle loro azioni “L’andamento e i risultati dell’indagine sono stati messi sotto controllo nell’apparato centrale del dipartimento”, si legge nel messaggio.  Ricordiamo quello che è successo all’interno dell’aereo quando sono scoppiati i disordini all’aeroporto della capitale del Daghestan .

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles