19.6 C
Rome
mercoledì, Maggio 29, 2024

Grzegorz Borys è vivo? Un famoso profiler disegna uno scenario e presta attenzione a “una parola”

Grzegorz Borys è vivo? Un famoso profiler disegna uno scenario e presta attenzione a “una parola”

Proseguono le ricerche di Grzegorz Borys, sospettato dell’omicidio del figlio di sei anni. Il caso viene analizzato da uno dei profiler più famosi della Polonia su tokfm.pl. – Si prega di prestare attenzione alla parola “scusa” nella lettera, che può indicare un senso di colpa. Subito dopo si parla di “bestie”, che io leggo come uno scaricamento della colpa sull’ambiente circostante. Il ragazzo vede di aver commesso un atto bestiale, ma non vuole solo che venga riconosciuto come una bestia – dice Jan Gołębiowski.

È in corso una caccia all’uomo per Grzegorz Borys, che presumibilmente ha ucciso suo figlio di sei anni venerdì 20 ottobre. Il corpo di Olek è stato trovato a casa dalla madre e avvisato i servizi. Da allora, oltre mille agenti hanno cercato suo marito, tra cui: polizia, polizia militare e marina, in cui ha prestato servizio il 44enne. – È sospettato di omicidio particolarmente crudele, per questo viene trattato come tale: come particolarmente pericoloso – ha detto il colonnello Andrzej Nowakowski, comandante della sezione della polizia militare di Elbląg .

Il caso dell’omicidio di Olek di Gdynia è balzato in cima ai portali di notizie ed è ampiamente riportato sui social media. In primavera è successo a Kamil, otto anni, di Częstochowa, che è stato picchiato dal patrigno ed è morto in ospedale . Ma praticamente ogni storia di un bambino ucciso da un genitore suscita interesse. E solo quest’anno sono stati 28 questi bambini – calcola la Empowering Children Foundation.

Questo interesse pubblico non sorprende Jan Gołębiowski, che si occupa di criminalità da 19 anni. È uno psicologo criminale e uno dei profiler più famosi in Polonia. Ha parlato con molti assassini di bambini e ogni volta ha cercato di rispondere alla domanda sul perché commettessero crimini così estremi.

– Mi siedo di fronte a una persona che, da un lato, è simile a me, perché, ad esempio, abbiamo alcune esperienze e interessi comuni. E d’altro canto è radicalmente diverso perché ha ucciso qualcosa che io non potevo fare. È una danza di somiglianze e opposti. L’alterità dell’assassino mi attrae. All’inizio non riesco a capire come possa fare del male al bambino. Voglio capire perché si è rivolto al lato oscuro e come si presenta questo meccanismo. Non si tratta della semplice curiosità di uno spettatore che rallenta sulla strada solo per guardare dentro l’auto distrutta e vedere lì un cadavere. Le conoscenze che acquisisco in questo modo vengono successivamente utilizzate dagli investigatori e dal tribunale – spiega il coautore del libro “Natural Born Killers”.

Diversi dettagli del caso sono trapelati ai media, il che è significativo per il profiler e gli investigatori.

“Come può un assassino essere sorpreso dal fatto di aver tagliato lui stesso la gola a un bambino?”

I media ripetono che il padre di Olek potrebbe aver pianificato il delitto. Prima di scappare, ha preparato l’attrezzatura di sopravvivenza che gli avrebbe permesso di sopravvivere sul campo. Tuttavia, secondo il mio interlocutore, Boris avrebbe potuto semplicemente prelevare ciò che aveva a portata di mano dalla scena del crimine.

– Quando valutiamo se un reato è stato pianificato, controlliamo se l’autore, ad esempio, ha tentato di simulare un incidente e di procurarsi un alibi. Oppure far credere alla polizia che qualcuno sia entrato in casa sua e abbia ucciso suo figlio. Alcuni assassini pianificano il loro crimine in questo modo, mentre per altri succede e basta e li sorprende, dice Jan Gołębiowski.

– Come può un assassino essere sorpreso dal fatto che lui stesso abbia tagliato la gola a un bambino? – Sto chiedendo.

– Anche se alcune persone sviluppano un crimine per un lungo periodo, ciò avviene al di fuori della loro consapevolezza. Sopprimono e negano le emozioni difficili. Tutto si raccoglie come l’aria in un pallone e deve solo scoppiare. A volte in modo incontrollato, cioè sotto forma di un crimine di cui sono sinceramente sorpresi, spiega.

– I vicini di Boris hanno detto che era molto frustrato da tutto. Presumibilmente avrebbe urlato ai bambini che stavano giocando nel parco giochi. Suo figlio, invece, sedeva accanto a lui sulle spine, il che potrebbe indicare che suo padre aveva un carattere facile. Quindi stai dicendo che questo pallone emotivo potrebbe finalmente scoppiare e che si sia verificata una tragedia? – Sto chiedendo.

– Per ora possiamo solo fare delle ipotesi. Ma sono preziosi anche nel processo di ricostruzione del delitto. Il profiler li formula, la polizia e la procura li verificano. Un esame della scena del crimine aiuterà a determinare se il palloncino è scoppiato. Perché questo dirà molto agli investigatori se c’erano oggetti sparsi nell’appartamento di Borys, se ha rotto qualcosa o se ha fatto le valigie bene ed è scappato – afferma.

– In questo appartamento è stato trovato un cane morto. Cosa ci dice questo? – Chiedo.

– Avrebbe potuto lasciare il cane e scappare. E se lo ha ucciso, deve esserci qualcos’altro che sta succedendo. Forse questo scoppio di emozione è stato così grande che dopo l’omicidio del bambino si è in qualche modo “esteso” all’animale. O forse l’autore del reato ha prima ucciso il cane che abbaiava e poi il ragazzo ha aggredito suo padre. E questo potrebbe essere stato il meccanismo scatenante che ha portato all’omicidio di suo figlio, dice il profiler.

– Quindi in questo scenario abbiamo un’esplosione incontrollata. Qual è il prossimo? – Sto chiedendo. 

– Dopo un crimine non pianificato, gli autori spesso si suicidano, fenomeno che chiamiamo suicidio post-aggressione. Per senso di colpa e paura della responsabilità, sia penale che sociale. L’autore del reato sa che sarà stigmatizzato dai media, dalla famiglia e dagli amici. Nel caso del killer di Gdynia bisogna considerare l’ipotesi del suicidio – sottolinea.

– Perché, è scappato nella foresta – mi chiedo.

– Ma non sappiamo cosa abbia fatto lì. Finché non lo prenderanno vivo o non troveranno il suo corpo, rimarrà un punto interrogativo. Il suicidio post-aggressione non deve necessariamente avvenire immediatamente dopo il crimine. L’autore del reato può essere così eccitato che il suo primo istinto è semplicemente quello di scappare. Solo dopo qualche tempo lo stato emotivo in cui ha commesso l’omicidio si attenua. Per alcuni potrebbero volerci alcune ore, per altri potrebbero volerci giorni. Alla fine, però, si rende conto di quello che ha fatto. Si rende conto che non ha senso scappare. Si ferma e finisce con se stesso. Naturalmente potremmo avere a che fare con una persona con una forte vena psicopatica che non prende in considerazione nemmeno per un momento il suicidio. Ma sembra che sia stata trovata una lettera nell’appartamento del marinaio? – dice il profiler.

 Sì, l’indagato avrebbe scritto: “Mi dispiace per tutto, siete tutti delle bestie”  – cito.

– Si prega di prestare attenzione alla parola “scusa”, che può indicare un senso di colpa. Subito dopo si parla di “bestie”, che io leggo come uno scaricamento della colpa sull’ambiente circostante. Questa è la proiezione, un tipico meccanismo di difesa. Il ragazzo vede di aver commesso un atto bestiale, ma non vuole solo che venga riconosciuto come una bestia – spiega il profiler.

Ha ucciso i suoi figli perché interferivano con la sua vita

Nel suo lavoro Jan Gołębiowski si è occupato più volte anche di madri le cui crisi psichiche portavano all’omicidio dei propri figli. Una di loro ha ucciso il figlio di otto anni e poi si è impiccata. Un’altra ha ucciso un bambino e poi ha cercato di tagliarsi la gola. Non ha funzionato, è sopravvissuta. È stata trovata priva di sensi nell’appartamento. Nelle vicinanze giaceva il corpo di un bambino.

Anche i bambini sono vittime della guerra dei loro genitori. Loro stessi non suscitano un’aggressività così estrema che il padre o la madre vorrebbero ucciderli. Sono però ostaggi di un conflitto crescente, che a un certo punto gli adulti non riescono più a fermare. – Ad esempio, il marito annuncia che se sua moglie cerca di lasciarlo, ucciderà lei e il bambino. E poi succede. Ricordo un ragazzo appena divorziato. Poteva incontrare i bambini, ma solo in presenza di un addetto alla sorveglianza. Un giorno andarono tutti in una piscina di palline. Ad un certo punto, il ragazzo dovette andare in bagno, così suo padre lo portò lì e il curatore rimase con il secondo figlio. Il padre ha avvelenato il figlio nel bagno e poi se stesso, dice il mio interlocutore.

La maggior parte degli infanticidi, tuttavia, sono inizialmente un grande mistero. È stato il caso di uno studente il cui figlioletto è stato portato al pronto soccorso e i medici hanno avvisato la polizia. – Il padre spiegò che il bambino gli era caduto dalle mani, il che sembrava incredibile. Le lesioni erano estese e non compatibili con una caduta da un’altezza così bassa. Il bambino è morto. Quando gli agenti iniziarono a scavare, si scoprì che due anni prima in questa famiglia era morta una bambina, ancora neonata. Era tutto sospetto, ricorda.

La ricerca di Grzegorz Borys. Ci sono accuse a carico del 19enne autore della segnalazione sospetta

Durante le indagini intervenne Jan Gołębiowski. Ha incontrato il sospettato e lo ha osservato nell’ospedale psichiatrico dove lo studente è stato mandato in osservazione. Il profiler avrebbe dovuto valutare se il ragazzo fosse capace di commettere entrambi gli omicidi. E se è così, perché li ha fatti ed era sano di mente in quel momento?

Durante questi incontri Gołębiowski ha condotto interviste e test psicologici. Il sospettato ha affermato di essere stato vittima della polizia e della procura. Perché non solo soffre per la morte del figlio, ma si sente anche accusato di averla provocata. In tali situazioni, il profiler non accusa né giudica. Fa semplicemente domande con pazienza all’interlocutore: come lui e sua moglie si sono conosciuti, se avevano intenzione di diventare genitori, come si è sentito da giovane padre e quali sono i suoi progetti.

  • Ad un certo punto, l’intervistato ha detto che il ragazzo aveva alcuni problemi di salute, quindi gli ho chiesto ulteriormente: come condivideva la cura del bambino con sua moglie. Si è scoperto che il bambino si è soffocato durante l’allattamento, era ipossico ed è stato portato in ospedale. Come si è poi scoperto, non si è soffocato affatto, è stato solo il primo tentativo di liberarsi del ragazzo, dice.

Tuttavia, tali incontri raramente sono sufficienti. Perché gli indagati li trattano come colloqui di lavoro durante i quali vogliono apparire al meglio. Anche i trucchi conosciuti dai film sui profiler – ad esempio osservare le espressioni facciali e il linguaggio del corpo dell’interlocutore – non sembrano essere di grande aiuto. – In quest’ultimo caso, sostanzialmente non esistono gesti universali che dicano qualcosa sull’autore del reato. Deve essere adattato a una persona specifica. Perché ognuno ha il proprio linguaggio del corpo individuale. 

Quindi dobbiamo vedere come si comporta una persona in diverse situazioni, ed è a questo che serve l’osservazione psichiatrica. Lo guardo quando è in mensa o nella stanza con altri pazienti. Noto i gesti e li confronto con quelli che vedo quando mi parla. Non voglio entrare nei dettagli, perché nel caso di diversi assassini di bambini si è scoperto che leggevano tali dichiarazioni mentre si preparavano al crimine. Successivamente vengono preparati per gli incontri con la giustizia, spiega.

Aggiunge che durante il lavoro con lo studente ha notato una vena narcisistica nella sua personalità: si è scoperto che il ragazzo non aveva avuto il tempo di maturare e prepararsi per il ruolo di padre. Aveva piani che erano in conflitto con i suoi doveri domestici. Ha ucciso i suoi figli perché interferivano con la sua vita.

“Stereotipo della patologia meliniare”

Spesso i bambini muoiono nelle loro case, che avrebbero dovuto essere sicure per loro, ma che invece sono diventate luoghi di tortura. Lo strumento del crimine sono le mani dei loro cari, che li picchiano, li colpiscono per terra o, come nel caso di Kamil di Częstochowa, 8 anni, versano loro addosso acqua bollente, li gettano su una stufa a carbone e bruciarli con le sigarette.

Secondo Jan Gołębiowski, la maggior parte di questi crimini non si verificano nelle famiglie con i cosiddetti margine sociale. – Esiste uno stereotipo della patologia meliniare, che probabilmente ha lo scopo di calmare la nostra vigilanza. Eppure la maggior parte degli omicidi di bambini avviene in famiglie nella media o addirittura al di sopra della media. Lo dimostra anche il caso del marinaio di Gdynia, dice il profiler.

Andrzej Falkiewicz, dipendente della MOPR di Bytom, dice qualcosa di simile su tokfm.pl. Ogni giorno riceve segnalazioni di residenti della città preoccupati per la sorte dei bambini e interviene. Tuttavia, se l’urlo di un bambino proviene dall’appartamento di un avvocato o di un medico, poche persone si allarmano. I vicini presumono semplicemente che, ad esempio, il bambino stia mettendo i denti, quindi non lo denunciano. Non si aspettano che un padre “istruito e benestante” possa abusare di suo figlio. – È più facile nascondere la violenza in una famiglia del genere – sottolinea il mio interlocutore. Aggiunge che di solito questi casi vengono alla luce un giorno quando è troppo tardi, perché il bambino è morto.

e sospetti che tuo figlio possa subire un danno, agisci: chiama la polizia o i servizi sociali.

Se stai riscontrando difficoltà e stai pensando di toglierti la vita o vuoi aiutare una persona a rischio di suicidio, ricorda che puoi utilizzare i numeri di aiuto gratuiti: Centro di supporto per adulti in crisi mentale: 800-70-2222. Linea di assistenza per bambini e giovani: 116 111.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles