19.6 C
Rome
mercoledì, Maggio 29, 2024

Cambio di orario: poche persone lo vogliono, ma è ancora in vigore. L’eurodeputato spiega “da dove viene questo ‘non-dasismo’”

Cambio di orario: poche persone lo vogliono, ma è ancora in vigore. L’eurodeputato spiega “da dove viene questo ‘non-dasismo’”

Cambio di orario: Alcuni anni fa l’UE ha iniziato ad adottare misure per abolire l’obbligo di cambiare l’ora, ma la questione si è bloccata perché – come ha spiegato Andrzej Grzyb, “alcuni Stati membri non ne sono interessati”. – L’interesse, ad esempio, dei finlandesi e dei polacchi è completamente diverso da quello dei paesi mediterranei, dove il clima è leggermente diverso – ha detto l’eurodeputato PSL a TOK FM.

Nella notte tra il 28 e il 29 ottobre passeremo dall’ora legale a quella invernale – cambieremo i nostri orologi da dalle 3:00 alle 2:00. Ciò significa da un lato che dormiremo un’ora in più, dall’altro che l’intero materiale rotabile in Polonia si fermerà per un’ora.  Secondo gli esperti, cambiare l’ora due volte all’anno non solo ha un impatto negativo sulla nostra salute, ma non apporta alcun beneficio economico tangibile. Questo era il pensiero del Parlamento Europeo, che ha previsto di abolire l’obbligo di cambio dell’ora nei paesi dell’Unione Europea nel 2021. Sono passati due anni e non è stata emanata alcuna direttiva in materia.

“Abbiamo la frustrazione più grande tra i bambini”

Andrzej Grzyb, eurodeputato del Partito popolare polacco, ha spiegato a TOK FM i motivi per cui l’intera UE deve ancora presentare i propri orologi due volte l’anno. – Il Parlamento europeo è riuscito a porre fine alla questione, ma la procedura non è stata portata a termine dai ministri dei trasporti degli Stati membri. Non vi è stata alcuna posizione degli Stati membri, né alcuna dichiarazione su come e in quale parte dell’Europa dovrebbe essere utilizzata l’ora orientale e in quale dovrebbe essere utilizzata l’ora occidentale, in modo da evitare una divisione così frammentaria dell’Europa in tempi zone. Quindi la questione è ancora in sospeso  – ha spiegato l’ospite dell’edizione del fine settimana di “Radio TOK FM Morning”.

L’84% è favorevole all’abolizione dell’obbligo di cambio dell’orario. persone in Europa e il 50%. in Polonia. – Tutti lo vogliono, ma non succede nulla. Da dove viene allora questo “non-dasismo”? – si è chiesta la conduttrice Karolina Głowacka .

Come ha risposto Andrzej Grzyb, “alcuni Stati membri non sono interessati a questo”, che secondo lui dipende dalle condizioni climatiche di ciascun Paese. – Se si confronta l’interesse, ad esempio, dei finlandesi o dei polacchi, è completamente diverso rispetto a quello dei paesi del Mediterraneo, dove il clima è leggermente diverso. Ci sono anche altre motivazioni – la frustrazione e i problemi maggiori sono tra i bambini che devono essere soggetti a questo cambiamento costante e quindi a disturbi comportamentali – ha spiegato l’eurodeputata.

È ora di abolire il cambio dell’ora? “Incoraggio il governo polacco appena nominato a inserire questo aspetto all’ordine del giorno”.

Tuttavia, l’eurodeputato ha sottolineato che l’abolizione dell’obbligo di cambiare l’ora non è un processo che può essere portato avanti “da un giorno all’altro”. – Ad esempio, i voli degli aerei passeggeri sono programmati per un periodo più lungo. Ci sono anche numerose restrizioni relative alla comunicazione, ai piani e così via: ciò richiede un preavviso di almeno sei mesi. Ma credo che ciò debba essere intrapreso perché è nell’interesse dei cittadini, ha affermato.

“Bravi, polacchi!” Lukashenko soddisfatto del risultato elettorale dell’opposizione polacca

Andrzej Grzyb su TOK FM ha citato le parole di Jean-Claude Juncker, ex presidente della Commissione europea, che ha affermato che ” l’Europa dovrebbe essere grande anche nelle piccole questioni”. – E l’abolizione dell’obbligo del cambio dell’ora è, in effetti, una di queste piccole cose. Incoraggio il governo polacco appena nominato a inserire questo aspetto all’ordine del giorno, prima nel Consiglio europeo, poi nei singoli formati del Consiglio dell’Unione europea. Credo che si tratta di una questione minore, ma allo stesso tempo fastidiosa e che si può risolvere molto facilmente, senza costi particolari – ha riassunto il politico in un’intervista a TOK FM.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles