19.6 C
Rome
mercoledì, Maggio 29, 2024

Proteste filo-palestinesi a Istanbul. Erdogan accusa l’Occidente

Proteste filo-palestinesi a Istanbul. Erdogan accusa l’Occidente. Di notte, le forze israeliane sono entrate nella Striscia di Gaza controllata da Hamas.

Proteste filo-palestinesi a Istanbul. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato durante una manifestazione filo-palestinese a Istanbul che l’Occidente è responsabile delle azioni israeliane nella Striscia di Gaza. Di notte, le forze israeliane sono entrate nella Striscia di Gaza controllata da Hamas. Erdogan, parlando a centinaia di migliaia di persone riunite, ha affermato che “Israele commette crimini di guerra da 22 giorni e i leader occidentali non hanno nemmeno chiesto un cessate il fuoco”.

Erdogan ha aggiunto che “Israele non sarebbe sopravvissuto tre giorni senza il sostegno occidentale”. Ha anche avvertito che la Turchia è forte e attiva in Medio Oriente. – Eravamo in Libia, eravamo in Karabakh – ha aggiunto, riferendosi al recente conflitto, a seguito del quale l’Azerbaigian ha occupato il Nagorno-Karabakh, abitato da armeni.

“Hamas non è un’organizzazione terroristica, mentre Israele è un occupante “, ha detto Erdogan. La manifestazione ha lo scopo – secondo il presidente – di “mostrare al mondo la fratellanza tra turchi e palestinesi”. Diverse migliaia di persone si sono radunate all’aeroporto di Istanbul portando bandiere turche e palestinesi e striscioni con slogan: “Siamo tutti palestinesi” e “Fine al genocidio, lasciamo vivere i bambini”.

– Il principale colpevole del massacro di Gaza è l’Occidente; questo è il suo lavoro, ha detto Erdogan alla folla. Il politico ha accusato i leader dei paesi occidentali di “aver versato lacrime” per la morte dei civili in Ucraina e di “chiuso un occhio” sulla morte dei civili palestinesi nella Striscia di Gaza. Ha descritto la situazione come “un’atmosfera che ricorda le crociate” del cristianesimo contro l’Islam.

L’esercito e l’aeronautica israeliani bombardano la Striscia di Gaza. Si sentono esplosioni a chilometri di distanza. Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha detto che l’operazione continuerà “fino a nuovo avviso”. Il portavoce dell’esercito israeliano Daniel Hagari ha lanciato un “appello urgente” ai residenti rimasti nel nord di Gaza e nella città di Gaza affinché si spostino a sud “immediatamente”. Attualmente la città stessa è praticamente abbandonata e la maggior parte dei civili se ne è andata o è stata evacuata.

Nuove informazioni sulla ricerca per Grzegorz Borys. Polizia: È in modalità sopravvivenza

Unità di fanteria, mezzi corazzati e del genio partecipano alle operazioni contro l’organizzazione di Hamas. Un portavoce dell’esercito israeliano ha detto che i soldati sono ancora in azione e combattono un “nemico indebolito”. Nella notte l’aviazione israeliana ha effettuato gli attacchi più violenti fino ad oggi contro la Striscia di Gaza. Vi hanno preso parte circa un centinaio di aerei da combattimento. Hanno attaccato 150 obiettivi sotterranei. Si tratta di tunnel utilizzati dai terroristi di Hamas per attaccare Israele, nonché di magazzini e officine.

Secondo la parte israeliana, diversi terroristi sono rimasti uccisi negli attacchi aerei. I giornalisti della Striscia di Gaza affermano che lì regnava il caos dopo gli attacchi aerei. Nella Zona telefoni e internet non funzionano più da ieri sera. Elon Musk, la cui compagnia StarLink fornisce servizi Internet via satellite, ha proposto di sostenere gli enti di beneficenza che operano a Gaza.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles